FAST FIND : CM1326

Novità in casa Actis per il mercato italiano

Actis, da sempre attenta alle richieste e necessità dei suoi clienti e partners, lancia sul mercato italiano l’evoluzione degli isolanti termoriflettenti TRiso Toiture, Triso HYbrid e Boost'R Hybrid.
ACTIS S.A.

Per migliorarne le prestazioni e la facilità di installazione di alcuni suoi prodotti e rispondere alle richieste di clienti e partner che avevano evidenziato la necessità di un nuovo packaging per ottimizzarne lo stoccaggio e l’identificazione nei negozi, Actis, leader nel mercato degli isolanti termoriflettenti, ha deciso di lanciare sul mercato italiano l’evoluzione degli isolanti termoriflettenti TRiso Toiture, Triso HYbrid e Boost'R Hybrid. Oltre a novità tecniche e strutturali questi prodotti presentano anche un packaging completamente rinnovato per permettere una posa e installazione più facile e veloce.



Utilizzati per l'isolamento esterno (Boost'R Hybrid' e Triso-Toiture) e l'isolamento interno (Triso Hybrid'), in nuove costruzioni e ristrutturazioni, gli isolanti termoriflettenti Actis hanno un elevato potere isolante grazie alla loro superficie argentata che ha come principale caratteristica quella di trasmetter il calore da una superficie all’altra per irraggiamento. Questi materiali riflettono il calore mantenendo la temperatura costante pur garantendo la traspirabilità delle superfici e per questo sono in grado di ridurre il consumo energetico che serve per raffrescare un ambiente in estate e riscaldarlo in inverno.
La loro struttura a nido d'ape brevettata permette, grazie alla bassissima emissività delle pellicole termoriflettenti, di sfruttare le naturali qualità isolanti dell'aria. Oggi questi prodotti grazie al costante investimento dell’azienda francese nella ricerca e sviluppo sono rinnovati e presentano nuove e più performanti caratteristiche tecniche, di composizione e di imballaggio.

Gli strati di pellicola che compongono gli isolanti termoriflettenti Triso Hybrid', Boost'R Hybrid' e Triso- Roof sono ora assemblati da fascette in polietilene che ne favoriscono la durabilità e riducono i ponti termici. Vista la particolare attenzione che l’azienda francese mostra per il rispetto dell’ambiente e la sostenibilità queste nuove fascette di polietilene sono riciclabili al 100%.

Per ottenere un maggiore isolamento oltre alla linguetta adesiva sporgente che garantiva la continuità della sigillatura alla giunzione dei pannelli, è stata inserita nella composizione del prodotto una nuova linguetta longitudinale che favorisce anche la posa a strati sovrapposti. In più questa nuova linguetta ha anche la funzione di valvola che evita il rigonfiamento del prodotto durante il fissaggio e garantisce un maggior grado di isolamento.
L’evoluzione di questi prodotti ha permesso di renderli più resistente grazie all’aggiunta di pellicole rinforzate tra gli strati di isolamento per ridurre i possibili strappi accidentali nel momento della posa.
Infine, il prodotto Triso HYbrid è dotato adesso della stessa membrana esterna dell'Hybris, che ha come principale caratteristica quella di essere meno riflettente e questo favorisce una migliore posa sui tetti, all'aria aperta e alla luce naturale.

Molto importante è stata anche l’evoluzione del packaging degli isolanti termoriflettenti TRiso Toiture, Triso HYbrid e Boost'R Hybrid che ora sono in rotoli e vengono consegnati e imballati su pallet in legno rendendo più facile e pratico lo stoccaggio e il trasporto.

Grazie anche all’evoluzione dei prodotti l’utilizzo degli isolanti termoriflettenti Actis nella realizzazione di interventi di isolamento e di coibentazione permette di accedere agli incentivi dell’Ecobonus 110% introdotto dal Decreto Rilancio.
 

Per informazioni:

Ufficio Stampa Actis
Giacomo Galli
cell. 3333701412 | tel. 02-87399276
giacomo.galli@sillabariopress.it

 

 

ACTIS S.A.
30, Avenue de Catalogne
11 300 LIMOUX
FRANCE

 

Ufficio commerciale :
IT : 00 39 338 185 10 98
FR : 00 33 685 761 026

Assistenza tecnica :
IT : 00 39 338 185 10 98
FR : 00 33 685 761 026

Fax :
00 33 157 672 014
 

Dalla redazione

Clima, ambiente, salute. Quali misure di prevenzione e adattamento in edilizia e in urbanistica?

I cambiamenti climatici non costituiscono, ormai, solo argomento di dibattiti teorici, ma si manifestano con una evidenza le cui conseguenze, che si sommano a quelle derivate dalla crisi pandemica, producono effetti negativi sia nei confronti della salute umana sia nella gestione del territorio. Si rende quindi necessario affrontare il problema, non solo con politiche di contrasto ma anche con il ricorso a politiche di prevenzione delle conseguenze negative sulla salute umana (dovute, in particolare, alle ondate di calore) e di adattamento agli effetti sul territorio (siccità, inondazioni, incendi). L’articolo si occupa degli aspetti di prevenzione e adattamento, cercando di analiz-zare le misure che possono essere adottate in edilizia e in urbanistica.
A cura di:
  • Roberto Gallia

Le indagini documentali nella Due Diligence immobiliare

L’indagine rappresenta il “verbo” della Due Diligence immobiliare. Saper condurre un’indagine è un’attività, infatti, assolutamente basilare, che può essere esiziale se condotta superficialmente. L’indagine serve a svelare gli aspetti non immediatamente percepibili a un primo approccio con il bene immobiliare oggetto di un eventuale investimento, ma non solo, serve anche a prevedere conseguenze economiche rispetto ad alcune potenziali “scelte”. L’indagine nella Due Diligence immobiliare, e la capacità di condurla correttamente, costituiscono l’impalcato fondamentale della prestazione professionale.
A cura di:
  • Graziano Castello

