FAST FIND : NN9120

Circ. Ag. Entrate 10/04/2008, n. 37/E

Credito di imposta per le PMI commerciali di vendita al dettaglio e all’ingrosso e di somministrazione di alimenti e bevande (art. 1, commi da 228 a 232 della legge n. 244/2007) - Credito di imposta per l’attività di rivendita di generi di monopolio (art. 1, commi da 233 a 237 della legge n. 244/2007).
Scarica il pdf completo
61350 368507
[Premessa]




Premessa

L’articolo 1 della legge 24 dicembre 2007, n. 244

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61350 368508
1. Soggetti beneficiari


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61350 368509
1.1 PMI COMMERCIO E SOMMINISTRAZIONE

Il comma 228 individua i soggetti beneficiari del credito di imposta nelle «piccole e medie imprese commerciali di vendita al dettaglio e all’ingrosso e quelle di somministrazione di alimenti e bevande».

L’articolo 1, comma 1 del decreto commercio individua i caratteri di dette imprese sotto il profilo dimensionale mediante rinvio «alla definizione di piccole e medie imprese ai sensi del decreto del Ministro delle attività produttive del 18 aprile 2005».

Tale decreto, recependo la raccomandazione n. 2003/361/CE della Commissione europea relativa alla definizione di microimprese, piccole e medie imprese, ha fornito, come evidenziato all’articolo 1, «le necessarie indicazioni per la determinazione della dimensione aziendale ai fini della concessione di aiuti alle attività produttive e si applica alle imprese operanti in tutti i settori produttivi».

Considerate le soglie dimensionali stabilite dall’articolo 2, comma 1 del citato decreto del 18 aprile 2005, deve quindi ritenersi bene

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61350 368510
1.2 RIVENDITORI DI GENERI DI MONOPOLIO

Il comma 233 individua i soggetti beneficiari del credito d’imposta in esame negli «esercenti attività di rivendita di generi di monopolio, operanti in base a concessione amministrativa».

L’articolo 1, comma 1,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61350 368511
1.3 ESERCIZIO DI PIÙ ATTIVITÀ OGGETTO DI AGEVOLAZIONE

L’articolo 1, comma 2, dei decreti disciplina l’ipotesi in cui un medesimo soggetto svolga entrambe le attività commerciali oggetto delle agevolazioni in esame, stabilendo la non cumulabilità delle stesse e la fruibilità dell’agevolazione dettata per l’attività che assume carattere prevalente rispetto all’altra.

In particolare, l’articolo 1, comma 2, del decreto commercio stabilisce che ai soggetti rientranti nella definizione di PMI esercenti attività commerciali di vendita al dettaglio e all’ingrosso e attività di somministrazione di alimenti e bevande (cfr. paragrafo 1.1) che svolgono «in via esclusiva o prevalente» attività di rivendita di generi di monopolio, operanti in base a concessione amministrativa, spetta il credito d’imposta istituito per quest’ultima attività.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61350 368512
2. Spese agevolabili


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61350 368513
2.1 INDIVIDUAZIONE DELLE SPESE AGEVOLABILI

I commi 228 e 233, pur con espressioni letterali non perfettamente coincidenti, hanno in comune la medesima finalità di concedere il credito di imposta per l’adozione di misure atte a prevenire il rischio di atti illeciti in danno di commercianti e rivenditori di generi di monopolio.

L’articolo 2, comma 1, dei decreti equipara le due agevolazioni sotto il profilo oggettivo e individua, con identica formulazione, quali spese agevolabili «le spese effettuate nel 2008, 2009 e 2010, per la prima installazione, nel luogo di esercizio dell’attività, di impianti e attrezzature di sicurezza, con la finalità di prevenire furti, rapine ed altri illeciti … comprese quelle sostenute per installare sistemi di pagamento con moneta elettronica».

Tra gli impianti e attrezzature di sicurezza agevolabili rientrano gli apparecchi di videosorveglianza, previsti dal comma 228, e i sistemi di pagamento con moneta elettronica, previsti dal comma 233 e dall’articolo in esame, quali i terminali per carte di credito ed EFT-POS, nonché altri impianti e attrezzature di sicurezza non specificati quali, a titolo di esempio:

— sistemi di allarme;

— inferriate, porte blindate, infissi e vetri di sicurezza;

— vetrine, armad

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61350 368514
2.2 IMPORTO MASSIMO DEL CREDITO DI IMPOSTA

Come previsto nei commi 228 e 234, il credito d’imposta è riconosciuto nella misura dell’ottanta per cento delle spese ammissibili all’agevolazione sostenute.

Tali spese vanno assunte al netto dell’IVA ammessa in detrazione.

Per i contribuenti che si avvalgono del regime dei minimi, istituito dall’articolo 1, commi da 96 a 117 della legge finanziaria 2008, le spese sono da assumersi in ogni caso al lordo dell’IVA.

Il limite massimo di fruizione dei crediti d’imposta è diversamente articolato in funzione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61350 368515
3. Aspetti comunitari

I commi 232 e 237, di analoga formulazione, regolano entrambe le agevolazioni nel più ampio contesto della normativa comunitaria sugli aiuti di Stato e ne stabiliscono la fruizione, fermi restando i rispettivi limiti richiamati nel paragrafo precedente, «esclusivamente nel rispetto dell’applicazione della regola de minimis di cui al regolamento (CE) n. 1998/2006 della Commissione, del 15 dicembre 2006, relativo all’applicazione degli articoli 87 e 88 del Trattato istitutivo della Comunità europea agli aiuti di importanza minore».

Gli aiuti che soddisfano l

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61350 368516
4. Aspetti procedurali

Gli articoli 3 (Presentazione dell’istanza) e 4 (Concessione del credito d’imposta) dei decreti regolano la procedura da seguire per avvalersi dei crediti d’imposta.

Ai sensi dell’articolo 3, i soggetti interessati all’agevolazione sono tenuti a presentare un’apposita istanza all’Agenzia delle entrate.

L’istanza deve essere presentata utilizzando il modello di istanza di attribuzione del credito d’imposta per le misure di sicurezza (modello IMS) approvato con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate del 31 marzo 2008, disponibile gratuitamente in formato elettronico sul sito internet dell’Agenzia delle entrate www.agenziaentrate.gov.it.

L’istanza può essere presentata nell’anno 2008 a partire dalle ore 10.00 del 28 aprile e per ciascuno degli anni 2009

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61350 368517
5. Utilizzo e rilevanza del credito d’imposta

I commi 229 e 234 e l’articolo 5 dei decreti prevedono che i rispettivi crediti d’imposta possono essere utilizzati solo in compensazione ai sensi dell’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241 Ra decorrere, come precisa il comma 1 dell’articolo 5, «dalla data di concessione», ossia dalla data in cui l’Agenzia delle entrate ne dà «comunicazione telematica» ai sensi dell’articolo 4,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61350 368518
6. Controlli e recupero

L’attività di controllo si concreta, in particolare, nella verifica della esistenza dei presupposti dell’agevolazione previsti dai commi da 228 a 237 e dai decreti, anche con riguardo all’ammissibilità delle spese sostenute, nella determinazione dell’esatto ammontare del credito d’imposta spettante e nel riscontro dell’effettivo ammontare del credito d’imposta utilizzato in compensazione a partire da

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Fisco e Previdenza
  • Imposte sul reddito

La cessione del credito per agevolazioni su interventi di risparmio energetico e antisismici

CESSIONE DEL CREDITO FISCALE DERIVANTE DALLE AGEVOLAZIONI - SOGGETTI CHE POSSONO USUFRUIRE DELLA CESSIONE (Credito per detrazioni su interventi di riqualificazione energetica; Credito per detrazioni su interventi condominiali di messa in sicurezza sismica) - MODALITÀ ATTUATIVE E OPERATIVE (Provvedimenti Agenzia Entrate di riferimento; Adempimenti e procedura per cedere il credito e per usufruire della cessione) - SCONTO DAI FORNITORI.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Compravendita e locazione
  • Imposte sul reddito
  • Edilizia e immobili
  • Fisco e Previdenza
  • Compravendite e locazioni immobiliari

La Cedolare secca sui contratti di locazione

PREMESSA E QUADRO NORMATIVO; NATURA, PRESUPPOSTI E AMBITO DI APPLICAZIONE (Natura della Cedolare secca; Tributi sostituiti dalla Cedolare secca; Ambito soggettivo e oggettivo di applicazione; Applicazione in relazione ad uno solo dei comproprietari/contitolari; Precisazioni sulla figura del conduttore; Unità immobiliari di proprietà condominiale; Contratti di durata inferiore a 30 giorni nell’anno; Locazione di più immobili con lo stesso contratto; Locazione di solo una o più porzioni di unità abitative; Applicazione alle pertinenze; Sublocazioni, immobili all’estero e terreni; Locazioni concluse tramite agenzie immobiliari) - ALIQUOTE DELLA CEDOLARE SECCA (Aliquota ordinaria; Aliquota ridotta) - ESERCIZIO DELL’OPZIONE ED EVENTUALE REVOCA, CONSEGUENZE (Esercizio dell’opzione per la Cedolare secca ed eventuale revoca; Comunicazione preventiva al conduttore e rinuncia agli aggiornamenti del canone; Effetti dell’opzione ed ipotesi di pluralità di locatori) - CALCOLI DI CONVENIENZA (Variabili da considerare; Esempio pratico; Calcolo del reddito ai fini di benefici fiscali in caso di Cedolare secca; Cedolare secca e applicazione di altre detrazioni e deduzioni fiscali) - CASI PARTICOLARI CHIARITI DALL’AGENZIA DELLE ENTRATE (Trasferimento di immobile locato in ipotesi di successione, donazione o cessione; Comproprietario non risultante dal contratto di locazione).
A cura di:
  • Stefano Baruzzi
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Imposte indirette
  • Fisco e Previdenza

Trattamento IVA lavori di costruzione e recupero di edifici, opere e impianti

PREMESSA - IVA AGEVOLATA SU NUOVE COSTRUZIONI, INTERVENTI DI RESTAURO E RISTRUTTURAZIONE E RELATIVE FORNITURE (IVA agevolata su nuove costruzioni di edifici, opere e impianti; IVA agevolata su interventi di restauro e ristrutturazione edilizia o urbanistica; Tipologie contrattuali ammissibili, ammissione dei subappalti; Trattamento delle prestazioni professionali; Cessioni di beni finiti agevolabili; Interventi per il superamento o l’eliminazione delle barriere architettoniche; Allacciamento a reti di teleriscaldamento; Gestione rifiuti e spurgo pozzi neri; Casi particolari e chiarimenti vari dell’Agenzia entrate) - IVA AGEVOLATA INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA SU FABBRICATI ABITATIVI (; Normativa di riferimento e condizioni generali; Quali sono i “beni significativi” e come vanno esclusi dall’IVA al 10%; Tipologie contrattuali ammissibili, esclusione dei subappalti; Prestazioni professionali (esclusione); Casi particolari e chiarimenti vari dell’Agenzia entrate; Interventi di manutenzione straordinaria su edifici di edilizia residenziale pubblica) - MODULISTICA DICHIARAZIONI PER IVA AGEVOLATA (Necessità; Facsimili di moduli per IVA agevolata in edilizia).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Imposte sul reddito
  • Agevolazioni per interventi di ristrutturazione e antisismici
  • Fisco e Previdenza
  • Norme tecniche

Sismabonus, classificazione del rischio sismico delle costruzioni e relativa attestazione

REGOLE FISCALI PER IL SISMABONUS (Differenza tra Sismabonus e Bonus ristrutturazioni; Agevolazioni applicabili dal 04/08/2013 al 31/12/2016; Agevolazioni applicabili dal 01/01/2017 al 31/12/2021; Sismabonus e interventi di demolizione e ricostruzione; Sismabonus e immobili merce delle imprese; Acquisto direttamente dall’impresa di case antisismiche; Interventi finalizzati congiuntamente alla riduzione del rischio sismico ed alla riqualificazione energetica; Cumulabilità con altre agevolazioni; Cessione del credito o sconto dai fornitori; Guida dell’Agenzia entrate sul Sismabonus) - CLASSIFICAZIONE E ATTESTAZIONE DI RISCHIO SISMICO DEGLI EDIFICI (Il decreto ministeriale con le linee guida; Professionisti abilitati ; Classificazione del rischio sismico).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Fisco e Previdenza
  • Compravendite e locazioni immobiliari

Trattamento fiscale delle convenzioni urbanistiche e degli atti conseguenti

AGEVOLAZIONI FISCALI PER EDILIZIA POPOLARE E CONVENZIONATA (Agevolazioni per edilizia economica e popolare e Piani degli insediamenti produttivi; Estensione all’edilizia convenzionata in genere ad opera della L. 10/1977; Ampliamento dell’agevolazione per l’edilizia convenzionata dal 2018; Permanenza in vigore delle agevolazioni; Approfondimenti sulle convenzioni urbanistiche) - TIPOLOGIE DI ATTI RIENTRANTI NELL’AGEVOLAZIONE E REQUISITI (Tipologie di atti in generale; Dettagli e interpretazioni nella prassi e nella giurisprudenza; Ulteriori requisiti soggettivi ed oggettivi) - ALTRE AGEVOLAZIONI SOPPRESSE DAL 01/01/2014 (Agevolazioni per trasferimenti di immobili compresi in piani urbanistici particolareggiati; Agevolazioni per trasferimenti di immobili compresi in piani di recupero).
A cura di:
  • Dino de Paolis