FAST FIND : CM1319

Superbonus e sistema a cappotto per la transizione ecologica dell’edilizia italiana

Cortexa presenta i 5 principali motivi per cui Superbonus 110% e Sistema a Cappotto rappresentano la più efficace soluzione per la transizione ecologica dell’edilizia italiana.
CONSORZIO CORTEXA

Cortexa, il progetto associativo di riferimento per il Sistema a Cappotto in Italia, impegnato dal 2007 nel diffondere la cultura della qualità del costruito mediante l’efficientamento energetico degli edifici, si pronuncia a favore del Superbonus, illustrando i principali motivi per i quali questa misura – se stabilizzata e opportunamente legata a rigorosi criteri di qualità - rappresenti la più efficace strada verso la transizione ecologica dell’edilizia italiana.

1. Sistema a Cappotto: la via più efficace per il risparmio energetico in edilizia e la riduzione dell’inquinamento ambientale
L’unica energia veramente sostenibile è quella che viene risparmiata. Vi è una relazione diretta tra edifici dall’involucro molto disperdente e quantità di energia necessaria per riscaldarli e raffrescarli, così come tra il consumo di energia e l’inquinamento atmosferico. Gli edifici italiani sono infatti responsabili del 40% dei consumi totali di energia. Le strategie per ridurre questo impatto sono svariate. La transizione da fonti di energia tradizionali a fonti di energia rinnovabili è solo apparentemente una soluzione, in quanto si cambia la tipologia di fonte energetica ma non si riduce lo spreco della stessa. Nel caso degli edifici, l’unica strategia risolutiva consiste nell’eliminazione del problema alla radice: applicando il Sistema a Cappotto si riducono in maniera definitiva il fabbisogno energetico e le conseguenti emissioni inquinanti. Incrementare l’efficienza energetica degli edifici è un requisito imprescindibile per il raggiungimento degli obiettivi di risparmio energetico e riduzione delle emissioni fissati per il 2030 e 2050 e il Sistema a Cappotto è il protagonista di questa transizione.



Conseguenze per il clima del consumo di energia (litri di gasolio o metri cubi di metano; situazione tedesca); emissione di CO2 per m3 di edificio e per anno.


2. Impatto benefico del Superbonus sull’economia
Il Superbonus non è un costo ma un investimento nella crescita del Paese. Una spesa per Superbonus 110% di 9 miliardi di euro attiva nel sistema economico un livello di produzione di più del doppio, per effetti moltiplicativi e per il coinvolgimento di un numero ampio di comparti dell’indotto delle costruzioni. Tale spesa in Superbonus contribuirebbe inoltre alla formazione di poco più di 12 miliardi di PIL e coinvolgerebbe almeno 153.000 unità di lavoro [1].
Le abitazioni ad elevata efficienza energetica, inoltre, valgono di più e si vendono prima [2] : gli immobili nelle classi di consumo da A a D valgono in media il 12% in più rispetto agli immobili energivori e si vendono molto prima, con tempi di vendita del 18% inferiori rispetto agli immobili in altre classi di consumo. L’efficientamento energetico degli edifici contribuisce quindi a risolvere anche il tema degli immobili invenduti, sfitti e disabitati e il problema dell’eccessivo consumo di suolo per le nuove abitazioni.

3. Contributo di Sistema a Cappotto e Superbonus alla transizione ecologica italiana
Superbonus per combattere le problematiche legate a dipendenza e povertà energetica. In base ad una analisi effettivamente condotta in Italia su cantieri condominiali di efficientamento energetico realizzati con Superbonus 110% e Sistema a Cappotto, si evidenziano fortissimi benefici anche a livello ambientale. Lo provano i dati di interventi realizzati su 181 condomini e 7.322 unità immobiliari [3] :

  • Abbattimento fabbisogno energetico medio: 53%
  • Salti di classe energetica: 3
  • Risparmio energetico medio: 46%
  • Risparmio emissioni di CO2 medio: 51%


Il tema del risparmio energetico, inoltre, nei tempi di guerra che stiamo attraversando, caratterizzati da un inasprimento dei problemi di dipendenza e povertà energetica, diventa una leva strategica per il futuro del paese e non solo dell’edilizia.

4. Contributo di Sistema a Cappotto e Superbonus per la salute degli italiani e per la riduzione dei costi sanitari per lo Stato
La riqualificazione energetica migliora le condizioni di salute e la produttività dei cittadini. Mai come durante la pandemia ci si è resi conto di quanto il comfort abitativo sia importante e impatti sulla nostra salute fisica e mentale. Una casa isolata con Sistema a Cappotto garantisce una temperatura costante durante tutto l’anno e un clima interno migliore, prevenendo problematiche alle vie respiratorie e reazioni allergiche a muffe e condense. I benefici si estendono inoltre a una riduzione delle spese sanitarie dello Stato. Si stima che [4] , eseguendo una riqualificazione degli edifici europei che ponga al centro ambiente e persone, si otterrebbero i seguenti risultati:

  • Edifici produttivi e uffici:

- + 12% produttività dei lavoratori
- Incremento PIL europeo: + 500 miliardi

  • Ospedali:

- Riduzione dei tempi di ricovero dell’11%
- Risparmio di 45 miliardi di spese sanitarie

  • Edifici residenziali, esempi delle conseguenze della riqualificazione o della mancata riqualificazione energetica:

- Spagna: riqualificare 1,5 milioni di abitazioni che versano in condizioni di povertà energetica farebbe risparmiare 555 milioni alle finanze pubbliche;
- Francia: l’inefficienza energetica degli edifici causa spese mediche per 930 milioni / anno e costi indiretti (assenza dal lavoro…) per 20 miliardi / anno.

Il Superbonus 110% rappresenta un contributo fondamentale per intervenire in modo incisivo sulla situazione precaria del patrimonio immobiliare italiano.
 

5. Superbonus: un’opportunità per migliorare la sicurezza e la qualità del costruito in Italia
Senza incentivi non vengono effettuati interventi sul patrimonio edilizio esistente, obsoleto, energivoro e poco sicuro. Manifestazioni climatiche e sismiche sempre più inaspettate e violente hanno messo completamente a nudo negli ultimi anni la fragilità del territorio e del costruito italiano. Interventi effettuati secondo rigorosi criteri di qualità possono contribuire non solo al risparmio energetico e alla riduzione dell’inquinamento, bensì anche alla sicurezza degli edifici e di chi li abita.

Superbonus: una misura da stabilizzare, legandola a criteri di qualità certi e verificabili
Perché tutti gli obiettivi elencati nei 5 punti siano raggiungibili, Cortexa lancia un appello al Governo e ai ministri competenti affinché la misura del Superbonus venga stabilizzata, prevedendo un controllo rigoroso della qualità:
a. dei materiali impiegati: nel caso dei Sistemi a Capotto si deve trattare di kit dotati di certificazione ETA e marcatura CE;
b. dei progettisti: la strategia di controllo di qualità degli interventi non dovrebbe prevedere solo sanzioni, ma delle attività formative e di certificazione delle competenze specifiche, per identificare e premiare i progettisti competenti ed esperti in materia;
c. degli applicatori: in tema di applicazione del Sistema a Cappotto, ad esempio, per garantire una maggiore qualità sarebbe sufficiente richiedere che le competenze dell’applicatore siano certificate secondo la norma UNI:11716 del 2018, fortemente voluta da Cortexa. A fronte di oltre 45.000 imprese di costruzione fondate ex novo negli ultimi due anni sulla scia del Superbonus 110%, sono solo 8.951 gli applicatori specializzati nella posa di Sistemi a Cappotto [5] che hanno volontariamente certificato le loro competenze secondo la norma UNI:11716 dal 2018. Cortexa e le aziende associate contribuiscono sin dal 2007 alla formazione di queste figure;
d. dei risultati: gli interventi che conducono a un risparmio maggiore devono godere di un incentivo maggiore.

Affinché sia possibile raggiungere gli obiettivi di riqualificazione, risparmio energetico e riduzione delle emissioni senza rinunciare alla qualità, è necessario quindi legare a concreti requisiti di qualità e stabilizzare la misura del Superbonus, prevedendone la validità in un raggio temporale sufficientemente lungo per permettere alla filiera di esprimere tutte le migliori qualità.
 

Cortexa è un progetto associativo nato nel 2007 e riferimento italiano per il Sistema di Isolamento a Cappotto.
Riunisce le più importanti aziende del settore dell’Isolamento a Cappotto in Italia, aziende che hanno creduto nella forza di un percorso comune e che condividono la stessa filosofia di attenzione e priorità per la qualità del costruire nel rispetto dell’ambiente. Dal 2007 Cortexa, con il suo “Manuale per l’Applicazione del Sistema a Cappotto” e numerosi progetti e iniziative di informazione e formazione, diffonde e condivide la cultura dell’isolamento a cappotto e dell’edilizia di qualità.

Cortexa è socio fondatore di EAE, l'associazione Europea di Produttori di Sistemi a Cappotto.

 

Note
[1] “L’impatto sociale ed economico dei Superbonus 110% per la ristrutturazione degli immobili: stime e scenari“, CNI, 2021

[2] Studio sull’andamento del mercato immobiliare, Immobiliare.it, dati 2015

[3]“Le opportunità della riqualificazione energetica – i numeri di una politica fiscale che guarda al futuro”, Gabetti Property Solutions, Q1 2022

[4] “Building Renovation: a kickstarter for EU economy”, Renovate Europe, 2022.

[5] Fonte: Accredia 

 


Consorzio Cortexa
Sede legale: Galleria Gerace Giovan Battista 7/15
56124 Pisa (PI)

www.cortexa.it
 

Dalla redazione

  • Catasto e registri immobiliari
  • Edilizia e immobili
  • Mutui e finanziamenti immobiliari

Nuovi spazi professionali, codifica e compensi della Due diligence immobiliare

Le professioni tecniche hanno l’impellente necessità di allargare il proprio intervento competente ad altri fasi del processo produttivo del bene immobiliare, ciò per consentire di allargare notevolmente lo spazio d’azione e di evitare così, ingorghi professionali e concorrenza agguerrita; circostanza che porta inevitabilmente a far soccombere le realtà professionali più piccole, le quali significativamente non coincidono quasi mai con situazioni di minore capacità prestazionale, ma più semplicemente con minore capacità relazionale sul mercato o, peggio, economica di base. La Due Diligence Immobiliare (ovviamente insieme ad altre nuove competenze) rappresenta, rispetto a tale scenario, un’occasione unica e irripetibile per sapersi proporre come soggetto first mover in tali nuove fasi del processo.
A cura di:
  • Graziano Castello

L’economia circolare tra rifiuti e risorse

Il settore edilizio in Europa comporta il consumo del 50% di materie prime vergini e del 35% di energia, oltre alla produzione del 36% di rifiuti, cifre che testimoniano la pesante impronta ambientale del comparto. Il ricorso a procedure legate all’edilizia circolare, che consentono di trasformare gli scarti in risorse, è la strada da percorrere per restringere l’ampio margine di miglioramento. I concetti chiave da applicare in questo senso sono la prevenzione della produzione di rifiuti, ed eventualmente il loro riuso e riciclo, l’impiego di sistemi a secco per agevolare operazioni di demolizione programmata e l’allungamento della vita utile dei componenti.
A cura di:
  • Beatrice Spirandelli

Gli impianti di ventilazione meccanica controllata e il loro uso contro il contagio aereo: caso-studio di un’aula scolastica

Per gli edifici moderni e costruiti secondo le regole impiantistiche recenti i problemi di intervento anti-contagio aereo sono semplici e ridotti essendo verificato il primo requisito di sicurezza: avere un numero di ricambi d’aria elevato e conforme alla norma UNI 10339. I problemi maggiori degli interventi di prevenzione del rischio da contagio sorgono quando la ventilazione con aria esterna è assente o è affidata alla ventilazione naturale, quando si hanno problemi architettonici o tipologie edilizie che non consentono interventi di inserimento di nuovi impianti che non permettono di installare controsoffitti, assenza di spazi tecnici per il passaggio dei canali di distribuzione dell’aria o per la posa di nuove macchine (UTA o VMC).
A cura di:
  • Giuliano Cammarata

