FAST FIND : GP13285

Sent. C. Stato 16/06/2015, n. 2980

1989543 1989543
Edilizia e immobili - Abuso edilizio - Sottotetto - Cambio di destinazione d'uso - Conseguenze - Sanzioni - Parametri.

Nell'ipotesi in cui a seguito dei lavori eseguiti in modo abusivo si è impressa a tutto il sottotetto una destinazione urbanistica differente da quella assentita (

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
Scarica il pdf completo
1989543 1994961
SENTENZA

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente sentenza

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1989543 1994962
FATTO

Con sentenza 30/4/2009 n. 1355, il T.A.R. Veneto ha respinto il ricorso proposto dalla Lavit. s.r.l. contro l’ordinanza 29/12/2006 n. 117/2006, con la quale il Comune di Cologna Veneta, constatato che la ricorrente aveva edificato un fabbricato di altezza superiore a quella assentita e che la demolizione della parte abusiva non era possibile, senza pregiudizio per quella conforme ai titoli edilizi rilasciati, ha applicato la sanzione pecuniaria di cui all’art. 34, comma 2, del D.P.R. 6/6/2001 n. 380, quantificando la somma dovuta in € 271.196,76.

Avverso il capo di sentenza concernente la quantificazione della sanzione ha proposto appello, la Lavit. S.r.l. chiedendone l’annullamento per i motivi qui di seguito riassunti.

1) La decisione del giudice di prime cure è erronea atteso che, ai sensi del citato art. 34, comma 2, quando l’abuso riguar

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1989543 1994963
DIRITTO

Conformemente a quanto eccepito dal comune resistente, il primo motivo di gravame va dichiarato inammissibile, stante il divieto di “nova” in appello, sancito dall’art. 104 del codice del processo amministrativo.

Ed invero, in primo grado, la ricorrente aveva lamentato, per quanto qui rileva (secondo motivo, lett. c), che “All’interno (del sottotetto) le altezze vanno da un minimo di 1,40 / 1,70 mt a livello d’imposta della falda del tetto ad un massimo nella parte centrale di mt 3,30 (all. sez. dimostrativa). La sua utilizzazione rimane come precedentemente quale accessorio (ripostigli, lavanderia e stenditoio) del resto in conformità ai progetti approvati. L’ufficio invece e in modo contradditorio, ritenendo la superficie del sottotetto utilizzabile sia pur come accessorio in forza della variante urbanistica di cui alla

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1989543 1994964
P.Q.M.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

La modulistica unica per l'edilizia e le attività produttive

Inquadramento normativo; Iter di adozione della modulistica a livello locale; Modulistica per l'edilizia; Modulistica per attività commerciali o assimilabili; Tutto quello che non può più essere richiesto a cittadini e imprese; Quadro riepilogativo regionale; Modulistica precedente.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Attività in cantiere (direzione lavori, collaudo, coordinamento sicurezza, ecc.)
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Titoli abilitativi

Il cartello di cantiere

CARTELLO DI CANTIERE, OBBLIGO E FONTI NORMATIVE (Obbligo di esporre il cartello di cantiere; Finalità dell’obbligo; Decorrenza del termine di impugnazione del titolo edilizio; Soggetti obbligati; Visibilità del cartello) - CONTENUTI DEL CARTELLO DI CANTIERE E INDICAZIONI PRATICHE (Contenuti obbligatori del cartello di cantiere; Modalità di affissione) - CONSEGUENZE DELLA VIOLAZIONE DELL’OBBLIGO - SANZIONI.
A cura di:
  • Angela Perazzolo
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Provvidenze
  • Titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica

Piemonte: 26 milioni per i costi dei titoli edilizi

Per favorire la ripartenza dell'attività edilizia a causa dell'emergenza da COVID-19, la Regione Piemonte ha stanziato per l'anno 2020 euro 26.000.000,00 in favore dei Comuni a copertura parziale o totale del contributo del costo di costruzione relativo al rilascio dei titoli abilitativi in edilizia, di cui all'articolo 16 del Testo Unico edilizia (D.P.R. 380/2001). Si tratta di contributi e fondo perduto e le relative domande dovranno essere presentate da professionisti abilitati per la presentazione di istanze edilizie, a nome e per conto di privati e imprese.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili
  • Titoli abilitativi
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Soppalco, titolo edilizio per la realizzazione

DEFINIZIONE DI SOPPALCO - QUALIFICAZIONE INTERVENTI PER LA REALIZZAZIONE DI UN SOPPALCO - REGIME EDILIZIO PER LA REALIZZAZIONE DI UN SOPPALCO (Regime successivo al D.L. 133/2014 ed al D. Leg.vo 222/2016; Regime precedente) - PARAMETRI DI VALUTAZIONE E RASSEGNA DI GIURISPRUDENZA.
A cura di:
  • Maria Francesca Mattei
  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Impiantistica
  • Titoli abilitativi
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Fonti alternative
  • Efficienza e risparmio energetico

Fonti rinnovabili negli edifici nuovi e ristrutturati: obblighi e decorrenze

NORMATIVA DI RIFERIMENTO - PROGETTI COINVOLTI DAGLI OBBLIGHI - DETTAGLIO DEGLI OBBLIGHI (Percentuali di copertura dei consumi; Potenza elettrica degli impianti da installare) - DEROGHE PER GLI EDIFICI PUBBLICI ED I CENTRI STORICI (Le deroghe previste; Copertura del fabbisogno per acqua calda sanitaria; Copertura complessiva del fabbisogno per ACS, riscaldamento e raffrescamento; Potenza elettrica impianti da installare) - ULTERIORI DETTAGLI - PREMIALITÀ.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Edilizia e immobili
  • Pianificazione del territorio
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Titoli abilitativi
  • Piano Casa
  • Standards
  • Urbanistica

Marche: obbligo di adeguamento dei regolamenti edilizi comunali al Regolamento edilizio tipo (RET)