FAST FIND : NN4131

L. 13/05/1999, n. 133

Disposizioni in materia di perequazione, razionalizzazione e federalismo fiscale.
Stralcio. In vigore dal 18.5.1999.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- L. 23/12/1999, n. 488
- L. 11/10/2000, n. 290
- L. 21/11/2000, n. 342
- Sentenza C. Cost. 22/11/2000, n. 525
- L. 23/12/2000, n. 388
- L. 18/10/2001, n. 383
- L. 04/08/2006, n. 248
- D.L. 17/10/2016, n. 189 (L. 15/12/2016, n. 229)
Scarica il pdf completo
56293 3686524
Art. 1. - (Omissis)


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56293 3686525
Art. 2. - (Modifiche alla disciplina dei redditi di impresa).

1. Il Governo è delegato ad emanare, entro "diciotto"N4 mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, uno o più decreti legislativi aventi ad oggetto la modifica delle disposizioni concernenti le imposte sui redditi applicabili alle imprese individuali e alle società di persone, in regime di contabilità ordinaria, secondo i seguenti principi e criteri direttivi:

a) tassazione separata, con aliquota allineata a quella prevista per le persone giuridiche, della parte dei redditi d'impresa soggetta al regime di cui all'articolo 5, comma 2, primo periodo, del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 466, e assoggettamento all'imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) dei residui redditi di impresa, eccedenti la predetta parte;

b) previsione, per i periodi di imposta successivi a quello in corso alla data del 1° gennaio 2000, della facoltà per il contribuente di richiedere:

1) la separazione dell'imposizione sui menzionati soggetti da quella dell'imprenditore, dei collaboratori familiari e dei soci;

2) l'assoggettamento del reddito di impresa ad imposta proporzionale, con applicazione dello stesso regime previsto per le persone giuridiche;

3) l'assoggettamento all'imposta sul reddito delle persone fisiche dei redditi corrisposti dall'impresa all'imprenditore, ai collaboratori familiari e ai soci, con applicazione del credito di imposta per l'imposta assolta dall'impresa.

2. Le disposizioni di cui al comma 1 si attuano nel limite delle residue disponibilità del fondo di cui all'articolo 1, comma 1, lettera c).

3. Gli schemi dei decreti legislativi di cui al comma 1 sono trasmessi alla Commissione parlamentare di cui all'articolo 3, comma 13, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, per l'acquisizione del parere, che viene espresso con la procedura di cui all'articolo 3, commi 14 e seguenti, della citata legge n. 662 del 1996, e successive modificazioni.

4. Entro due anni dalla data di entrata in vigore dei decreti legislativi di cui al comma 1, nel rispetto degli stessi principi e criteri direttivi, e previo parere della Commissione parlamentare di cui all'articolo 3, comma 13, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, possono es

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56293 3686526
Art. 3. - Art. 5. (Omissis)


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56293 3686527
Art. 6. - (Ulteriori disposizioni in materia di IVA).

1. - 4. (Omissis)

5. All'articolo 2 della tariffa, recante l'indicazione degli atti soggetti all'imposta di bollo, annessa al decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642 come sostituita dal decreto del Ministro delle finanze 20 agosto 1992, pubblicato nel supplemento ordinario n. 106 alla Gazzetta Ufficiale n. 196 del 21 agosto 1992, dopo la nota 2-bis è aggiunta la seguente:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56293 3686528
Art. 7. - Art. 9. (Omissis)


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56293 3686529
Art. 10. - (Disposizioni in materia di federalismo fiscale).

1. - 3. (Omissis)

4. All'art. 17, comma 6, lettera b), del D.L. 23 febbraio 1995, n. 41, convertito, con modificazioni, dalla L. 22 marzo 1995, n. 85, come modificato dall'art. 4, comma 1, lett. b-bis), del D.L. 2 ottobre 1995, n. 415, convertito, con modificazioni, dalla L. 29 novembre 1995, n. 507, le parole: «ad eccezione dei consumi di energia elettrica relativi ad imprese industriali ed alberghiere» sono soppresse.

5. All'art. 4 del D.L. 30 settembre 1989, n. 332, convertito, con modificazioni, dalla L. 27 novembre 1989, n. 384, e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modifiche:

a) il comma 1 è sostituito dal seguente:

«1. Ferme restando le addizionali di cui all'art. 6 del D.L. 28 novembre 1988, n. 511, convertito, con modificazioni, dalla L. 27 gennaio 1989, n. 20R, e successive modificazioni , per l'energia elettrica consumata dalle imprese di autoproduzione e per qualsiasi uso in locali e luoghi diversi dalle abitazioni sono dovute, per ogni kWh di consumo, le seguenti addizionali erariali:

a) lire 7 con potenza impegnata fino a 30 kW;

b) lire 10,5 con potenza impegnata oltre 30 e fino a 3000 kW;

c) lire 4,5 con potenza impegnata oltre 3000 kW.»;

b) il comma 2 &egr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56293 3686530
Art. 11. (Delega al governo per l'introduzione di incentivi con finalità ecologiche per uno sviluppo economico sostenibile e per l'occupazione)

