FAST FIND : NN11565

D. Min. Salute 09/07/2012

Contenuti e modalità di trasmissione delle informazioni relative ai dati aggregati sanitari e di rischio dei lavoratori, ai sensi dell'articolo 40 del decreto legislativo 81/2008 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.

In vigore dal 25/08/2012.
Con le modifiche introdotte da:
- D. Min. Salute 06/08/2013
- D. Min. Salute 12/07/2016

Scarica il pdf completo
725205 3003324
[Premessa]



IL MINISTRO DELLA SALUTE

di concerto con

IL MINISTRO

DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI


Visto il decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 R, e successive modificazioni ed integrazioni, recante:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
725205 3003325
Art. 1 - Finalità del decreto

1. Il presente decreto definisce i nuovi contenuti degli allegati 3A e 3B e le modali

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
725205 3003326
Art. 2 - Contenuti della cartella sanitaria e di rischio

1. I contenuti della cartella sanitaria e di rischio, tenuta sia su supporto cartaceo che informatico, sono specificati nell'allegato I del presente

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
725205 3003327
Art. 3 - Contenuti e modalità di trasmissione dei dati aggregati e di rischio dei lavoratori

1. I contenuti delle informazioni da comunicare ai sensi del comma 1 dell'art. 40 del decreto legislativo 9 aprile 2008 n. 81

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
725205 3003328
Art. 4 - Disposizioni transitorie e entrata in vigore

N1

1. Entro il primo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
725205 3003329
ALLEGATO I (Allegato 3A, D.Lgs. n. 81/2008)

Contenuti della cartella sanitaria e di rischio.


ALLEGATO 3A - Contenuti minimi della cartella sanitaria e di rischio:

ANAGRAFICA DEL LAVORATORE:

Cognome e Nome …………………………………………………………………………………………….

Sesso …………………………………………………………………………………………………………..

Luogo di nascita ……………………………………………………………………………………………….

Data di nascita …………………………………………………………………………………………………

Domicilio (1) ……………………………………………………………………………………………………

Nazionalità ……………………………………………………………………………………………………..

Codice Fiscale …………………………………………………………………………………………………


DATI RELATIVI ALL’AZIENDA:

Ragione Sociale o codice conto (nel caso di natanti) ……………………………………………………..

Unità Produttiva sede di lavoro / numero certificato unità navale ………………………………………..

Indirizzo Unità produttiva …&hel

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
725205 3003330
ALLEGATO II (Allegato 3B, D.Lgs. n. 81/2008)

Contenuti e modalità di trasmissione delle informazioni relative ai dati aggregati sanitari e di rischio dei lavoratori


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Sicurezza
  • Uffici e luoghi di lavoro

Protezione dei lavoratori da sostanze pericolose (agenti chimici, cancerogeni e amianto)

AGENTI CHIMICI (Normativa di riferimento; Valori limite di esposizione professionale (VLEP); Obblighi del datore di lavoro nel D. Leg.vo 81/2008) - AGENTI CANCEROGENI O MUTAGENI (Normativa di riferimento; Modifiche alla Direttiva 2004/37/CE non ancora recepite; Valori limite di esposizione; Obblighi del datore di lavoro nel D. Leg.vo 81/2008) - AMIANTO (Premessa e normativa di riferimento; Valori limite di esposizione; Obblighi del datore di lavoro e valutazione del rischio) - SANZIONI.
A cura di:
  • Angela Perazzolo
  • Uffici e luoghi di lavoro
  • Sicurezza
  • Agenti fisici

Protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a campi elettromagnetici

PREMESSA E NORMATIVA DI RIFERIMENTO - AMBITO DI APPLICAZIONE - MISURE DI PREVENZIONE GENERALI (Dimostrazione del rispetto dei valori limite; Superamento dei valori limite) - VALORI LIMITE (Grandezze; Effetti non termici; Effetti termici; Deroghe ai valori limite; Deroghe ministeriali) - VALUTAZIONE DEI RISCHI E VERIFICA DEL SUPERAMENTO DEI VALORI LIMITE (Precisazione delle misure adottate; Luoghi accessibili al pubblico già oggetto di valutazione; Accesso al documento elaborato da datori di lavoro privati; Accesso al documento elaborato da datori di lavoro pubblici; Aggiornamento della valutazione dei rischi) - INFORMAZIONE E FORMAZIONE DEI LAVORATORI - MISURE SPECIFICHE ALLA LUCE DEGLI ESITI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI (Superamento dei VA; Superamento dei VLE; Misure specifiche in caso di superamento di VLE relativi agli effetti sanitari; Personalizzazione delle misure di sicurezza; Segnaletica) - SORVEGLIANZA SANITARIA (Lavoratori che segnalano effetti indesiderati; Superamento dei VLE) - SANZIONI (Sanzioni a carico del datore di lavoro; Sanzioni a carico del datore di lavoro e/o del dirigente; Sanzioni a carico del medico competente) - RAPPORTO CON LA DISCIPLINA SUGLI AGENTI FISICI.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Studio Groenlandia
  • Uffici e luoghi di lavoro
  • Sicurezza

La delega di funzioni nella sicurezza sul lavoro

CHE COSA È LA DELEGA DI FUNZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO - REQUISITI E CONDIZIONI DELLA DELEGA DI FUNZIONI (Requisiti di forma; Requisiti di sostanza) - EFFETTI DELLA DELEGA E OBBLIGHI NON DELEGABILI (Esonero di responsabilità; Obbligo di vigilanza che permane; Funzioni non delegabili; Delega parzialmente invalida; Invalidità della delega ed esercizio di fatto) - DIFFERENZE TRA LA DELEGA ED ALTRE FATTISPECIE (Nomina di altre figure; La subdelega).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Sicurezza
  • Impianti tecnici e tecnologici

La sicurezza nei lavori sotto tensione

I lavori sotto tensione nel Testo unico della sicurezza; Il decreto ministeriale attuativo 04/02/2011; Esecuzione di lavori sotto tensione (autorizzazione alle aziende, abilitazione ai lavoratori a seguito di formazione, autorizzazione all’esecuzione dei corsi, attrezzature e DPI, autorizzazioni conseguite in vigenza delle norme pregresse).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Sicurezza

Attrezzature di lavoro: requisiti, obblighi, verifiche, abilitazioni all’utilizzo

LE NORME DEL T.U. SICUREZZA SULLE ATTREZZATURE DI LAVORO (Definizioni; Requisiti di sicurezza; Obblighi del datore di lavoro; Obblighi dei venditori, dei noleggiatori e dei concedenti in uso) - VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO (Definizioni del D.M. 11/04/2011; Attrezzature oggetto di verifica, modalità tecniche e procedurali; Procedure per l’inoltro delle richieste di verifica da parte dei datori di lavoro; Banca dati delle attrezzature di lavoro presso l’INAIL; Prima verifica periodica; Successive verifiche periodiche; Data di effettuazione delle richieste di verifica; Adempimenti in capo ai datori di lavoro per lo svolgimento delle verifiche; Abilitazione ad effettuare le verifiche; Elenchi dei soggetti abilitati, Tariffe applicabili; Norme che restano in vigore e rapporti con la legislazione regionale) - ATTREZZATURE DI LAVORO CHE RICHIEDONO SPECIFICA ABILITAZIONE E FORMAZIONE DEGLI OPERATORI (Macchine agricole).
A cura di:
  • Alfonso Mancini