FAST FIND : GP4793

Sent. C. Cass. pen. 26/11/1999, n. 2732

47987 47987
1. Edilizia ed urbanistica - Attività edilizia - Vincolo paesaggistico - Effetti sulla edificabilità. 2. Edilizia ed urbanistica - Attività edilizia - Vincolo paesaggistico - Inderogabile - Eccezione per manutenzione straordinaria, consolidamento e restauro - Limiti. 3. Edilizia ed urbanistica - Attività edilizia - Vincolo paesaggistico - Reato ex art. 1 sexies L. 1985 n. 43 - Configurabilità - Condizioni.
1. L'avvenuta adozione del piano paesistico regionale non legittima la realizzazione, senza alcuna autorizzazione, di opere ritenute, a giudizio dell'autore, compatibili con lo stesso, ma semplicemente fa venire meno il carattere di assolutezza ed inderogabilità del vincolo di inedificabilità, previsto medio tempore dall'art. 1 quinquies della L. 8 agosto 1985 n. 431, rendendo, quindi, autorizzabili, ovviamente dalla competente autorità amministrativa, le opere compatibili. 2. Ai sensi dell'art. 1 quinquies D.L. 27 giugno 1985 n. 312, introdotto dalla L. 8 agosto 1985 n. 431, in nessun caso è possibile derogare al divieto di inedificabilità da esso posto, fatta eccezione per gli interventi di manutenzione straordinaria, di consolidamento statico e di restauro conservativo che non alterino lo stato dei luoghi e l'aspetto esteriore degli edifici; interventi per i quali, ai sensi dell'art. 82, comma 8, D.P.R. 24 luglio 1977 n. 616 così come sostituito dall'art. 1 D.L. n. 312 del 1985 non è richiesta autorizzazione ambientale. 3. Ai fini della configurabilità del reato previsto e punito dall'art. 1 sexies della L. 8 agosto 1985 n. 431 è necessario non solo che si verifichino interventi non autorizzati su zone vincolate, ma che gli stessi siano idonei ad incidere negativamente sull'originario assetto dei luoghi sottoposti a protezione; pertanto, sono inscrivibili nella sfera dell'irrilevanza penale tutti gli interventi che non pongono neppure astrattamente in pericolo il paesaggio.

1a. Sul vincolo paesaggistico all'attività edilizia ved. C. Stato VI 13 giugno 2000 n. 3292R, 15 maggio 2000 n. 2784R, 18 aprile 2000 n. 2326R, 8 marzo 2000 n. 1162R, 28 gennaio 2000 n. 428R (Sul controllo di legittimità del provvedimento ministeriale che annulla il nulla osta rilasciato per attività edilizia in area soggetta a vincolo paesaggistico); C. Stato VI 24 maggio 2000 n. 3010R, 15 maggio 2000 n. 2777R, 15 maggio 2000 n. 2772R, 3 maggio 2000 n. 2566R, 24 marzo 2000 n. 1663R, 8 marzo 2000 n. 1162R, 2 marzo 2000 n. 1096R, 28 gennaio 2000 n. 403R, 14 gennaio 2000 n. 227R, 3 gennaio 2000 n. 25R (Decorrenza del termine previsto per il provvedimento ministeriale che annulli il nulla osta regionale prescritto per l'attività edilizia in area soggetta a vincolo paesaggistico); Csi 2 maggio 2000 n. 201R (1. L'attività edilizia può essere soggetta a vincolo paesaggistico ed insieme storico artistico - 2. Il vincolo paesaggistico all'attività edilizia si perfeziona con la pubblicazione nell'albo dei Comuni interessati); C. Stato VI 26 aprile 2000 n. 2500R (È necessaria la motivazione per il rilascio del nulla osta all'attività edilizia sub vincolo paesaggistico); C. Stato VI 28 febbraio 2000 n. 1047R (Il provvedimento ministeriale di annullamento del nulla osta regionale deve avere data certa, restando peraltro irrilevante la mancanza del numero di protocollo); C. Stato VI 28 gennaio 2000 n. 403R (Il termine prescritto per il provvedimento ministeriale di annullamento del nulla osta regionale, riguarda il provvedimento e non la comunicazione di annullamento); C. Stato VI 14 gennaio 2000 n. 234R (È illegittima l'omissione - nel provvedimento ministeriale di annullamento del nulla osta regionale - della richiesta di suggerimenti ed osservazioni); Cass. pen. III 11 gennaio 2000 n. 83 (I 3 provvedimenti necessari per i lavori in aree protette da vincolo paesaggistico); Cass. pen. III 1° dicembre 1999 n. 13716 (Con costruzioni non autorizzate - per l'esistenza di vincolo paesaggistico - si commettono reati ex art. 1 sexies L. 1985 n. 431 ed art. 20 L. 1985 n. 47). La L. 1° giugno 1939 n. 1497 e la L. 8 agosto 1985 n. 431 (ad eccezione degli artt. 1 ter e 1 quinquies) sono state abrogate dall'art. 166 del D.Lgs. 29 ottobre 1999 n. 490R. Sulla corrispondenza di articoli della L. 39/1497 con articoli del D.Lgs. 99/490.
(L. 8 agosto 1985 n. 431, art. 1 quinquies)R (D.P.R. 24 luglio 1977 n. 616, art. 82, comma 8R; L. 8 agosto 1985 n. 431, art. 1 quinquies) (L. 8 agosto 1985 n. 431, art. 1 sexies)

