FAST FIND : AR1703

Ultimo aggiornamento
16/03/2020

Prevenzione incendi nei luoghi di lavoro

OBBLIGHI DI CARATTERE GENERALE - VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO (Revisione della valutazione dei rischi di incendio) - MISURE DI CARATTERE ORGANIZZATIVO E TECNICO (Designazione e formazione degli addetti; Misure di carattere generale; Vie e uscite di emergenza; Misure per la rivelazione e l'allarme in caso di incendio; Mezzi per l’estinzione dell’incendio - Manutenzione e controllo; Controlli e manutenzione sulle misure di protezione antincendio; Informazione e formazione dei lavoratori) - PIANO E MISURE DI EMERGENZA (Contenuti e criteri di redazione del piano di emergenza; Assistenza alle persone disabili in caso di incendio) - RAPPORTO CON LA NORMATIVA ANTINCENDIO - SANZIONI - PREVENZIONE INCENDI PER LA PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE E L’ESERCIZIO DI EDIFICI E/O LOCALI DESTINATI AD UFFICI.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

6209058 6230194
OBBLIGHI DI CARATTERE GENERALE

Nei luoghi di lavoro devono essere adottate idonee misure per prevenire gli incendi e per tutelare l’incolumità dei lavoratori (art. 46 del D. Leg.vo 09/04/2008, n. 81 - Testo unico della sicurezza).

Il datore di lavoro - e in particolare i dirigenti, che organizzano e dirigono le stesse attività secondo le at

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230195
VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO nel dvr
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230196
Redazione della valutazione del rischio di incendio

Costituiscono parte specifica del documento di valutazione dei rischi:

- la valutazione dei rischi di incendio e le conseguenti misure di prevenzione e protezione;

- l’indicazione dei nominativi dei lavoratori incaricati dell’attuazione delle misure di prevenzione incendi, lotta antincendio e di gestione delle emergenze, o quello del datore di lavoro, nei casi di cui egli può, in presenza delle condizioni di legge, sostituirsi a tali soggetti.

Nella redazione della valutazione dei rischi deve inoltre essere indicato, in particolare:

- la data di effettuazione della valutazione;

- i pericoli identificati;

- i lavoratori e altre persone a rischio particolare identificati;

- le conclusioni derivanti dalla valutazione (par. 1.5 R dell’Allegato I del D. Min. Interno 10/03/1998).


Nel documento di valutazione dei rischi, il datore di lavoro valuta il livello di rischio di incendio del luogo di lavoro e, se del caso, di singole parti del luogo medesimo, classificando tale livello in una delle seguenti categorie (si veda il paragrafo 1.4.4 R - Classificazione del livello di rischio di incendio - dell’Allegato I R del D. Min. Interno 10/03/1998):

a) livello di rischio elevato N1;

b) livello di rischio medio;

c) livello di rischio basso (art. 2 del D. Min. Interno 10/03/1998).

Nella valutazione del rischio incendio, possono in particolare seguirsi le linee guida contenute nell’Allegato I

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230197
Revisione della valutazione dei rischi di incendio

Per le modalità di redazione della valutazione dei rischi di incendio si veda il par. 1.5 R dell’Allegato I del D. Mi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230198
MISURE DI CARATTERE ORGANIZZATIVO E TECNICO
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230199
Designazione e formazione degli addetti

All’esito della valutazione dei rischi d’incendio e sulla base del piano di emergenza, qualora previsto, il datore di lavoro designa uno o più lavoratori incaricati dell’attuazione delle mis

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230200
Misure di carattere generale

Il datore di lavoro deve adottare misure atte a ridurre la probabilità di insorgenza di un incendio secondo i criteri indicati nell’Allegato II R del D. Min. Interno 10/03/1998, che si articola nei seguenti argomenti e paragrafi e alla cui lettura si rinvia.


MISURE E SITUAZIONI DI RISCHIO

RIF. ALLEGATO II

Cause e pericoli di incendio più comuni

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230201
Vie e uscite di emergenza
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230202
Attività sottoposte alla vigilanza dei Comandi dei VV.F.

Si applicano le norme generali sulla vigilanza antincendio.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230203
Attività non sottoposte alla vigilanza dei Comandi dei VV.F.

Numero e larghezza delle uscite di piano

L’uscita di piano può essere una sola tranne quando:

a) l’affollamento del piano è superiore a 50 persone;

b) nell’area interessata sussistono pericoli di esplosione o specifici rischi di incendio e pertanto, indipendentemente dalle dimensioni dell’area o dall’affollamento, occorre disporre di almeno due uscite;

c) la lunghezza del percorso d’uscita, in un’unica direzione, per raggiungere l’uscita di piano, in relazione al rischio di incendio, supera i valori stabiliti al punto 3.3, lettera e) dell’Allegato III R al D. Min. Interno 10/03/1998.

Quando una sola uscita di piano non è sufficiente, il numero delle uscite dipende dal numero delle persone presenti (affollamento) e dalla lunghezza dei percorsi stabiliti al punto 3.3, lettera c) dell’Allegato III R al D. Min. Interno 10/03/1998.


Per i luoghi a rischio di incendio medio o basso, la larghezza complessiva delle uscite di piano deve essere non inferiore a:


L (metri) = A/50 x 0,60


in cui:

- A rappresenta il numero delle persone presenti al piano (affollamento);

- il valore 0,60 costituisce la larghezza (espressa in metri) sufficiente al transito di una persona (modulo unitario di passaggio);

- 50 indica il numero massimo delle persone che possono defluire attraverso un modulo unitario di passaggio, tenendo conto del tempo di evacuazione.

Il valore del rapporto A/50, se non è intero, va arrotondato al valore intero superiore.

La larghezza delle uscite deve essere multipla di 0,60 metri, con tolleranza del 5%.

La larghezza minima di un’uscita non può essere inferiore a 0,80 metri (con tolleranza del 2%) e deve essere conteggiata pari a un modulo unitario di passaggio e pertanto sufficiente all’esodo di 50 persone nei luoghi di lavoro a rischio di incendio medio o basso.


Esempio 1


Affollamento di piano

75 persone

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230204
Misure per la rivelazione e l’allarme in caso di incendio
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230205
Attività sottoposte alla vigilanza dei Comandi dei VV.F.

Si applicano le norme generali sulla vigilanza antincendio.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230206
Attività non sottoposte alla vigilanza dei Comandi dei VV.F.

Il datore di lavoro deve porre in essere le misure per la rivelazione e l’allarme in caso di incendio indicate nell’Allegato IV del D. Min. Interno 10/03/1998, che si articola nei seguenti argomenti e paragrafi e alla cui lettura si rinvia.


MISURE PER LA RILEVAZIONE E L’ALLARME

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230207
Mezzi per l’estinzione dell’incendio - Manutenzione e controllo
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230208
Attività sottoposte alla vigilanza dei Comandi dei VV.F.

Si applicano le norme generali sulla vigilanza antincendio.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230209
Attività non sottoposte alla vigilanza dei Comandi dei VV.F.

Il datore di lavoro deve predisporre e garantire l’efficienza dei sistemi di protezione antincendio. Egli deve seguire al riguardo i criteri di cui all’Allegato V R del D. Min. Interno 10/03/1998, che si articola nei seguenti argomenti e paragrafi e alla cui lettura si rinvia.


CRITERI E MISURE DI SCUREZZA

RIF. ALLEGATO V

Classificazione degli incendi

Par. 5.1 R

Definizione degli incendi di classe A

Par. 5.1 R

Definizione degli incendi di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230210
Controlli e manutenzione sulle misure di protezione antincendio

Tutte le misure di protezione antincendio previste:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230211
Vie di uscita

Tutte quelle parti del luogo di lavoro destinate a vie di uscita, quali passaggi, corridoi, scale, devono essere sorvegliate periodicamente al fine di assicurare che siano libere da ostruzioni e da pericoli che possano comprometterne il sicuro utilizzo in caso di esodo.

Tutte le

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230212
Attrezzature ed impianti di protezione antincendio

Il datore di lavoro è responsabile del mantenimento delle condizioni di efficienza delle attrezzature ed impianti di protezione antincendio.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230213
Informazione e formazione dei lavoratori

Ai sensi del punto 7.1 dell’Allegato VII

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230214
Informazione antincendio

Ai sensi del punto 7.2 dell’Allegato VII R del D. Min. Interno 10/03/1998, il datore di lavoro deve provvedere affinché ogni lavoratore riceva un’adeguata informazione su:

a) rischi di incendio legati all’attività svolta;

b) rischi di incendio legati a specifiche mansioni svolte;

c) misure di prevenzione e di protezione incendi adottate nel luogo di lavoro con particolare riferimento a:

- osservanza delle misure di prevenzione degli incendi e relativo corretto comporta

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230215
Formazione antincendio

Tutti i lavoratori esposti a particolari rischi di incendio correlati al posto di lavoro, quali per esempio gli addetti all’utilizzo di sostanze infiammabili o di attrezza

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230216
Esercitazioni antincendio

Nei luoghi di lavoro ove ricorre l’obbligo della redazione del piano di emergenza (vedi paragrafo successivo) connesso con la valutazione dei rischi, i lavoratori devono partecipare a esercitazioni antincendio, effettuate almeno una volta l’anno, per mettere in pratica le procedure di esodo e di primo intervento.

Nei luoghi di lavoro di piccole dimensioni, tale esercitazione deve semplicemente coinvolgere il personale nell’attuare quanto segue:

- percorrere le vie di uscita;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230217
PIANO E MISURE D’EMERGENZA

Salvo che per i luoghi di lavoro in cui sono occupati meno i 10 dipendenti - e sempre che non di tratti delle aziende di c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230218
Contenuti e criteri di redazione del piano di emergenza

Tutti i luoghi di lavoro dove ricorra l’obbligo di cui all’art. 5 del D. Min. Interno 10/03/1998, deve essere predisposto e tenuto aggiornato un piano di emergenza, che deve contenere nei dettagli (punto 8.2 dell’Allegato VII R del D. Min. Interno 10/03/1998):

a) le azioni che i lavoratori devono mettere in atto in caso di incendio;

b) le procedure per l’evacuazione del luogo di lavoro che devono essere attuate dai lavoratori e dalle altre persone presenti;

c) le disposizioni per chiedere l’intervento dei Vigili del fuoco e per fornire le necessarie informazioni al loro arrivo;

d) specifiche misure per assistere le persone disabili.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230219
Assistenza alle persone disabili in caso di incendio

Ai sensi del punto 8.3 dell’Allegato VII

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230220
Assistenza alle persone che utilizzano sedie a rotelle e a quelle con mobilità ridotta

Nel predisporre il piano di emergenza, il datore di lavoro deve prevedere un’adeguata assistenza alle persone disabi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230221
Assistenza alle persone con visibilità o udito menomato o limitato

Il datore di lavoro deve assicurare che i lavoratori con visibilità limitata, siano in grado di percorrere le vie di uscita. In

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230222
Utilizzo di ascensori

Persone disabili possono utilizzare un ascensore solo se è un ascensore predisposto per l’evacuazione o &egra

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230223
PREVENZIONE INCENDI NEGLI UFFICI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230224
Norme sulla sicurezza e norme specifiche di prevenzione incendi

La violazione degli obblighi in materia di prevenzione incendio e lotta antincendio previsti dal Testo unico in materia di sicurezza del lavoro (D. Leg.vo 09/04/2008, n. 81) sono specificamente sanzionati (vedi paragrafo dedicato).

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230225
Regole tecniche di prevenzione incendi

Per le specifiche norme si rinvia alla scheda tematica dedicata R

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230226
SANZIONI

Il datore di lavoro e il dirigente sono puniti con l’arresto da due a quattro mesi o con l’ammenda da 1.340,19 a 5.807,48 Euro (fino al 30/06/2018 da 1.315,20 a 5.699,20 Euro)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230227
NUOVE NORME IN CORSO DI EMANAZIONE

Due distinti decreti del Ministro dell’interno, in corso di emanazione, si propongono di regolamentare, in attuazione dell’art. 46 del D. Leg.vo 81/2008, comma 3:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230228
Sicurezza antincendio in emergenza e in esercizio

Il provvedimento in bozza Visualizza PDF si applica ai “luoghi di lavoro” come definiti dall’art. 62

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230229
Quando deve essere predisposto il piano di emergenza

Risulta rilevante la nuova definizione dei casi in cui il datore di lavoro deve predisporre il piano di emergenza:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230230
Corsi di formazione degli addetti antincendio, requisiti dei docenti

Innovativa anche la definizione dei requisiti dei docenti qualificati ai fini del corsi di formazione e aggiornamento degli addetti antincendio.

Vengono in primo luogo distinte tre categorie di docenti:

1) docenti sia per la parta teorica che per la parte pratica;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230231
Manutenzione impianti e attrezzature antincendio

Il provvedimento in bozza Visualizza PDF definisce i criteri generali per il controllo e la manutenzione degli impianti, delle attrezzature e degli altri sistemi di sicurezza antincendio.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230232
Manutenzione e controllo periodico

L’Allegato I al decreto in bozza Visualizza PDF reca l’elenco delle norme e delle specifiche tecniche per verifica, controllo e manutenzione di impianti, attrezzature ed altri sistemi di sicurezza antincendio, come da tabella di seguito riportata (vedi anche Indice delle Norme UNI e CEI per l’Edilizia - Parte 5/7 - Impianti tecnologici).


Impianti, attrezzature ed altri sistemi di sicurezza antincendio

Norme e TS per verifica, controllo, manutenzione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6209058 6230233
Qualificazione dei tecnici manutentori

Il decreto in bozza Visualizza PDF stabilisce che gli interventi di manutenzione e i controlli sugli impianti e le attrezzature e le altre misure di sicurezza antincendio devono essere eseguiti da tecnici manutentori qualificati con le modalità stabilite nell’Allegato II, il quale a sua volta definisce:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Prevenzione Incendi

Norme di Prevenzione incendi

NORMATIVA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI (Codice di prevenzione incendi (RTO) e successive modifiche; Attività “normate” e “non normate” ai fini della normativa di prevenzione incendi; Cessazione del “doppio binario” e normativa di prevenzione incendi applicabile; Norme tecniche alternative al Codice di prevenzione incendi; Attività cui si applica la RTO e possibili eccezioni) - REGOLE TECNICHE DI PREVENZIONE INCENDI E CHIARIMENTI; (Lavorazione, trasporto e distribuzione di gas infiammabili; Impianti di distribuzione carburanti e ricarica veicoli elettrici; Depositi o rivendite di alcoli; Autodemolizioni; Locali di pubblico spettacolo e impianti sportivi; Alberghi e strutture ricettive; Scuole; Ospedali e strutture sanitarie; Attività commerciali; Uffici; Biblioteche, archivi, musei, gallerie, edifici tutelati in genere; Impianti termici; Autorimesse, parcheggi, locali per ricovero natanti e aeromobili; Edifici di civile abitazione e condomini; Stazioni, aerostazioni, porti e metropolitane; Interporti; Gallerie stradali e ferroviarie; Varie).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Prevenzione Incendi
  • Scuole
  • Edilizia scolastica
  • Edilizia e immobili

Antincendio scuole e asili nido: classificazione, normativa, adeguamento

CLASSIFICAZIONE DELLE SCUOLE A FINI DI PREVENZIONE INCENDI - NORME DI PREVENZIONE INCENDI PER LE STRUTTURE SCOLASTICHE - ADEGUAMENTO STRUTTURE SCOLASTICHE ESISTENTI (Ultima proroga al 31/12/2021; Definizione di priorità ai sensi del D.M. 21/03/2018; Classificazione delle scuole e requisiti per quelle di minori dimensioni; Adempimenti burocratici; Asili nido).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Incidenti rilevanti
  • Sicurezza
  • Prevenzione Incendi

La prevenzione degli incidenti rilevanti

INDICAZIONI GENERALI (Normativa di riferimento sulla prevenzione degli incidenti rilevanti; Tempistiche applicative; Assetto delle funzioni di governance) - OBBLIGHI GENERALI E DI NOTIFICA (Obblighi generali; Obbligo di notifica e termini per la trasmissione; Contenuti della notifica; Modalità per la trasmissione della notifica) - POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA - RAPPORTO DI SICUREZZA - COSTRUZIONE DI UN NUOVO STABILIMENTO RIR DI SOGLIA SUPERIORE E MODIFICHE - PIANI DI EMERGENZA (Piani di emergenza interna (PEI); Piani di emergenza esterna (PEE)) - URBANIZZAZIONI E TITOLI EDILIZI (Pianificazione urbanistica; Titoli abilitativi edilizi; Verifiche di prevenzione incendi) - QUADRO SANZIONATORIO.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Ospedali e strutture sanitarie
  • Prevenzione Incendi

Antincendio strutture sanitarie: classificazione, normativa, adeguamento

CLASSIFICAZIONE STRUTTURE SANITARIE A FINI DI PREVENZIONE INCENDI - NORME DI PREVENZIONE INCENDI PER LE STRUTTURE SANITARIE - ADEGUAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE ESISTENTI AL 26/12/2012 (Fondi per l’edilizia sanitaria e piano di adeguamento; Termini di adeguamento per le strutture sanitarie ospedaliere o residenziali; Termini di adeguamento per le strutture sociosanitarie (ambulatori specialistici).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Alberghi e strutture ricettive
  • Provvedimenti di proroga termini
  • Prevenzione Incendi
  • Finanza pubblica

Antincendio strutture ricettive: classificazione, normativa, adeguamento

CLASSIFICAZIONE STRUTTURE RICETTIVE A FINI DI PREVENZIONE INCENDI - TERMINI DI ADEGUAMENTO STRUTTURE ESISTENTI ALL’11/05/1994 (Ultima proroga disposta dal D.L. 162/2019; Ulteriore proroga per le zone colpite da calamità; Eventuali altre attività presenti nella struttura ricettiva; Piano straordinario biennale di adeguamento; Indirizzi e modulistica per il Piano di adeguamento; Riepilogo termini, casistiche e adempimenti per l’adeguamento) - ADEGUAMENTO RIFUGI ALPINI E STRUTTURE RICETTIVE ALL’APERTO (Adeguamento antincendio rifugi alpini; Adeguamento antincendio strutture ricettive all’aperto).
A cura di:
  • Alfonso Mancini