FAST FIND : AR1112

Ultimo aggiornamento
15/07/2020

Requisiti minimi di prestazione energetica e vincoli per la progettazione di edifici e impianti

RIFERIMENTI LEGISLATIVI E NORMATIVI (Leggi e decreti di riferimento; Norme tecniche per il calcolo della prestazione energetica; Strumenti di calcolo e software commerciali) - AMBITO APPLICATIVO DEI REQUISITI MINIMI DI PRESTAZIONE ENERGETICA (Tipologie edilizie soggette al rispetto dei requisiti minimi; Interventi edilizi soggetti al rispetto dei requisiti minimi; Zone climatiche; Applicazione delle prescrizioni alle varie categorie di interventi; Tabella riepilogativa interventi edilizi soggetti al rispetto dei requisiti minimi) - REQUISITI MINIMI DI PRESTAZIONE ENERGETICA (Riepilogo dei requisiti di prestazione energetica degli edifici; Prestazione energetica globale dell’edificio; Edificio di riferimento; Requisiti di prestazione energetica per gli impianti termici - Scarico dei fumi) - EDIFICI A ENERGIA QUASI ZERO (NZEB), CARATTERISTICHE E OBBLIGHI -. INTEGRAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI NEGLI EDIFICI - INTEGRAZIONE DELLE TECNOLOGIE PER LA RICARICA DEI VEICOLI ELETTRICI.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
1979152 6512919
RIFERIMENTI LEGISLATIVI E NORMATIVI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1979152 6512920
Leggi e decreti di riferimento

In tema di requisiti minimi di prestazione energetica e vincoli per la progettazione di edifici e impianti, la principale fonte normativa di riferimento è rappresentata D.M. 26/06/2015 R, “Applicazione delle metodologie di calcolo delle prestazioni energetiche e definizione delle prescrizioni e dei requisiti minimi degli edifici”.

Detto provvedimento, in attuazione dell’art. 4 del D. Leg.vo 192/2005, comma 1, definisce le prescrizioni ed i requisiti minimi di prestazione energetica degli edifici e degli impianti, nonché le modalità di applicazione della metodologia di calcolo delle prestazioni energetiche e dell’utilizzo delle fonti rinnovabili negli edifici.

Il decreto è cogente dal 01/10/2015. La sua emanazione ha posto fine al regime transitorio previsto dall’art. 11 del D. Leg.vo 19/08/2005, n. 192 (come modificato dal

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1979152 6512921
Norme tecniche per il calcolo della prestazione energetica

Per quanto riguarda il calcolo della prestazione energetica, incluso l’utilizzo delle fonti rinnovabili negli edifici, devono essere adottate le norme tecniche nazionali di seguito elencate, indicate all’Allegato 2 R al D.M. 26/06/2015, con alcuni aggiornamenti evidenziati nella tabella seguente (righe con fondo grigio) N1.

Gli aggiornamenti derivano dal fatto che in data 31/03/2016 sono state pubblicate:

- la norma UNI TS 11300-5 (Prestazioni energetiche degli edifici - Parte 5: Calcolo dell’energia primaria e della quota di energia da fonti rinnovabili);

- la norma UNI TS 11300-6 (Prestazioni energetiche degli edifici - Parte 6: Determinazione del fabbisogno di energia per ascensori, scale mobili e marciapiedi mobili);

- la revisione della norma UNI TS 11300-4 (Prestazioni energetiche degli edifici - Parte 4: Utilizzo di energie rinnovabili e di altri metodi di generazione per la climatizzazione invernale e per la produzione di acqua calda sanitaria).

Dette norme - ai fini degli adempimenti previsti dalle norme in commento - sono entrate in vigore il 29/06/2016 (90 giorni dopo la pubblicazione, come previsto all’art. 7 comma 5 del D.M. 26/06/2015 R).

Ulteriori aggiornamenti derivano dal fatto che il 07/02/2019 è stata pubblicata la UNI/TS 11300-2:2019 “Prestazioni energetiche degli edifici - Parte 2: Determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti per la climatizzazione invernale, per la produzione di acqua calda sanitaria, per la ventilazione e per l’illuminazione in edifici non residenziali”.

Nel dettaglio quindi:

- la norma UNI TS 11300-4:2016 ha sostituito la versione del maggio 2012;

- la norma UNI TS 11300-5:2016 ha sostituito la Raccomandazione CTI 14;

- la norma UNI TS 11300-6:2016 ha integrato il pacchetto di norme della serie UNI TS 11300 ai fini del calcolo della prestazione energetica di cui al D.M 26/06/2015 R;

- la norma UNI TS 11300-2:2019 ha sostituito la versione del 2014.

