FAST FIND : GP12245

Sent. C. Cass. pen. 19/01/2009, n. 1825

1533938 1533938
LAVORO - PREVENZIONE INFORTUNI - SUL LAVORO - Lavori dati in appalto - Responsabilità del committente - Presupposti.

In tema di prevenzione degli infortuni sul lavoro, nel caso di prestazione lavorativa in esecuzione di un contratto d'appalto, il

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
Scarica il pdf completo
1533938 1533941
SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

1 - Con sentenza del 20.11.2007 il Tribunale monocratico di Cosenza, ha condannato Pellegrino Roberto ed Pollilo Emilio alla pena (condizionalmente sospesa) di Euro 10.000,00, di ammenda avendoli ritenuti responsabili del reato di cui al D.Lgs. 15 agosto 1991, n. 277, artt. 23, 24 e 50, perché il Pellegrino R. quale

amministratore unico della s.p.a. Calabria Maceri e Servizi, il Pollilo E. quale amministratore unico della s.r.l. Edil Pol, in concorso tra loro, in qualità di titolari delle ditte incaricate della rimozione delle lastre di cemento - amianto (tipo eternit) esistenti in un deposito di rifiuti solidi urbani di via Popilia in Cosenza, non avevano predisposto idonee misure di protezione dei lavoratori dipendenti impegnati per la rimozione delle stesse lastre (in particolare non effettuando il preventivo trattamento di incapsulamento, non usando il prescritto aspiratore e non procedendo alla previa bagnatura delle lastre medesime): accertato in Cosenza il 6.3.2004.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1533938 1533942
MOTIVI DELLA DECISIONE

3 - Le eccezioni processuali di cui ai nn. 2.1 e 2.3 vanno respinte. Risulta agli atti che il Giudice del dibattimento, rilevato che il domicilio dichiarato dal Polillo E. era insufficiente o comunque inidoneo, essendo indicato senza numero civico, ha disposto la notificazione mediante consegna al difensore di fiducia ai sensi dell'art. 161 c.p.p., comma 4, (v. per la motivazione la ordinanza del 7.3.2006).

Detta notifica risulta perfettamente regolare, anche se la consegna al difensore è avvenuta in sede di udienza dibattimentale (v. verbale del 2.2.2006).

Va quindi respinta la censura formulata al riguardo dal difensore del Polillo E. (2.1).

La censura formulata dal difensore del Pellegrino R. (2.3) è invece inammissibile, giacché difetta di interesse laddove si riferisce alla notifica destinata al Polillo E., ed è generica laddove intende riferirsi alla notifica destinata al Pellegrino R. medesimo, omettendo di specificare le ragioni della asserita nullità.

4 - Anche la censura di merito di cui al n. 2.4 va respinta. Questa Corte ha già avuto modo di chiarire che in tema di protezione dei lavoratori contro i rischi connessi alla esposizione ad amianto, pur essendo stata disposta dal D

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1533938 1533943
P.Q.M.

La Corte suprema di cassazione annulla la sentenza impugnata nei confronti di Polillo Emilio, e rinvi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Sicurezza
  • Uffici e luoghi di lavoro

Protezione dei lavoratori da sostanze pericolose (agenti chimici, cancerogeni e amianto)

A cura di:
  • Angela Perazzolo
  • Uffici e luoghi di lavoro
  • Sicurezza
  • Agenti fisici

Protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a campi elettromagnetici

PREMESSA E NORMATIVA DI RIFERIMENTO - AMBITO DI APPLICAZIONE - MISURE DI PREVENZIONE GENERALI (Dimostrazione del rispetto dei valori limite; Superamento dei valori limite) - VALORI LIMITE (Grandezze; Effetti non termici; Effetti termici; Deroghe ai valori limite; Deroghe ministeriali) - VALUTAZIONE DEI RISCHI E VERIFICA DEL SUPERAMENTO DEI VALORI LIMITE (Precisazione delle misure adottate; Luoghi accessibili al pubblico già oggetto di valutazione; Accesso al documento elaborato da datori di lavoro privati; Accesso al documento elaborato da datori di lavoro pubblici; Aggiornamento della valutazione dei rischi) - INFORMAZIONE E FORMAZIONE DEI LAVORATORI - MISURE SPECIFICHE ALLA LUCE DEGLI ESITI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI (Superamento dei VA; Superamento dei VLE; Misure specifiche in caso di superamento di VLE relativi agli effetti sanitari; Personalizzazione delle misure di sicurezza; Segnaletica) - SORVEGLIANZA SANITARIA (Lavoratori che segnalano effetti indesiderati; Superamento dei VLE) - SANZIONI (Sanzioni a carico del datore di lavoro; Sanzioni a carico del datore di lavoro e/o del dirigente; Sanzioni a carico del medico competente) - RAPPORTO CON LA DISCIPLINA SUGLI AGENTI FISICI.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Studio Groenlandia
  • Sicurezza
  • Uffici e luoghi di lavoro

La delega di funzioni nella sicurezza sul lavoro

CHE COSA È LA DELEGA DI FUNZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO - REQUISITI E CONDIZIONI DELLA DELEGA DI FUNZIONI (Requisiti di forma; Requisiti di sostanza) - EFFETTI DELLA DELEGA E OBBLIGHI NON DELEGABILI (Esonero di responsabilità; Obbligo di vigilanza che permane; Funzioni non delegabili; Delega parzialmente invalida; Invalidità della delega ed esercizio di fatto) - DIFFERENZE TRA LA DELEGA ED ALTRE FATTISPECIE (Nomina di altre figure; La subdelega).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Sicurezza
  • Impianti tecnici e tecnologici

La sicurezza nei lavori sotto tensione

I lavori sotto tensione nel Testo unico della sicurezza; Il decreto ministeriale attuativo 04/02/2011; Esecuzione di lavori sotto tensione (autorizzazione alle aziende, abilitazione ai lavoratori a seguito di formazione, autorizzazione all’esecuzione dei corsi, attrezzature e DPI, autorizzazioni conseguite in vigenza delle norme pregresse).
A cura di:
  • Alfonso Mancini