FAST FIND : CM1306

Lo sfondellamento dei solai in laterizio

Un’insidia che viene dall’alto (e che può essere causa di gravi danni alle persone)
INDAGINI STRUTTURALI

In presenza di anomalie costruttive, difetti progettuali e/o di carenze di manutenzione, nell’ambito dei solai in laterocemento si possono verificare dissesti che, sebbene non comportino pregiudizio per la capacità portante complessiva, risultano essere potenzialmente assai pericolosi per l’incolumità delle persone: si tratta del distacco (spesso repentino) delle cartelle inferiori dei blocchi in laterizio ovvero del cosiddetto sfondellamento del solaio

Gli orizzontamenti degli edifici (solai) hanno subito nel corso del tempo una notevole evoluzione grazie alla disponibilità di nuovi materiali e l’industrializzazione dei processi costruttivi. Una tipologia decisamente ricorrente negli edifici esistenti è quella dei solai in laterocemento, costituiti, per l’appunto, dall’associazione di calcestruzzo (armato) e da elementi in laterizio. In presenza di anomalie costruttive, difetti progettuali e/o di carenze di manutenzione, nell’ambito di questo sistema si possono verificare dissesti che, sebbene non comportino pregiudizio per la capacità portante complessiva, risultano essere potenzialmente assai pericolosi per l’incolumità delle persone: si tratta del distacco (spesso repentino) delle cartelle inferiori dei blocchi in laterizio ovvero del cosiddetto sfondellamento del solaio.


Il solaio in laterocemento, come accennato, è costituito da materiali alquanto diversi (figura 1) a cui solitamente si riconoscono compiti altrettanto differenti: le barre d’armatura e il calcestruzzo assolvono all’esigenza di sopportare i carichi mentre ai blocchi di laterizio (ci si riferisce ai cosiddetti blocchi aventi funzioni di alleggerimento, denominati anche “pignatte”) si attribuisce la funzione di rendere meno pesante la struttura del solaio stesso, assicurando nel contempo un miglior isolamento termico e acustico.
  
Da quanto sopra sembrerebbe che i blocchi siano svincolati da qualsiasi impegno statico ma, in effetti, ciò costituisce solo una comune schematizzazione di calcolo.
I blocchi, infatti, solidamente connessi ai travetti e alla soletta superiore di calcestruzzo, risultano sollecitati, indipendentemente dalla loro funzione nominale, da tutte le azioni applicate ai solai e tra queste, innanzitutto, i carichi verticali: il peso proprio, i permanenti applicati (inclusi i tramezzi) e il carico di servizio. Altre cause di sollecitazioni (meno evidenti delle precedenti) sono quelle indotte dalla deformabilità delle travi portanti, da campate affiancate di luce diversa e dall’interazione con le strutture di bordo. La Normativa distingue tra blocchi aventi funzione principale di alleggerimento e blocchi aventi funzione statica in collaborazione con gli altri elementi strutturali; nel primo caso viene ignorato il loro contributo ai fini del calcolo della resistenza del solaio che invece viene tenuto in conto nel caso di blocchi collaboranti.
Esistono, inoltre, tutta una serie di azioni, che possono sollecitare in modo imprevisto la struttura del solaio (blocchi inclusi): in estradosso, l’applicazione di carichi verticali eccedenti quelli considerati in sede di progetto; in intradosso, la sospensione, magari in più riprese, di impianti e controsoffitti o l’applicazione di intonaci cementizi particolarmente se di elevato spessore e soggetti a forte ritiro.


Ulteriori sollecitazioni non previste possono derivare da una cattiva manutenzione della costruzione: la presenza di stillicidi d’acqua e di umidità che danno luogo ad un’espansione del laterizio, come anche la corrosione dell’armatura dei travetti con le conseguenti spinte sia sul calcestruzzo circostante sia a carico dei blocchi di laterizio adiacente.
Premesso che gli edifici di una certa vetustà richiederebbero comunque un controllo dell’intradosso dei solai anche per accertare fenomeni meno gravi ma comunque pericolosi (come il distacco dell’intonaco), la sussistenza di particolari condizioni (ristrutturazioni, variazioni di destinazione d’uso, carenze di manutenzione etc) come anche il realizzarsi di azioni eccezionali (incendio), cedimenti delle fondazioni (che possono indurre distorsioni anche nei solai) e azioni sismiche (o comunque forti vibrazioni) richiedono -senza indugio- di attivare verifiche.


L’attività di verifica dei solai si articola secondo due metodologie distinte che agiscono sinergicamente. Da un lato si riconoscono, per ciascun solaio, l’esistenza di tutti quegli elementi di criticità che predispongono il fenomeno: un solaio di copertura con documentata carenza di impermeabilizzazione e isolamento termico, solo per fare un semplice esempio, ha maggiori probabilità di essere interessato dal fenomeno rispetto ad un solaio intermedio delle stesse caratteristiche.
Il fenomeno, sebbene non pregiudichi la stabilità complessiva del solaio, è parecchio pericoloso per l’incolumità delle persone perché provoca la caduta dal soffitto di diverse decine di kg di materiale (laterizio, intonaco, eventuali porzioni di controsoffitto). A causa del carattere fragile della rottura dei materiali coinvolti nel dissesto è anche particolarmente insidioso: i segnali premonitori sono talvolta minimi e, sfortunatamente simili per un occhio non esperto, a quelli di altri fenomeni privi di importanza.

Le tecnologie oggi disponibili, insieme ad un’attenta analisi delle cause predisponenti lo sfondellamento, possono fornire la risposta richiesta con modesto impegno di tempo e di denaro; nei casi in cui si accerta l’esistenza di un rischio, si possono predisporre interventi di rinforzo e/o monitoraggi per valutare l’evoluzione del fenomeno.
 

 

 

Via Guido de Ruggiero, 5 - 00142 Roma
Tel. 06.54602628 - Fax 06.54074980
info@indaginistrutturali.it
www.indaginistrutturali.it



I nostri social:

     

 

Dalla redazione

Sistemi integrati di produzione energetica da fonti rinnovabili

Il settore elettrico italiano sta progredendo molto rapidamente nell'ambito di una ampia transizione energetica legata al raggiungimento di obiettivi di sostenibilità e sicurezza. Gli elementi più significativi del nuovo modello sono le energie da fonte rinnovabile, da integrare e gestire, con il fine di migliorare l’efficientamento energetico degli edifici.
A cura di:
  • Giuseppe Piras
  • Elisa Pennacchia

Sistemi passivi per il guadagno termico solare negli edifici: caratteristiche costitutive e di funzionamento

I sistemi solari passivi sono tecnologie che, unitamente ad accorgimenti costruttivi, consentono di utilizzare l’energia solare ai fini di realizzare ottimali condizioni di comfort ambientale negli ambienti, assorbendo, distribuendo e mantenendo il calore all’interno degli edifici durante il periodo invernale.
A cura di:
  • Domenico D'Olimpio

Che cos’è la due diligence immobiliare. Verifiche e struttura

La Due diligence Immobiliare sta prepotentemente prendendo sempre più piede anche in Italia ed è considerata ormai come un’analisi indispensabile nel processo di acquisizione, valorizzazione e vendita di un immobile. Tuttavia, nonostante sia una pratica (di origine aziendale) consolidata anche nel campo degli immobili, cosa sottende in realtà il concetto di Due diligence rimane ancora nebuloso e confuso con prestazioni simili o che ne fanno parte ma non la rappresentano esaustivamente.
A cura di:
  • Graziano Castello
  • Infrastrutture e opere pubbliche

Le infrastrutture nel PNRR. Spendere «in fretta» o spendere «meglio».

Nel recente passato ci siamo dovuti chiedere se, nella realizzazione delle infrastrutture, fosse superabile l’antagonismo fra spendere «meno» e spendere «meglio», imposto da una ristrettezza di risorse finanziarie. Oggi, a fronte dell’ampia disponibilità di risorse finanziarie collegate all’attuazione del PNRR, occorre domandarsi se nel loro impiego occorra privilegiare una rapida realizzazione della spesa, ovvero si possa perseguire una stabile e duratura crescita economica e sociale, tramite scelte consapevoli e una oculata programmazione.
A cura di:
  • Roberto Gallia
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Materiali e sistemi per efficientare l'involucro opaco: la coibentazione della chiusura orizzontale superiore

Coibentare l’edificio è fondamentale per garantire il comfort e il benessere termoigrometrico al suo interno. La copertura, in particolare, è un elemento critico, origine di notevoli dispersioni di calore. La sua funzione è quella di espletare, oltre alla resistenza a carichi propri e d’esercizio, nonché alla protezione dagli agenti atmosferici e la tenuta all’acqua e all’aria, deve assolvere al controllo e la riduzione delle dispersioni energetiche nella stagione invernale alla quale sono particolarmente sensibili. La scelta di una giusta coibentazione, dipende da molti fattori connessi strettamente tra loro. Intervenire sulle coperture esistenti, quindi, è importante e richiede sempre un adeguato studio delle condizioni della struttura e dei materiali presenti.
A cura di:
  • Giuseppe Piras
  • Elisa Pennacchia

Dalle Aziende

  • Informatica
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Norme tecniche

ACR Win e Superbonus 110

Il modulo Superbonus 110 del software ACR Win consente di controllare i massimali di spesa per tutte le tipologie di interventi, con incentivi fiscali, previsti dalla norma.
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Superbonus e sistema a cappotto per la transizione ecologica dell’edilizia italiana

Cortexa presenta i 5 principali motivi per cui Superbonus 110% e Sistema a Cappotto rappresentano la più efficace soluzione per la transizione ecologica dell’edilizia italiana.
  • Informatica
  • Edilizia e immobili

SICANT: Il Software per la Sicurezza Cantieri al passo con le linee guida anti Covid-19

Digi Corp, in qualità di Software house per il settore dell’Edilizia, da sempre, fa della sicurezza cantieri una tematica fondamentale, ecco perché, con l’obiettivo di supportare i professionisti del settore AEC nella progettazione della sicurezza dei lavoratori nei cantieri, ha sviluppato il software ad hoc “SICANT”.
  • Informatica

PriMus usBIM: Il software di computo metrico e contabilità lavori n.1 in Italia si fa in tre!

PriMus usBIM è la soluzione completa per lavorare al computo metrico e alla contabilità lavori sia in modalità desktop che online.
  • Energia e risparmio energetico
  • Edilizia e immobili
  • Efficienza e risparmio energetico

Superbonus 110% con gli isolanti termoriflettenti Actis conformi ai CAM

Utilizzare i sistemi isolanti Actis per coibentare un appartamento o un edificio permette di accedere agli incentivi del Superbonus 110%. Gli isolanti termoriflettenti Actis, infatti, contengono elevate percentuali di materiale riciclato conforme ai CAM (Criteri Ambientali Minimi) e sono a loro volta riciclabili.
  • Informatica

Gestione pratiche bonus fiscali: come essere autonomi con Blumatica

Gli effetti del Superbonus 110% sono ormai sotto gli occhi di tutti: aziende, imprese, tecnici, amministrazioni di condominio sono sommersi da tantissime richieste di committenti che non vogliono perdere questa grandissima opportunità!
  • Norme tecniche
  • Alberghi e strutture ricettive
  • Agevolazioni
  • Materiali e prodotti da costruzione
  • Edilizia e immobili

Isolamento termico impermeabile ed anti-Radon in vetro cellulare

Isolare gli edifici da dispersioni termiche, infiltrazioni di umidità e gas pericolosi con un solo materiale resistente, duraturo, ecologico e sicuro. Gli isolanti GLAPOR in vetro cellulare proposti da BACCHI S.p.A. rendono possibile tutto questo, facilitando enormemente il lavoro di costruttori e progettisti.
  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Certificazione energetica
  • Efficienza e risparmio energetico

Isolamento verticale: fattibilità e limitazioni. La verità sulla ristrutturazione degli edifici

I vecchi edifici hanno spesso grossi problemi nelle cantine: pareti umide, odore sgradevole di muffa, danni all’intonaco, oggetti ammuffiti, presenza di muffa sul legno e molto altro. Uno scavo laterale eseguito esternamente al muro perimetrale della cantina e un nuovo isolamento verticale di solito non risolvono il problema dell’umidità nei muri.