FAST FIND : CM1316

Superbonus 110% con gli isolanti termoriflettenti Actis conformi ai CAM

Utilizzare i sistemi isolanti Actis per coibentare un appartamento o un edificio permette di accedere agli incentivi del Superbonus 110%. Gli isolanti termoriflettenti Actis, infatti, contengono elevate percentuali di materiale riciclato conforme ai CAM (Criteri Ambientali Minimi) e sono a loro volta riciclabili.
ACTIS S.A.

Per beneficiare dell’Ecobonus 110% (Superbonus 110%) le imprese di costruzione a cui sono stati affidati lavori di costruzione, ristrutturazione e manutenzione devono considerare i Criteri Ambientali Minimi (CAM). Entrati in vigore con il Decreto Ministeriale 11/10/2017 stabiliscono i requisiti necessari per poter accedere agli incentivi fiscali. L’obiettivo dei Criteri Ambientali Minimi è quello di rendere più sostenibile ed efficiente sotto il profilo energetico il settore delle costruzioni assicurando prestazioni ambientali al di sopra della media attraverso la razionalizzazione dei consumi.
L’entrata in vigore dei nuovi Criteri Ambientali Minimi ha reso più selettiva la scelta dei materiali da impiegare; tra questi nel mondo degli isolanti spiccano le soluzioni termoriflettenti Actis che contengono una percentuale di materiali riciclati conforme ai CAM. Per questo motivo utilizzare gli isolanti termoriflettenti Actis nella realizzazione di interventi di isolamento e di coibentazione permette di accedere agli incentivi dell’Ecobonus 110% introdotto dal Decreto Rilancio.
 

 

Gli edifici e il settore delle costruzioni sono responsabili del consumo del 36% dell’energia globale e del 39% delle emissioni relative di CO2. Per favorire la riduzione degli impatti negativi sull’ambiente naturale oltre al mettere in atto azioni volte alla riduzione dei consumi energetici il mondo delle costruzioni deve partire dalla scelta di materiali sostenibili e riciclabili.
Per Actis è molto importante ridurre al minimo gli sprechi e proteggere le risorse naturali attraverso il riciclo, e per questo motivo sostiene la strategia dell'UE per un'economia circolare: i sistemi isolanti Actis sono realizzati in maniera totalmente ecosostenibili e sono a loro volta riciclabili. L’isolante termoriflettente HYBRIS ha anche ottenuto la certificazione “Cradle to Cradle”, un attestato riconosciuto in ambito internazionale sull’utilizzo di materiali ecosostenibili, salubri e riutilizzabili. La certificazione Cradle to Cradle Certified attesta la sostenibilità dei prodotti lungo l’intero ciclo di vita e l’isolante termoriflettente HYBRIS di Actis grazie alla sua eccezionale durata, rimane in un edificio per decenni fino a quando, senza perdere la qualità che lo contraddistingue, può essere riciclato e disassemblato per essere reimmesso nel circuito di riciclo e realizzare nuovi prodotti a partire dalle sue componenti.
Per ottenere la certificazione, il prodotto deve soddisfare criteri rigorosi in cinque categorie relative alla salute e alla tutela dell’ambiente. Il punteggio totale ottenuto dalla gamma HYBRIS di Actis è stato “Bronze”. Questo importante riconoscimento testimonia l’impegno dell’azienda non solo su singoli fattori come le emissioni di CO2, ma anche e soprattutto sulla ricerca e sullo sviluppo di prodotti ecosostenibili in tutto il loro ciclo di vita, proprio come previsto anche dal Cradle to Cradle Products Innovation Institute, fornendo così un contributo proattivo all’edilizia sostenibile.
 

Attiva da oltre quarant’anni, l’azienda francese Actis produce, progetta e commercializza sistemi isolanti termoriflettenti, materiali innovativi e a basso spessore che possono essere impiegati per qualsiasi applicazione di isolamento termoacustico nelle costruzioni. Gli isolanti termoriflettenti sono materiali dall’elevato potere isolante per la coibentazione di edifici che permettono di raggiungere un livello elevato di efficienza energetica e di comfort abitativo, riducendo al minimo l’impatto ambientale.

 

Per informazioni:

Ufficio Stampa KESSEL
Giacomo Galli
cell. 3333701412 | tel. 02-87399276
giacomo.galli@sillabariopress.it

 

 

ACTIS S.A.
30, Avenue de Catalogne
11 300 LIMOUX
FRANCE

 

Ufficio commerciale :
IT : 00 39 338 185 10 98
FR : 00 33 685 761 026

Assistenza tecnica :
IT : 00 39 338 185 10 98
FR : 00 33 685 761 026

Fax :
00 33 157 672 014
 

Dalla redazione

  • Catasto e registri immobiliari
  • Edilizia e immobili
  • Mutui e finanziamenti immobiliari

Nuovi spazi professionali, codifica e compensi della Due diligence immobiliare

Le professioni tecniche hanno l’impellente necessità di allargare il proprio intervento competente ad altri fasi del processo produttivo del bene immobiliare, ciò per consentire di allargare notevolmente lo spazio d’azione e di evitare così, ingorghi professionali e concorrenza agguerrita; circostanza che porta inevitabilmente a far soccombere le realtà professionali più piccole, le quali significativamente non coincidono quasi mai con situazioni di minore capacità prestazionale, ma più semplicemente con minore capacità relazionale sul mercato o, peggio, economica di base. La Due Diligence Immobiliare (ovviamente insieme ad altre nuove competenze) rappresenta, rispetto a tale scenario, un’occasione unica e irripetibile per sapersi proporre come soggetto first mover in tali nuove fasi del processo.
A cura di:
  • Graziano Castello

