FAST FIND : NW3944

Ultimo aggiornamento
20/05/2020

Dispositivi di protezione individuale (DPI)

PREMESSA E NORMATIVA DI RIFERIMENTO (Normativa per la progettazione e fabbricazione dei DPI; Normativa per la scelta e l’uso dei DPI nei luoghi di lavoro) - PROGETTAZIONE, FABBRICAZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DEI DPI (Definizione dei DPI nel Reg. 425/2016; Categorie di rischio; Requisiti minimi di sicurezza dei DPI; Valutazione e dichiarazione di conformità; Vigilanza e sanzioni) - SCELTA E USO DEI DPI NEI LUOGHI DI LAVORO (Definizione nel TU Sicurezza; Dispositivi di ancoraggio nelle opere di costruzione; Requisiti minimi; Obblighi del datore di lavoro; Obblighi dei lavoratori e dei preposti; Sanzioni).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Angela Perazzolo
2702037 6370396
Premessa e normativa di riferimento

La disciplina sui dispositivi di protezione individuale (DPI) si compone di due aspetti: il primo riguarda la progettazion

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2702037 6370397
Normativa per la progettazione e fabbricazione dei DPI

I requisiti di progettazione e fabbricazione dei DPI e le procedure per la valutazione della conformità ai requisiti di sicurezza per la loro messa in commercio sono stabiliti dal Regolamento 09/

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2702037 6370398
Normativa per la scelta e l’uso dei DPI nei luoghi di lavoro

La disciplina dell’uso dei dispositivi di protezione individuale durante l’attività lavorativa è

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2702037 6370399
Progettazione, fabbricazione e commercializzazione dei DPI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2702037 6370400
Definizione dei DPI nel Reg. 425/2016

Ai sensi art. 3, Regolamento 425/2016, rientrano nel concetto di DP

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2702037 6370401
Categorie di rischio

I DPI sono suddivisi in tre categorie a seconda del rischio che gli stessi sono destinati a proteggere (allegato I, Reg. 4

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2702037 6370402
Categoria I

Appartengono alla prima categoria i DPI destinati a salvaguardare la persona dai seguenti rischi minimi:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2702037 6370403
Categoria II

Appartengono alla seconda categoria i DPI che non rientrano nelle altre due categorie.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2702037 6370404
Categoria III

Appartengono alla terza categoria i DPI destinati a salvaguardare da rischi che possono causare conseguenze molto gravi quali morte o danni irreversibili alla salute.

Rientrano in tale categoria:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2702037 6370405
Requisiti minimi di sicurezza dei DPI

I DPI possono essere messi a disposizione sul mercato solo se, laddove debitamente mantenuti in efficienza e usati ai fini a cui sono destinati, soddisfano le previsioni del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2702037 6370406
Valutazione e dichiarazione di conformità
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2702037 6370407
Procedura per la valutazione della conformità

La conformità dei DPI ai requisiti di sicurezza viene attestata mediante l’apposita procedura di valutazione prevista dall’art. 19, Regolamento 425/2016.

In particolare il fabbricante del dispositivo redige la documentazione tecnica di cui all’allegato III del Reg. 425/2016 R ed esegue o fa eseguire (tramite un organismo notificato - cfr. gli artt. da 20 a 36 del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2702037 6370408
Dichiarazione di conformità, marcatura CE e documentazione tecnica

Ove la conformità del DPI ai requisiti essenziali di salute e di sicurezza applicabili sia stata dimostrata secondo la procedura appropriata, il fabbricante redige la Dichiarazione di conformità (DC), secondo lo schema contenuto nell’allegato IX al Reg. 425/2016

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2702037 6370409
Periodo transitorio per i DPI conformi alla Direttiva 686/1989 abrogata

Il Regolamento 425/2016, nell’abrogare a decorrere dal 21/04/2018 la

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2702037 6370410
Presunzione di conformità e norme armonizzate

Un DPI si considera conforme ai requisiti essenziali di salute e di sicurezza di cui all’allegato II R, se risulta conforme alle norme armonizzate o alle parti di esse i cui riferimenti sono stati pubblicati nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea (

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2702037 6370411
Vigilanza e sanzioni
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2702037 6370412
Vigilanza del mercato

Le funzioni di autorità di vigilanza del mercato sono svolte dal Ministero dello sviluppo economico e dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali nell’ambito delle rispettive competenze, che possono avvalersi, c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2702037 6370413
Sanzioni

Per la violazione delle norme sulla progettazione e fabbricazione dei dispositivi di protezione individuali, il D. Leg.vo 475/1992 prevede, a seguito delle modifiche apportate dal D. Leg.vo 17/2019, le seguenti sanzioni.


Soggetti obbligati e violazione

Sanzione

Fonte normativa

Fabbricante che produce o mette a disposizione sul mercato DPI non conformi ai requisiti essenziali di sicurezza di cui all’allegato II, Reg. 425/2016 R, nonché l’importatore che immette sul mercato DPI non conformi ai suddetti requisiti

- Se trattasi di DPI di prima categoria, sanzione amministrativa pecuniaria da 8.000 Euro a 48.000 Euro

- Se trat

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2702037 6370414
Scelta e uso dei DPI nei luoghi di lavoro

Durante l’attività lavorativa i DPI possono essere utilizzati solo se sono conformi alle norme di cui al Regola

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2702037 6370415
Definizione nel TU Sicurezza

Per “dispositivo di protezione individuale” si intende, ai fini dell’applicazione delle disposizioni sulla sicurezza e la salute dei lavoratori, qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciarne la sicurezza o la salute durante il lavoro, nonché ogni complemento o accessorio destinato a tale scopo (

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2702037 6370416
Dispositivi di ancoraggio nelle opere di costruzione

Il Ministero del lavoro, con la Circolare 13/02/2015, n. 3, ha chiarito che devono considerarsi DPI anche i dispositivi di ancorag

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2702037 6370417
Requisiti minimi

Ai sensi dell’art. 76, comma 1, D. Leg.vo 81/2008 i DPI devono soddisfare i requisiti essenziali di salute e di sicurezza di cui all’allegato II del Reg. 425/2016

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2702037 6370418
Obblighi del datore di lavoro

Il datore di lavoro deve fornire ai lavoratori i necessari e idonei dispositivi di protezione individuale conformi ai requ

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2702037 6370419
Valutazione dei rischi e scelta dei DPI

Ai fini della scelta dei DPI da fornire, il datore di lavoro:

a) effettua l’analisi e la valutazione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2702037 6370420
Condizioni per l’uso di un determinato DPI

Il datore di lavoro, anche sulla base delle norme d’uso fornite dal fabbricante, individua le condizioni in cui un DPI deve essere usato, specie per quanto riguarda la durata dell’uso, in funzione di:

a) entità del rischi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2702037 6370421
Manutenzione dei DPI

Il datore di lavoro deve mantenere in efficienza i DPI e assicurare le condizioni d’igiene, mediante la manutenzione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2702037 6370422
Riconsegna e deposito dei DPI

Il datore di lavoro stabilisce le procedure aziendali da seguire, al termine dell’utilizzo, per la riconsegna e il d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2702037 6370423
Informazione e formazione dei lavoratori

Per quanto riguarda le informazioni e la formazione dei lavoratori è previsto che il datore di lavoro deve:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2702037 6370424
Obblighi dei lavoratori e dei preposti

I lavoratori devono (art. 78, D. Leg.vo 81/2008):

- sottoporsi, quando necessario, al programma di formazione e addestramento organizzato dal datore di lavoro circa l’uso corretto e l’utilizzo pratico dei DPI;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2702037 6370425
Sanzioni

Per la violazione delle norme sui dispositivi di protezione individuale nei luoghi di lavoro, il D. Leg.vo 81/2008 prevede le seguenti sanzioni.


Violazione

Sanzione

Fonte normativa

Violazione dell’obbligo di richiedere l'osservanza da parte dei singoli lavoratori delle disposizioni in materia di uso dei DPI messi a loro disposizione

Arresto da due a quattro mesi o ammenda da 1.340,19 a 5.807,48 Euro

Vedi artt. 18 e 55, D. Leg.vo 81/2008

Violazione dell’obbligo di fornire ai lavoratori i necessari e idonei DPI, sentito il responsabile del servizio di prevenzione e protezione e il medico competente, ove presente

Arresto da due a quattro mesi o c ammenda da 1.675,24 a 6.700,94 Euro

Vedi artt. 18 e 55, D. Leg.vo 81/2008

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Sicurezza
  • Impianti tecnici e tecnologici

La sicurezza nei lavori sotto tensione

I lavori sotto tensione nel Testo unico della sicurezza; Il decreto ministeriale attuativo 04/02/2011; Esecuzione di lavori sotto tensione (autorizzazione alle aziende, abilitazione ai lavoratori a seguito di formazione, autorizzazione all’esecuzione dei corsi, attrezzature e DPI, autorizzazioni conseguite in vigenza delle norme pregresse).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Sicurezza
  • Uffici e luoghi di lavoro

Protezione dei lavoratori da sostanze pericolose (agenti chimici, cancerogeni e amianto)

AGENTI CHIMICI (Normativa di riferimento; Valori limite di esposizione professionale (VLEP); Obblighi del datore di lavoro nel D. Leg.vo 81/2008) - AGENTI CANCEROGENI O MUTAGENI (Normativa di riferimento; Modifiche alla Direttiva 2004/37/CE non ancora recepite; Valori limite di esposizione; Obblighi del datore di lavoro nel D. Leg.vo 81/2008) - AMIANTO (Premessa e normativa di riferimento; Valori limite di esposizione; Obblighi del datore di lavoro e valutazione del rischio) - SANZIONI.
A cura di:
  • Angela Perazzolo
  • Sicurezza

Attrezzature di lavoro: requisiti, obblighi, verifiche, abilitazioni all’utilizzo

LE NORME DEL T.U. SICUREZZA SULLE ATTREZZATURE DI LAVORO (Definizioni; Requisiti di sicurezza; Obblighi del datore di lavoro; Obblighi dei venditori, dei noleggiatori e dei concedenti in uso) - VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO (Definizioni del D.M. 11/04/2011; Attrezzature oggetto di verifica, modalità tecniche e procedurali; Procedure per l’inoltro delle richieste di verifica da parte dei datori di lavoro; Banca dati delle attrezzature di lavoro presso l’INAIL; Prima verifica periodica; Successive verifiche periodiche; Data di effettuazione delle richieste di verifica; Adempimenti in capo ai datori di lavoro per lo svolgimento delle verifiche; Abilitazione ad effettuare le verifiche; Elenchi dei soggetti abilitati, Tariffe applicabili; Norme che restano in vigore e rapporti con la legislazione regionale) - ATTREZZATURE DI LAVORO CHE RICHIEDONO SPECIFICA ABILITAZIONE E FORMAZIONE DEGLI OPERATORI (Macchine agricole).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Uffici e luoghi di lavoro
  • Agenti fisici
  • Sicurezza

Protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a campi elettromagnetici

PREMESSA E NORMATIVA DI RIFERIMENTO - AMBITO DI APPLICAZIONE - MISURE DI PREVENZIONE GENERALI (Dimostrazione del rispetto dei valori limite; Superamento dei valori limite) - VALORI LIMITE (Grandezze; Effetti non termici; Effetti termici; Deroghe ai valori limite; Deroghe ministeriali) - VALUTAZIONE DEI RISCHI E VERIFICA DEL SUPERAMENTO DEI VALORI LIMITE (Precisazione delle misure adottate; Luoghi accessibili al pubblico già oggetto di valutazione; Accesso al documento elaborato da datori di lavoro privati; Accesso al documento elaborato da datori di lavoro pubblici; Aggiornamento della valutazione dei rischi) - INFORMAZIONE E FORMAZIONE DEI LAVORATORI - MISURE SPECIFICHE ALLA LUCE DEGLI ESITI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI (Superamento dei VA; Superamento dei VLE; Misure specifiche in caso di superamento di VLE relativi agli effetti sanitari; Personalizzazione delle misure di sicurezza; Segnaletica) - SORVEGLIANZA SANITARIA (Lavoratori che segnalano effetti indesiderati; Superamento dei VLE) - SANZIONI (Sanzioni a carico del datore di lavoro; Sanzioni a carico del datore di lavoro e/o del dirigente; Sanzioni a carico del medico competente) - RAPPORTO CON LA DISCIPLINA SUGLI AGENTI FISICI.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Studio Groenlandia
  • Formazione
  • Sicurezza

La formazione di RSPP e ASPP dopo l’Accordo Stato Regioni 07/07/2016

PREMESSA - INDICAZIONI GENERALI SULLA FORMAZIONE DI RSPP E ASPP (Titoli di studio validi ai fini dell’esonero dalla frequenza ai corsi; Individuazione dei soggetti formatori; Formazione e-learning; Requisiti dei docenti; Organizzazione dei corsi) ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO (Durata; Contenuti - Modulo A; Contenuti - Modulo B; Contenuti - Modulo C) - VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI (Modulo A; Modulo B; Modulo C; Verbali di esame) - RICONOSCIMENTO FORMAZIONE PREGRESSA (EX ACC. CONF. STATO-REGIONI 26/01/2006, N. 2407) RISPETTO AL NUOVO MODULO B - AGGIORNAMENTO (Modalità di aggiornamento; Tematiche delle ore di aggiornamento; Numero dei partecipanti ai corsi di aggiornamento; Valenza della formazione anche per coordinatori e formatori, e viceversa; Decorrenza dell’aggiornamento; Mantenimento dell’abilitazione) - ATTESTAZIONI - DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI.
A cura di:
  • Stefano Bergagnin