Sistemi integrati di produzione energetica da fonti rinnovabili

Il settore elettrico italiano sta progredendo molto rapidamente nell'ambito di una ampia transizione energetica legata al raggiungimento di obiettivi di sostenibilità e sicurezza. Gli elementi più significativi del nuovo modello sono le energie da fonte rinnovabile, da integrare e gestire, con il fine di migliorare l’efficientamento energetico degli edifici.
A cura di:
  • Giuseppe Piras
  • Elisa Pennacchia

Sistemi passivi per il guadagno termico solare negli edifici: caratteristiche costitutive e di funzionamento

I sistemi solari passivi sono tecnologie che, unitamente ad accorgimenti costruttivi, consentono di utilizzare l’energia solare ai fini di realizzare ottimali condizioni di comfort ambientale negli ambienti, assorbendo, distribuendo e mantenendo il calore all’interno degli edifici durante il periodo invernale.
A cura di:
  • Domenico D'Olimpio

Dalle Aziende

  • Edilizia e immobili
  • Edifici di culto
  • Edilizia penitenziaria
  • Edilizia residenziale
  • Edilizia scolastica
  • Impianti sportivi
  • Locali di pubblico spettacolo
  • Condominio
  • Alberghi e strutture ricettive

Il sistema completo PREFA per la ristrutturazione di una villetta ad Alpago

Per rinnovare l’estetica e la funzionalità dell’involucro di una villetta ad Alpago sono stati scelti i rivestimenti PREFA. L’opera si è avvalsa di numerose soluzioni della gamma PREFA, che ha risposto alle esigenze progettuali e di posa con funzionalità e un tocco estetico inconfondibile.
  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Novità in casa Actis per il mercato italiano

Actis, da sempre attenta alle richieste e necessità dei suoi clienti e partners, lancia sul mercato italiano l’evoluzione degli isolanti termoriflettenti TRiso Toiture, Triso HYbrid e Boost'R Hybrid.
  • Informatica

Edificius usBIM, una versione da 10 e lode

ACCA presenta la nuova versione di Edificius con oltre 10 strabilianti novità: dal Path Tracing all’integrazione con il tool per il dimensionamento delle reti gas. Scoprile tutte.
  • Edilizia e immobili

Nasce YTONG BASE G100: il nuovo intonaco per interni a base calce-gesso

Il sistema costruttivo Ytong si arricchisce di un nuovo prodotto per la finitura delle superfici interne: l’intonaco per interni Ytong BASE G100 a base calce-gesso, ideale per rivestimenti tipo malta fine (senza cemento) o a base gesso.
  • Informatica

Fatturazione elettronica forfettari: procedura di compilazione, inserimento bollo virtuale e sanzioni

Chiarimenti in merito al nuovo obbligo di fatturazione elettronica per tutti i contribuenti anche in regime di vantaggio.
  • Condominio
  • Edilizia scolastica
  • Impianti sportivi
  • Locali di pubblico spettacolo
  • Edilizia residenziale
  • Edifici di culto
  • Edilizia penitenziaria
  • Edilizia e immobili
  • Alberghi e strutture ricettive

Scaglie in alluminio naturale sul fiordo Hardangerfjord

Dopo un lungo periodo di realizzazione, gli abitanti di Øystese (NO) possono godere del lucente argenteo Hardangerbadet Healthcare Center, progettato da Anne R. Bøthun e Sonja Fastenrath di LINK Arkitektur.
  • Informatica

Sismicad e i suoi pacchetti

Siamo felici di comunicare l’uscita dei nuovi aggiornamenti. Concrete: le nuove versioni dei software che fanno parte della distribuzione 2022A.
  • Informatica
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Norme tecniche

ACR Win e Superbonus 110

Il modulo Superbonus 110 del software ACR Win consente di controllare i massimali di spesa per tutte le tipologie di interventi, con incentivi fiscali, previsti dalla norma.