Il comfort indoor, strumenti legislativi: panorama legislativo internazionale e nazionale

Già da qualche decennio si parla di IEQ (Indoor Environmental Quality) con particolare attenzione sulla salubrità dell’ambiente costruito e alla sua possibile influenza sulla sostenibilità ambientale. Tale interesse si è riversato per lo più sulla qualità dei prodotti e delle tecnologie dell’edilizia, incentrando la questione sulle prestazioni di essi e sugli effetti ambientali che essi generano.
A cura di:
  • Elvira Nicolini
  • Edilizia e immobili
  • Mutui e finanziamenti immobiliari
  • Catasto e registri immobiliari

Nuovi spazi professionali, codifica e compensi della Due diligence immobiliare

Le professioni tecniche hanno l’impellente necessità di allargare il proprio intervento competente ad altri fasi del processo produttivo del bene immobiliare, ciò per consentire di allargare notevolmente lo spazio d’azione e di evitare così, ingorghi professionali e concorrenza agguerrita; circostanza che porta inevitabilmente a far soccombere le realtà professionali più piccole, le quali significativamente non coincidono quasi mai con situazioni di minore capacità prestazionale, ma più semplicemente con minore capacità relazionale sul mercato o, peggio, economica di base. La Due Diligence Immobiliare (ovviamente insieme ad altre nuove competenze) rappresenta, rispetto a tale scenario, un’occasione unica e irripetibile per sapersi proporre come soggetto first mover in tali nuove fasi del processo.
A cura di:
  • Graziano Castello

L’economia circolare tra rifiuti e risorse

Il settore edilizio in Europa comporta il consumo del 50% di materie prime vergini e del 35% di energia, oltre alla produzione del 36% di rifiuti, cifre che testimoniano la pesante impronta ambientale del comparto. Il ricorso a procedure legate all’edilizia circolare, che consentono di trasformare gli scarti in risorse, è la strada da percorrere per restringere l’ampio margine di miglioramento. I concetti chiave da applicare in questo senso sono la prevenzione della produzione di rifiuti, ed eventualmente il loro riuso e riciclo, l’impiego di sistemi a secco per agevolare operazioni di demolizione programmata e l’allungamento della vita utile dei componenti.
A cura di:
  • Beatrice Spirandelli

Dalle Aziende

  • Edilizia e immobili
  • Edilizia residenziale
  • Edilizia scolastica
  • Impianti sportivi
  • Locali di pubblico spettacolo
  • Edifici di culto
  • Edilizia penitenziaria
  • Condominio
  • Alberghi e strutture ricettive

La palestra per arrampicata a Škofja Loka avvolta in Scandole Prefa

Nel bel mezzo dell’idillica e romantica campagna slovena vicino a Škofja Loka, vicino al paese di Pevno, gli architetti dello studio ARHITEKTURA PETERNEL hanno costruito una palestra per praticare l’arrampicata boulder, rivestita in scandole e doghe metalliche colore antracite. L’edificio singolare ed armonico, presenta un design moderno ma ispirato ai tradizionali kozolec, i fienili che sono diventati oggi simboli architettonici della Slovenia rurale.
  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Certificazione energetica

Deumidificazione della muratura nell'Accademia di Arte e Vita a Breno (BS)

Il progetto è stato veramente appropriato, ma esso, per concretizzarsi ha dovuto superare alcuni scogli, dato che l’edificio doveva essere ristrutturato, ampliato e portato a norma secondo le leggi vigenti.
  • Costruzioni
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Informatica
  • Norme tecniche

Soft.Lab presenta "Stati generali del cemento armato" in diretta streaming

A partire dal 20 settembre, ogni martedì alle 16:00, quattro webinar gratuiti con i proff. Ingg. Pecce, Nunziata, Petti e De Matteis.
  • Informatica

Decreto Costi Massimi per Ecobonus e Riqualificazioni

La soluzione Blumatica che soddisfa tutti i professionisti! Blumatica ha ideato una soluzione software per calcolare in modo puntuale le detrazioni fiscali per tutti i bonus in edilizia.
  • Informatica
  • Edilizia e immobili

SOS prezzario infrannuale per i Lavori Pubblici? Gestiscilo con SUITE MOSAICO 19.0

SUITE MOSAICO è il pacchetto multi-software per la Progettazione, Costruzione e Manutenzione Edilizia. Nell’ultima versione, la 19.0, abbiamo integrato delle funzioni ad hoc per la gestione del Decreto Aiuti 50/22 convertito in Legge 91. In particolare, le nuove funzioni permettono di adeguare i tuoi progetti e la tua contabilità ai nuovi prezzari infrannuali.
  • Informatica

Digitalizzazione di processo e innovazioni tecnologiche nelle costruzioni

Le potenzialità delle piattaforme openBIM per migliorare il lavoro del professionista nel settore delle costruzioni.
  • Costruzioni
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Norme tecniche

Il monitoraggio strutturale

La definizione del Piano di Monitoraggio.
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico
  • Fonti alternative

CHINT WCP-2 Stazione di ricarica a parete per veicoli elettrici con lettore RFID card

Compatta, dal design accattivante e dal profilo tecnologico avanzato: è CHINT WCP-2, stazione di ricarica a parete di modo 3 di nuova generazione dotata di lettore RFID card per l’abilitazione all’uso.