FAST FIND : NN14343

L.G. Min. Interno 19/01/2016

Terze linee guida per la determinazione dell'importo dei compensi da liquidare ai commissari nominati dal Prefetto, ai sensi dell'art. 32, commi 1 e 10 del decreto-legge n. 90/2014, nell'ambito della prevenzione anticorruzione e antimafia.
Scarica il pdf completo
2477686 2670237
Oggetto e finalità delle linee guida

Il presente atto di indirizzo, adottato in base al protocollo d’intesa stipulato il 15 luglio 2014 dal Ministro dell’interno e dal Presidente dell’ANAC, reca indi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2477686 2670238
1. Il quadro normativo di riferimento

Com’è noto, l’art. 32, comma 6, del decreto-legge n. 90/2014 stabilisce che con il decreto di nomina il Prefetto determina il compenso dei commissari “sulla base delle tabelle allegate al decreto di cui all’art. 8 del decreto legislativo 4 febbraio 2010, n. 14 R” ponendo gli oneri relativi al pagamento a carico dell’impresa commissariata.

Tale disposizione, mirata ad orientare l’attività di determinazione dell’importo da riconoscere ai commissari nominati dal Prefetto, tuttavia non ha trovato applicazione fino ad oggi a causa della mancata definizione della disciplina relativa all’istituzione dell’Albo degli amministratori giudiziari.

Come si ricorderà, il primo pacchetto sicurezza (legge n. 94/2009) aveva conferito al Governo la delega per l’istituzione di tale Albo. In attuazione della delega, con il decreto legislativo 4 febbraio 2010, n. 14 sono state dettate le norme concernenti i requisiti per ottenere l’iscrizione nell’Albo e si è rinviato a due successivi regolamenti la determinazi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2477686 2670239
2. I compensi degli Amministratori giudiziari

L’art. 8 del decreto legislativo n. 14/2010 R, nel demandare a un decreto del Presidente della Repubblica la regolamentazione delle modalità di calcolo e di liquidazione dei compensi degli Amministratori giudiziari dei beni sottoposti a sequestro, ha dettato i principi cardine ai quali la disciplina secondaria avrebbe dovuto attenersi. Tra essi:

a) la previsione di tabelle differenzi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2477686 2670240
3. I compensi dei Commissari nominati ai sensi dell’art. 32: il valore residuo del contratto da completare quale criterio cardine

Il parametro di riferimento individuato dal suddetto Regolamento per il calcolo del compenso spettante agli Amministratori giudiziari è costituito dal valore del complesso aziendale e dal valore dei beni oggetto dell’incarico.

Si tratta, evidentemente, di parametri che non possono essere trasposti automaticamente nel caso del “commissariamento dell’impresa” in quanto, in questa seconda fattispecie, viene in rilievo solo un “frammento” dell’attività dell’impresa e non la sua totalità come, invece, avviene nell’amministrazione delle aziende e dei beni sequestrati, ovvero nella curatela fallimentare.

Alla stregua di quanto sopra, si è convenuto, nell’ambito del cennato Gruppo di lavoro, di considerare quale parametro oggettivamente valutabile, a cui poter fare riferimento ai fini della quantificazione della remunerazione annua del Commissario, il valore residuo del contratto da completare.

La durata limitata che è generalmente insita negli incarichi in argomento — i quali, come recita la norma, sono preordinati a consentire la completa esecuzione di un contratto già in corso — induce ragionevolmente a rapportare il calcolo del compenso dei Commissari nominati dal Prefetto a un arco temporale annuale, anziché alla durata complessiva dell’incarico, come previsto, invece, seppur non espressamente, per gli Amministratori Giudiziari.

Al riguardo, non pare superfluo sottolineare come tale impostazione sia in linea con il quadro normativo di riferimento che, in primis, non fissa un parametro temporale per la determinazione dei compensi e, in secundis, non impone di adottare, anche per i Commissari, i criteri di calcolo dei compensi dettati dal cennato decreto del Presidente della Repubblica per gli Amministratori.

Come si è già avuto modo di notare, infatti, l’art. 32, comma 6, del decreto-legge n. 90/2014 si limita a fornire un’indicazione di massima per la determinazione del compenso dei Commissari stabilendo che con il decreto di nomina il Prefetto determina tale compenso “sulla base delle tabelle allegate al decreto di cui all’art. 8 del decreto legislativo 4 febbraio 2010, n. 14”.

Sotto altro profilo si evidenzia che il riferimento al parametro temporale annuale consente di predeterminare in maniera oggettiva il valore di riferimento sul quale, attraverso l’applicazione di appositi scaglioni, calcolare l’importo del “compenso base annuo” del Commissario.

Come si è detto, il citato parametro è tecnicamente incomparabile con quelli individuati per la determinazione dell’onorario dell’Amministratore giudiziario.

Ciò ha reso necessario formare una differente griglia di scaglioni atta, in linea con il disegno ispiratore del Regolamento sui compensi degli Amministratori Giudiziari, a consentire di perseguire l’obiettivo di una corretta, proporzionata ed omogenea quantificazione delle remunerazioni degli amministratori nominati dal Prefetto, avendo riguardo al contesto particolarmente difficile e delicato - quale può essere quello di un’impresa interessata al suo interno da fenomeni corruttivi o da tentativi di infiltrazione o condizionamento mafioso - in cui gli stessi sono chiamati ad operare.

È stata, così, elaborata la seguente tabella suddivisa in tre colonne:

- la prima colonna indica gli scaglioni di riferimento in relazione al valore residuo del contratto o della concessione. Come si potrà notare, sono stati individuati 11 scaglioni da un minimo di 500.000 euro a un massimo di oltre 100.000.000 di euro;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2477686 2670241
4. Determinazione del compenso negli incarichi collegiali

Come noto, l’art. 32 del decreto-legge n. 90/2014 stabilisce che il Prefetto può nominare da uno a tre Commissari.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2477686 2670242
5. Determinazione dei compensi nel caso di incarico esteso a più contratti o concessioni della stessa impresa

Si verifica con una certa frequenza che i contratti che l’impresa ha in essere con la Pubblica Amministrazione e che, quindi, sono suscettibili di rientrare nel mandato del medesimo Commissario, vengono rilevati solo in un secondo momento e dopo la nomina del Commissario.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2477686 2670243
6. Le concessioni pluriennali e la determinazione del valore da assumere quale criterio cardine

Nel caso in cui l’incarico di commissariamento abbia ad oggetto la prosecuzione di una prestazione dedotta in una concessione pluriennale, il fattore temporale da assumere quale parametr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2477686 2670244
7. Determinazione dei compensi degli esperti

Com’è noto, nelle ipotesi di una minore compromissione che abbia ad oggetto figure apicali ma diverse dagli organi di amministrazione in senso tecnico, il Presidente dell’ANAC, d’intesa con il Prefetto, può reputare sufficiente l’inserimento nell’impresa di un “presidio”, composto di esperti in numero non superiore a tre, allo scopo di ricondurne la gestione su binari di legalità e trasparenza (art. 32, comma 8, decreto-legge n. 90/2014, c.d. tutorship).

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2477686 2670245
8. Soglia massima

In relazione alla necessità di evitare una quantificazione delle remunerazioni dei Commissari e degli esperti non coerente con

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2477686 2670246
9. Rimborso delle spese e nomina dei coadiutori

All’importo del compenso, quantificato secondo le indicazioni sopra riportate per le diverse tipologie di incarichi, andrà sommato il rimborso forfettario delle spese generali da determinarsi, in linea con quanto previsto dal citato decreto del Presidente della Repubblica, in misura pari ad una percentuale variabile fino al 10% del compenso base.

Al riguardo, ai fini della graduazione dell’importo del rimborso forfettario delle spese generali, i Prefetti terranno conto degli oneri, anche di natura non economica, sostenuti dai Commissari per l’esecuzione dell

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2477686 2670247
10. Modalità di liquidazione dei compensi

Si rammenta che gli oneri relativi ai compensi spettanti agli amministratori nominati dal Prefetto, quantificati secondo i criteri evidenziati nei paragrafi precedenti, sono a carico dell’impresa commissariata.

Al fine di procedere alla “liquidazione” del proprio compenso, il Commissario dovrà essere previamente autorizzato dal Prefetto, dietr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2477686 2670248
11. Misure straordinarie di gestione, sostegno e monitoraggio di imprese esercenti attività sanitaria per il Servizio sanitario nazionale

Com’è noto, il decreto-legge 13 novembre 2015, n. 179 R, non convertito, i cui effetti sono stati fatti salvi dalla legge 28 dicembre 2015, n. 208

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2477686 2670249
12. Norma transitoria

Le presenti linee guida si applicano ai provvedimenti di commissariamento e/o di nomina di esperti o coadiutori adottati successivamente alla data della l

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2477686 2670250
Appendice
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2477686 2670251
Esempio A - Calcolo del compenso nel caso di un unico amministratore e rimborso forfettario delle spese nella misura del 5%

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2477686 2670252
Esempio A1 - Calcolo del compenso nel caso di un unico amministratore con applicazione della maggiorazione del 50% e del rimborso forfettario nella misura del 5%

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2477686 2670253
Esempio A2 - Calcolo del compenso nel caso di un unico amministratore con applicazione della maggiorazione del 100% e del rimborso forfettario nella misura del 5%

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2477686 2670254
Esempio B - Calcolo del compenso in caso di incarico conferito a più amministratori e rimborso forfettario delle spese nella misura del 5%

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2477686 2670255
Esempio B1 - Calcolo del compenso in caso di incarico collegiale con maggiorazione del 50% e rimborso forfettario delle spese nella misura del 5%

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2477686 2670256
Esempio B2 - Calcolo del compenso in caso di incarico a più amministratori con applicazione maggiorazione del 100% e rimborso forfettario delle spese nella misura del 5%

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2477686 2670257
Esempio B3 - Calcolo del compenso in caso di incarico a più amministratori con applicazione della maggiorazione del 100% ad un solo amministratore e rimborso forfettario delle spese nella misura del 5%

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Tariffa Professionale e compensi
  • Appalti e contratti pubblici
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Professioni

Determinazione dei corrispettivi per i servizi tecnici negli appalti pubblici

PREMESSA (Decreto parametri per i servizi di Ingegneria e Architettura (SIA)); Coordinamento con i livelli di progettazione previsti dal D. Leg.vo 50/2016) - APPLICAZIONE DEI CORRISPETTIVI (Riferimenti nel D. Leg.vo 50/2016 e nel D. Min. Giustizia 17/06/2016; Linee guida dell’ANAC e buone pratiche, giurisprudenza; Equo compenso e contrasto ai ribassi eccessivi; Giurisprudenza sui compensi per i servizi di Ingegneria e Architettura) - MODALITÀ DI CALCOLO DEI CORRISPETTIVI (Generalità; Determinazione del compenso; Prestazioni non previste dal decreto o non determinabili; Oneri accessori e spese; Schema grafico riepilogativo) - ESEMPI PRATICI.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Alfonso Mancini
  • Indici, tassi e costi di costruzione
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Professioni
  • Ritardi nei pagamenti commerciali
  • Tariffa Professionale e compensi
  • Appalti e contratti pubblici

Pagamenti, penali, interessi e tracciabilità nei contratti pubblici

NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI PAGAMENTI NEI CONTRATTI PUBBLICI - PAGAMENTI, INTERESSI E PENALI NEI CONTRATTI PUBBLICI (Termini per i pagamenti nei contratti pubblici; Tabella riepilogativa dei termini di pagamento nei contratti pubblici; Tabella riepilogativa dei termini di pagamento previgenti; Penali nei contratti pubblici; Interessi moratori nei contratti pubblici; Termini e condizioni per agire coattivamente per il pagamento di debiti della P.A.; Mancato pagamento retribuzioni ai dipendenti dell’affidatario o dei subappaltatori; Altre norme cui le P.A. devono attenersi) - TRACCIABILITÀ NEI PAGAMENTI TRA STAZIONE APPALTANTE, ESECUTORI, SUBAPPALTATORI E SUBCONTRAENTI (Strumenti di pagamento; Clausole sulla tracciabilità dei flussi finanziari nei contratti di subappalto; Denunce e verifiche; Risoluzione del contratto per mancato utilizzo dei mezzi di pagamento richiesti dalla legge; Codice identificativo gara, CIG).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Studio Groenlandia
  • Professioni
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Indici, tassi e costi di costruzione
  • Appalti e contratti pubblici
  • Ritardi nei pagamenti commerciali
  • Tariffa Professionale e compensi
  • Impresa, mercato e concorrenza

Ritardato pagamento di onorari e corrispettivi: interessi, tutele, prescrizione

INTERESSI IN CASO DI RITARDATO PAGAMENTO (INTERESSI DI MORA) (Ritardato pagamento e maturazione degli interessi di mora; Interessi di mora a carattere compensativo e a carattere risarcitorio; Norme di riferimento per la misura e la decorrenza degli interessi di mora; Schema grafico riepilogativo) - MISURA E DECORRENZA DEGLI INTERESSI DI MORA (Cliente privato; Cliente impresa, professionista o pubblica amministrazione; Contratti pubblici; Schema grafico riepilogativo; Divieto di anatocismo (interessi composti, o interessi sugli interessi)) - INDICAZIONI PRATICHE PER IL RECUPERO DEL CREDITO (Solleciti di pagamento; Richiesta di decreto ingiuntivo (o “ingiunzione di pagamento”)) - PRESCRIZIONE DEL CREDITO (Durata della prescrizione; Decorrenza della prescrizione; Schema grafico prescrizione per i professionisti).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Professioni
  • Perizie e consulenze tecniche
  • Tariffa Professionale e compensi
  • Autorità di vigilanza
  • Precontenzioso, contenzioso e giurisdizione
  • Appalti e contratti pubblici

I compensi per i CTU negli arbitrati sui contratti pubblici

Compensi del CTU negli arbitrati sui contratti pubblici; Chiarimenti applicativi forniti dall’autorità (generalità, applicazione ai contratti pubblici dei compensi previsti per il CTU, unitarietà dell’incarico, cumulo tra compensi tabellari e “vacazioni”, aumento dell’onorario oltre il massimo tabellare, rimborsi spese); Rinvio ad approfondimenti.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Finanza pubblica
  • Fisco e Previdenza
  • Energia e risparmio energetico
  • Edilizia e immobili
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Terremoto Emilia Romagna, Lombardia e Veneto
  • Servizi pubblici locali
  • Edilizia scolastica
  • Impianti sportivi
  • Urbanistica
  • Pubblica Amministrazione
  • Protezione civile
  • Professioni
  • Patrimonio immobiliare pubblico
  • Pianificazione del territorio
  • Marchi, brevetti e proprietà industriale
  • Mediazione civile e commerciale
  • Ordinamento giuridico e processuale
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Fonti alternative
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Leggi e manovre finanziarie
  • Disposizioni antimafia
  • Imposte indirette
  • Compravendita e locazione
  • Lavoro e pensioni
  • Imposte sul reddito
  • Partenariato pubblico privato
  • DURC
  • Appalti e contratti pubblici
  • Enti locali
  • Calamità/Terremoti
  • Compravendite e locazioni immobiliari

Il D.L. 50/2017 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nel D.L. 24/04/2017, n. 50 (c.d. “manovrina correttiva” convertito in legge dalla L. 21/06/2017, n. 96), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Alfonso Mancini
  • Appalti e contratti pubblici
  • Disciplina economica dei contratti pubblici

Accesso al Fondo per l'aggregazione degli acquisti di beni e servizi per l'anno 2019

  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Impiantistica
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Professioni
  • Certificazione energetica
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Esercizio, ordinamento e deontologia

Puglia: obbligo di formazione dei certificatori energetici

  • Fonti alternative
  • Energia e risparmio energetico
  • Impiantistica
  • Professioni
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili

Bolzano: aggiornamento obbligatorio installatori impianti FER

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 50 milioni di Euro