Ai sensi della Deliberaz. G.R. 23/12/2019, n. 850 con riferimento al presente punto si specifica che:

a) per variazione della tipologia del processo di ossidazione si intende qualsiasi modifica al processo ossidativo che comporti una variazione della tecnologia depurativa tra le seguenti macro-categorie, indicate a titolo non esaustivo:

- chimico-fisico;

- fanghi attivi;

- biodischi, filtri percolatori, letto mobile;

- MBR, MBBR;

- fitodepurazione, lagunaggio.

b) non è variazione della tipologia di disinfezione il passaggio a sistemi di disinfezione previsti dal Piano di Tutela delle Acque;

c) il gestore che intende effettuare una modifica NON sostanziale ne dà comunicazione all’autorità competente e, nel caso in cui quest’ultima non si esprima entro trenta giorni dalla comunicazione, può procedere all’esecuzione della modifica. L’autorità competente provvede, ove necessario, ad aggiornare l’atto di approvazione; tale aggiornamento non incide sulla durata dell’atto;

d) l’autorità competente, se ritiene che la modifica comunicata ai sensi del punto precedente sia una modifica sostanziale, nei trenta giorni successivi alla comunicazione medesima, ordina al gestore di presentare una domanda di approvazione ai sensi dell’articolo 20 della L.R. 31/2010; la modifica comunicata non può essere realizzata sino al rilascio del nuovo atto di approvazione;

e) i soggetti che intendono realizzare nuovi impianti di depurazione di acque reflue urbane o delle modifiche sostanziali dì impianti esistenti presentano apposita domanda attraverso la posta elettronica certificata (PEC) alla Regione Abruzzo;

f) Il soggetto proponente:

1. nel caso in cui il progetto approvato è relativo alla realizzazione di un nuovo impianto, dovrà ottenere l’autorizzazione allo scarico, secondo la normativa vigente, prima dell’attivazione dello scarico stesso; è facoltà del proponente optare per la richiesta di un’autorizzazione provvisoria o definitiva (se non ha necessità di indicare limiti tabellari diversi da quelli di legge, richiede direttamente l’autorizzazione definitiva);

2. nel caso in cui il progetto approvato è relativo all’adeguamento di un impianto già esistente, in possesso di autorizzazione definitiva allo scarico vigente, se il proponente lo ritiene opportuno (in quanto necessita di deroghe ai limiti tabellari), potrà richiedere l’autorizzazione provvisoria allo scarico ovvero decidere di continuare ad avvalersi dell’autorizzazione definitiva allo scarico (se non ha necessità di indicare limiti tabellari diversi da quelli di legge): in ogni caso dovrà dare comunicazione di avvio e termine dei lavori di adeguamento alla Regione e all’ARTA;

g) l’approvazione del progetto ha una durata di cinque anni dal suo rilascio. Qualora i lavori non vengano avviati entro il periodo di validità del provvedimento di approvazione del progetto, dovrà essere richiesta nuova approvazione (riapprovazione).

Dalla redazione

  • Fisco e Previdenza

Scadenzario fiscale termini rinviati o sospesi per l’emergenza Coronavirus

TABELLA RIEPILOGATIVA - SOSPENSIONE TERMINI DAL 21/02/2020 NELLE PRIME “ZONE ROSSE” - SOSPENSIONE DAL 02/03/2020 PER LE CATEGORIE DI SOGGETTI PIÙ COLPITE - SOSPENSIONE ADEMPIMENTI PER TUTTI I CONTRIBUENTI DAL 08/03/2020.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Imprese
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze

Abruzzo: sostegno alle mPMI per investimenti in macchinari e impianti

Rilancio della propensione agli investimenti del sistema produttivo abruzzese attraverso un consolidamento delle realtà esistenti e ad un rinnovamento della base produttiva, garantendo aiuti per investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili e per processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale per quasi tutti i codici Ateco. È l'obiettivo dell'Avviso emanato in attuazione dell’Asse Prioritario III "Competitività del sistema produttivo”, al fine di promuovere la competitività delle piccole e medie imprese, Azione 3.1.1 del POR FESR 2014 - 2020 della Regione Abruzzo".
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Calamità/Terremoti
  • Protezione civile

Coronavirus (Covid-19) - Tutti i provvedimenti

Tutti i provvedimenti emanati per fronteggiare l’emergenza sanitaria (Coronavirus Covid-19): STATO DI EMERGENZA - DECRETI LEGGE - DECRETI E DELIBERE DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO - ORDINANZE DI PROTEZIONE CIVILE - ORDINANZE DEL MINISTERO DELLA SALUTE - PROVVEDIMENTI DEL MINISTERO DELL’ECONOMIA E FINANZE - PROVVEDIMENTI DEL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - PROVVEDIMENTI DELL’ANAC.
  • Provvidenze
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Appalti e contratti pubblici
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili
  • Beni culturali e paesaggio

Finanziamento per la valorizzazione di borghi e centri storici nel sud d’Italia

Vengono finanziati interventi per il rafforzamento dell’attrattività dei borghi e dei centri storici di piccola e media dimensione nei comuni delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, attraverso il restauro e recupero di spazi urbani, edifici storici o culturali. La dotazione finanziaria complessiva è di 30 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Prevenzione Incendi
  • Uffici e luoghi di lavoro

Prevenzione incendi nei luoghi di lavoro

OBBLIGHI DI CARATTERE GENERALE - VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO (Revisione della valutazione dei rischi di incendio) - MISURE DI CARATTERE ORGANIZZATIVO E TECNICO (Designazione e formazione degli addetti; Misure di carattere generale; Vie e uscite di emergenza; Misure per la rivelazione e l'allarme in caso di incendio; Mezzi per l’estinzione dell’incendio - Manutenzione e controllo; Controlli e manutenzione sulle misure di protezione antincendio; Informazione e formazione dei lavoratori) - PIANO E MISURE DI EMERGENZA (Contenuti e criteri di redazione del piano di emergenza; Assistenza alle persone disabili in caso di incendio) - RAPPORTO CON LA NORMATIVA ANTINCENDIO - SANZIONI - PREVENZIONE INCENDI PER LA PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE E L’ESERCIZIO DI EDIFICI E/O LOCALI DESTINATI AD UFFICI.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica