FAST FIND : CM1351

Tra utopia e partecipazione: la sfida del palaghiaccio al circolo polare vinta con PREFA

La località di Malmberget, che si trova appena sotto il circolo polare, dopo oltre 100 anni di industria mineraria deve definitivamente cedere il posto alla cava ed è stata gradualmente integrata da molti anni nella vicina località Gällivare.
PREFA Italia Srl

Paese: Lapponia, Svezia
Oggetto, luogo: Palaghiaccio e arena eventi, Gällivare
Categoria: nuova costruzione
Architetti: MAF Arkitektkontor AB
Installatori: Hala Byggplåtslageri AB
Facciata: Scandola per facciata
Colore facciata: P.10 rosso ossido, P.10 rosso cotto, colore speciale RAL 8012 (marrone rossiccio), colore speciale RAL 3011 (rosso marrone)

Mats Jakobsson con il suo team di MAF Arkitektkontor ha da diversi anni un ruolo fondamentale. Nel corso di questo sviluppo urbano, hanno progettato anche il palaghiaccio e il padiglione per eventi a Gällivare (SE), i quali sono stati rivestiti con 26000 scandole rosse di Prefa.

Tra utopia e partecipazione: il Palaghiaccio Gällivare

Architecture is a snake: una strada tortuosa lastricata di tante decisioni.” afferma Mats Jakobsson con convinzione. Le sue parole riflettono il suo incredibile bagaglio di esperienze. Da oltre 20 anni è la mente progettuale dello studio di architettura fondato nel 1939 MAF Arkitektkontor, dove oggi oltre 50 architetti e ingegneri in quattro sedi diverse in Svezia lavorano a grandi progetti architettonici e urbanistici. Nel dover assecondare le esigenze dell’industria mineraria locale, l’intera città di Malmberget scomparirà e i suoi abitanti e le istituzioni si trasferiranno a Gällivare. Il ricongiungimento delle due città è in corso dal 2009, interessando un processo collettivo sviluppato e realizzato dagli abitanti di entrambe le città coinvolte. Lo studio di Architettura MAF si occupa della realizzazione di importanti edifici che rappresentano la chiave di questo cambiamento

Mats Jakobsson 
MAF Arkitektkontor

 

Tra questi, oltre al palaghiaccio, ci sono ad esempio una scuola tecnica superiore e un centro polivalente per eventi, che sono stati progettati insieme con l’archi¬tetto canadese Michael Green.

Una grande idea e piccoli dettagli
La storia del nuovo palaghiaccio di Gällivare non ini¬zia semplicemente con un terreno non edificato, ma con la grande idea di un’utopia che accompagna tutte le scelte relative alla nuova struttura urbana: l’obiettivo è quello di realizzare un centro multifunzionale e di nuova costruzione in grado di riunire tutta la città, le persone di Gällivare con quelle dell’ex città di Malmberget.
Gli architetti hanno progettato il grande palaghiaccio, che presenta una superficie totale utile di oltre 6500 m², in modo tale da non risultare ingombrante o mastodontico, ma per essere percepito a misura d’uomo. “Abbiamo inclinato leggermente le facciate e arrotondato gli angoli degli edifici, affinché i visitatori non abbiano l’impressione che le facciate stiano per ribaltarsi. E cercavamo anche un modo per esprimere moderazione, un modo che potesse confe¬rire a questo grande palaghiaccio dignità e chiarezza. Si tratta di qualcosa che trascende la mera funziona¬lità”, ci spiega ancora Jakobsson. La facciata doveva trasmettere già di per sé questa ricerca dettagliata di una soluzione a “misura d’uomo”.

Le grandi sfide della natura
Le maggiori sfide poste dal cantiere sono state da un lato la necessità di procedere speditamente con i lavori e dall’altra le condizioni proibitive che si registrano a queste latitudini: in inverno le temperature possono sfiorare i -30 °C. Le esigenze di trasferimento della città non davano il tempo di chiudere i cantieri per mesi. “I lavori di norma proseguono da maggio fino a inizio novembre. Questa situazione è stata determinante per la scelta dei materiali”, ci spiega Jakobsson. Gli architetti di MAF hanno cercato un materiale per la facciata che potesse essere posato in piccole sezioni e ad ogni temperatura, per poter così continuare a costruire anche in inverno. Così è nata l’idea di utilizzare il sistema di facciata a Scandole PREFA. Ricorrendo all’ampia gamma di colori e all’opzione di altri colori speciali, gli architetti hanno progettato un motivo dall’effetto ottico scintillante per la grande facciata del palaghiaccio. Si trattava, in que¬sto caso, di trovare una soluzione estetica che si facesse apprezzare sia a distanza ravvicinata che a distanza, valorizzando la forma dell’edificio. E non a caso il suo colore ricorda da lontano le terrazze di una montagna di minerali di ferro.



Pleasure pavilion
La luccicante combinazione di colori delle facciate ha però anche un’altra funzione: esprime il calore e la gioia di vivere, le emozioni e l’eleganza di ciò che avviene all’interno del palaghiaccio. Che sia l’entusiasmo e l’esultanza per una partita di hockey sul ghiaccio o il fascino delle eleganti evoluzioni del pattinaggio artistico, l’architettura esterna intende narrare e assecondare questa energia, trasmettere l’orgoglio per le persone del luogo di vivere in una piccola città, molto particolare ma di altissimo livello, vicino al circolo polare artico.
 

Pianificazione e ritmo: la sinfonia del montaggio
All’estremo nord della Svezia non ci sono molti lattonieri, così il capolattoniere Magnus Rahkola, insieme con i suoi installatori, si è spostato regolarmente dalla sua città, Luleå, a Gällivare per raggiungere il luogo dei lavori per la facciata del pala¬ghiaccio, situato a 200 km di distanza. Ma questa non è stata l’unica sfida da affrontare.
Non è stato un compito semplice quello che Magnus Rahkola e il suo team di HALA Byggplåtslageri AB hanno accettato di eseguire a Gällivare: con il cantiere a circa tre ore di macchina dalla propria officina, sono riusciti a terminare l’ambizioso progetto architettonico del palaghiaccio solo grazie a una buona pianificazione e a un oculato ritmo di montaggio. Rahkola racconta di aver imparato molto in cantiere: “Dopo questo incarico ho comprato una macchina mobile da taglio per lamiere, in modo da poter adattare in futuro i dettagli direttamente in cantiere.” A Gällivare, invece, hanno dovuto eseguire i lavori di dettaglio lontano dal cantiere.


Pianificare la casualità
Oltre alla difficoltà creata dalle temperature che in inverno scendono fino a -30 °C, rendendo difficile eseguire molti dei lavori in cantiere, ancora più complicata è la situazione con la luce e i colori: Gällivare, da novembre a maggio, è avvolta dalla notte polare, la cui luce bluastra rende quasi impossibile distinguere i colori. In queste condizioni di lavoro, il team di HALA Byggplåtslageri AB era stato incaricato di applicare sull’edificio, in parte concavo e in parte convesso, uno schema di colori che sembrasse essere stato composto casualmente e formato da 26.000 scandole, con un esclusivo mix fra due colori standard - rosso ossido e marrone ramato - e due colori speciali - marrone ros¬siccio e rosso marrone. Per il lavoro in cantiere il capolattoniere ha creato una schematizzazione della distribuzione delle scandole e nume¬rato ogni singola scandola. Nella luce crepuscolare della notte polare, gli installatori non avrebbero infatti potuto distinguere i colori solo ad occhio.

Photocredit: PREFA | Croce & Wir
 

PREFA Italia Srl

Via Negrelli, 23 – 39100 BOLZANO

T. +39 0471 068680 - F: +39 0471 068690

office.it@prefa.com - www.prefa.it

 

Dalla redazione

  • Edilizia e immobili
  • Costi di costruzione
  • Indici, tassi e costi di costruzione
  • Catasto e registri immobiliari

La valutazione delle aree edificabili

Un’area fabbricabile rappresenta un fondo connotato da suscettività edificatoria impressa da un apparato normativo e non una naturale vocazione. L’area fabbricabile è, quindi, profondamente diversa da un terreno rurale, giacché rappresenta uno spazio dove il valore reale deriva dalla capacità (derivante da innumerevoli fattori) di accogliere spazi artificiali e da destinare ad attività antropiche. Per procedere con la stima delle aree e dei terreni è opportuno, quindi, operare una precisa distinzione delle due tipologie di superficie estimativa. Da una parte abbiamo, dunque, i terreni (o fondi rurali) destinati solo alla produzione agricola e dove anche i fabbricati eventuali sono destinati a servizio del fondo medesimo Dall’altra parte abbiamo le aree edificabili nelle quali in base alla normativa e alle specifiche caratteristiche della stessa area è possibile edificare superfici essenzialmente antropiche.
A cura di:
  • Graziano Castello

Clima, ambiente, salute. Quali misure di prevenzione e adattamento in edilizia e in urbanistica?

I cambiamenti climatici non costituiscono, ormai, solo argomento di dibattiti teorici, ma si manifestano con una evidenza le cui conseguenze, che si sommano a quelle derivate dalla crisi pandemica, producono effetti negativi sia nei confronti della salute umana sia nella gestione del territorio. Si rende quindi necessario affrontare il problema, non solo con politiche di contrasto ma anche con il ricorso a politiche di prevenzione delle conseguenze negative sulla salute umana (dovute, in particolare, alle ondate di calore) e di adattamento agli effetti sul territorio (siccità, inondazioni, incendi). L’articolo si occupa degli aspetti di prevenzione e adattamento, cercando di analiz-zare le misure che possono essere adottate in edilizia e in urbanistica.
A cura di:
  • Roberto Gallia

Le indagini documentali nella Due Diligence immobiliare

L’indagine rappresenta il “verbo” della Due Diligence immobiliare. Saper condurre un’indagine è un’attività, infatti, assolutamente basilare, che può essere esiziale se condotta superficialmente. L’indagine serve a svelare gli aspetti non immediatamente percepibili a un primo approccio con il bene immobiliare oggetto di un eventuale investimento, ma non solo, serve anche a prevedere conseguenze economiche rispetto ad alcune potenziali “scelte”. L’indagine nella Due Diligence immobiliare, e la capacità di condurla correttamente, costituiscono l’impalcato fondamentale della prestazione professionale.
A cura di:
  • Graziano Castello

Il comfort indoor, strumenti legislativi: panorama legislativo internazionale e nazionale

Già da qualche decennio si parla di IEQ (Indoor Environmental Quality) con particolare attenzione sulla salubrità dell’ambiente costruito e alla sua possibile influenza sulla sostenibilità ambientale. Tale interesse si è riversato per lo più sulla qualità dei prodotti e delle tecnologie dell’edilizia, incentrando la questione sulle prestazioni di essi e sugli effetti ambientali che essi generano.
A cura di:
  • Elvira Nicolini
  • Resistenza al fuoco
  • Prevenzione Incendi
  • Edilizia e immobili

Sicurezza antincendio delle facciate: soluzioni progettuali per sistemi a cappotto

In Gazzetta Ufficiale, l’8 aprile 2022 è stato pubblicato il Decreto del Ministero dell’Interno 30 marzo 2022, che approva e rende obbligatoria la Regola Tecnica Verticale (RTV) sulle Chiusure d'ambito degli edifici civili (Capitolo V.13) con lo scopo di limitare gli incendi generati all’esterno e la propagazione all’interno degli edifici civili ad uso residenziale. La nuova norma è in vigore dal 7 luglio 2022.
A cura di:
  • Antonio Caligiuri

Dalle Aziende

  • Alberghi e strutture ricettive
  • Edilizia e immobili
  • Impianti sportivi
  • Locali di pubblico spettacolo
  • Musei, biblioteche e archivi
  • Edilizia scolastica
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria
  • Edifici di culto
  • Edilizia penitenziaria
  • Edilizia residenziale

Nuova porta d'ingresso Thermo65 Hörmann: per spazi abitativi più caldi e sicuri

Risultato dell’assidua attività di ricerca condotta da Hörmann, leader europeo nel mercato delle chiusure, la porta d'ingresso Thermo65 isola e protegge le abitazioni, valorizzandole anche dal punto di vista del design.
  • Informatica

Bonus edilizi: le novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2023

Il 29 dicembre 2022 è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale n. 303 la nuova Legge di Bilancio (L. 197/2022 – “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2023 e bilancio pluriennale per il triennio 2023-2025”), introducente novità sui bonus edilizi.
  • Edilizia e immobili

I bonus edilizi per la ristrutturazione: massimizzare i risultati con le soluzioni Ytong e Multipor

Ristrutturare con i sistemi costruttivi di Xella incentivati dai BONUS edilizi 2023.
  • Edilizia e immobili
  • Informatica

Natale in Digi Corp: Promo Software Edilizia

In occasione del Natale, Digi Corp propone la formazione gratuita di 6 mesi su SUITE MOSAICO, il software integrato per l’edilizia. La promo è valida fino al 31/12/2022.
  • Informatica

WiseBIM entra a far parte del gruppo ACCA per portare il valore dell’intelligenza artificiale al mondo dell’openBIM®

12 dicembre 2022: Guido Cianciulli, fondatore di ACCA software, Tristan Garcia e Frédéric Suard, co-fondatori di WiseBIM, hanno annunciato l’ingresso della società WiseBIM nel gruppo ACCA grazie ad un significativo investimento azionario di ACCA software in WiseBIM accompagnato da un condiviso piano strategico di sviluppo.
  • Edilizia e immobili

Entrano in vigore i nuovi C.A.M. Edilizia 2022: il contributo delle soluzioni sostenibili firmate Xella

Il 4 dicembre 2022 è entrato in vigore il D.M. 23/06/2022 che ha aggiornato la norma in materia di Criteri Ambientali Minimi per l’affidamento della progettazione e dei lavori edilizi, in risposta alle sempre più urgenti politiche di mitigazione dei cambiamenti climatici.
  • Alberghi e strutture ricettive
  • Agevolazioni
  • Materiali e prodotti da costruzione
  • Norme tecniche
  • Edilizia e immobili

Isolamento interno, non sempre l’umidità è un pericolo

Al contrario delle soluzioni isolanti che necessitano di barriera al vapore, B/ISOLA permette di isolare termicamente gli edifici dall’interno mantenendo la traspirabilità delle pareti e agendo da regolatore dell’umidità interna, con notevoli benefici sulla salubrità interna e sulla durata delle performance isolanti.
  • Edilizia e immobili
  • Locali di pubblico spettacolo
  • Musei, biblioteche e archivi
  • Edilizia residenziale
  • Edilizia scolastica
  • Impianti sportivi
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria
  • Edifici di culto
  • Edilizia penitenziaria
  • Alberghi e strutture ricettive

Il riflesso della natura

Al limitare di un lussureggiante bosco sudtirolese, il design contemporaneo di un elegante chalet è valorizzato da un eccezionale portone Hörmann.