Dalla redazione

  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Edilizia scolastica
  • Provvidenze
  • Imprese

Campania: contributi per la creazione o ammodernamento di asili nido e micro-nidi aziendali

Ammonta a 5 milioni il finanziamento della Regione Campania rivolto a nidi o micronidi al servizio di imprese o reti di imprese. Possono presentare domanda di agevolazione per la realizzazione, riqualificazione o il potenziamento delle strutture le imprese, singole o associate, indipendentemente dalla loro forma giuridica. Le agevolazioni «de minimis» sono concesse nella forma di un contributo in conto capitale nella misura massima del 70% delle spese ammissibili, nei seguenti limiti massimi: 200.000 euro in caso di interventi di realizzazione di nuovi asili nido o micronidi aziendali; 100.000 euro in caso di interventi di ampliamento, ristrutturazione e/o ammodernamento di strutture già esistenti destinate ad asili nido o micronidi aziendali.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Prevenzione Incendi
  • Scuole

Contributi agli enti locali per l’adeguamento degli edifici scolastici alla normativa antincendio

I contributi sono erogati agli enti locali per l’adeguamento alla normativa antincendio degli edifici pubblici adibiti ad uso scolastico. Stanziati 98 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Finanza pubblica
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Provvidenze
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali

Lazio: 10 milioni di euro per i Comuni del litorale

Ammonta a 10 milioni di euro lo stanziamento previsto dalla Regione Lazio per la riqualificazione e la sostenibilità delle aree costiere, destinato ai 24 Comuni litoranei, che potranno partecipare singolarmente o anche in forma associata. Il contributo regionale può raggiungere un massimo del 90% del costo dei progetti presentati, con l’importo concedibile compreso tra un minimo di 500 mila euro e un massimo di 3 milioni di euro. Molti i tipi di intervento ammessi, tutti con un’impostazione generale nettamente orientata a promuovere l’innovazione e l'ecosostenibilità.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Leggi e manovre finanziarie

La Legge di bilancio 2020 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella Legge di bilancio 2020 (L. 27 dicembre 2019, n. 160), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Provvidenze
  • Edilizia residenziale
  • Energia e risparmio energetico
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Efficienza e risparmio energetico

Lombardia: 15 mln di euro per l’efficientamento energetico delle case popolari

Ammonta a 15 milioni di euro lo stanziamento previsto dalla Regione Lombardia per opere di efficientamento energetico su immobili destinati a servizi abitativi pubblici già oggetto di interventi di riqualificazione edilizia. Le opere finanziate sono mirate al raggiungimento di prestazioni energetiche ed emissive di standard più elevati. Saranno ammessi all'agevolazione progetti di importo minimo netto dei lavori di efficientamento energetico pari a € 100.000 risultante dal quadro economico allegato al progetto; opere di valore inferiore non saranno ammissibili.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta

  • Norme tecniche
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali

Ecodesign display elettronici

  • Macchine e prodotti industriali
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Norme tecniche
  • Energia e risparmio energetico

Ecodesign sorgenti luminose e unità di alimentazione separate

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione