FAST FIND : GP13253

Sent. C. Cass. civ. 29/04/2015, n. 8724

1954438 1954438
Comunione dei diritti reali - Condominio negli edifici - Impianto di riscaldamento - Distacco dal centralizzato - Successiva installazione di valvole termostatiche - Maggiori costi per la lettura dei consumi - Sono a carico del condomino distaccato e non del condominio.

È legittima la delibera condominiale con la quale si decida di installare le valvole termostatiche per la regolazione e la razionalizzazione del funzionamento dell'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
Scarica il pdf completo
1954438 1957157
SENTENZA

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE II

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1954438 1957158
SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

1. P.G. e R.A. , proprietari di un appartamento sito nel Condominio di (omissis) impugnavano la delibera con cui in data 160698 l'assemblea di quel Condominio aveva approvato a maggioranza l'installazione di "un sistema di ripartizione del consumo del riscaldamento mediante contatori elettronici e valvole termostatiche, prevedendo altresì di "ripartire comunque secondo la tabella millesimale del riscaldamento vigente il 20% del costo di gestione annuale e il rimanente 80% secondo i consumi effettivi dati dalla lettura dei contatori".

Deducevano che tale delibera era illegittima:

a) l'installazione del contatore elettronico e della valvola termostatica, co

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1954438 1957159
MOTIVI DELLA DECISIONE

A. Vanno esaminati innanzitutto il primo, il secondo, il terzo, il quarto, il quinto, il sesto e il settimo motivo del ricorso.

1. Il primo motivo censura l'insanabile contrasto fra motivazione e dispositivo laddove la sentenza impugnata, dopo avere affermato che gli attori non avevano mai contestato il deliberato assembleare di ripartizione delle spese di riscaldamento secondo il sistema di contabilizzazione del calore, aveva poi annullato la delibera ritenendola illegittima.

Formula il seguente quesito di diritto: "Se incorra nella sanzione di nullità la sentenza del Giudice di appello nella quale il decisum contenuto nella motivazione sia in contrasto con il dispositivo, si da non consentire di stabilire quale sia il concreto comando giudiziale".

2. Il secondo motivo denuncia che, al momento della delibera impugnata, nessun condomino si era dotato dell'impianto autonomo, compresi gli attori, i quali con la citazione mai avevano lamentato la violazione concreta e attuale di un loro diritto ma avevano invocato solo quello ipotetico ove un condomino avesse voluto dotarsi di un impianto autonomo: legittimamente l'assemblea aveva deliberato la installazione dei contabilizzatori, in linea con quanto previsto in tema di risparmio energetico dalla legge n. 10 del 1991 e dal d.p.r. n. 59 del 2009, prevedendo il sistema introdotto la sostituzione del rubinetto di ingresso dell'acqua calda e del contabilizzatore sulla superficie radiante con la valvola termostatica.

Gli attori soltanto nel corso del giudizio di primo grado, con la memoria ex art. 184 cod. pro. civ., avevano mutato la causa petendi, deducendo la preesistenza dell'impianto autonomo, di cui peraltro non era stata fornita prova.

Formula il seguente quesito di diritto: "Se incorra in error procedendo ai sensi dell'art. 112 c.p.c. per vizio di ultra o extra petizione, il Giudice di appello che decida oltre i limiti della domanda introduttiva del giudizio e fondi il proprio convincimento e la conseguente decisione della causa su fatti mai dedotti dall'attore nell'atto di citazione".

3. Il terzo motivo denuncia il difetto di motivazione a proposito dell'affermazione dei Giudici di appello secondo cui sarebbe stata pacifica la preesistenza dell'impianto autonomo di riscaldamento.

4. Il quarto motivo censura la sentenza che motu proprio aveva ritenuto la preesistenza dell'impianto, ovvero prescindendo dalle allegazioni delle parti.

Formula il seguente quesito di diritto "Se incorra, nella violazione dell'art. 115 c.p.c. e del principio secondo cui il Giudice deve decidere iuxta alligata et probata, il giudice di appello che ponga a fondamento della propria decisione fatti e circostanze mai dedotte dall'attore nell'atto di citazione".

5. Il quinto motivo denuncia che la sentenza aveva fatto malgoverno delle norme che disciplinano la gestione delle parti comuni, dei vincoli e delle limitazioni cui soggiacciono i beni di proprietà esclusiva, atteso che il Condominio può intervenire anche su queste ultime quando ciò sia necessario per consentire che il servizio si svolga per garantire parità di trattamento a tutti i condomini, come appunto nella specie in cui la delibera adottata, dal Condominio per indubbio vantaggio per i condomini, incideva necessariamente sulle tubazioni e radiatori di proprietà esclusiva.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1954438 1957160
P.Q.M.

Accoglie il quinto e il settimo motivo del ricorso, dichiara inammissibili il primo, il secondo, il t

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Impiantistica
  • Energia e risparmio energetico
  • Edilizia e immobili
  • Condominio

Termoregolazione e contabilizzazione del calore nei condomini e negli edifici civili

SINTESI DEGLI OBBLIGHI (Normativa di riferimento e scadenze; Contatore di fornitura edifici serviti da teleriscaldamento o teleraffrescamento; Sotto-contatori individuali edifici serviti da sistemi centralizzati; Sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore individuali; Lettura da remoto; Suddivisione delle spese connesse al consumo di calore per il riscaldamento) - INDICAZIONI TECNICHE, APPROFONDIMENTI E MODELLI DI RELAZIONE - AGEVOLAZIONI FISCALI.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Titoli abilitativi
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Fonti alternative
  • Impiantistica

Fonti rinnovabili negli edifici nuovi e ristrutturati: obblighi e decorrenze

NORMATIVA DI RIFERIMENTO - PROGETTI COINVOLTI DAGLI OBBLIGHI - DETTAGLIO DEGLI OBBLIGHI (Percentuali di copertura dei consumi; Potenza elettrica degli impianti da installare) - DEROGHE PER GLI EDIFICI PUBBLICI ED I CENTRI STORICI (Le deroghe previste; Copertura del fabbisogno per acqua calda sanitaria; Copertura complessiva del fabbisogno per ACS, riscaldamento e raffrescamento; Potenza elettrica impianti da installare) - ULTERIORI DETTAGLI - PREMIALITÀ.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Impiantistica
  • Edilizia e immobili
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili

Classificazione, regime e procedure per la realizzazione degli interventi edilizi

A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Energia e risparmio energetico
  • Impiantistica
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Fonti alternative
  • Certificazione energetica

Requisiti minimi di prestazione energetica e vincoli per la progettazione di edifici e impianti

A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Enti locali
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Impiantistica
  • Pubblica Amministrazione

Lombardia: contributi agli enti locali per la sostituzione di caldaie inquinanti

A cura di:
  • Anna Petricca
  • Impiantistica
  • Professioni
  • Fonti alternative
  • Energia e risparmio energetico
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento

Toscana, formazione installatori impianti alimentati da FER: avvio e proroga termine

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Condominio

Contatori e contabilizzatori di calore - Obbligo di lettura da remoto

  • Provvidenze
  • Impianti sportivi
  • Norme tecniche
  • Impiantistica
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili
  • Impianti di sollevamento e a fune
  • Impianti di sollevamento e a fune

Lombardia, impianti di risalita e piste da sci: contributi per l'adeguamento e la sicurezza - Bando 2015

  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Calamità/Terremoti
  • Protezione civile
  • Norme tecniche
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Costruzioni in zone sismiche

Contributi per la ripresa delle attività economiche e produttive nei territori colpiti dal sisma a far data dal 24/08/2016