L’economia circolare tra rifiuti e risorse

Il settore edilizio in Europa comporta il consumo del 50% di materie prime vergini e del 35% di energia, oltre alla produzione del 36% di rifiuti, cifre che testimoniano la pesante impronta ambientale del comparto. Il ricorso a procedure legate all’edilizia circolare, che consentono di trasformare gli scarti in risorse, è la strada da percorrere per restringere l’ampio margine di miglioramento. I concetti chiave da applicare in questo senso sono la prevenzione della produzione di rifiuti, ed eventualmente il loro riuso e riciclo, l’impiego di sistemi a secco per agevolare operazioni di demolizione programmata e l’allungamento della vita utile dei componenti.
A cura di:
  • Beatrice Spirandelli

Gli impianti di ventilazione meccanica controllata e il loro uso contro il contagio aereo: caso-studio di un’aula scolastica

Per gli edifici moderni e costruiti secondo le regole impiantistiche recenti i problemi di intervento anti-contagio aereo sono semplici e ridotti essendo verificato il primo requisito di sicurezza: avere un numero di ricambi d’aria elevato e conforme alla norma UNI 10339. I problemi maggiori degli interventi di prevenzione del rischio da contagio sorgono quando la ventilazione con aria esterna è assente o è affidata alla ventilazione naturale, quando si hanno problemi architettonici o tipologie edilizie che non consentono interventi di inserimento di nuovi impianti che non permettono di installare controsoffitti, assenza di spazi tecnici per il passaggio dei canali di distribuzione dell’aria o per la posa di nuove macchine (UTA o VMC).
A cura di:
  • Giuliano Cammarata

Sistemi integrati di produzione energetica da fonti rinnovabili

Il settore elettrico italiano sta progredendo molto rapidamente nell'ambito di una ampia transizione energetica legata al raggiungimento di obiettivi di sostenibilità e sicurezza. Gli elementi più significativi del nuovo modello sono le energie da fonte rinnovabile, da integrare e gestire, con il fine di migliorare l’efficientamento energetico degli edifici.
A cura di:
  • Giuseppe Piras
  • Elisa Pennacchia

Sistemi passivi per il guadagno termico solare negli edifici: caratteristiche costitutive e di funzionamento

I sistemi solari passivi sono tecnologie che, unitamente ad accorgimenti costruttivi, consentono di utilizzare l’energia solare ai fini di realizzare ottimali condizioni di comfort ambientale negli ambienti, assorbendo, distribuendo e mantenendo il calore all’interno degli edifici durante il periodo invernale.
A cura di:
  • Domenico D'Olimpio

Dalle Aziende

  • Edilizia e immobili
  • Edifici di culto
  • Edilizia penitenziaria
  • Edilizia residenziale
  • Edilizia scolastica
  • Impianti sportivi
  • Locali di pubblico spettacolo
  • Condominio
  • Alberghi e strutture ricettive

Il sistema completo PREFA per la ristrutturazione di una villetta ad Alpago

Per rinnovare l’estetica e la funzionalità dell’involucro di una villetta ad Alpago sono stati scelti i rivestimenti PREFA. L’opera si è avvalsa di numerose soluzioni della gamma PREFA, che ha risposto alle esigenze progettuali e di posa con funzionalità e un tocco estetico inconfondibile.
  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Novità in casa Actis per il mercato italiano

Actis, da sempre attenta alle richieste e necessità dei suoi clienti e partners, lancia sul mercato italiano l’evoluzione degli isolanti termoriflettenti TRiso Toiture, Triso HYbrid e Boost'R Hybrid.
  • Informatica

Edificius usBIM, una versione da 10 e lode

ACCA presenta la nuova versione di Edificius con oltre 10 strabilianti novità: dal Path Tracing all’integrazione con il tool per il dimensionamento delle reti gas. Scoprile tutte.
  • Edilizia e immobili

Nasce YTONG BASE G100: il nuovo intonaco per interni a base calce-gesso

Il sistema costruttivo Ytong si arricchisce di un nuovo prodotto per la finitura delle superfici interne: l’intonaco per interni Ytong BASE G100 a base calce-gesso, ideale per rivestimenti tipo malta fine (senza cemento) o a base gesso.
  • Informatica

Fatturazione elettronica forfettari: procedura di compilazione, inserimento bollo virtuale e sanzioni

Chiarimenti in merito al nuovo obbligo di fatturazione elettronica per tutti i contribuenti anche in regime di vantaggio.
  • Condominio
  • Edilizia scolastica
  • Impianti sportivi
  • Locali di pubblico spettacolo
  • Edilizia residenziale
  • Edifici di culto
  • Edilizia penitenziaria
  • Edilizia e immobili
  • Alberghi e strutture ricettive

Scaglie in alluminio naturale sul fiordo Hardangerfjord

Dopo un lungo periodo di realizzazione, gli abitanti di Øystese (NO) possono godere del lucente argenteo Hardangerbadet Healthcare Center, progettato da Anne R. Bøthun e Sonja Fastenrath di LINK Arkitektur.
  • Informatica

Sismicad e i suoi pacchetti

Siamo felici di comunicare l’uscita dei nuovi aggiornamenti. Concrete: le nuove versioni dei software che fanno parte della distribuzione 2022A.
  • Informatica
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Norme tecniche

ACR Win e Superbonus 110

Il modulo Superbonus 110 del software ACR Win consente di controllare i massimali di spesa per tutte le tipologie di interventi, con incentivi fiscali, previsti dalla norma.