FAST FIND : NN9422

Risoluz. Ag. Entrate 05/12/2008, n. 474/E

Interpello - Tabella A, Parte III, n. 127-sexies e septies - Articolo 17, comma 6, D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 - ALFA S.r.l.
Scarica il pdf completo
61652 502564
[Premessa]



IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61652 502565
Quesito

La Società ALFA S.r.l. (nel prosieguo «ALFA» o «la società») svolge un’attività identificata con codice 45.31.0, della sezione F, della tabella ATECOFIN 2004 (Installazione di impianti elettrici e tecnici) e chiede il trattamento tributario da riservare, ai fini IVA, alla commercializzazione ed installazione di impianti fotovoltaici. La società acquista i singoli componenti del «kit solare» e i materiali necessari da un rivenditore all’ingrosso; l’installazione, ove il cliente la richieda, è affidata dalla società istante ad artigiani o ad altre aziende.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61652 502566
Soluzione prospettata


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61652 502567
Quesito n. 1

a) Poiché è applicabile l’aliquota del 10 per cento sugli acquisti dei beni (con esclusione delle materie prime o semilavorati) forniti per la costruzione di impianti fotovoltaici, l’agevolazione sarà applicabile quando ALFA acquisti tutti i beni che sono indicati nell’elenco allegato n. 6 all’istanza.

La Società ritiene che i beni agevolati assoggettati all’aliquota del 10 per c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61652 502568
Quesito n. 2

Nonostante il codice attività rientri nella sezione F della tabella dei codici ATECOFIN, la società ritiene che l’impianto fotovoltaico, anche se oggetto di un

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61652 502569
Parere dell’Agenzia delle Entrate

Per quanto attiene al quesito di cui al n. 1, lettera a), si precisa che la verifica se i materiali elencati nell’allegato 6 all’istanza possano essere considerati beni finiti attiene a questioni di fatto che non possono essere valutate in sede di interpello. Pertanto, prescindendo da tale disamina, si ribadiscono i principi già enunciati nelle risoluzioni 27 settembre 2007, n. 269/E (menzionata dall’interpellante stesso) e 30 marzo 1998, n. 22/E, nonché con la circolare n. 1/E del 2 marzo 1994 R (portate a conoscenza del contribuente attraverso la pubblicazione nella banca dati «documentazione tributaria» gratuitamente consultabile tramite il sito internet dell’Agenzia delle Entrate www.agenziaentrate.it).

Il n. 127-sexies) della tabella A, parte III, allegata al D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, prevede l’applicazione dell’aliquota IVA ridotta per i beni, escluse le materie prime e semilavorate, forniti per la costruzione, tra l’altro, degli impianti di produzione di energia elettrica da fonte solare fotovoltaica o eolica.

Nella circolare n. 1/E del 2 marzo 1994 (capitolo II, paragrafo 8), è stato precisato che per «beni finiti» cui si applicano le aliquote agevolate si intendono quelli che anche successivamente al loro impiego nella costruzione o nell’intervento di recupero non perdono la loro individualità, pur incorporandosi nell’immobile. Come già chiarito con la circolare n. 14 del 17 aprile 1981, non sono da considerare beni finiti quelli che, pur essendo prodotti finiti per il cedente, costituiscono materie prime e semilavorate per il cessionario (es. mattoni, maioliche, chiodi, etc.).

La formulazione della disposizione di cui al menzionato n. 127-sexies) appare esplicita nello stabilire sia la natura del bene sia il fine al quale il bene deve essere destinato; l’applicazione dell’aliquota ridotta, prevista solo nella fase finale di commercializzazione dei beni, è subordinata, pertanto, al rilascio di una dichiarazione da parte dell’acquirente circa la utilizzazione dei beni stessi ed è estensibile anche alle relative prestazioni di posa in opera da parte del soggetto cedente, purché le stesse si configurino come operazioni accessorie nei sensi indicati dall’articolo 12 del D.P.R. n. 633 del 1972.

Alle cessioni dei beni finiti (ovvero dei beni diversi sia dalle materie prime sia dai semilavorati), forniti per la costruzione degli impianti di produzione di energia elettrica da fonte solare-fotovoltaica o eolica, è applicabile l’aliquota IVA ridotta del 10 per cento esclusivamente se detti beni sono acquistati da soggetti che rilasciano, sotto la propria responsabilità, un’apposita dichiarazione al cedente dalla quale risulti che i beni acquistati sono destinati ad essere impiegati per l’installazione o costruzione degli impianti in argomento; l’aliquota agevolata prevista dal n. 127-sexies) spetta, pertanto, esclusivamente per le cessioni che intervengono nell’ultima fase di commercializzazione del bene e non anche nei confronti delle cessioni poste in essere da soggetti operanti nelle relative fasi intermedie (ris. 269 del 2007).

Per quanto riguarda eventuali limitazioni alla detraibilit&agr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Fisco e Previdenza
  • Imposte indirette

Trattamento IVA lavori di costruzione e recupero di edifici, opere e impianti

Nuove costruzioni di edifici, opere e impianti; Interventi di restauro e ristrutturazione su qualsiasi edificio; Interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria su fabbricati abitativi; Interventi di manutenzione straordinaria su edifici di edilizia residenziale pubblica; Forniture di materiali; Trattamento delle prestazioni professionali; Tipologie contrattuali ammissibili; Casi particolari e chiarimenti vari dell’Agenzia entrate; Esempi pratici.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impiantistica
  • Fisco e Previdenza
  • Fiscalità immobiliare locale (IMU-TARI-TASI)

Lastrico solare e IMU

Il lastrico solare non assume autonoma rilevanza ai fini IMU quale area fabbricabile, né se dichiarato al Catasto nella categoria provvisoria F/5 (lastrico solare), né nella fase di realizzazione di impianti fotovoltaici o di altro genere; La prassi; La giurisprudenza.
A cura di:
  • Stefano Baruzzi
  • Energia e risparmio energetico
  • Finanza pubblica
  • Impiantistica
  • Provvidenze
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Fonti alternative
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili

Friuli Venezia Giulia: contributi per acquisto e installazione di sistemi di accumulo di energia prodotta da impianti fotovoltaici

La Regione Friuli Venezia Giulia, al fine di promuovere l'uso razionale dell'energia e delle fonti energetiche rinnovabili, nonché il contenimento dei consumi energetici, concede contributi straordinari a fondo perduto per l'acquisto e l'installazione di sistemi di accumulo di energia elettrica prodotta da impianti fotovoltaici. Possono presentare domanda di contributo esclusivamente le persone fisiche, titolari o che saranno titolari, di un impianto fotovoltaico, per l’acquisto e l'installazione di un sistema di accumulo di energia elettrica prodotta dall'impianto fotovoltaico, a servizio dell'immobile di residenza. Il contributo massimo è pari a 3 mila euro per ogni intervento ammesso.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Fisco e Previdenza
  • Imposte indirette
  • Imposte sul reddito

Trattamento fiscale rimborsi spese dei professionisti

NORMATIVA DI RIFERIMENTO - TRATTAMENTO FISCALE SPESE ANTICIPATE DAL PROFESSIONISTA - TRATTAMENTO FISCALE SPESE ANTICIPATE DAL COMMITTENTE.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Provvidenze
  • Impiantistica
  • Finanza pubblica
  • Energia e risparmio energetico
  • Fonti alternative

Veneto: incentivi per i sistemi di accumulo di energia elettrica prodotta da impianti fotovoltaici - anno 2019

Incentivi per i cittadini che investono in energia pulita, contenendo il consumo energetico. Si prevede l'assegnazione di un contributo a fondo perduto, con un importo massimo concedibile pari a 3.000 euro e variabile fino al 50% delle spese sostenute, per l'acquisto e l'installazione di un sistema di accumulo a servizio di un impianto fotovoltaico di utenza domestica. L'intervento dovrà essere realizzato nel 2019 e le spese dovranno essere sostenute a decorrere dal 01/01/2019; gli interventi dovranno, inoltre, essere realizzati e rendicontati entro il 13/12/2019.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Energia e risparmio energetico
  • Impiantistica
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Fonti alternative
  • Certificazione energetica
  • Efficienza e risparmio energetico

Cogenza parametri verifica prestazione energetica edifici (D.M. 26/06/2015) - Edifici privati

  • Provvidenze
  • Impianti sportivi
  • Norme tecniche
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili
  • Impiantistica
  • Impianti di sollevamento e a fune
  • Impianti di sollevamento e a fune

Lombardia, impianti di risalita e piste da sci: contributi per l'adeguamento e la sicurezza - Bando 2015