Inoltre, sempre in data 31/03/2016, è stata pubblicata la norma UNI 10349:2016, contenente la revisione della corrispondente norma del 1994, che è entrata anch’essa in vigore - ai fini degli adempimenti previsti dalle norme in commento - il 29/06/2016, come previsto all’art. 7 comma 5 del D.M. 26/06/2015 R).

La norma si compone di tre parti come indicato di seguito:

- UNI 10349-1:2016 (Riscaldamento e raffrescamento degli edifici - Dati climatici - Parte 1: Medie mensili per la valutazione della prestazione termo-energetica dell’edificio e metodi per ripartire l’irradianza solare nella frazione diretta e diffusa e per calcolare l’irradianza solare su di una superficie inclinata), che ha sostituito la UNI 10349:1994 e la UNI/TR 11328:2009;

- UNI/TR 10

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1979152 6512922
Strumenti di calcolo e software commerciali

Gli strumenti di calcolo e i software commerciali per l’applicazione delle metodologie di cui al comma 1 dell’art. 3 del D.M. 26/06/2015 R garantiscono che i valori degli indici di prestazione energetica, calcolati attraverso il loro utilizzo, abbiano uno scostamento massim

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1979152 6512923
AMBITO APPLICATIVO DEI REQUISITI MINIMI DI PRESTAZIONE ENERGETICA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1979152 6512924
Tipologie edilizie soggette al rispetto dei requisiti minimi
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1979152 6512925
Interventi edilizi soggetti al rispetto dei requisiti minimi
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1979152 6512926
Zone climatiche
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1979152 6512927
Applicazione delle prescrizioni alle varie categorie di interventi

Sono coinvolti dall’applicazione degli obblighi relativi alla prestazione energetica in edilizia:

A) gli interventi di nuova costruzione;

B) gli interventi assimilati a quelli di nuova costruzione, a loro volta suddivisi in:

B1) demolizione e ricostruzione;

B2) ampliamento in misura superiore al 15% del volume lordo climatizzato preesistente, o comunque superiore a 500 mq;

C) gli interventi di ristrutturazione importante, a loro volta suddivisi in:

C1) ristrut

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1979152 6512928
Tabella riepilogativa interventi edilizi soggetti al rispetto dei requisiti minimi

L’ambito applicativo delle norme su requisiti minimi di prestazione energetica, quanto agli interventi soggetti, può essere sintetizzato nelle seguenti tabelle.


Interventi coinvolti dagli obblighi relativi ai requisiti minimi di prestazione energetica


CATEGORIA

DETTAGLIO

APPLICAZIONE

A) Interventi di nuova costruzione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1979152 6512929
REQUISITI MINIMI DI PRESTAZIONE ENERGETICA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1979152 6512930
Riepilogo dei requisiti di prestazione energetica degli edifici

Rinviando per tutti i dettagli tecnici alla lettura del D.M. 26/06/2015 R, si riporta di seguito il riepilogo dei requisiti minimi di prestazione energetica richiesti per le varie tipologie di intervento (tratto dalla tabella 4 dell’Allegato 1 al R.

Si rinvia anche ai paragrafi concernenti l’integrazione delle fonti rinnovabili e delle tecnologie per la ricarica dei veicoli elettrici.


Riepilogo requisiti energetici minimi per tipologia di intervento


TIPOLOGIA DI INTERVENTO

DESCRIZIONE LIVELLI DI INTERVENTO

PRESCRIZIONI / VERIFICHE DI LEGGE

A)-B1) Edifici nuovi.

Edifici di nuova costruzione o demoliti e ricostruiti.

Rispetto di tutti i requisiti pertinenti di cui ai capitoli 2 R e 3 R dell’Allegato 1 al D.M. 26/06/2015.

B2) Ampliamenti di edifici esistenti.

Ampliamenti volumetrici di un edificio esistente se collegati a impianto tecnico esistente.


Recupero volumi esistenti precedentemente non climatizzati o cambio di destinazione d’uso (es. recupero sottotetti, depositi, magazzini) se collegati a impianto tecnico esistente.

Rispetto, per la parte ampliata e per il volume recuperato:

- di tutti i requisiti pertinenti di cui al capitolo 2 dell’Allegato 1 R al D.M. 26/06/2015;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1979152 6512931
Prestazione energetica globale dell’edificio

A seguito dell’emanazione del D.M. 26/06/2015 R il fabbisogno globale di energia primaria EP,gl, ed il relativo indice di prestazione energetica globale dell’edificio EP,gl, così come richiesto dalle Direttive 2002/91/CE e 2010/31/UE, vanno calcolati tenendo conto di tutti gli utilizzi energetici dell’edificio N4:

- riscaldamento;

- raffrescamento;

- produzione di acqua calda sanitaria;

- ventilazione;

- illuminazione;

- trasporto di persone o cose (ascensori, montacarichi, scale mobili e marciapiedi mobili).

Il tutto secondo le seguenti formule:


EP,gl=Σk(EP,k)=EP,H+EP,C

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1979152 6512932
Edificio di riferimento

Per il rispetto dei requisiti di conformità edilizia ai fini del contenimento dei consumi energetici, il D.M. 26/06/2015 R, fa ricorso al c.d. “edificio di riferimento”.

Definito come un edificio identico a quello reale oggetto dell’intervento, in termini di geometria (sagoma, volumi, superficie calpestabile, superfici degli elementi costruttivi e dei componenti), orientamento, ubicazione territoriale, destinazione d’uso e condizioni al contorno, ed avente caratteristiche termiche e parametri energetici predeterminati e dotati di impianti tecnici di riferimento, rappresenta in molti degli interventi il benchmark per la verifica del rispetto dei requisiti di conformità edilizia previsti dal decreto.

L’obiettivo è quello di avere un riferimento generale per determinare il fabbisogno di energia primar

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1979152 6512933
Requisiti di prestazione energetica per gli impianti termici - Scarico dei fumi
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1979152 6512934
EDIFICI A ENERGIA QUASI ZERO (nzeb), CARATTERISTICHE E OBBLIGHI

L’art. 4-bis del D. Leg.vo 192/2005 prevede che siano “edifici ad energia quasi zero” (c.d. “NZEB”, “Near Zero Emission Buildings”):

- a partire dal 01/01/2019, gli edifici di nuova costruzione occupati da pubbliche amministrazioni e di proprietà di queste ultime, ivi compresi gli edifici scolastici;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1979152 6512935
INTEGRAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI NEGLI EDIFICI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1979152 6512936
INTEGRAZIONE DELLE TECNOLOGIE PER LA RICARICA DEI VEICOLI ELETTRICI

Il comma 1-bis dell’art. 4 del D. Leg.vo 192/2005 - sostituito dall’art. 6 del D. Leg.vo 48/2020 - prevede obblighi concernenti l’integrazione delle tecnologie per la ricarica dei veicoli elettrici negli edifici.

Se ne riporta di seguito una tabella di riepilogo, rinviando anche a Punti di ricarica per veicoli elettrici: norme edilizie, urbanistiche e incentivi.


CASISTICA

OBBLIGHI

Edifici non residenziali di nuova costruzione o sottoposti a ristrutturazioni importanti, dotati di più di dieci posti auto

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Risparmio energetico: deroghe a distanze e altezze, bonus volumi, esenzione da oneri

NORMATIVA DI RIFERIMENTO - DEROGHE A PARAMETRI URBANISTICI E INDICI DI EDIFICABILITÀ (Disciplina successiva al D. Leg.vo 73/2020 - procedure dal 29/07/2020; Disciplina precedente al D. Leg.vo 73/2020 - Procedure fino al 28/07/2020; Deroghe alle altezze minime dei locali di abitazione) - BONUS VOLUMETRICO PER RISPETTO NORME SULLE FONTI RINNOVABILI - REGIME AGEVOLATIVO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Impiantistica

Requisiti di prestazione energetica degli impianti termici negli edifici - Scarico dei fumi

REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEGLI EDIFICI CIVILI (Premessa; Definizione di “impianto termico”; Dettaglio dei requisiti) - SCARICO A TETTO O A PARETE DEGLI IMPIANTI TERMICI NEGLI EDIFICI (Normativa di riferimento; Obbligo generalizzato di scarico oltre il tetto dei fumi dell’impianto; Casi in cui è possibile derogare all’obbligo di scarico oltre il tetto; Condizioni tecniche di ammissibilità della deroga; Tabella riepilogativa casi e condizioni tecniche per la deroga; Scarichi degli impianti e disciplina codicistica sulle immissioni) - CRITERI AMBIENTALI MINIMI (CAM) PER L’EDILIZIA PUBBLICA.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Energia e risparmio energetico
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Certificazione energetica
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Professioni

Certificazione energetica degli edifici (APE - Attestato di Prestazione Energetica)

CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI, APE E AQE (Generalità; Normativa di riferimento; Durata temporale dell’APE; Forma di rilascio dell’APE e deposito in regione; APE per singola unità immobiliare o per singolo edificio; Esclusioni) - L’APE E L’AQE NEGLI INTERVENTI EDILIZI E NEGLI EDIFICI PUBBLICI (Interventi edilizi; Edifici pubblici ed aperti al pubblico; L’APE NEI TRASFERIMENTI E NELLE LOCAZIONI IMMOBILIARI (Obbligo di produrre e mettere a disposizione l’APE; Obbligo di allegare l’APE ai contratti e clausola da inserire; Obbligo di indicare la prestazione energetica negli annunci commerciali; Riepilogo degli obblighi e degli atti/contratti cui si applicano) - SOGGETTI ABILITATI ALLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI (Premessa; Tecnici abilitati senza necessità di frequentare corsi di formazione; Tecnici abilitati tramite la frequenza di corsi di formazione; Casistica esemplificativa; Corsi di formazione; Requisiti di imparzialità e indipendenza dei certificatori energetici; MONITORAGGIO E CONTROLLI, SANZIONI (Monitoraggio e controlli, banche dati; Sanzioni per il certificatore energetico; Sanzioni per il direttore dei lavori; Sanzioni per il costruttore o il proprietario ; Sanzioni per le parti nei contratti di trasferimento o locazione) - CONTENUTI E MODALITÀ DI REDAZIONE DELL’APE (Contenuti dell’Attestato di prestazione energetica e informazioni presenti; Classi energetiche degli edifici; Procedure e metodi per determinare la prestazione energetica - Software applicativi) - PROCEDURA OPERATIVA PER COMMITTENTE E CERTIFICATORE ENERGETICO (Nomina del certificatore energetico; Informativa da parte del certificatore; Modalità di svolgimento della prestazione da parte del certificatore; Servizi del certificatore energetico: compiti, obblighi e responsabilità del professionista).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Imposte sul reddito
  • Edilizia e immobili
  • Fisco e Previdenza
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico

Punti di ricarica per veicoli elettrici: norme edilizie, urbanistiche e incentivi

PIANO PER LE INFRASTRUTTURE DI RICARICA DI VEICOLI ELETTRICI (Generalità; Approvazione e aggiornamento del Piano; Contenuti del Piano; Categorie di aree individuate dal Piano; Attuazione del Piano e finanziamenti; Definizioni; Specifiche tecniche) - ASPETTI EDILIZI E URBANISTICI DELLE COLONNINE DI RICARICA (Generalità; Obblighi ai fini del conseguimento del titolo edilizio; Documentazione da allegare alla SCIA ; Maggioranze condominiali; Norme di carattere urbanistico; Linee guida di prevenzione incendi) - DETRAZIONI FISCALI PER PUNTI DI RICARICA NON ACCESSIBILI AL PUBBLICO (Soggetti beneficiari e spese ammissibili; Pagamenti e disposizioni attuative; Possibilità di fruire della detrazione maggiorata al 110%).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Prestazione energetica di edifici e impianti

DEFINIZIONI E NORMATIVA DI RIFERIMENTO (Riepilogo delle misure per il contenimento dei consumi energetici; Principali riferimenti normativi sulla prestazione energetica degli edifici e degli impianti) - AMBITO DI APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SULLA PRESTAZIONE ENERGETICA IN EDILIZIA (Edilizia privata e edilizia pubblica; Categorie di edifici ai fini della prestazione energetica; Esclusioni; Tabella riepilogativa ambito di applicazione; Definizione degli interventi edilizi ai fini della prestazione energetica; Applicazione delle prescrizioni alle varie categorie di interventi; Zone climatiche).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico
  • Impiantistica
  • Certificazione energetica
  • Fonti alternative
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento

Cogenza parametri verifica prestazione energetica edifici (D.M. 26/06/2015) - Edifici privati

  • Fonti alternative
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Professioni
  • Impiantistica
  • Energia e risparmio energetico

Toscana, formazione installatori impianti alimentati da FER: avvio e proroga termine

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo