FAST FIND : NR42125

L. R. Sardegna 11/09/2020, n. 24

Riforma del sistema sanitario regionale e riorganizzazione sistematica delle norme in materia. Abrogazione della legge regionale n. 10 del 2006, della legge regionale n. 23 del 2014 e della legge regionale n. 17 del 2016 e di ulteriori norme di settore.
Scarica il pdf completo
6750360 6770805
TITOLO I - Riordino del sistema sanitario regionale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770806
Capo I - Principi e finalità generali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770807
Art. 1 - Principi e finalità generali

1. Ai sensi dell’articolo 4, comma 1, lettera i), della legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3 (Statuto speciale per la Sardegna), la presente legge definisce il modello di governo del sistema sanitario regionale e ne avvia il processo di riforma secondo principi di equità ed universalità mediante disposizioni finalizzate a:

a) garantire il conseguimento dei livelli essenziali di assistenza in man

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770808
Art. 2 - Enti del Servizio sanitario regionale

1. Il Servizio sanitario regionale (SSR) pubblico è articolato nei seguenti enti di governo:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770809
Capo II - Ordinamento dell’azienda regionale della salute (ares)
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770810
Art. 3 - Istituzione dell’Azienda regionale della salute (ARES)

1. Nel rispetto dei principi e delle finalità di cui all’articolo 1, è istituita l’Azienda regionale della salute (ARES) per il supporto alla produzione di servizi sanitari e socio-sanitari, dotata di personalità giuridica di diritto pubblico, di autonomia amministrativa, patrimoniale, organizzativa, tecnica, gestionale e contabile. L’ARES svolge la propria attività nel rispetto del principio di efficienza, efficacia, razionalità ed economicità.

2. L’ARES ha sede individuata con deliberazione della Giunta regionale, senza maggiori oneri per il bilancio regionale, ubicata in immobili nella disponibilità della Regione o di enti strumentali regionali o di enti del servizio sanitario regionale.

3. L’ARES svolge per le costituende Aziende socio-sanitarie locali, l’ARNAS Brotzu, l’AREUS e le Aziende ospedaliero-universitarie di Cagliari e Sassari, le seguenti funzioni in maniera centralizzata:

a) centrale di committenza per conto delle aziende sanitarie e ospedal

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770811
Art. 4 - Organi dell’ARES

1. Sono organi dell’ARES:

a) il direttore generale;

b) il collegio sindacale.

2. Il direttore generale dell’ARES è nominato dalla Giunta regionale, con apposita deliberazione, su proposta dell’Assessore regionale competente in materia di sanità, in conformità ai requisiti e alle modalità per la nomina dei direttori generali delle aziende socio-sanitarie locali.

3. Il direttore generale è il legale rappresentante dell’ARES, esercita i poteri di direzione, di gestione e di rappresentanza.

4. Il rapporto di lavoro del direttore generale è regolato da un contratto di diritto privato di durata non superiore a cinque anni e non inferiore a tre anni.

5. Il direttore generale eserci

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770812
Art. 5 - Personale dell’ARES

1. L’ARES è dotata di personale proprio. La dotazione organica iniziale è garantita mediante l’acquisizione del personale dell’ATS in liquidazione e dagli altri enti del servizio sanitario regionale, o, se le professi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770813
Art. 6 - Bilancio dell’ARES

1. Per la gestione economico-finanziaria dell’ARES si applicano le norme in materia di patrimonio, contabilità e attività contrattuale in vigore per le aziende socio-sanitarie locali.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770814
Art. 7 - Libri obbligatori dell’ARES

1. È obbligatoria la tenuta dei seguenti libri:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770815
Art. 8 - Sanità digitale

1. La Regione promuove le attività di sanità digitale al fine di garantire una maggiore appropriatezza delle prestazioni sanitarie, di riqualificare la spesa, di promuovere nuove modalità di diagnosi e di cura senza lo spostamento fisico del paziente, di consentire il corretto utilizzo dei progressi della genomica medica, della medicina predittiva e per valutare l’aderenza terapeutica.

2. La Regione si avvale dell’ARES per l’attua

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770816
Capo III - Ordinamento delle aziende sanitarie e degli enti del servizio sanitario regionale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770817
Art. 9 - Istituzione delle Aziende socio-sanitarie locali (ASL)

1. Le Aziende socio-sanitarie locali (ASL) assicurano, attraverso servizi direttamente gestiti, l’assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro, l’assistenza distrettuale e l’assistenza ospedaliera, salvo quanto disposto dalla presente legge in ordine agli altri enti previsti dall’articolo 2.

2. Le ASL hanno personalità giuridica pubblica e autonomia organizzativa, amministrativa, tecnica, patrimoniale, contabile e di gestione; la loro organizzazione e il loro funzionamento sono disciplinati dall’atto aziendale, di cui all’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770818
Art. 10 - Organi delle aziende sanitarie

1. Sono organi delle ASL e dell’azienda ospedaliera:

a) il direttore generale;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770819
Art. 11 - Direttore generale delle aziende sanitarie

1. Il direttore generale delle Aziende sanitarie è responsabile della gestione complessiva dell’azienda, ne ha la rappresentanza legale e nomina i responsabili delle strutture operative secondo i criteri e le modalità stabiliti dalla normativa nazionale.

2. I direttori generali sono nominati con deliberazione della Giunta regionale su proposta dell’Assessore regionale competente in materia di sanità, attingendo obbligatoriamente all’elenco regionale di idonei, oppure all’elenco nazionale di cui al decreto legislativo 4 agosto 2016, n. 171 (Attuazione della delega di cui all’articolo 11, comma 1, lettera p), della legge 7 agosto 2015, n. 124, in materia di dirigenza sanitaria).

3. Per le finalità del comma 2, la Regione rende noto, con apposito avviso pubblicato sul sito internet istituzionale, l’incarico che intende attribuire, ai fini della manifestazione di interesse da parte dei soggetti iscritti negli elenchi degli idonei. La valutazione dei candidati per titoli e colloquio è effettuata da una commissione regionale, composta da tre esp

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770820
Art. 12 - Direttore sanitario e amministrativo delle aziende sanitarie

1. Il direttore generale, nel rispetto dei principi di trasparenza stabiliti dalla normativa statale vigente, nomina il dirett

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770821
Art. 13 - Elenchi regionali degli idonei alle cariche di vertice aziendali delle aziende ed enti del Servizio sanitario regionale

1. Gli elenchi regionali degli idonei alle cariche di direttore generale, amministrativo e sanitario sono costituiti previo avviso pubblico e selezione effettuata, secondo modalità e criteri individuati con apposita deliberazione della Giunta regionale, da parte di una commissione nominata dalla Giunta regionale su proposta dell’Assessore regionale competente in materia di sanità, composta da cinque membri, di cui uno con funzioni di presidente scelto tra magistrati ordinari, amministrativi, contabili e avvocati dello Stato, anche in quiescenza, o del libero foro, abilitati al patrocinio di fronte alle magistrature superiori e quattro esperti di comprovata competenza ed esperienza, in particolare in materia di organizzazione sanitaria o di gestione aziendale, dei quali uno può essere indicato dall’Ag

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770822
Art. 14 - Collegio sindacale delle aziende e degli enti del Servizio sanitario regionale

1. Il collegio sindacale:

a) verifica l’amministrazione dell’azienda sotto il profilo economico;

b) vigila sull’osservanza della legge;

c) accert

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770823
Art. 15 - Collegio di direzione delle aziende e degli enti del Servizio sanitario regionale

1. Gli atti aziendali stabiliscono la composizione e le attribuzioni del collegio di direzione sulla base degli indirizzi regionali di cui all’articolo 16, comma 3, prevedendo la partecipazione di tutte le figure professionali presenti nell’azienda, compreso il per

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770824
Art. 16 - Atto aziendale delle ASL

1. L’atto aziendale previsto all’articolo 9, comma 2, è adottato o modificato dal direttore generale, sentita esclusivamente la Conferenza territoriale sanitaria e socio-sanitaria di cui all’articolo 35, entro sessanta giorni dall’emanazione dei relativi indirizzi, approvati dalla Giunta regionale previo parere della Commissione consiliare competente.

2. Il direttore generale trasmette l’atto aziendale alla Giunta regionale per la verifica di conformità agli indirizzi di cui al comma 1; decorsi trenta giorni dal ricevimento, la verifica si intende positiva. Se la Giunta regionale si pronuncia nel senso della non conformità, il direttore generale sottopone alla Giunta regionale un nuovo testo entro i successivi trenta giorni, senza necessità di sentire la Conferenza di cui al comma 1. Se la verifica è ancora negativa, la Giunta regionale può revocare il direttore generale, previa contestazione e nel rispetto del principio del contraddittorio, oppure nominare un commissario ad acta.

3. Gli indirizzi previsti dal comma 1 forniscono in particolare elementi per:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770825
Capo IV - Ordinamento dell’azienda di rilievo nazionale ed alta specializzazione (ARNAS) "g. brotzu"
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770826
Art. 17 - Disposizioni sull’ARNAS "G. Brotzu"

1. L’Azienda di rilievo nazionale ed alta specializzazione (ARNAS) "G. Brotzu" prevista dall’articolo 2, comma 1, lettera c), è disciplinata in analogia, per quanto app

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770827
Art. 18 - Trasferimento di presidi ospedalieri

1. Il Presidio ospedaliero "A. Cao" dell’Azienda ospedaliera Brotzu è trasferito all’Azienda socio-sanitaria n. 8 di Cagliari, con decorrenza dalla sua costituzione ai sensi dell’articolo 47, comma 12.

2. In relazione all’esigenza di garantire

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770828
Capo V - Ordinamento delle aziende ospedaliero-universitarie (aou)
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770829
Art. 19 - Disposizioni sulle aziende ospedaliero-universitarie

1. Le aziende ospedaliero-universitarie (AOU) sono disciplinate sulla base dei principi fondamentali contenuti nel decreto legislativo n. 517 del 1999, e successive modifiche ed integrazioni. La Giunta regionale tiene conto delle finalità istituzionali e delle peculiarità organizzative di tali aziende in sede di predisposizione degli indirizzi per gli atti aziendali.

2. Gli indirizzi relativi agli atti aziend

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770830
Capo VI - Ordinamento dell’azienda regionale dell’emergenza e urgenza della Sardegna (AREUS)
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770831
Art. 20 - Azienda regionale di emergenza e urgenza della Sardegna (AREUS)

1. L’Azienda regionale dell’emergenza e urgenza della Sardegna (AREUS), dotata di personalità giuridica di diritto pubblico, avente autonomia patrimoniale, organizzativa, gestionale e contabile ha l’obiettivo di garantire, gestire e rendere omogeneo, nel territorio della Regione, il soccorso sanitario di emergenza-urgenza territoriale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770832
Art. 21 - Numero unico di emergenza (NUE) 112 e numero per le cure non urgenti 116117

1. L’AREUS garantisce l’operatività del servizio di numero unico emergenza (NUE) 112 sul territorio reg

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770833
Art. 22 - Organi dell’AREUS

1. Sono organi dell’AREUS:

a) il direttore generale;

b) il collegio sin

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770834
Capo VII - Ordinamento degli organismi aziendali consultivi e status della dirigenza sanitaria
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770835
Art. 23 - Consiglio delle professioni sanitarie

1. Il Consiglio delle professioni sanitarie è l’organismo consultivo-elettivo delle ASL, delle aziende ospedaliere e delle aziende ospedaliero-universitarie; esso esprime pareri e formula proposte nelle materie per le quali l’atto aziendale lo prevede.

2. Il Consiglio delle professioni sanitarie esprime il parere obbligatorio in particolare sulle attività di assistenza sanitaria e gli investimenti ad esse attinenti, sulla relazione sanitaria aziendale e sui programmi annuali e pluriennali delle aziende. Il parere è espresso entro il termine di quindici giorni dal ricevimento degli at

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770836
Art. 24 - Dirigenza del ruolo sanitario

1. La dirigenza del ruolo sanitario ha rapporto di lavoro esclusivo, fatto salvo quanto disposto dall’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770837
TITOLO II - Tutela della salute e benessere del cittadino
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770838
Capo I - Prestazioni sanitarie
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770839
Art. 25 - Tutela del diritto del cittadino alla salute e al benessere

1. È compito, tra gli altri, della Regione:

a) impartire direttive alle aziende sanitarie per l’attuazione di interventi di comunicazione, educazione e promozione della salute in collaborazione con il sistema scolastico, gli ordini professionali, l’università e con le organizzazioni di volontariato, di promozione sociale e della cooperazione sociale, e per la partecipazione alla verifica della qualità dei servizi e delle prestazioni er

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770840
Art. 26 - Erogazione delle prestazioni sanitarie

1. L’esercizio di attività sanitarie da parte di strutture pubbliche o private è disciplinato dai principi tratti dagli articoli 8, 8-bis, 8-ter, 8-quater e 8-quinquies del decreto legislativo n. 502 del 1992, e successive modifiche ed integrazioni, dalle di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770841
Art. 27 - Autorizzazione alla realizzazione di strutture sanitarie

1. La Giunta regionale stabilisce l’ambito di applicazione, le modalità e i termini per la richiesta e l’eventuale rilascio dell’autorizzazione alla realizzazione di nuove strutture sanitarie e al trasferimento, ristrutturazione, ampliamento di strutture sanitarie già esistenti, sulla base degli indicatori di fabbisog

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770842
Art. 28 - Autorizzazione all’esercizio di attività sanitarie

1. La Giunta regionale stabilisce e aggiorna, con propria deliberazione, sentiti gli ordini professionali e le associazioni professionali maggiormente rappresentative degli studi professionali singoli e associati, mono o polispecialistici di cui all’articolo 8-ter, comma 2, del decreto legislativo n. 502 del 1992, e successive modifiche ed integrazioni, i requisiti minimi strutturali, tecnologici e organizzativi richiesti per l’esercizio delle attività sanitarie da parte delle strutture pubbliche e private, sulla base dei principi e dei criteri direttivi contenuti nell’articolo 8, comma 4, del decreto legislativo n. 502 del 1992, e successive modifiche ed i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770843
Art. 29 - Accreditamento istituzionale

1. Le strutture sanitarie pubbliche e private autorizzate ai sensi dell’articolo 28 e i professionisti che intendono erogare prestazioni per conto del Servizio sanitario regionale devono ottenere dalla Regione l’accreditamento istituzionale. La Giunta regionale, con propria deliberazione, adottata su proposta dell’Assessore regionale competente in materia di sanità, sentita la competente Commissione consiliare:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770844
Art. 30 - Nulla osta preventivo all’impiego delle radiazioni ionizzanti a scopo medico

1. L’autorità competente per il rilascio del nulla osta per le pratiche comportanti esposizioni a radiazioni ionizzanti di categoria B a scopo medico veterinario e per le attività di ricerca scientifica in vivo e in vitro svolte presso strutture sanitarie, ai sensi dell’articolo 29, comma 2, primo pe

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770845
Art. 31 - Accordi e contratti

1. L’ARES definisce gli accordi con le strutture pubbliche e stipula contratti con quelle private e con i profession

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770846
TITOLO III - Programmazione sanitaria
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770847
Capo I - Programmazione sanitaria
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770848
Art. 32 - Programmazione sanitaria regionale

1. Il Piano regionale dei servizi sanitari ha durata triennale e rappresenta il piano strategico degli interventi di carattere generale per il perseguimento degli obiettivi di salute e di qualità del Servizio sanitario regionale al fine di soddisfare le esigenze specifiche della realtà regionale, anche con riferimento agli obiettivi del Piano sanitario nazionale.

2. La proposta di Piano regionale dei servizi sanitari, predisposta dall’Assessore regionale competente in materia di sanità ed approvata dalla Giunta regionale, è presentata al Consiglio regionale, entro il 30 giugno dell’ultimo anno di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770849
Art. 33 - Programmazione sanitaria e socio-sanitaria locale

1. Alla definizione della programmazione attuativa locale concorre la Conferenza territoriale sanitaria e socio-sanitaria ai sensi e con le modalità di cui al comma 2 e all’articolo 35.

2. La Conferenza territoriale sanitaria e socio-sanitaria, sulla base della programmazione regionale degli obiettivi di cui all’articolo 36, comma 1, lettera b), e del Piano lo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770850
Art. 34 - Integrazione socio-sanitaria

1. La Regione persegue l’integrazione delle politiche sanitarie e sociali in ambito regionale, attraverso l’adozione del piano dei servizi sanitari e del piano dei servizi sociali e, in ambito locale, mediante il Piano locale unitario dei servizi (PLUS) di cui all’articolo 20 della legge regionale 23 dicembre 2005, n. 23 (Sistema i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770851
Art. 35 - Conferenza territoriale sanitaria e socio-sanitaria

1. La Conferenza territoriale sanitaria e socio-sanitaria è composta dai rappresentanti legali di ciascuno degli enti locali che ricadono nell’ambito territoriale della ASL di riferimento e si riunisce almeno due volte l’anno.

2. La Conferenza territoriale sanitaria e socio-sanitaria:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770852
Art. 36 - Rapporti tra la Regione e le aziende e gli enti del Servizio sanitario regionale

1. La Giunta regionale su proposta dell’Assessore regionale competente in materia di sanità:

a) definisce in via preventiva gli obiettivi generali dell’attività dei direttori generali, in coerenza con gli obiettivi della programmazione regionale;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770853
Art. 37 - Servizi sanitari e socio-sanitari del territorio

1. Le ASL assicurano i livelli essenziali di assistenza nel territorio istituendo ed organizzando i distretti e i dipartimenti territoriali i quali operano in maniera integrata con la rete ospedaliera, l’Azienda dell’emergenza-urgenza e con il sistema integrato dei servizi alla persona.

2. L’organizzazione dipartimentale è regolata dall’atto aziendale; sono in ogni caso istituiti in ogni azienda sanitaria i seguenti dipartimenti territoriali:

a) in via sperimentale, due dipartimenti denominati rispettivamente "dipartimento di prevenzione medico" (dipartimento di igiene e prevenzione sanitaria) e "dipartimento di prevenzione veterinario" (dipartimento veterinario e sicurezza degli alimenti di origine animale) articolati ai sensi dell’articolo 7-quater, comma 2, del decreto legislativo n. 502 del 1992, e successive modifiche ed integrazioni;

b) in via sperimentale, il "dipartimento di psicologia di cure primarie";

c) il "dipartimento della salute mentale".

3. I distretti socio-sanitari costituiscono l’articolazione territoriale dell’ASL e il luogo proprio dell’integrazione tra assistenza sanitaria e assistenza sociale; essi sono dotati di autonomia tecnico-gestionale, nell’ambito degli obiettivi posti dall’atto a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770854
TITOLO IV - Finanziamento, gestione e controllo del servizio sanitario regionale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770855
Capo I - Finanziamento, gestione e controllo del servizio sanitario regionale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770856
Art. 38 - Finanziamento del Servizio sanitario regionale

1. Il finanziamento del Servizio sanitario regionale è assicurato dal Fondo sanitario regionale, costituito in sede di bilancio di previsione alla luce del fabbisogno determinato a livello nazionale, dall’eventuale finanziamento di livelli assistenziali integrativi e aggiuntivi rispetto a quelli essenziali, dal finanziamento dei maggiori oneri derivanti da fattori epidemiologici, dalla morfologia del territorio e dall’insularità, e dalle somme necessarie al finanziamento aggiuntivo per la copertura dello squilibrio di bilancio corrente. In presenza di costi sensibilmente superiori ai ricavi, la Giunta regionale su proposta dell’Assessore regionale competente in materia di sanità dispone un piano di riorganizzazione, riqualificazione e rafforzame

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770857
Art. 39 - Contabilità economico-patrimoniale

1. Il sistema di contabilità delle aziende sanitarie si informa ai principi e alle disposizioni del Codice civile e del titolo II del decreto legislativo n. 118 del 2011, e successive modifiche ed integrazioni. Nel rispetto di tale assetto normativo, la Giunta regionale, su proposta dell’Assessore regionale competente in materia di sanità, adegua il sistema di contabilit

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770858
Art. 40 - Sistema di programmazione e controllo

1. Il sistema di programmazione e controllo del Servizio sanitario regionale si compone dei seguenti strumenti:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770859
Art. 41 - Controlli regionali

1. La Regione esercita, per il tramite dell’Assessorato regionale competente in materia di sanità, il controllo preventivo sui seguenti atti delle aziende sanitarie e dell’Istituto zooprofilattico sperimentale della Sardegna:

a) provvedimenti relativi a operazioni patrimoniali di acquisto, locazione, permuta e alienazione di beni immobili o altri atti riguardanti diritti su tali beni il cui importo stimato sia superiore a un milione di euro;

b) atti di manifestazione della volontà di avviare una procedura di affidamento di contratti pubblici ai sensi della normativa vigente che comportino impegni di spesa per un importo complessivo, anche su base pluriennale, superiore a cinque milioni di euro.

2. Il controllo previsto nel comma 1 &e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770860
TITOLO V - Degli investimenti strutturali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770861
Capo I - Rinnovo delle strutture ospedaliere pubbliche
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770862
Art. 42 - Realizzazione di nuovi presidi ospedalieri

1. La Giunta regionale, su proposta dell’Assessore regionale competente in materia di sanità, entro sessanta giorni dalla data di ent

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770863
Art. 43 - Piano straordinario di ristrutturazione e manutenzione dei presidi ospedalieri

1. Sulla base dei dati acquisiti ai sensi dell’articolo 42, comma 2, la Giunta regionale, su proposta dell’Assessore regionale compete

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770864
Capo II - Strutture ausiliarie territoriali del servizio sanitario regionale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770865
Art. 44 - Case della salute

1. La Regione, con l’obiettivo di qualificare l’assistenza territoriale al servizio della persona, di integrare i processi di cura e di garantire la continuità assistenziale, individua nella casa della salute la struttura che raccoglie in un unico spazio l’offerta extra-ospedaliera del servizio sanitario, integrata con il servizio sociale, in grado di rispondere alla domanda di assistenza di persone e famiglie con bisogni complessi.

2. Le case della salute operano per conseguire i seguenti obiettivi:

a) appropriatezza delle prestazioni attraverso percorsi diagnostico-terapeutici e assistenziali, presa in carico globale e orientamento di pazienti e famiglie;

b) riconoscibilità e accessibilità dei servizi;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770866
Art. 45 - Ospedali di comunità

1. Al fine di garantire adeguati livelli di cura per tutte le persone che non hanno necessità di ricovero in ospedali per acuti, ma che hanno comunque bisogno di un’assistenza sanitaria protetta che non potrebbero ricevere a domicilio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770867
Art. 46 - Sperimentazioni gestionali in sanità

1. Con deliberazione della Giunta regionale, su proposta dell’Assessore regionale competente in materia di sanit&agr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770868
TITOLO VI - Disposizioni transitorie e finali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770869
Capo I - Disposizioni transitorie
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770870
Art. 47 - Amministrazione straordinaria delle aziende sanitarie

1. La Giunta regionale, mediante specifiche deliberazioni, definisce il processo di adeguamento dell’assetto istituzionale ed organizzativo degli enti di governo del servizio sanitario della Sardegna previsto dalle disposizioni della presente legge.

2. Per le finalità di cui al comma 1 la Giunta regionale, su proposta dell’Assessore regionale competente in materia di sanità, entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, nomina otto commissari straordinari per la definizione dei progetti di realizzazione delle aziende di cui all’articolo 9 e il commissario straordinario per la redazione del progetto di attivazione dell’ARES. I commissari straordinari delle aziende di cui all’articolo 9, inoltre, a dirigono le aree socio-sanitarie locali fino alla data di costituzione delle aziende socio-sanitarie e conservano comunque il rapporto di subordinazione col commissario di cui al comma 3.

3. Il soggetto competente a dirigere l’Azienda per la tutela della salute di cui all’articolo 1 della legge regionale n. 17 del 2016, fino al 31 dicembre 2020 è individuato dalla Giunta regionale su proposta del Presidente della Regione. Entro la scadenza del proprio mandato il soggetto competente provvede all’espletamento delle operazioni di liquidazione dell’ATS, disponendo il trasferimento all’ARES dei rapporti e degli obblighi amministrativi e giuridici, attivi e passivi, debitori e creditizi, di carattere finanziario, fiscale o patrimoniale esistenti alla data della cessazione e di tutte le cause pendenti e le prete

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770871
Art. 48 - Stabilizzazione del personale precario

1. Al fine di tutelare il patrimonio di esperienze professionali presenti nel Servizio sanitario regionale è autori

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770872
Art. 49 - Conservazione del patrimonio genetico del popolo sardo

1. La Regione riconosce e tutela l’unicità e le specificità del patrimonio genetico del popolo sardo,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770873
Art. 50 - Sospensione delle procedure sui portali SUAPE e SUS

1. Al fine di dare applicazione alle disposizioni di cui agli articoli 28, 29, 31 ed apportare le necessarie modifiche tec

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770874
Capo II - Disposizioni finali e abrogazioni
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770875
Art. 51 - Disposizioni finali

1. I pareri obbligatori previsti dalla presente legge sono resi, salvo diversa previsione, entro trenta giorni dal ricevim

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770876
Art. 52 - Abrogazioni

1. Sono abrogate:

a) la legge regionale n. 10 del 2006;

b) il comma 1 dell’articolo 3 della legge regionale 7 novembre 2012, n. 21 (Disposizioni urgenti in materia sanitaria connesse alla manovra finanziaria e modifica di disposizioni legislative sulla sanità);

c) la legge regionale 17 novembre 2014, n. 23 (Norme urgenti per la riforma del sistema sanitario regionale. Modifiche alla legge regionale n. 23 del 2005, alla legge regionale n. 10 del 2006 e alla

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770877
Art. 53 - Norma finanziaria

1. La Regione attua le disposizioni previste dalla presente legge nei limiti delle risorse disponibili stanziate annualmente con legge di bilancio in favore del fondo sanitario regionale (missione 13 - programma 01 - capitolo SC05.0001).

2. Alle spese per investimenti derivanti dall’attuazione della presente legge si provvede con le risorse del programma pluriennale di investimenti in edilizia e tecnologie sanitarie, autorizzato dall’articolo 20 della legge 11 marzo 1988, n.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6750360 6770878
Art. 54 - Entrata in vigore

1. La presente legge entra in vigore nel giorno della sua pubblicazione sul BURAS.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Distributori di carburanti
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Trasporti
  • Provvidenze
  • Ospedali e strutture sanitarie
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Impiantistica
  • Fonti alternative

Emilia Romagna: 6,2 milioni di euro per sanità green e mobilità elettrica

Riqualificazione energetica degli edifici pubblici delle aziende sanitarie regionali e di infrastrutture di ricarica per la mobilità elettrica dei veicoli aziendali. La Regione Emilia-Romagna sostiene le Aziende sanitarie pubbliche regionali affinché vengano conseguiti obiettivi di risparmio energetico, uso razionale dell’energia, valorizzazione delle fonti rinnovabili, riduzione delle emissioni di gas serra, con particolare riferimento allo sviluppo di misure di miglioramento della efficienza energetica negli edifici pubblici e ad incentivare politiche di mobilità elettrica.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili
  • Condominio

Assemblea condominiale: tabella completa delle maggioranze per deliberare

INDICAZIONI GENERALI, CRITERI E QUORUM (Premessa; Criterio per teste e criterio per valore; Quorum costitutivi) - TABELLA DELLE MAGGIORANZE PER DELIBERARE.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Edilizia e immobili
  • Titoli abilitativi
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

La modulistica unica per l'edilizia e le attività produttive

Inquadramento normativo; Iter di adozione della modulistica a livello locale; Modulistica per l'edilizia; Modulistica per attività commerciali o assimilabili; Tutto quello che non può più essere richiesto a cittadini e imprese; Quadro riepilogativo regionale; Modulistica precedente.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Titoli abilitativi
  • Provvidenze
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica

Piemonte: 26 milioni per i costi dei titoli edilizi

Per favorire la ripartenza dell'attività edilizia a causa dell'emergenza da COVID-19, la Regione Piemonte ha stanziato per l'anno 2020 euro 26.000.000,00 in favore dei Comuni a copertura parziale o totale del contributo del costo di costruzione relativo al rilascio dei titoli abilitativi in edilizia, di cui all'articolo 16 del Testo Unico edilizia (D.P.R. 380/2001). Si tratta di contributi e fondo perduto e le relative domande dovranno essere presentate da professionisti abilitati per la presentazione di istanze edilizie, a nome e per conto di privati e imprese.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili
  • Agriturismo
  • Alberghi e strutture ricettive

Emilia Romagna: 7 mln per agriturismi e fattorie didattiche

Contributi in conto capitale per la creazione e lo sviluppo di agriturismi e fattorie didattiche. Le risorse a disposizione dell’Avviso ammontano a 7.144.216,00 euro e possono beneficiarne gli imprenditori agricoli, singoli o associati, che rientrino nella definizione di micro e piccola impresa. La misura sostiene: la ristrutturazione e l’ampliamento di fabbricati rurali, la qualificazione di spazi aperti di aziende agricole esistenti e l’acquisto di attrezzature da destinare all'attività agrituristica e/o di fattoria didattica. La percentuale di contributo varia in relazione alle diverse zone di aree rurali.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Calamità/Terremoti
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Protezione civile
  • Norme tecniche

Contributi per la ripresa delle attività economiche e produttive nei territori colpiti dal sisma a far data dal 24/08/2016