1. Il Governo è delegato ad emanare, entro ventiquattro mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, uno o più decreti legislativi al fine della introduzione di interventi con finalità ecologiche fissandone le priorità e con l'osservanza dei seguenti principi e criteri direttivi:

a) sviluppo di attività di rilevanza strategica per il Paese quale lo sviluppo di tecniche e tecnologie pulite, la gestione ambientale nell'ambito dei

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56293 3686531
Art. 12. (Modifiche al D.L.vo 28 settembre 1998, n. 360, all'art. 31 della L. 23 dicembre 1998, n. 448, e all'art. 3, comma 143, della L. 23 dicembre 1996, n. 662)

(Omissis).

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56293 3686532
Art. 13. - Art. 17. (Omissis)


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56293 3686533
Art. 18. (Modifica ai criteri di determinazione del reddito delle unità immobiliari)

1. Il Governo è delegato ad emanare, entro "venti" N4 mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, uno o più decreti legislativi in materia di tassazione degli immobili, per razionalizzare e perequare il prelievo impositivo nonché al fine di evitare aggravi all'atto dell'applicazione dei nuovi estimi catastali, con l'osservanza dei seguenti principi e criteri direttivi:

a) assoggettamento dei redditi dei fabbricati, calcolati in conformità a quanto previsto alla lettera c), con esclusione di quelli che concorrono a formare reddito d'impresa, ad un regime di tassazione ai fini dell'imposta sul reddito delle persone fisiche con un'aliquota pari a quella fissata per il primo scaglione di reddito e, per i redditi derivanti da locazione o da altre forme di utilizzazione a titolo oneroso da parte di terzi, limitazione di tale regime alla parte che non eccede i tassi di rendimento di cui alla lettera c); modifica del vigente regime di tassazione dei redditi dei fabbricati, basato sulla loro integrale inclusione nel reddito complessivo, rimodulando la deduzione dal detto reddito, correlata al possesso dell'unità immobiliare adibita ad abitazione principale e delle sue pertinenze, e rapportata al periodo e alla quota di possesso dell'unità immobiliare stessa; facoltà del contribuente di scegliere tra i due regimi di tassazione;

b) previsione di misure agevolative, ai fini dell'imposta sul reddito delle persone fisiche, in particolare per i redditi più bassi e per l'unità immobiliare adibita ad abitazione principale, allo scopo di non aumentare l'onere fiscale gravante su di essi per effetto del nuovo regime di tassazione;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56293 3686534
Art. 19 (Istanze di fissazione dell'esecuzione e disposizioni in materia di imposta di registro)

1. Le disposizioni dell'art. 57 della L. 27 luglio 1978, n. 392 R, si applicano alle istanze di fissazione dell'esecuzione presentate dal conduttore ai sensi dell'art. 6, commi 3 e 4, della L. 9 dice

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56293 3686535
Art. 20 - (Omissis)


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56293 3686536
Art. 21 (Disposizioni per il funzionamento dell'Amministrazione finanziaria)

N8

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56293 3686537
Art. 22 - Art. 26 (Omissis)


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56293 3686538
Art. 27 (Disposizioni in favore delle popolazioni colpite da calamità pubbliche)

1. Sono deducibili dal reddito d'impresa ai fini delle relative imposte le erogazioni liberali in denaro effettuate in favore delle popolazioni colpite da eventi di calamità pubblica o da altri eventi straordinari anche se avvenuti in altri Stati, per il tramite di fondazioni, di associazioni, di comitati e di enti.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56293 3686539
Art. 28 (Disposizioni interpretative)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56293 3686540
Art. 29 (Disposizioni per la rinegoziazione dei mutui agevolati)

1. Gli enti concedenti contributi agevolati ai sensi della L. 22 ottobre 1971, n. 865 R, della L. 27 maggio 1975, n. 166 R, del D.L. 13 agosto 1975, n. 376 , convertito, con modificazioni, dalla L. 16 ottobre 1975, n. 492, della L. 5 agosto 1978, n. 457R, del D.L. 23 gennaio 1982, n. 9, convertito, co

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56293 3686541
Art. 30 - (Omissis)


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56293 3686542
Art. 31 (Autorizzazione ad accedere alle conservatorie dei pubblici registri immobiliari)

1. L'autorizzazione di cui all'art. 17, comma 8, della L. 30 dicembre 1991, n. 413

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56293 3686543
Art. 32 - Art. 36 (Omissis)


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56293 3686544
Art. 37 (Entrata in vigore)

1. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella G.U..


