FAST FIND : AR1409

Ultimo aggiornamento
01/01/2021

Il D.L. 91/2017 comma per comma

Analisi sintetica delle disposizioni rilevanti del settore tecnico contenute nel D.L. 20/06/2017, n. 91 (c.d. “DL Mezzogiorno” convertito con modificazioni dalla L. 03/08/2017, n. 123), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Emanuela Greco
4109288 7058336
TESTO DELL’ARTICOLO

Si riporta di seguito un’analisi schematica delle novità rilevanti del settore tecnico contenute nel D.L. 20/06/2017, n. 91 (c.d. “DL Mezzogiorno”, convertito con modificazioni dalla L. 03/08/2017, n. 123), unitamente ai riferimenti per approfondire le tematiche di maggiore rilievo.


Misura a favore dei giovani imprenditori nel Mezzogiorno, denominata “Resto al Sud”

(vedi art. 1 del D.L. 91/2017)


Si veda anche Resto al Sud - Contributi per i giovani imprenditori del Mezzogiorno

L’articolo prevede forme di incentivazione per i giovani al fine di promuovere la costituzione di nuove imprese nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

La misura, denominata “Resto al Sud”, è rivolta ai giovani di età compresa tra i 18 e i 55 anni in possesso di determinati requisiti, e consiste per il 50% in un finanziamento a fondo perduto e per il 50% in un prestito a tasso zero da rimborsare in otto anni, di cui i primi due di preammortamento. Le istanze di agevolazione possono essere presentate, fino ad esaurimento delle risorse, dai giovani destinatari della misura, che siano liberi professionisti o che si siano già costituiti o si costituiscano in forma di impresa individuale o società, quest’ultima anche in forma cooperativa, entro 60 giorni dalla data di comunicazione dell’esito positivo dell’istruttoria o entro 120 giorni, in caso di residenza all’estero.

Misure e interventi finanziari a favore dell’imprenditoria giovanile in agricoltura e di promozione delle filiere del Mezzogiorno

(vedi art. 2 del D.L. 91/2017)

Si estende la misura “Resto al Sud” alle imprese agricole, mediante una specifica destinazione di 50 milioni di Euro del Fondo per lo sviluppo e la coesione (FSC). A tal fine, si dispone la modifica dell’art. 10, comma 1, del D. Leg.vo 185/2000, aggiungendo la possibilità di concedere alle imprese localizzate nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, in alternativa ai mutui agevolati previsti dallo stesso articolo, un contributo a fondo perduto fino al 35% della spesa ammissibile, nonché mutui agevolati a tasso zero di importo non superiore al 60% della spesa ammissibile.

Banca delle terre abbandonate o incolte e misure per la valorizzazione dei beni non utilizzati (vedi art. 3 del D.L. 91/2017)

Si promuove la costituzione di nuove imprese, individuando la procedura per consentire ai comuni delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia di dare in concessione o in affitto a soggetti in età compresa tra i 18 e i 40 anni terreni e aree in stato di abbandono.

I beni individuati dai comuni delle zone interessate possono essere dati in concessione per un periodo massimo di nove anni, rinnovabile una sola volta, a soggetti di età compresa tra i 18 ed i 40 anni che presentino un progetto volto all’utilizzo ed alla valorizzazione del bene; si assicura la priorità ai progetti di riuso di immobili dismessi senza consumo di ulteriore suolo non edificato ed a quelli con elevati standard di qualità architettonica e paesaggistica.

Istituzione di zone economiche speciali ZES - Benefici fiscali e semplificazioni

(vedi artt. 4 e 5 del D.L. 91/2017)

L’articolo 4 disciplina le procedure e le condizioni per l’istituzione di Zone economiche speciali “ZES” allo scopo di creare condizioni favorevoli in termini economici, finanziari e amministrativi, che consentano lo sviluppo delle imprese già operanti e l’insediamento di nuove imprese in alcune aree determinate.

La “zona economica speciale” è definita come un’area geograficamente delimitata e chiaramente identificata, situata entro i confini dello Stato, costituita anche da aree non territorialmente adiacenti purché presentino un

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Leggi e manovre finanziarie
  • Finanza pubblica

La Legge di bilancio 2021 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella Legge di bilancio 2021 (L. 30 dicembre 2020, n. 178), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Finanza pubblica
  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Provvidenze
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Lombardia: contributi per la rimozione di coperture e altri manufatti in cemento-amianto da edifici privati - ed. 2020

I manufatti contenenti amianto (coperture ed altri manufatti, sia di amianto in matrice compatta che friabile) sono ancora molto diffusi sul territorio regionale anche presso gli edifici di proprietà privata. Per tale motivo, come previsto dall'art. 1-ter della L.R. Lombardia 17/2003, si prevede un nuovo incentivo dedicato alla rimozione ed allo smaltimento in sicurezza di tali materiali da parte dei privati cittadini. La dotazione finanziaria del bando ammonta a 1 milione di euro.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Marchi, brevetti e proprietà industriale

Promozione all'estero di marchi collettivi e di certificazione

L’agevolazione è diretta a sostenere la promozione all’estero di marchi collettivi o di certificazione volontari italiani. Le risorse stanziate ammontano a 1 milione di euro l’anno a partire dal 2019.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Agevolazioni
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Edilizia residenziale
  • Provvidenze

Finanziamenti per la rigenerazione urbana e la qualità dell'abitare

Con Decreto del Ministero delle infrastrutture e trasporti vengono stabiliti termini, contenuti e modalità di presentazione delle proposte per accedere ai finanziamenti finalizzati a riqualificare e incrementare il patrimonio destinato all'edilizia residenziale sociale, a rigenerare il tessuto socio-economico, a incrementare l'accessibilità, la sicurezza dei luoghi e la rifunzionalizzazione di spazi e immobili pubblici. Le risorse stanziate ammontano a 853,81 milioni di euro (dal 2020 al 2033).
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Edilizia scolastica
  • Amianto - Dismissione e bonifica

Lombardia: 16 milioni per rimuovere l'amianto dalle scuole

Ammonta a 16 milioni la dotazione finanziaria del bando della Regione Lombardia per gli interventi di bonifica dell'amianto e ripristino negli edifici scolastici di proprietà degli enti locali. Gli interventi finalizzati alla rimozione dell'amianto dalle scuole e relative pertinenze devono avere un valore minimo di 50.000,00 euro e un valore massimo di 3.000.000 euro. Gli interventi saranno finanziati al 100% delle spese ammesse.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Accesso al Fondo per l'aggregazione degli acquisti di beni e servizi per l'anno 2020

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale

Bando Horizon 2020 sul Green deal europeo

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali