FAST FIND : NN10066

Circ.Min. Interno 20/05/1995, n. 15

D.P.R. del 18 aprile 1994, n. 420 e D.M. dell'11 gennaio 1995 Disciplina delle procedure di concessione ed autorizzazione per l'installazione e l'esercizio di impianti di lavorazione o di deposito di oli minerali.
Scarica il pdf completo
62307 364190
[Premessa]




Il D.P.R. n. 420 del 18 aprile 1994, R pubblicato nella G.U. n. 151 del 30 giugno 1994 ed entrato in vigore dal 1° gennaio 1995, costituisce il nuovo regolamento sulle procedure di concessione e autorizzazione da parte del Ministero dell'Industria, Commercio ed Artigianato, per la installazione e l'esercizio di impianti di lavorazione o di deposito di oli minerali, semplificando notevolmente l'iter istruttorio previsto dalla legge 8 febbraio 1934, n. 367 (legge petrolifera) e successive modificazioni, nonché dal relativo regolamento di esecuzione, approvato con R.D. 20 luglio 1934, n. 1303.

Il predetto regolamento è stato emanato per dare attuazione al disposto della legge 9 gennaio 1991, n. 9 R (artt. 16 e 17) e della legge 24 dicembre 1993, n. 537 (art. 2, commi 7, 8, 9).R

Stante la rilevanza che riveste la sicurezza negli impianti di lavorazione e nei depositi di oli minerali ed il diretto coinvolgimento degli organi periferici del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, si riportano di seguito alcuni chiarimenti ed indirizzi per una uniforme applicazione del dettato normativo, anche alla luce di un Accordo Procedimentale raggiunto tra le Amministrazioni centrali competenti ai sensi dell'art. 6, comma 3, del D.P.R. n. 420/1994, che si allega alla presente.

Il regolamento prevede due tipi di procedure:

a) la procedura della concessione (artt. 2 e 4);

b) la procedura della autorizzazione (artt. 5 e 6).

Per ciascun tipo di procedura sono stabiliti i termini entro i quali ciascuna Amministrazione o ente interessato è tenuto a fornire il proprio parere.

Con Decreto del Ministero dell'Industria, Commercio ed Artigianato del giorno 11 gennaio 1995 (G.U. n. 21 del 26 gennaio 1995), emanato ai sensi dell'art. 5, commi 2 e 3, del D.P.R. n. 420/1994, R sono state individuate:

le opere minori soggette ad autorizzazione con procedura semplificata (opere comprese nell'allegato A del Decreto);

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62307 364191
Generalità

Il D.P.R. n. 420 del 18 aprile 1994, pubblicato nella G.U. n. 151 del 30 giugno 1994 ed entrato in vigore dal 1° gennaio 1995, costituisce il nuovo regolamento sulle procedure di concessione e autorizzazione da parte del Ministero dell'Industri

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62307 364192
Procedure

Il regolamento prevede due tipi di procedure:

a) la procedura della concessione (artt. 2 e 4);

b) la procedura della autorizzazione (artt. 5 e 6).

Per ciascun tipo di procedura sono stabiliti i termini entro i quali ciascuna Amministrazione o ente interessato è tenuto a fornire il proprio parere.

Con Decreto del Ministero dell'Industria, Commercio ed Artigianato del giorno 11 gennaio 1995 (G.U. n. 21 del 26 gennaio 1995), emanato ai sensi dell'art. 5, commi 2 e 3, del D.P.R. n. 420/1994, sono state individuate:

le opere minori soggette ad autorizzazione con procedura semplificata (opere comprese nell'allegato A del Decreto);

le opere minori non soggette ad autorizzazione (opere comprese nell'allegato B del Decreto).

Si rammenta che gli impianti per lo stoccaggio del g.p.l. (art. 2, lettera d, del D.P.R. n. 420/1994) sono unicamente soggetti a concessione.

Competenze degli organi periferici del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco ed adempimenti in relazione al tipo di procedura

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62307 364193
Impianti di lavorazione e depositi di oli minerali costieri

Per gli impianti di lavorazione e deposito di oli minerali costieri, secondo la definizione dell'art.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62307 364194
Soppressione del parere degli organi consultivi centrali del Ministero dell'Interno

Ai fini del rilascio di concessioni e autorizzazioni, l'articolo 14, comma 3 del D.P.R. n. 420/1994 ha annullato l'obbligo per il Ministero dell'Industria, Commercio ed Artigianato di acquisire il parere della Commissione Consultiva per le

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62307 364195
Procedura di deroga di cui all'art. 21 del D.P.R. n. 577/1982

Su istanza dell'interessato, la procedura della deroga di cui all'art. 21 del D.P.R. n. 577/1982, si applica unicamente agli impianti e depositi di oli minerali ricadenti nell'ambito delle competenze dei Comandi Provinciali dei Vigili de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62307 364196
Esercizio degli impianti

Ultimati i lavori di costruzione ed in attesa del collaudo previsto dall'art. 11 del D.P.R. n. 420/1994, le auto

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62307 364197
Competenze dei Prefetti

L'articolo 12 del D.P.R. n. 420/94 fa salve le vigenti competenze dei Prefetti per il rilascio:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62307 364198
Competenze degli organi centrali del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Tenendo conto della ripartizione delle competenze in materia tra Comandi Provinciali e Comitati Tecnici Regionali, e della attuale strutturazione degli organi centrali del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, si riportano di seguito gli Ispettorati del Servizio Tecnico Centrale della Direzione Generale della Protezione Civile e dei Servizi Antincendi, cui son

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62307 364199
ALLEGATO - ACCORDO PROCEDIMENTALE IN MATERIA DI SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE AUTORIZZATIVE PER IMPIANTI DI LAVORAZIONE O DI DEPOSITO DI OLI MINERALI


Di concerto con

il Ministero delle Finanze,

il Ministero dei Trasporti e della Navigazione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62307 364200
1. Circolari esplicative agli organi locali

Il Ministero dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato, il Ministero delle Finanze, il Ministero dei Trasporti e Navigazione ed il Ministero dell'Interno emanano circolari esplicative e di indirizzo ai propri organi periferici (Upica, Direzioni Compartimentali, U.T.F., Dogane, organi del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco e Autorità marittime e portuali) per l'applicazione delle procedure individuate con il

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62307 364201
2. Pareri negativi Violazione della normativa vigente

I Ministeri delle Finanze, dell'Interno e dei Trasporti e Navigazione danno disposizioni ai propri Uffici ed Organi locali affinché nel caso sia ravvisata la sussistenza di motivi di diniego o di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62307 364202
3. Ampliamenti di cui al punto 2 Allegato A del D.M. 11 gennaio 1995

Le Amministrazioni ribadiscono che l'aumento della capacità di cui al punto 2 all. A del decre

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62307 364203
4. Prefetture

Il Ministero dell'Industria dà indicazioni alle Prefetture per la trasposizione delle procedur

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62307 364204
5. Volture Locazioni ed impianti di recupero vapore

Nei casi di voltura della concessione o di locazione, di cui all'art. 40 e 25 del regolamento per l'esecuzione del R.D.L. 2 novembre 1933 n. 1741, approvato con R.D. 20 luglio 1934, n. 1303, il Ministero dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato autorizza la volt

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62307 364205
6. Esercizi provvisori e proroghe successive

Le autorizzazioni rilasciate dal Ministero dell'Industria per prove semestrali di messa a punto degli

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62307 364206
7. Modifiche della concessione o dell'autorizzazione

Le altre modifiche della concessione o dell'autorizzazione che non siano comprese nel D.M. 15824 dell

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62307 364207
8. Funzioni di monitoraggio

Nell'ambito della prima fase di applicazione del D.M. 11 gennaio 1995 n. 15824,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Alberghi e strutture ricettive
  • Provvedimenti di proroga termini
  • Prevenzione Incendi
  • Finanza pubblica

Antincendio strutture ricettive: classificazione, normativa, adeguamento

CLASSIFICAZIONE STRUTTURE RICETTIVE A FINI DI PREVENZIONE INCENDI - TERMINI DI ADEGUAMENTO STRUTTURE ESISTENTI ALL’11/05/1994 (Ultima proroga disposta dalla L. 205/2017; Ulteriore proroga per le zone colpite da calamità (L. 145/2018 e D.L. 162/2019); Eventuali altre attività presenti nella struttura ricettiva; Piano straordinario biennale di adeguamento; Indirizzi e modulistica per il Piano di adeguamento; Riepilogo termini, casistiche e adempimenti per l’adeguamento) - ADEGUAMENTO RIFUGI ALPINI E STRUTTURE RICETTIVE ALL’APERTO (Adeguamento antincendio rifugi alpini; Adeguamento antincendio strutture ricettive all’aperto).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Certificazioni e procedure
  • Prevenzione Incendi
  • Professioni

Competenze, requisiti e formazione dei professionisti antincendio

PREMESSA; COMPETENZE, SOGGETTI AUTORIZZATI E REQUISITI (Competenze riservate ai professionisti antincendio; Requisiti per l’iscrizione negli elenchi) - CORSI DI FORMAZIONE, PROGRAMMI, ENTI FORMATORI, ESONERI (Corsi di specializzazione ed enti formatori; Articolazione e programmi dei corsi; Esonero dalla frequenza del corso base di specializzazione; Richieste di iscrizione negli elenchi) - AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO E CONSEGUENZE IN CASO DI MANCANZA (Mantenimento dell’iscrizione e corsi di aggiornamento; Soggetti iscritti agli elenchi alla data di entrata in vigore dal D. Min. Interno 05/08/2011; Cancellazione nominativo dagli elenchi - Conseguenze; Periodo di sospensione in caso di mancato aggiornamento; Controlli) - CONFERIMENTO DI INCARICHI A FUNZIONARI TECNICI DELLA P.A. - TABELLA RIEPILOGATIVA E DIFFERENZE CON LA NORMATIVA PRECEDENTE.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Prevenzione Incendi

Norme di Prevenzione incendi

NORMATIVA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI (Codice di prevenzione incendi (RTO); Attività “normate” e “non normate” ai fini della normativa di prevenzione incendi; Cessazione del “doppio binario” e normativa di prevenzione incendi applicabile; Norme tecniche alternative al Codice di prevenzione incendi; Attività cui si applica la RTO e possibili eccezioni) - REGOLE TECNICHE DI PREVENZIONE INCENDI E CHIARIMENTI; (Lavorazione, trasporto e distribuzione di gas infiammabili; Impianti di distribuzione carburanti e ricarica veicoli elettrici; Depositi o rivendite di alcoli; Autodemolizioni; Locali di pubblico spettacolo e impianti sportivi; Alberghi e strutture ricettive; Scuole; Ospedali e strutture sanitarie; Attività commerciali; Uffici; Biblioteche, archivi, musei, gallerie, edifici tutelati in genere; Impianti termici; Autorimesse, parcheggi, locali per ricovero natanti e aeromobili; Edifici di civile abitazione e condomini; Stazioni, aerostazioni, porti e metropolitane; Interporti; Gallerie stradali e ferroviarie; Varie).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Scuole
  • Prevenzione Incendi

Friuli Venezia Giulia: interventi urgenti di adeguamento antincendio di edifici scolastici

La Regione Friuli Venezia Giulia prevede la concessione di contributi in conto capitale in favore delle Amministrazioni comunali a sostegno delle spese di investimento per interventi urgenti di adeguamento alle prescrizioni antincendio degli edifici scolastici. Previsto 1 milione di euro per l'anno 2019 per gli edifici che siano già muniti di parere favorevole rilasciato dal dipartimento dei Vigili del Fuoco competente per territorio e per i quali vi sia l’obbligatorietà della presentazione della SCIA entro il 31/12/2021. Domande dal 28/10/2019 fino all'esaurimento delle risorse disponibili, secondo l'ordine di arrivo.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Prevenzione Incendi
  • Sicurezza
  • Locali di pubblico spettacolo

Le norme di sicurezza e antincendio per le attività di spettacolo viaggiante

PREMESSA - CAMPO DI APPLICAZIONE E NORMATIVA APPLICABILE (; Quali sono le “attività di spettacolo viaggiante”; Esclusioni; Normativa di prevenzione incendi; Altre norme, regole di standard e prassi di riferimento; Attività esistenti e attività nuove) - ADEMPIMENTI PER LE NUOVE ATTIVITÀ (Istanza di registrazione; Parere della commissione comunale o provinciale di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo; Codice identificativo; Cessione, vendita o dismissione dell’attività) - ADEMPIMENTI PER LE ATTIVITÀ ESISTENTI (Istanza di registrazione; Attività esistenti in altri stati; Conservazione ed esibizione della documentazione; Parere della commissione comunale o provinciale di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo) - MONTAGGIO E SMONTAGGIO - VERIFICHE PERIODICHE (Periodicità delle verifiche ed abilitazione alla effettuazione delle stesse; Libretto dell’attività).
A cura di:
  • Alfonso Mancini