FAST FIND : CM1324

Nasce YTONG BASE G100: il nuovo intonaco per interni a base calce-gesso

Il sistema costruttivo Ytong si arricchisce di un nuovo prodotto per la finitura delle superfici interne: l’intonaco per interni Ytong BASE G100 a base calce-gesso, ideale per rivestimenti tipo malta fine (senza cemento) o a base gesso.
Xella Italia S.r.l.

Il nuovo intonaco Ytong Base G100 di Xella, grazie alla sua esclusiva formulazione, a base di anidrite e calce, e all’elevata qualità delle materie prime completamente minerali, offre agli applicatori una eccellente velocità di lavorazione e la massima sicurezza, contribuendo a creare ambienti salubri e confortevoli, grazie alle sue elevate proprietà di traspirabilità.

Il nuovo intonaco Ytong Base G100 di Xella, grazie alla sua esclusiva formulazione, a base di anidrite e calce, e all’elevata qualità delle materie prime completamente minerali, offre agli applicatori una eccellente velocità di lavorazione e la massima sicurezza, contribuendo a creare ambienti salubri e confortevoli, grazie alle sue elevate proprietà di traspirabilità.

Il nuovo intonaco è stato studiato nei laboratori di ricerca Xella per esclusivo utilizzo in interno su murature in calcestruzzo aerato autoclavato.

Leggero e con una resa molto elevata (10 kg/m2/cm), Ytong Base G100 consente una posa rapida e sicura, poiché si applica a macchina da 1 a 6 cm con una sola passata e si caratterizza per una eccezionale rapidità di indurimento, che velocizza la realizzazione delle murature. La velocità e la semplicità di posa, senza sprechi di materiale e con tempistiche ridotte, si traduce in minori costi del ciclo finito. Inoltre Ytong Base G100 può essere rinforzato con reti d’armatura ove siano richieste maggiori proprietà di resistenza.
 

Sistema costruttivo completo di alta qualità

A completamento del sistema costruttivo Ytong, Xella propone al mercato un’ampia gamma di intonaci e malte rasanti per il rivestimento delle murature, oltre ai prodotti collanti per il fissaggio dei blocchi Ytong e dei pannelli Multipor. Tutti i prodotti in polvere della linea Xella, presentano una composizione assimilabile e coerente con i blocchi da costruzione Ytong, offrendo così una perfetta omogeneità all’intero ciclo. In tal modo si garantisce un sistema completamente compatibile e appositamente studiato per ottimizzare le eccellenti prestazioni dei materiali soprattutto in termini di traspirabilità, densità e durabilità dei rivestimenti.
Le malte e gli intonaci della gamma Xella, destinati - in base alle specifiche funzioni - all’incollaggio, alla rasatura o alla finitura del sistema Ytong, presentano un contenuto di riciclato e sottoprodotto variabile tra il 12 e il 22%, a seconda dell’articolo, in conformità a quanto previsto dal Decreto C.A.M. e secondo le indicazioni del Protocollo LEED, una percentuale che il centro di Ricerca & Sviluppo Xella mira ad elevare ulteriormente, grazie allo studio di nuove formulazioni.
Il rispetto degli specifici cicli di intonacatura e rasatura per interni ed esterni garantisce la perfetta omogeneità dell’intero involucro e permette di ottimizzare e ridurre i tempi di lavorazione in cantiere. Per questo già da diversi anni Xella ha scelto di potenziare anche la produzione italiana con l’avviamento nello stabilimento di Pontenure (PC) di una nuova linea produttiva dei materiali in polvere e premiscelati, per la produzione di malte, collanti e intonaci. Questa scelta pone le sue profonde motivazioni nella prioritaria attenzione a offrire un sistema costruttivo completo che garantisca una perfetta compatibilità dei prodotti a garanzia della qualità della costruzione finale.
Gli studi sui materiali costruttivi, infatti, sono concordi nell’affermare l’importanza dell’impiego di prodotti che presentino proprietà e caratteristiche il più possibile omogenee e complementari. Ciò garantisce un comportamento dei materiali in esercizio che si dimostra univoco e uniforme nelle prestazioni, assicurando risultati di elevata qualità per costruzioni efficienti, durature e sicure in ogni situazione.

I vantaggi di un sistema di muratura omogeneo e monostrato

Il ciclo parete interamente fornito da Xella e appositamente studiato per garantire la massima compatibilità dei materiali, assicura la realizzazione di soluzioni costruttive altamente performanti dal punto di vista energetico e della traspirabilità, omogenee nella composizione, incombustibili, efficaci in tute le applicazioni e caratterizzate da una stratigrafia semplificata che non richiede ulteriori strati di isolamento. L’impiego dei sistemi Ytong con specifici cicli di finiture Xella permette dunque di realizzare involucri edilizi perfettamente omogenei, con prestazioni, caratteristiche e composizione dei prodotti compatibili, complementari e del tutto assimilabili fra loro.



Le murature monostrato Ytong offrono numerosi vantaggi rispetto ai sistemi costruttivi tradizionali. Innanzi tutto la posa a giunto sottile, con uno spessore del giunto di soli 2 mm, insieme ai bordi verticali maschiati che facilitano l’accostamento, permettono di eliminare il ponte termico dovuto alla malta a spessore. Inoltre, le pareti realizzate con Ytong offrono elevate prestazioni coibenti senza l’aggiunta di altri materiali, a beneficio sia del comportamento statico che della velocità di posa, poiché non richiede ulteriori passaggi. Infine la proprietà traspirante dell’intero ciclo assicura il passaggio del vapore attraverso le murature senza trovare ostacoli; in tal modo il tasso di umidità negli ambienti interni si mantiene su livelli ottimali, a vantaggio della salubrità abitativa.


Xella Group
Xella Group, presente in oltre 30 Paesi con 7.000 dipendenti e quasi 100 stabilimenti produttivi, è uno dei principali fornitori di soluzioni a livello internazionale per l'industria dei materiali edili e isolanti.
In Italia Xella è presente con i Marchi Ytong, Multipor e Siporex. La società Xella Italia Srl, operativa dal 2005, ha sede commerciale e amministrativa a Grassobbio (BG) e siti produttivi ad Atella (Potenza) e a Pontenure (Piacenza), dove sono presenti due stabilimenti, uno per blocchi in calcestruzzo aerato autoclavato e uno dedicato alla produzione di malte, intonaci e rasanti.

 

 

Xella Italia S.r.l.
Via Zanica, 19/k
24050 Grassobbio (BG)
web: www.xella-italia.it

 
 

 

 

Dalla redazione

Clima, ambiente, salute. Quali misure di prevenzione e adattamento in edilizia e in urbanistica?

I cambiamenti climatici non costituiscono, ormai, solo argomento di dibattiti teorici, ma si manifestano con una evidenza le cui conseguenze, che si sommano a quelle derivate dalla crisi pandemica, producono effetti negativi sia nei confronti della salute umana sia nella gestione del territorio. Si rende quindi necessario affrontare il problema, non solo con politiche di contrasto ma anche con il ricorso a politiche di prevenzione delle conseguenze negative sulla salute umana (dovute, in particolare, alle ondate di calore) e di adattamento agli effetti sul territorio (siccità, inondazioni, incendi). L’articolo si occupa degli aspetti di prevenzione e adattamento, cercando di analiz-zare le misure che possono essere adottate in edilizia e in urbanistica.
A cura di:
  • Roberto Gallia

Le indagini documentali nella Due Diligence immobiliare

L’indagine rappresenta il “verbo” della Due Diligence immobiliare. Saper condurre un’indagine è un’attività, infatti, assolutamente basilare, che può essere esiziale se condotta superficialmente. L’indagine serve a svelare gli aspetti non immediatamente percepibili a un primo approccio con il bene immobiliare oggetto di un eventuale investimento, ma non solo, serve anche a prevedere conseguenze economiche rispetto ad alcune potenziali “scelte”. L’indagine nella Due Diligence immobiliare, e la capacità di condurla correttamente, costituiscono l’impalcato fondamentale della prestazione professionale.
A cura di:
  • Graziano Castello

Il comfort indoor, strumenti legislativi: panorama legislativo internazionale e nazionale

Già da qualche decennio si parla di IEQ (Indoor Environmental Quality) con particolare attenzione sulla salubrità dell’ambiente costruito e alla sua possibile influenza sulla sostenibilità ambientale. Tale interesse si è riversato per lo più sulla qualità dei prodotti e delle tecnologie dell’edilizia, incentrando la questione sulle prestazioni di essi e sugli effetti ambientali che essi generano.
A cura di:
  • Elvira Nicolini
  • Edilizia e immobili
  • Mutui e finanziamenti immobiliari
  • Catasto e registri immobiliari

Nuovi spazi professionali, codifica e compensi della Due diligence immobiliare

Le professioni tecniche hanno l’impellente necessità di allargare il proprio intervento competente ad altri fasi del processo produttivo del bene immobiliare, ciò per consentire di allargare notevolmente lo spazio d’azione e di evitare così, ingorghi professionali e concorrenza agguerrita; circostanza che porta inevitabilmente a far soccombere le realtà professionali più piccole, le quali significativamente non coincidono quasi mai con situazioni di minore capacità prestazionale, ma più semplicemente con minore capacità relazionale sul mercato o, peggio, economica di base. La Due Diligence Immobiliare (ovviamente insieme ad altre nuove competenze) rappresenta, rispetto a tale scenario, un’occasione unica e irripetibile per sapersi proporre come soggetto first mover in tali nuove fasi del processo.
A cura di:
  • Graziano Castello

L’economia circolare tra rifiuti e risorse

Il settore edilizio in Europa comporta il consumo del 50% di materie prime vergini e del 35% di energia, oltre alla produzione del 36% di rifiuti, cifre che testimoniano la pesante impronta ambientale del comparto. Il ricorso a procedure legate all’edilizia circolare, che consentono di trasformare gli scarti in risorse, è la strada da percorrere per restringere l’ampio margine di miglioramento. I concetti chiave da applicare in questo senso sono la prevenzione della produzione di rifiuti, ed eventualmente il loro riuso e riciclo, l’impiego di sistemi a secco per agevolare operazioni di demolizione programmata e l’allungamento della vita utile dei componenti.
A cura di:
  • Beatrice Spirandelli

Dalle Aziende

  • Edilizia e immobili
  • Edilizia residenziale
  • Edilizia scolastica
  • Impianti sportivi
  • Locali di pubblico spettacolo
  • Edifici di culto
  • Edilizia penitenziaria
  • Condominio
  • Alberghi e strutture ricettive

La palestra per arrampicata a Škofja Loka avvolta in Scandole Prefa

Nel bel mezzo dell’idillica e romantica campagna slovena vicino a Škofja Loka, vicino al paese di Pevno, gli architetti dello studio ARHITEKTURA PETERNEL hanno costruito una palestra per praticare l’arrampicata boulder, rivestita in scandole e doghe metalliche colore antracite. L’edificio singolare ed armonico, presenta un design moderno ma ispirato ai tradizionali kozolec, i fienili che sono diventati oggi simboli architettonici della Slovenia rurale.
  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Certificazione energetica

Deumidificazione della muratura nell'Accademia di Arte e Vita a Breno (BS)

Il progetto è stato veramente appropriato, ma esso, per concretizzarsi ha dovuto superare alcuni scogli, dato che l’edificio doveva essere ristrutturato, ampliato e portato a norma secondo le leggi vigenti.
  • Costruzioni
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Informatica
  • Norme tecniche

Soft.Lab presenta "Stati generali del cemento armato" in diretta streaming

A partire dal 20 settembre, ogni martedì alle 16:00, quattro webinar gratuiti con i proff. Ingg. Pecce, Nunziata, Petti e De Matteis.
  • Informatica

Decreto Costi Massimi per Ecobonus e Riqualificazioni

La soluzione Blumatica che soddisfa tutti i professionisti! Blumatica ha ideato una soluzione software per calcolare in modo puntuale le detrazioni fiscali per tutti i bonus in edilizia.
  • Informatica
  • Edilizia e immobili

SOS prezzario infrannuale per i Lavori Pubblici? Gestiscilo con SUITE MOSAICO 19.0

SUITE MOSAICO è il pacchetto multi-software per la Progettazione, Costruzione e Manutenzione Edilizia. Nell’ultima versione, la 19.0, abbiamo integrato delle funzioni ad hoc per la gestione del Decreto Aiuti 50/22 convertito in Legge 91. In particolare, le nuove funzioni permettono di adeguare i tuoi progetti e la tua contabilità ai nuovi prezzari infrannuali.
  • Informatica

Digitalizzazione di processo e innovazioni tecnologiche nelle costruzioni

Le potenzialità delle piattaforme openBIM per migliorare il lavoro del professionista nel settore delle costruzioni.
  • Costruzioni
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Norme tecniche

Il monitoraggio strutturale

La definizione del Piano di Monitoraggio.
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico
  • Fonti alternative

CHINT WCP-2 Stazione di ricarica a parete per veicoli elettrici con lettore RFID card

Compatta, dal design accattivante e dal profilo tecnologico avanzato: è CHINT WCP-2, stazione di ricarica a parete di modo 3 di nuova generazione dotata di lettore RFID card per l’abilitazione all’uso.