FAST FIND : GP12163

Sent. TAR. Toscana 12/07/2010, n. 2503

1413661 1413661
Edilizia e urbanistica - Agibilità degli edifici - Campo di applicazione.

L'art. 24 del D.P.R. 380/2001 estende la verifica di agibilità a qualsiasi tipologia di edificio, quale che ne sia la destinazione d’uso, mentre il successivo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
Scarica il pdf completo
1413661 1415831
SENTENZA

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente sentenza

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1413661 1415832
FATTO

Con ricorso notificato il 26 maggio e depositato il 10 giugno 2008, la Effeproject S.p.a., proprietaria delle porzioni di terreno ubicate nel Comune di Sesto Fiorentino e identificate in catasto al foglio 62, particelle 188 e 192, proponeva impugnazione avverso l’ordinanza sindacale del 21 marzo 2008, in epigrafe, mediante la quale le era stato ingiunto – come ai proprietari dei terreni limitrofi, tutti appartenenti ad un’area i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1413661 1415833
DIRITTO

L’impugnazione è rivolta nei confronti del provvedimento contingibile ed urgente del 21 marzo 2008, adottato dal Sindaco del Comune di Sesto Fiorentino ai sensi dell’art. 54 co. 2 T.U.E.L. (nel testo anteriore alla sostituzione operata dal D.L. n. 92/08), mediante il quale all’odierna ricorrente, come agli altri proprietari di terreni compresi nell’area industriale abbandonata “ex CIR”, viene ordinato di sgomberare – ciascuno per le rispettive proprietà – l’area stessa dagli occupanti abusivi ivi insediatisi, nonché di mettere in sicurezza i fondi impedendo l’accesso dall’esterno.

Con il primo motivo, la Effeproject S.p.a. afferma di non avere la disponibilità materiale e giuridica del terreno cui l’ordinanza impugnata si riferisce, e, pertanto, di non essere in condizione di eseguire il provvedimento, in mancanza di titolo per procedere allo sgombero. Con il secondo motivo, è denunciata la genericità ed indeterminatezza dell’ordinanza impugnata, la quale non preciserebbe le opere da realizzarsi a carico dei suoi destinatari. Con il terzo motivo, la ricorrente nega quindi che siano configurabili, nella fattispecie, i presupposti richiesti dall’art. 54 T.U.E.L. per l’adozione di ordinanze di necessità, sia sotto il profilo dell’urgenza (la situazione sarebbe nota già da tempo), sia sotto il profilo del carattere definitivo delle misure imposte ai proprietari dei terreni (di talché più che un’ordinanza contingibile si avrebbe, in realtà, una riedizione dell’ordine di bonifica a suo tempo già adottato dal Comune, e poi rimosso in autotutela). Con il quarto motivo, infine, la ricorrente denuncia la violazione dell’art. 7 della legge n. 241/90.

Il gravame è fondato in ordine alle censure, assorbenti, articolate con il terzo ed il quarto motivo.

È opportuno chiarire, in via preliminare, che il provvedimento sindacale del 21 marzo 2008 non può considerarsi la riedizione, sotto mentite spoglie, dell’ordinanza dirigenziale di bonifica pronunciata dal Comune nel 2007, e poi rimossa in via di autotutela. Il contenuto dell’ordinanza per cui è causa non è, infatti, in alcun modo riconducibile alla fattispecie delineata dall’art. 192 D.Lgs. n. 152/06, in forza del quale al responsabile dell’abbandono di rifiuti può esserne ordinata la rimozione, l’avvio a recupero o lo smaltimento, insieme con il ripristino dello stato dei luoghi; mentre, lo si è detto, alla ricorrente è stato imposto di provvedere allo sgombero del fondo di sua proprietà dagli occupanti abusivi e di impedire per il futuro il ripetersi dell’occupazione, misure cui sono obiettivamente estranei profili di immediata tutela ambientale, giacché, anche con riguardo alla presenza di rifiuti nell’area, l’obiettivo dichiarato dal provvedimento è quello di prevenire innanzitutto i possibili incidenti, e non quello della bonifica.

Venendo al merito della controversia, è noto che l’art. 54 co. 2 T.U.E.L. – nel testo, applicabile ratione te

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1413661 1415834
P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana, sezione II, definitivamente pronunciando, accoglie il ricorso, e per l’effetto annulla

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Procedimenti amministrativi
  • Edilizia e immobili
  • Pubblica Amministrazione
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

La certificazione di agibilità degli edifici

PREMESSA (Scopo e funzione della certificazione di agibilità o abitabilità; Schema dell’evoluzione storica della certificazione di agibilità o abitabilità) - SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI AGIBILITÀ DEGLI EDIFICI - OBBLIGO DI CONSEGUIRE L’AGIBILITÀ (Interventi edilizi soggetti all'onere di conseguire l’agibilità; Edifici soggetti all'onere di conseguire l’agibilità; Agibilità parziale; Agibilità degli edifici e regolarità urbanistico-edilizia, differenze) - CONSEGUENZE DELL’ASSENZA DELLA CERTIFICAZIONE DI AGIBILITÀ (Conseguenze sanzionatorie; Carenza della certificazione di agibilità ed ordinanza di sgombero; Conseguenze sugli atti di compravendita e locazione e sull'uso dell’immobile).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Studio Groenlandia
  • Titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

La modulistica unica per l'edilizia e le attività produttive

Inquadramento normativo; Iter di adozione della modulistica a livello locale; Modulistica per l'edilizia; Modulistica per attività commerciali o assimilabili; Tutto quello che non può più essere richiesto a cittadini e imprese; Quadro riepilogativo regionale; Modulistica precedente.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Edilizia e immobili
  • Fisco e Previdenza
  • Imposte sul reddito
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Punti di ricarica per veicoli elettrici: norme edilizie, urbanistiche e incentivi

A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Attività in cantiere (direzione lavori, collaudo, coordinamento sicurezza, ecc.)
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Titoli abilitativi

Il cartello di cantiere

CARTELLO DI CANTIERE, OBBLIGO E FONTI NORMATIVE (Obbligo di esporre il cartello di cantiere; Finalità dell’obbligo; Decorrenza del termine di impugnazione del titolo edilizio; Soggetti obbligati; Visibilità del cartello) - CONTENUTI DEL CARTELLO DI CANTIERE E INDICAZIONI PRATICHE (Contenuti obbligatori del cartello di cantiere; Modalità di affissione) - CONSEGUENZE DELLA VIOLAZIONE DELL’OBBLIGO - SANZIONI.
A cura di:
  • Angela Perazzolo
  • Beni culturali e paesaggio
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Manufatti leggeri, anche prefabbricati, temporanei e contingenti

MANUFATTI LEGGERI E/O PREFABBRICATI (Interventi soggetti alla richiesta di Permesso di costruire; Interventi nell’ambito di strutture ricettive all’aperto) - MANUFATTI TEMPORANEI, CONTINGENTI O PRECARI (Distinzione tra manufatti realizzabili liberamente e richiedenti Permesso di costruire; Caratteristiche dalle quali desumere la precarietà e temporaneità del manufatto; Strutture destinate all’esercizio di attività di somministrazione) - TABELLA RIASSUNTIVA - RASSEGNA DI CASI GIURISPRUDENZIALI.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Edilizia e immobili
  • Pianificazione del territorio
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Titoli abilitativi
  • Piano Casa
  • Standards
  • Urbanistica

Marche: obbligo di adeguamento dei regolamenti edilizi comunali al Regolamento edilizio tipo (RET)