FAST FIND : GP4119

Sent. C. Cass. pen. 17/03/1999, n. 5452

47313 47313
1. Edilizia ed urbanistica - Abusi - Sanatoria - Sospensione del procedimento penale - Presupposti - Accertamento giudice di merito - Criterio.
1. In tema di condono edilizio, l'imputato ha diritto alla sospensione del processo in quanto la domanda di condono sia relativa ad un immobile ultimato entro il 31 dicembre 1993; pertanto, il giudice del merito legittimamente prosegue nel processo allorché accerti che la domanda di condono sia strumentale o dilatoria ed inerisca ad un fabbricato non ultimo entro il termine stabilito dalla legge (art. 44 L. 28 febbraio 1985 n. 47 in relazione all'art. 39 comma 1 L. 23 dicembre 1994 n. 724).

1a. (ATED-ABUSI 2A) - Sulla sanatoria di abusi nell'attività edilizia, ved. C. Cost. ord.za 30 aprile 1999 n. 149R (La norma dell'art. 22, comma 3, della L. 28 febbraio 1985 n. 47R - che esclude la possibilità di sanatoria per reati relativi ad abusi in edilizia in materia di cemento armato e in zone sismiche - non è incostituzionale) e, sulla norma suddetta, Cass. pen. III 27 maggio 1993 n. 5362; Cass. pen. III 18 gennaio 1999 n. 83183 (Necessaria sospensione del procedimento per l'ordine di demolizione emesso ex art. 7 L. 1985 n. 47, in seguito alla domanda di sanatoria e versamento oblazione); C. Stato VI 16 ottobre 1998 n. 1306R (1. Sul limite della cubatura edilizia condonabile ai sensi dell'art. 39 L. 23 dicembre 1994 n. 274, ai fini della sanatoria; 2. Interpretazione dell'art. 39 L. 1994 n. 274 che consente il superamento del limite di 750 m3 condonabili in caso di concessione edilizia annullata; 3. Anche in caso di sanatoria permangono i diritti dei terzi per violazione di distanze; 4. Per la sanatoria non è necessario il parere della Commissione edilizia); C. Stato VI 14 ottobre 1998 n. 1395R (É illegittimo il provvedimento del Sindaco che concede, senza l'acquisizione del parere dell'Autorità competente, la sanatoria per opera eseguita in zona vincolata); Cass. pen. III 19 maggio 1998 n. 5882 (Sull'aggiunta dei giorni di sospensione - in materia di prescrizione per la sanatoria - ex art. 29 della L. 1994 n. 724, art. 38 della L. 28 febbraio 1985 n. 47 e art. 2, comma 40, della L. 23 dicembre 1996 n. 662R); Cass. 29 aprile 1998 n. 4355R (La sanatoria ex L. 1985/47 non incide sui diritti dei terzi); C. Stato IV 16 marzo 1998 n. 434R (É legittimo il diniego della sanatoria chiesta per abusi su aree demaniali); Cass. pen. III 5 marzo 1998 n. 2853 (Presupposti per la sospensione del procedimento di cui all'art. 38 della L. 1985/47); Cass. pen. III 18 febbraio 1998 n. 1936 (Diversità della sanatoria ex artt. 13 e 22 L. 1985/47 dalla definizione agevolata ex L. 1994 n. 724); C. Stato V 9 dicembre 1997 n. 1487R (Con la sanatoria non possono essere violati i diritti dei confinanti); C. Stato IV 31 ottobre 1997 n. 1246R (Sui tempi di rimborso delle maggiori somme versate per sanatoria, ex art. 35 L. 1985 n. 47); Csi 20 dicembre 1996 n. 477R (Per la sanatoria di abusi in zone sottoposte a vincolo paesaggistico è necessario il parere delle Soprintendenze); C. Stato V 13 febbraio 1997 n. 158R (Per la sanatoria di abusi ex art. 32 della L. 1985 n. 47 in zone vincolate è necessario il previo parere dell'Autorità preposta); C. Stato V 22 novembre 1996 n. 1388R (1. L'oblazione per la sanatoria può essere determinata dopo che questa viene concessa. 2. Sulla determinazione dell'oblazione per la sanatoria e sulla nozione di opera abusiva); C. Stato V 24 ottobre 1996 n. 1277R (Ai fini della sanatoria ex L. 1985 n. 47 relativa alla trasformazione di sottotetto in mansarda è necessaria l'individuazione della data di realizzazione); C. Stato V 7 maggio 1996 n. 527R (Non osta alla concessione edilizia in sanatoria il giudicato sulla decisione di annullamento della concessione stessa); C. Stato 2 dicembre 1995 n. 12459 (Sugli effetti della sanatoria ex L. 1985 n. 47); Cass. pen. III 11 novembre 1995 n. 11203 (Condizioni per l'inapplicabilità della riduzione in pristino ai fini della sanatoria); C. Stato V 3 ottobre 1995 n. 1372R (1. La sanatoria è preclusa per concessioni illegittime. Legittimità del diniego della sanatoria per opere realizzate con concessione "a titolo precario"); C. Stato VI 30 settembre 1995 n. 1030R (In tema di sanatoria, è inapplicabile l'art. 32, 1° comma, L. 1985 n. 47 per opere su area vincolata eseguite prima dell'imposizione del vincolo); C. Stato V 25 settembre 1995 n. 1346R (I vincoli di cui all'art 4, ultimo comma, della L. 28 gennaio 1977 n. 10 escludono la possibilità di sanatoria); C. Stato V 14 luglio 1995 n. 1071R e C. Stato VI 6 maggio 1995 n. 718R (Presupposto per sanatoria ex art. 31, 2° c., L. 1985 n. 47, relativa all'abusivo mutamento della destinazione d'uso di un immobile è il "completamento funzionale" dei lavori); C. Stato V 16 dicembre 1994 n. 1514R e C. Stato V 20 ottobre 1994 n. 1200R, e C. Stato V 15 gennaio 1993 n. 71R, e C. Stato V 31 ottobre 1992 n. 1144R (Presupposti per la sanatoria ex art. 31 L. 1985 n. 47, che devono sussistere al momento del rilascio e opere non sanabili); C. Stato V 6 dicembre 1994 n. 1455R [Sull'oblazione per sanatoria riguardante attività abusiva di acquacoltura (natura agricola)]; C. Stato V 4 novembre 1994 n. 1247R (Criterio di calcolo dell'oblazione per la sanatoria ex L. 1985 n. 47); C. Stato 20 ottobre 1994 n. 1198R (Significato del "completamento funzionale" dell'immobile al 1° ottobre 1993 - secondo la norma dell'art. 31 L. 1985 n. 47, che non è in contrasto con l'art. 3 Cost. - quale presupposto per la sanatoria); C. Stato IV 4 ottobre 1994 n. 1100R (Presupposti dell'effetto sospensivo della domanda di sanatoria, ex art. 44 L.. 1985 n. 47); C. Stato V 16 settembre 1994 n. 998R (Sulla prova - che può essere onere del privato o della P.A - della data in cui è stato realizzato l'abuso per il quale si chiede la sanatoria); Cass. pen. II 26 agosto 1994 n. 9229 (In tema di sanatoria di abusi edilizi, negli effetti estintivi di oblazione non rientra il reato ex art. 1 sexies L. 8 agosto 1985 n. 431); Cass. pen. III 2 luglio 1994 n. 7543, e III 15 marzo 1994 n. 3113 (L'istanza di sanatoria può sospendere il procedimento penale); Cass. pen. III 2 luglio 1994 n. 7541; e III 7 ottobre 1993 n. 1406, e III 11 giugno 1992 n 6900 (La concessione edilizia in sanatoria può, in certi casi, estinguere il reato) e, contra, Cass. pen. III 14 settembre 1993 n. 8537; Cass. pen. III 23 giugno 1994 n. 7275 (La concessione edilizia in sanatoria non estingue i reati ex art. 1 sexies L. 1985 n. 47 in materia ambientale); C. Stato V 16 settembre 1993 n. 898R (Domanda di sanatoria differita in caso di immobile soggetto a procedura esecutiva, ex art. 40, 5° e 6° comma, L. 1985 n. 47); C. Stato V 24 luglio 1993 n. 794R (Sulle opere non suscettibili di sanatoria ex art. 33 L. 1985 n. 47); C. Cost. 13 maggio 1993 n. 231 (Riguardo alla sanatoria di abusi è escluso che la disciplina regionale possa essere più favorevole di quella ex art. 13 L. 1985 n. 47); C. Stato V 4 gennaio 1993 n. 21R (Momento conclusivo del procedimento per la sanatoria, ex L. 1985 n. 47); C. Stato V 1° dicembre 1992 n. 1399R (La sanatoria - ai sensi dell'art. 12 bis L. 13 marzo 1988 n. 68 e dell'art. 43 L. 1985 n. 47 - è applicabile in presenza di provvedimento sanzionatorio non eseguito); C. Stato V 6 luglio 1992 n. 627R (Sul potere di vigilanza del Sindaco e sulla sua possibilità di intervento nel caso di completamento di opere abusive in pendenza del procedimento di sanatoria); C. Stato V 15 aprile 1992 n. 303R (Effetti della domanda di sanatoria).
(L. 28 febbraio 1985 n. 47, art. 44R; L. 23 dicembre 1994 n. 724, art. 39, 1° comma)R

Dalla redazione

  • Finanza pubblica
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Provvidenze

Lazio: 10 milioni di euro per i Comuni del litorale

Ammonta a 10 milioni di euro lo stanziamento previsto dalla Regione Lazio per la riqualificazione e la sostenibilità delle aree costiere, destinato ai 24 Comuni litoranei, che potranno partecipare singolarmente o anche in forma associata. Il contributo regionale può raggiungere un massimo del 90% del costo dei progetti presentati, con l’importo concedibile compreso tra un minimo di 500 mila euro e un massimo di 3 milioni di euro. Molti i tipi di intervento ammessi, tutti con un’impostazione generale nettamente orientata a promuovere l’innovazione e l'ecosostenibilità.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Leggi e manovre finanziarie

La Legge di bilancio 2020 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella Legge di bilancio 2020 (L. 27 dicembre 2019, n. 160), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Provvidenze
  • Edilizia residenziale
  • Energia e risparmio energetico
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Efficienza e risparmio energetico

Lombardia: 15 mln di euro per l’efficientamento energetico delle case popolari

Ammonta a 15 milioni di euro lo stanziamento previsto dalla Regione Lombardia per opere di efficientamento energetico su immobili destinati a servizi abitativi pubblici già oggetto di interventi di riqualificazione edilizia. Le opere finanziate sono mirate al raggiungimento di prestazioni energetiche ed emissive di standard più elevati. Saranno ammessi all'agevolazione progetti di importo minimo netto dei lavori di efficientamento energetico pari a € 100.000 risultante dal quadro economico allegato al progetto; opere di valore inferiore non saranno ammissibili.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Energia e risparmio energetico
  • Finanza pubblica
  • Impiantistica
  • Provvidenze
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Fonti alternative
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili

Friuli Venezia Giulia: contributi per acquisto e installazione di sistemi di accumulo di energia prodotta da impianti fotovoltaici

La Regione Friuli Venezia Giulia, al fine di promuovere l'uso razionale dell'energia e delle fonti energetiche rinnovabili, nonché il contenimento dei consumi energetici, concede contributi straordinari a fondo perduto per l'acquisto e l'installazione di sistemi di accumulo di energia elettrica prodotta da impianti fotovoltaici. Possono presentare domanda di contributo esclusivamente le persone fisiche, titolari o che saranno titolari, di un impianto fotovoltaico, per l’acquisto e l'installazione di un sistema di accumulo di energia elettrica prodotta dall'impianto fotovoltaico, a servizio dell'immobile di residenza. Il contributo massimo è pari a 3 mila euro per ogni intervento ammesso.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Agricoltura e Foreste
  • Finanza pubblica
  • Difesa suolo

Toscana: contributi per interventi di prevenzione del dissesto idrogeologico

Dalla Regione Toscana 5 milioni di euro destinati al sostegno di investimenti in azioni di prevenzione volte a ridurre le conseguenze di probabili calamità naturali, avversità atmosferiche ed eventi catastrofici. Il contributo concedibile è pari all'80% della spesa prevista a progetto per le aziende agricole e del 100% per gli enti pubblici o progetti collettivi. L’importo massimo di contributo erogabile è pari a 400 mila euro.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta

  • Norme tecniche
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali

Ecodesign display elettronici

  • Macchine e prodotti industriali
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Norme tecniche
  • Energia e risparmio energetico

Ecodesign sorgenti luminose e unità di alimentazione separate

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione