FAST FIND : AR1696

Ultimo aggiornamento
14/02/2020

Campania: bando “SCUOLA VIVA IN QUARTIERE”

Ammonta a quasi 8 milioni di euro lo stanziamento della Regione Campania per il programma "SCUOLA VIVA IN QUARTIERE". Si tratta di un progetto strategico nelle aree a forte degrado culturale, sociale ed economico con il maggior rischio di dispersione scolastica. Tra gli obiettivi del bando c’è quello di realizzare interventi mirati per edilizia scolastica e videosorveglianza per l’adeguamento e il miglioramento della funzionalizzazione e fruizione degli ambienti scolastici e delle loro pertinenza. Possono partecipare reti di scuole, costituite o da costituire, composte da almeno otto istituti scolastici e per ciascuna area territoriale sarà finanziato un solo progetto.
A cura di:
  • Anna Petricca
6144393 6145270
INFORMAZIONI GENERALI

CONTESTO GEOGRAFICO

REGIONE: CAMPANIA

TIPOLOGIA

INIZIATI

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6144393 6145271
FINALITÀ

Il programma “SCUOLA VIVA IN QUARTIERE” è un progetto strategico nelle aree a forte degrado culturale,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6144393 6145272
BENEFICIARI

Possono partecipare reti di scuole, costituite o da costituire, composte da almeno 8 istituti scolastici. Gli istit

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6144393 6145273
DOTAZIONE FINANZIARIA

Le risorse complessivamente stanziate per il programma ammontano ad euro 7.875.000,00.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6144393 6145274
INTERVENTI FINANZIABILI E RELATIVE SPECIFICHE

Il programma ha tre ambiti di intervento:

- AMBITO 1 - supportare le Reti di scuo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6144393 6145275
ENTITÀ DEL CONTRIBUTO E SPESE AMMISSIBILI PER L’AMBITO 2
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6144393 6145276
Entità del finanziamento

Il finanziamento è concesso nell’importo massimo di:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6144393 6145277
Spese ammissibili per l’ambito 2

Per l’Ambito 2 di intervento sono ammissibili a contributo le seguenti voci di spesa:

- rilievi, accertamenti e indagini;

- allacciamenti ai pubblici sevizi ivi comprese le forniture di beni previste dal progetto:

- imprevisti iva inclusa (max. 1

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Edilizia scolastica
  • Provvidenze

Lazio: contributi per la riqualificazione degli edifici destinati ai servizi di scuola dell’infanzia e asilo nido

Il bando stanzia 7 milioni di euro in favore dei Comuni del Lazio ed i Municipi di Roma Capitale per interventi di carattere edilizio finalizzati all'adeguamento tecnico-impiantistico, all'efficientamento energetico ed alla messa in sicurezza statica delle scuole per l’infanzia ed asili nido di proprietà pubblica. Il finanziamento è concesso in forma di contributo nella misura massima di 200 mila euro e comunque non oltre il 90% del quadro tecnico economico di progetto.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Edilizia scolastica
  • Imprese

Campania: contributi per la creazione o ammodernamento di asili nido e micro-nidi aziendali

Ammonta a 5 milioni il finanziamento della Regione Campania rivolto a nidi o micronidi al servizio di imprese o reti di imprese. Possono presentare domanda di agevolazione per la realizzazione, riqualificazione o il potenziamento delle strutture le imprese, singole o associate, indipendentemente dalla loro forma giuridica. Le agevolazioni «de minimis» sono concesse nella forma di un contributo in conto capitale nella misura massima del 70% delle spese ammissibili, nei seguenti limiti massimi: 200.000 euro in caso di interventi di realizzazione di nuovi asili nido o micronidi aziendali; 100.000 euro in caso di interventi di ampliamento, ristrutturazione e/o ammodernamento di strutture già esistenti destinate ad asili nido o micronidi aziendali.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Edilizia scolastica
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica

Finanziamento in favore degli enti locali per la sicurezza degli edifici scolastici pubblici

Erogazione di contributi agli enti locali per garantire la sicurezza degli edifici scolastici e prevenire il crollo di solai e controsoffitti. Sono stanziati 65,9 milioni di euro per finanziare verifiche e indagini diagnostiche relative a elementi strutturali e non strutturali di solai e controsoffitti di immobili pubblici ad uso scolastico e per interventi urgenti necessari.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Provvidenze
  • Edilizia scolastica

Lombardia: bando 2019 edifici scolastici #amiantozero

Via l'amianto dalle scuole della Lombardia grazie ad un bando da 5 milioni di euro. Possono partecipare gli Enti locali e altri soggetti pubblici proprietari di poli per l’infanzia, scuole dell’infanzia statali e comunali, scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado, abilitati all'Anagrafe regionale dell'edilizia scolastica (ARES). Il contributo a fondo perduto massimo erogabile è di 500 mila euro e verrà così ripartito: per i Comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti e Province fino al 50% della spesa ammessa; per i Comuni con popolazione inferiori ai 5.000 abitanti e Comunità montane fino al 90% della spesa ammessa.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Edilizia scolastica
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili

Veneto: bando per la sicurezza e qualità degli asili nido

La Regione Veneto ha messo a disposizione oltre 5 milioni di euro per contribuire ad interventi di messa a norma, adeguamento, riqualificazione e nuova costruzione di asili nido comunali e privati-convenzionati. Gli interventi devono riguardare: l'adeguamento sismico, antincendio e la messa a norma dell’edificio, nonché l'eliminazione di rischi e gli ampliamenti necessari per soddisfare esigenze di riqualificazione scolastica o di fruibilità di spazi. Finanziati anche interventi sull'esistente diversi dai precedenti, purché l’ente proponente certifichi che la struttura sia adeguata alle normative vigenti, e la costruzione di nuovi asili nido.
A cura di:
  • Anna Petricca