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Rifiuti
  • Tracciabilità
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Tracciabilità dei rifiuti (formulari trasporto, registri carico e scarico, modello unico dichiarazione ambientale - MUD)

ADEMPIMENTI VIGENTI PER LA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI (Soppressione del SISTRI dal 01/01/2019; Proseguimento regime degli adempimenti tradizionali - Tenuta registri e formulari, MUD; Adempimenti in formato digitale; Soggetti obbligati) - REGISTRI DI CARICO E SCARICO DEI RIFIUTI (Soggetti obbligati; Professioni parasanitarie ed estetisti; Tenuta e compilazione del Registro) - FORMULARIO IDENTIFICATIVO DEI RIFIUTI (Soggetti obbligati; Tenuta e compilazione del formulario; Formulario per il trasporto dei rifiuti prodotti dalle navi e i residui di carico) - MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE AMBIENTALE (Generalità; Termini e modalità per la presentazione; Modello MUD ordinario e semplificato; Tariffa; Soggetti obbligati) - REGISTRO ELETTRONICO NAZIONALE PER LA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI (Istituzione del Registro elettronico nazionale per la tracciabilità dei rifiuti ; Soggetti obbligati all'iscrizione al registro e termini; Disciplina del registro; Contributi a carico dei soggetti iscritti; Sanzioni) - SISTRI (SOPPRESSO DAL 2019) (Scopo del sistema e normativa di riferimento; Adesione obbligatoria e adesione volontaria; Sanzioni).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Sicilia: 21,4 milioni di euro ai Comuni per i centri di raccolta differenziata

Il bando mette a disposizione dei Comuni risorse per un importo pari a 21,4 milioni di euro per realizzare nuovi centri di raccolta dei rifiuti o potenziare e adeguare quelli già esistenti. I Comuni possono partecipare da soli o associandosi tra di loro e ogni progetto potrà ricevere un massimo di 800 mila euro per gli impianti da costruire ex novo e fino a 300 mila euro per gli interventi di ristrutturazione.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Rifiuti
  • Finanza pubblica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Puglia: contributi per l’ottimizzazione della gestione dei rifiuti urbani

È di 16 milioni di euro il contributo per l'avviso pubblico rivolto a tutti i Comuni pugliesi per la realizzazione di centri comunali per la raccolta di rifiuti differenziati urbani. I Comuni possono presentare una sola proposta progettuale tra le due differenti tipologie di intervento: per la realizzazione di un nuovo centro comunale di raccolta differenziata di rifiuti, con un finanziamento di 380 mila euro, oppure quello relativo all'ampliamento e/o adeguamento normativo di uno già esistente, per un importo di 230 mila euro.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Finanza pubblica

Puglia: contributi per la rimozione di rifiuti dalle aree costiere

È di 4 milioni di euro la spesa autorizzata per sostenere i Comuni nelle attività volte alla rimozione di rifiuti presenti su aree costiere. La Regione Puglia è tra le regioni italiane con maggiore sviluppo costiero (circa 900 km), oltre che una regione notoriamente ad altissima vocazione turistica. Nel bando sono stabiliti i criteri e le modalità per l’attribuzione delle risorse che prevedono il 75% delle risorse ripartito tra tutti i Comuni costieri pugliesi in modo direttamente proporzionale rispetto ai metri lineari di costa ed il restante 25% distribuito, invece, ai Comuni costieri pugliesi dove sono presenti aree naturali protette. L’importo massimo concedibile del contributo è pari a 150 mila euro.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Rifiuti
  • Finanza pubblica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Sicilia: contributi ai comuni per il compostaggio dei rifiuti organici

Aiuti ai Comuni della Regione Sicilia che realizzano le azioni previste nei piani di prevenzione e promuovono la diffusione di pratiche di compostaggio domestico e di comunità. Il bando stanzia 16 milioni di euro per la concessione di agevolazioni in favore dei Comuni, anche nelle forme associative regolarmente costituite (Ambiti di raccolta ottimali), per il sostegno alle attività di compostaggio di prossimità dei rifiuti organici. L'obiettivo è ridurre la quantità di rifiuti organici da far gestire alle ditte di raccolta e trasporto dei Comuni e da avviare a trattamento o smaltimento finale negli impianti industriali, recuperando matrici organiche dei rifiuti urbani e trasformandole in compost di qualità.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Finanza pubblica

Campania: incentivi per interventi di bonifica di materiali contenenti amianto triennio 2018-2020 - Anno 2020

  • Rifiuti
  • Albo nazionale dei gestori ambientali
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Regime transitorio responsabili tecnici imprese iscritte Albo gestori ambientali

  • Provvidenze
  • Imprese
  • Finanza pubblica
  • Protezione civile
  • Calamità
  • Calamità/Terremoti
  • Terremoto Centro Italia 2016

Esenzione Imposta di bollo istanze verso la P.A. comuni colpiti dal sisma 2016