FAST FIND : CM1313

Isolamento verticale: fattibilità e limitazioni. La verità sulla ristrutturazione degli edifici

I vecchi edifici hanno spesso grossi problemi nelle cantine: pareti umide, odore sgradevole di muffa, danni all’intonaco, oggetti ammuffiti, presenza di muffa sul legno e molto altro. Uno scavo laterale eseguito esternamente al muro perimetrale della cantina e un nuovo isolamento verticale di solito non risolvono il problema dell’umidità nei muri.
AQUAPOL LIAISON WEST EUROPE

Perché un nuovo isolamento verticale esterno spesso non risolve il problema dell'umidità dei muri di vecchi edifici? Qual è la soluzione di cui non si tiene conto in questi casi? Che cosa è spesso ignorato?
Qual è esattamente la differenza tra una barriera contro l’umidità orizzontale e verticale? È sempre possibile determinare se tale barriera orizzontale o verticale, stia funzionando?
Un ripristino dell’isolamento verticale è utile e consigliabile solo se l’isolamento orizzontale contro l’umidità, realizzato sotto la muratura con carta catramata, strato di bitume, ecc. è assolutamente impermeabile. Tuttavia, la pratica edilizia ha seguito il contrario negli edifici con un’età tra i 30 e i 50 anni, come chiaramente mostrato nella Figura 1.

Figura 1: L’umidità del suolo penetra e risale nella muratura porosa che presenta una guaina orizzontale o verticale danneggiata. Evapora dalla parte superiore della zona di evaporazione del muro, all’interno della cantina.
 

3 CASI DI VECCHIE COSTRUZIONI (PARZIALMENTE) INTERRATE
CASO 1 – BARRIERA ORIZZONTALE DIFFETTOSA
Isolamento verticale intatto - guaine orizzontali danneggiate
Il muro esterno della cantina è a contatto diretto con la terra (1) e le pareti intermedie (2) mostrano sintomi di umidità di risalita come ad esempio scolorimento della pittura, distaccamento e scrostamento dell’intonaco, efflorescenze saline, odore di muffa, umidità elevata e simile.
Il muro esterno mostra un livello di umidità più elevato rispetto a quello delle pareti intermedie. (Figura 2)
 


(Principale caratteristica del Caso 1: differenti altezze di umidità)

CASO 2 – BARRIERA VERTICALE DIFETTOSA
Isolamento verticale difettoso ­ guaina orizzontale intatta.
Solo i muri interrati esterni a diretto contatto con la terra (1) mostrano i sintomi della presenza d’umidità di risalita (come nel caso 1) ed una penetrazione d’umidità laterale. L’umidità risale a volte fino al soffitto del seminterrato ed ai piani superiori.
Le pareti intermedie (2) sono completamente asciutte. (Figura 3)


(Caratteristica principale del Caso 2: pareti divisorie e muri interni portanti asciutti)

 

CASO 3 – IL CASO PIU’ COMUNE
Isolamento verticale e orizzontale difettoso.
I muri esterni della cantina a contatto diretto con la terra (1) e le pareti intermedie della cantina (2) mostrano sintomi di umidità di risalita e di umidità laterale. L’altezza dell’umidità di risalita nel muro esterno è molto superiore a quella delle pareti intermedie. L’umidità risale fino al soffitto del seminterrato e spesso sopra di esso e giunge alla fine a distruggere il materiale di costruzione dell’edificio. (Figura 4).


  

(Caso 3: il caso più comune nella pratica costruttiva! Solamente uno scavo e un nuovo isolamento verticale non risolvono il problema dell’indesiderata umidità nei muri) 

In tutti i tre casi sopra menzionati non si nota alcun peggioramento di umidità presente nei muri a seguito di precipitazioni intense (cioè non consideriamo alcun effetto dovuto a una pressione temporanea dell’acqua).

 

LA DESCRIZIONE DEI SINTOMI DI UN ISOLAMENTO DIFFETTOSO NEGLI EDIFICI CON DEI MURI CONTRO-TERRA
Nessuna guaina orizzontale (1)
Nei muri esterni e in quelli intermedi altezze d’umidità leggermente diverse (Figura 5), chiaramente visibili e/o rilevate con metodi di misurazione non invasivi. L’isolamento verticale è intatto

Nessun isolamento verticale (2)
La penetrazione dell’umidità è visibile o/e misurabile lungo il muro intermedio (3) adiacente al muro esterno. I muri esterni sono umidi. L’isolamento orizzontale è intatto.

 

COSA COMPORTA UN INTERVENTO DI SOSTITUZIONE DELL’ISOLAMENTO VERTICALE SUI MURI ESTERNI DI UNA CANTINA?
 
Immagine che contiene edificio, casaDescrizione generata automaticamente

Un rispristino dell’isolamento verticale della muratura esterna di una cantina è molto complesso. L’isolamento verticale dall’esterno non è solo molto costoso, ma è anche molto invasivo!

 

ISOLAMENTO VERTICALE E ORIZZONTALE NELLA PRATICA EDILIZIA CONVENZIONALE
I metodi convenzionali causano sempre molto rumore, sporcizia e presentano dei costi elevati – di solito sono garantiti per pochi anni. 

Per risolvere completamente il Caso 3, sarebbero quindi necessari 2 interventi.
1. Un nuovo isolamento verticale;
2. Un nuovo isolamento orizzontale.

I costi di tali interventi dipendono dalla profondità degli scavi e dalla tipologia d’intervento strutturale adottato. Si possono stimare all’incirca tra 800 € e 3.000 € al metro lineare.

 
 

Figura 6: per creare un nuovo isolamento verticale è necessario uno scavo laterale fino al bordo inferiore delle fondamenta della casa

Figura 7a: una nuova guaina orizzontale può essere realizzata meccanicamente, ad es. inserendo con un martello pneumatico delle lamiere di acciaio

figura 7b: l’isolamento può essere fatto ad esempio tramite iniezioni chimiche, riducendo così l’umidità che risale dal terreno

 

IL METODO AQUAPOL®: UNA SOLUZIONE ALTERNATIVA ED ALLO STESSO TEMPO INTELLIGENTE

Per risolvere il Caso 3 in modo ecologico, o almeno migliorarlo in modo significativo, è necessario solo un intelligente metodo energetico, come è stato dimostrato nella pratica edilizia sin dal 1985.

DIFFERENZE
• I costi per delle soluzioni alternative vanno da 100 € a 200 € a metro lineare – secondo l’area totale da trattare;
• I metodi convenzionali richiedono la rimozione immediata del vecchio intonaco. Risolvendo il problema con AQUAPOL® questo si rende necessario (completamente o parzialmente) solo dopo 6 o 12 mesi, se si desidera un muro completamente asciutto.

 
 


UN SUGGERIMENTO DA PARTE DEGLI ESPERTI
In pratica è spesso difficile determinare la quantità di ogni tipo di umidità (cioè penetrazione laterale e/o risalita capillare). Molti proprietari di casa afflitti dal problema cominciano quindi a ripristinare l’isolamento verticale per poi scoprire che il problema dell’umidità è rimasto insoluto.
Tuttavia, poiché in questo caso specifico sono richiesti due tipi di interventi, si consiglia innanzitutto di iniziare con AQUAPOL® per ridurre il contenuto dell’umidità di risalita; tale metodo non invasivo garantisce il prosciugamento dei muri intermedi.
Il contenuto d’umidità che penetra lateralmente nei muri esterni sarà ridotto ma non scomparirà del tutto. La maggior parte dei clienti è più che soddisfatta del risultato che si ottiene. Non c’è da meravigliarsi: evitano non solo di trasformare la propria casa
in un cantiere edile con tanta sporcizia e rumore, ma risparmiano soprattutto tanti soldi!

 


Ulteriori informazioni sul prodotto sono disponibili nel nostro manuale
AQUAPOL® e sul nostro sito web
www.aquapol.it
 



AQUAPOL LIAISON WEST EUROPE
33 Rue Grimaldi,
C/O Hades Business Center
98000 Monaco
T: +39 327 7760938
Numero verde: 800199771
info@aquapol.it | www.aquapol.it
 

Dalla redazione

  • Catasto e registri immobiliari
  • Edilizia e immobili
  • Mutui e finanziamenti immobiliari

Nuovi spazi professionali, codifica e compensi della Due diligence immobiliare

Le professioni tecniche hanno l’impellente necessità di allargare il proprio intervento competente ad altri fasi del processo produttivo del bene immobiliare, ciò per consentire di allargare notevolmente lo spazio d’azione e di evitare così, ingorghi professionali e concorrenza agguerrita; circostanza che porta inevitabilmente a far soccombere le realtà professionali più piccole, le quali significativamente non coincidono quasi mai con situazioni di minore capacità prestazionale, ma più semplicemente con minore capacità relazionale sul mercato o, peggio, economica di base. La Due Diligence Immobiliare (ovviamente insieme ad altre nuove competenze) rappresenta, rispetto a tale scenario, un’occasione unica e irripetibile per sapersi proporre come soggetto first mover in tali nuove fasi del processo.
A cura di:
  • Graziano Castello

L’economia circolare tra rifiuti e risorse

Il settore edilizio in Europa comporta il consumo del 50% di materie prime vergini e del 35% di energia, oltre alla produzione del 36% di rifiuti, cifre che testimoniano la pesante impronta ambientale del comparto. Il ricorso a procedure legate all’edilizia circolare, che consentono di trasformare gli scarti in risorse, è la strada da percorrere per restringere l’ampio margine di miglioramento. I concetti chiave da applicare in questo senso sono la prevenzione della produzione di rifiuti, ed eventualmente il loro riuso e riciclo, l’impiego di sistemi a secco per agevolare operazioni di demolizione programmata e l’allungamento della vita utile dei componenti.
A cura di:
  • Beatrice Spirandelli

Gli impianti di ventilazione meccanica controllata e il loro uso contro il contagio aereo: caso-studio di un’aula scolastica

Per gli edifici moderni e costruiti secondo le regole impiantistiche recenti i problemi di intervento anti-contagio aereo sono semplici e ridotti essendo verificato il primo requisito di sicurezza: avere un numero di ricambi d’aria elevato e conforme alla norma UNI 10339. I problemi maggiori degli interventi di prevenzione del rischio da contagio sorgono quando la ventilazione con aria esterna è assente o è affidata alla ventilazione naturale, quando si hanno problemi architettonici o tipologie edilizie che non consentono interventi di inserimento di nuovi impianti che non permettono di installare controsoffitti, assenza di spazi tecnici per il passaggio dei canali di distribuzione dell’aria o per la posa di nuove macchine (UTA o VMC).
A cura di:
  • Giuliano Cammarata

Sistemi integrati di produzione energetica da fonti rinnovabili

Il settore elettrico italiano sta progredendo molto rapidamente nell'ambito di una ampia transizione energetica legata al raggiungimento di obiettivi di sostenibilità e sicurezza. Gli elementi più significativi del nuovo modello sono le energie da fonte rinnovabile, da integrare e gestire, con il fine di migliorare l’efficientamento energetico degli edifici.
A cura di:
  • Giuseppe Piras
  • Elisa Pennacchia

Sistemi passivi per il guadagno termico solare negli edifici: caratteristiche costitutive e di funzionamento

I sistemi solari passivi sono tecnologie che, unitamente ad accorgimenti costruttivi, consentono di utilizzare l’energia solare ai fini di realizzare ottimali condizioni di comfort ambientale negli ambienti, assorbendo, distribuendo e mantenendo il calore all’interno degli edifici durante il periodo invernale.
A cura di:
  • Domenico D'Olimpio

Dalle Aziende

  • Edilizia e immobili
  • Edifici di culto
  • Edilizia penitenziaria
  • Edilizia residenziale
  • Edilizia scolastica
  • Impianti sportivi
  • Locali di pubblico spettacolo
  • Condominio
  • Alberghi e strutture ricettive

Il sistema completo PREFA per la ristrutturazione di una villetta ad Alpago

Per rinnovare l’estetica e la funzionalità dell’involucro di una villetta ad Alpago sono stati scelti i rivestimenti PREFA. L’opera si è avvalsa di numerose soluzioni della gamma PREFA, che ha risposto alle esigenze progettuali e di posa con funzionalità e un tocco estetico inconfondibile.
  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Novità in casa Actis per il mercato italiano

Actis, da sempre attenta alle richieste e necessità dei suoi clienti e partners, lancia sul mercato italiano l’evoluzione degli isolanti termoriflettenti TRiso Toiture, Triso HYbrid e Boost'R Hybrid.
  • Informatica

Edificius usBIM, una versione da 10 e lode

ACCA presenta la nuova versione di Edificius con oltre 10 strabilianti novità: dal Path Tracing all’integrazione con il tool per il dimensionamento delle reti gas. Scoprile tutte.
  • Edilizia e immobili

Nasce YTONG BASE G100: il nuovo intonaco per interni a base calce-gesso

Il sistema costruttivo Ytong si arricchisce di un nuovo prodotto per la finitura delle superfici interne: l’intonaco per interni Ytong BASE G100 a base calce-gesso, ideale per rivestimenti tipo malta fine (senza cemento) o a base gesso.
  • Informatica

Fatturazione elettronica forfettari: procedura di compilazione, inserimento bollo virtuale e sanzioni

Chiarimenti in merito al nuovo obbligo di fatturazione elettronica per tutti i contribuenti anche in regime di vantaggio.
  • Condominio
  • Edilizia scolastica
  • Impianti sportivi
  • Locali di pubblico spettacolo
  • Edilizia residenziale
  • Edifici di culto
  • Edilizia penitenziaria
  • Edilizia e immobili
  • Alberghi e strutture ricettive

Scaglie in alluminio naturale sul fiordo Hardangerfjord

Dopo un lungo periodo di realizzazione, gli abitanti di Øystese (NO) possono godere del lucente argenteo Hardangerbadet Healthcare Center, progettato da Anne R. Bøthun e Sonja Fastenrath di LINK Arkitektur.
  • Informatica

Sismicad e i suoi pacchetti

Siamo felici di comunicare l’uscita dei nuovi aggiornamenti. Concrete: le nuove versioni dei software che fanno parte della distribuzione 2022A.
  • Informatica
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Norme tecniche

ACR Win e Superbonus 110

Il modulo Superbonus 110 del software ACR Win consente di controllare i massimali di spesa per tutte le tipologie di interventi, con incentivi fiscali, previsti dalla norma.