FAST FIND : NN9190

D. Min. Sviluppo Econ. 17/04/2008

Regola tecnica per la progettazione, costruzione, collaudo, esercizio e sorveglianza delle opere e degli impianti di trasporto di gas naturale con densità non superiore a 0,8.
In vigore dal 4.11.2008
Scarica il pdf completo
61420 1023465
[Premessa]



Il Ministro delle sviluppo economico

di concerto con

il Ministro dell’interno


Visto il decreto del Ministro dei trasporti e dell’aviazione civile del 23 febbraio 1971, n. 2445, con il quale sono state approvate le norme tecniche per gli attraversamenti e per i parallelismi di condotte e canali convoglianti liquidi e gas con ferrovie ed altre linee di trasporto;

Visto il decreto del Ministro dell’interno del 24 novembre 1984 concernente le norme di sicurezza antincendio per il trasporto, la distribuzione, l’accumulo e l’utilizzazione del gas naturale con densità non superiore a 0,8;

Visto il decreto del Ministro dei trasporti e dell’aviazione civile del 2 novembre 1987, n. 975, con il quale è stata approvata la parziale modifica delle disposizioni concernenti la sistemazione delle apparecchiature di controllo e dei congegni di intercettazione espresse al punto 2.5.1 del soprarichiamato decreto del 23 fe

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023466
Art. 1. - Scopo e campo di applicazione

1. Il presente decreto ha per scopo l’emanazione della regola tecnica per la progettazione, costruzione, collaudo, esercizio e sorveglianza delle opere e degli impianti di trasporto del gas naturale con densità non superiore

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023467
Art. 2. - Clausola di reciproco riconoscimento

1. Le attrezzature a pressione standard quali ad esempio le valvole, i regolatori di pressione, le valvole di sicurezza, i filtri, i recipienti a pressione, gli scambiatori di calore, devono essere conformi al decreto legislativo 25 febbraio 2000, n. 93 R di attuazione della direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 97/23 del 27 maggio 1997.

2. Tutte le apparecchiature utilizzate devono essere conformi, quando applicabili, anche al decreto del Presidente della Repubblica 23 marzo 1998, n. 126

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023468
Art. 3. - Procedure

1. Per le opere e gli impianti di cui all’art. 1, comma 1, del presente decreto, qualora per particolari esigenze di carattere tecnico e/o di esercizio, non fosse possibile il rispetto delle disposizioni stabilite dal presente decreto, il soggetto interessato può presentare domanda motivata di deroga secondo il procedim

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023469
Art. 4. - Disposizioni finali

1. Il Comitato italiano gas assicura l’invio alle strutture del Corpo nazionale dei vigili del fuoco delle norme tecniche citate nell’allegato A del presente decreto ed i relativi aggior

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023470
ALLEGATO A - REGOLA TECNICA PER LA PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE, COLLAUDO, ESERCIZIO E SORVEGLIANZA DELLE OPERE E DEGLI IMPIANTI DI TRASPORTO DEL GAS NATURALE CON DENSITÀ NON SUPERIORE A 0,8


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023471
1. Disposizioni generali


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023472
1.1 SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE

Le presenti norme hanno lo scopo di regolamentare la progettazione, la costruzione e l’esercizio degli impianti di trasporto del gas naturale, ed i relativi aspetti di sicurezza, allo scopo di garantire la sicurezza e l’affidabilità del sistema di trasporto stesso.

Esse si applicano a tutti gli impianti di trasporto, alle reti di trasporto locale del gas con pressione massima di esercizio (MOP) superiore a 5 bar, compresi nei seguenti limiti:

— confine di Stato; punto di consegna dagli impian

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023473
1.2 DEFINIZIONI

Condotta: l’insieme di tubi, curve, raccordi, valvole ed altri pezzi speciali uniti tra loro per il trasporto del gas naturale.

Impianti: complesso dei dispositivi ed elementi costituiti dagli impianti di riduzione e regolazione della pressione e dagli impianti di misura del gas.

Punti di linea: aree destinate a contenere valvole e pezzi speciali con funzioni di intercettazione del flusso del gas, di smistamento del gas, di lancio e ricevimento di apparati di pulizia ed ispezione interna delle condotte, di terminali marini; le stesse, per quanto riguarda la determinazione delle attività soggette al rilascio del certificato di prevenzione incendi previste dal decreto del Ministro dell’interno 16 febbraio 1982, sono assimilate alla condotta.

Centrale di compressione: complesso dei dispositivi ed elementi posti lungo le condotte ed atti ad innalzare la pressione del gas per permetterne il trasporto.

Impianto REMI: impianto di ricezione e prima riduzione del gas naturale allacciato alla rete di trasporto e posto a valle del punto di riconsegna dal Trasportatore al Distributore/Cliente finale, per ricevere, ridurre la pressione e misurare il gas.

Grado di utilizzazione del materiale: coefficiente che definisce il livello di sollecitazione am

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023474
1.3 CLASSIFICAZIONE DELLE CONDOTTE

Le condotte per il trasporto del gas naturale si classificano in:

— condotte di la specie: condotte con pressione massima di esercizio superiore a 24 bar;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023475
1.4 LIVELLI DI PRESSIONE

La pressione di progetto (DP) deve essere uguale o superiore alla pressione massima di esercizio (MOP) prevista, ed inoltre per le condotte di 3a specie deve essere pari ad almeno 12 bar.

La relazione tra la pressione massima di esercizio (MOP), pressione operativa (OP), pressione limite di esercizio temporaneo (TOP) e pressione massima accidentale (MIP) deve essere conforme ai valori sotto specificati:

MOP > 24 bar OP 1,025 MOP TOP 1,05 MOP MIP 1,10 MOP

24 bar MOP > 5 bar OP 1,025 MOP TOP 1,10 MOP MIP 1,15 MOP

5 bar MOP > 0,04 bar OP 1,075 MOP TOP

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023476
1.5 GESTIONE DELLA SICUREZZA DEL SISTEMA DI TRASPORTO

La continuità e la sicurezza del trasporto del gas devono essere garantiti dalla società di trasporto attraverso l’attuazione di sistemi di prevenzione degli incidenti e la gestione delle eventuali emergenze. Tali sistemi devono essere attuati mediante la definizione di procedure e disposizioni aziendali che permettano di assegnare ruoli e responsabilità per la gestione di aspetti di sicurezza, assicurando un’adeguata formazione del personale, l’adozione di adeguate misure per l’esercizio e la manutenzione di impianti e condotte e la gestione di eventuali situazioni di emergenza.

L’im

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023477
2. Criteri di progettazione


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023478
2.1 CRITERI DI PROGETTO E GRADO DI UTILIZZAZIONE

Lo spessore minimo inteso come spessore nominale al netto delle tolleranze negative di fabbricazione dei tubi deve essere calcolato utilizzando la seguente formula:


tmin = (DP x D)/(20 x sp), con sp minore o uguale a f x Rt0,5 dove:


tmin è lo spessore minimo del tubo espresso in mm;

DP è la pressione di progetto, in bar;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023479
2.2 SCELTA DEL TRACCIATO

Sicurezza, fattori ambientali e tecnici sono le principali grandezze influenti per il tracciato di una condotta. Occorre tenere debito conto dei vincoli e delle infrastrutture presenti sul territorio.

Per la pianificazione de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023480
2.3 SEZIONAMENTO IN TRONCHI

Le condotte a terra devono essere sezionate mediante apparecchiature di intercettazione in accordo co

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023481
Tabella 1 - Distanza massima di sezionamento in relazione alla specie della condotta


Distanze in caso di valvole con comando locale

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023482
2.4 PROFONDITÀ DI INTERRAMENTO

a) Le condotte devono essere di regola interrate ad una profondità di norma non inferiore a 0,90 m.

b) In terreni che presentano ondulazioni, fossi di scolo, cunette e simili, è consentita per brevi tratti una profondità di interramento minore di 0,90 m ma mai inferiore a 0,50 m.

c) In terreni rocciosi, è consentita una profondità di interramento fino ad un minimo di 0,40 m.

d) Nel caso di condotte poste in sede stradale (carreggiata e relative fasce di pertinenza),

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023483
2.5 DISTANZE DI SICUREZZA DELLE CONDOTTE

2.5.1 Distanze di sicurezza nei confronti di fabbricati

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023484
Tabella 2 - Correlazione tra le distanze delle condotte dai fabbricati - la pressione massima di esercizio - il diametro della condotta - la natura del terreno di posa - il tipo di manufatto adottato

Pressione massima di esercizio (bar)

1

2

3


Prima specie

24 < MOP = 60

Seconda specie

12 < MOP = 24

Terza specie

5 < MOP = 12

Categoria di posa

A

B

D

A

B

D

A

B

D

Diametro nominale

Distanza m

100

30

10

2,0

20

7

2,0

10

5

1,5

125

30

10

2,5

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023485
2.6 DISTANZE DA LINEE ELETTRICHE

Tra condotte interrate ed i sostegni con i relativi dispersori per messa a terra delle linee elettriche devono essere rispettate le distanze minime fissate dal decreto del Ministro dei lavori pubblici 21 marzo 1988, n. 449 e successive modifiche.

I punti di linea, gli impianti e le centrali di compress

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023486
2.7 PARALLELISMI ED ATTRAVERSAMENTI

Le procedure seguite e le attrezzature utilizzate durante la realizzazione dell’attraversamento non devono causare danno o rendere pericoloso l’utilizzo di ogni struttura attraversata o adiacente al metanodotto. Per quanto possibile inoltre gli attraversamenti devono essere realizzati in modo tale che l’uso e la manutenzione del metanodotto non intralci la circolazione su strade, ferrovie e tranvie e non limiti l’utilizzo e la manutenzione degli altri servizi attraversati.

Qualora il metanodotto sia preesistente, sarà cura degli interessati alla realizzazione dell’opera interferente adottare le precauzioni atte ad impedire danni o pericoli all’esercizio e alla manutenzione del metanodotto.

La progettazione dell’attraversamento deve considerare tutte le sollecitazioni agenti sulla condotta, comprendendo sia le sollecitazioni longitudinali che quelle circonferenziali.

Nei casi di parallelismi ed attraversamenti di linee ferroviarie e tranviarie extraurbane, si applicano le norme emanate dal Ministro delle infrastrutture e dei trasporti a tutela degli impianti di propria competenza.

Nel caso di attraversamenti di strade ed autostrade oltre a quanto di seguito indicato si devono rispettare le prescrizioni del Codice della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023487
2.8 MANUFATTI DI PROTEZIONE

I manufatti di protezione citati ai punti 2.5, 2.6, 2.7 devono essere dimensionati in relazione ai carichi a cui saranno sottoposti in opera e potranno essere costituiti da:

— manufatti di protezione aperti quali beole in cls., piastre o coppelle in acciaio, cemento armato, polietilene o altro materiale idoneo alle scopo;

— manufatti chiusi quali,

– tubi in acciaio o in cemento o altro materiale idoneo allo scopo, oppure,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023488
2.9 CRITERI DI PROGETTO DEI PUNTI DI LINEA (PUNTI DI INTERCETTAZIONE DI LINEA, NODI, STAZIONI DI LANCIO E RICEVIMENTO APPARATI PER LA PULIZIA E L’ISPEZIONE INTERNA)

I punti di linea devono essere progettati in accordo con la norma UNI EN 1594 per condotte con MOP > 16 bar e con la norma UNI EN 12007-1 per condotte con MOP 16 bar.

Il circuito principale del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023489
2.10 IMPIANTI DI RIDUZIONE DELLA PRESSIONE COMPRESI NELLE CONDOTTE DI TRASPORTO (CON ESCLUSIONE DI QUELLI AL SERVIZIO DELLE UTENZE INDUSTRIALI E REMI)

2.10.1 Progettazione

Gli impianti di riduzione facenti parte del sistema di trasporto gas devono essere realizzati in conformità a quanto previsto dalla norma UNI EN 12186.

Gli impianti di riduzione della pressione con MOP di monte superiore a 12 bar possono essere realizzati all’aperto oppure allocati in cabina o altro tipo di alloggiamento fuori terra o seminterrato.

Gli stessi devono essere allocati in un’area provvista di recinzione alta almeno 2 m per precludere l’accesso a persone non autorizzate.

Gli impianti di riduzione della pressione con MOP di monte compresa tra 5 e 12 bar possono essere anche realizzati in cabina o altro manufatto di alloggiamento senza recinzione, fuori terra, seminterrati o interrati, purché non sia previsto il riscaldamento del gas.

Gli impianti con MOP di monte inferiore o uguale a 5 bar devono essere realizzati in accordo con «Regola tecnica relativa alle opere ed ai sistemi di distribuzione e di linee dirette a gas naturale con densità non superiore a 0,8».


2.10.2 Impianto all’aperto con recinzione

L’impianto all’aperto è quello in cui gli apparecchi di riduzione della pressione sono installati all’aperto ed in aree opportunamente recintate.

La distanza minima tra gli apparecchi di riduzione della pressione e la recinzione non deve essere inferiore a 10 m, a meno che non si provveda alla costruzione di appositi ed idonei schermi di protezione in muratura o in terra. In tal caso gli schermi di protezione dovranno essere posizionati ad una distanza non inferiore a 2 m dalla recinzione e dovranno avere un’estensione tale che la somma:

— della distanza tra gli apparati fuori terra ed una delle estremità dello schermo, e

— della distanza tra lo schermo e la recinzione, non risulti inferiore a 10 m (regola del filo teso).

La distanza minima tra la recinzion

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023490
2.11 CRITERI DI PROGETTO DELLE CENTRALI DI COMPRESSIONE

Le centrali di compressione devono essere progettate in accordo alla norma UNI EN 12583.

L’area di centrale deve essere opportunamente recintata e devono essere attivate adeguate misure per evitare che personale non autorizzato possa avere accesso all’area.

Nell’area della centrale, la distanza minima tra gli apparati fuori terra in pressione e la recinzione, non deve essere inferiore a 10 m; in casi particolari, qualora non sia rispettata tale distanza, devono es

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023491
2.12 PROGETTAZIONE DELLA PROTEZIONE CONTRO LA CORROSIONE

I tubi e tutte le strutture metalliche interrate devono essere opportunamente protetti mediante sistemi integrati di rivestimento isolante e protezione catodica. Le strutture posate fuori terra soggette a condizioni di aggressività ambientale devono essere opportunamente trattate con appositi cicli di pitturazione.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023492
3. Materiali


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023493
3.1 GENERALITÀ

I tubi ed i componenti utilizzati per la costruzione di condotte per il trasporto di gas devono essere di acciaio.

I tubi per condotte con MOP > 16 bar devono essere conformi alle

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023494
4. Costruzione in cantiere


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023495
4.1 PREMESSA

Le imprese impiegate per la costruzione devono possedere le caratteristiche necessarie per i lavori d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023496
4.2 POSA DELLE CONDOTTE E DEGLI IMPIANTI A TERRA E IN MARE

La posa delle condotte e degli impianti a terra deve essere eseguita in accordo con le modalità e gli accorg

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023497
4.3 GIUNZIONE DELLE CONDOTTE

La giunzione in campo dei tubi per la formazione delle condotte deve essere eseguita normalmente mediante saldatura per fusione. Collegamenti mediante flange, filettature e giunti speciali di accertata idoneità devono essere limitati agli impianti e alle centrali, e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023498
4.4 COLLAUDO IN OPERA DELLE CONDOTTE

Dopo la posa in opera delle condotte, si deve procedere alla prova combinata di resistenza e di tenuta a pressione secondo le modalità ammesse dalla norma UNI EN 1594 per condotte con MOP > 16 bar e dalle norme UNI EN 12007-1 ed UNI EN 12007-3 per condotte con MOP 16.

La condotta ed il circuito principale del gas negli impianti di linea, impianti di riduzione e centrali di compressione devono essere collaudati ad una pressione pari ad almeno:

— 1,30 MOP per le condotte di 1a specie;

— 1,50 MOP per le condotte di 2a e 3a specie.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023499
4.5 MESSA IN ESERCIZIO E CONSEGNA DELLA CONDOTTA E DEI RELATIVI IMPIANTI ALL’ESERCIZIO

Dopo lo svuotamento dell’acqua utilizzata per il collaudo a pressione e prima della messa in esercizio del metanodotto, dell’impianto o della centrale di compr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023500
5. Esercizio


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023501
5.1 GESTIONE DELLA RETE

Il servizio di trasporto viene effettuato sulla base dei programmi richiesti dagli utenti della rete, in condizioni di efficienza, affidabilità e sicurezza, garantite dall’impresa di trasporto del gas attra

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023502
5.2 CARATTERISTICHE MINIME DI DISPACCIAMENTO

In questo paragrafo sono descritte le attività minime che il dispacciamento deve essere in grado di assicurare per l’esercizio della rete dei metanodotti.

L’organizzazione del d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023503
5.3 DATI PER IL CONTROLLO DELLA RETE

Per svolgere le attività sopra descritte il dispacciamento utilizzerà, in relazione all

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023504
5.4 SISTEMI DI COMUNICAZIONE

L’impresa di trasporto del gas deve disporre di un sistema di telecomunicazione che, oltre a su

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023505
5.5 GESTIONE DELLE EMERGENZE

Si definisce «emergenza» ogni evento che si verifica nell’esercizio del sistema di trasporto che possa risultare pregiudizievole per la sicurezza di persone, delle cose e dei beni di terzi, per l’ambiente in generale, o per la sicurezza dell’impiantistica e la continuità del trasporto.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023506
6. Ispezione e manutenzione


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023507
6.1 CRITERI GENERALI

Allo scopo di garantire il corretto esercizio e il mantenimento delle necessarie condizioni di affidabilità e di sicurezza, le condotte per il trasporto del gas, le centrali di compressione e gli impianti, devono essere oggetto delle necessarie attività di ispezione e di manutenzione ordinarie e straordinarie.

L’impresa di traspo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023508
6.2 SORVEGLIANZA DELLE CONDOTTE A TERRA

Il controllo delle condotte deve essere attuato allo scopo di:

— verificare la funzionalità ed il buono stato di conservazione dei tratti d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023509
6.3 SORVEGLIANZA DELLE CONDOTTE A MARE

Il controllo delle condotte sottomarine deve essere realizzato attraverso lo svolgimento periodico di ispezioni a mare sia in bassi fondali, sia in alti fondali.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023510
6.4 MISURE E CONTROLLI PER LA PROTEZIONE CONTRO LA CORROSIONE

Lungo le condotte devono essere opportunamente posizionati posti di misura per accertare l’effi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023511
6.5 ISPEZIONI INTERNE DELLE CONDOTTE

Al fine di verificarne l’integrità, le condotte a terra e a mare possono essere ispezion

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023512
6.6 MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI, DEI PUNTI DI LINEA E DELLE CENTRALI DI COMPRESSIONE

Le operazioni di manutenzione da eseguire negli impianti, nei punti di linea e nelle centrali di compressione, si suddividono in:

a) Operazioni di conduzione, quali:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023513
6.7 APPARATI A PRESSIONE

Sulle attrezzature a pressione standard di cui al decreto legislativo 25 febbraio 2000, n. 93 devono essere eseguite le operazioni di ispezione e di manutenzione previste dal manuale di uso e manutenzione dell’apparato redatto dal costruttore.

Per recipienti a pressione di cui al decreto legislativo 25 febbraio 2000, n. 93 e per quelli realizzati in conformità alla normativa pre-vigente, aventi volume maggiore di 25 litri e, se con pressione massima ammissibile inferiore o uguale a 12 bar, aventi capacità maggiore di 50 litri, tali operazioni devono comunque comprendere le operazioni di ispezione e di manutenzione indicate al punto 6.7.1.

Per gli accessori di sicurezza invece, tali operazioni devono comprendere le operazioni di verifica di funzionalità cui al punto 6.7.2.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023514
7. Installazioni interne delle utenze industriali


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023515
7.1 GENERALITÀ

Per le installazioni interne delle utenze industriali vengono prescritte soluzioni tecniche analoghe a quanto previsto per la rete di trasporto. Le minori distanze di sicurezza disponibili per l’installazione delle condotte e degli impianti di riduzione e misura del gas, nell’ambit

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023516
7.2 CONDOTTA DI ALIMENTAZIONE

La condotta di alimentazione deve essere progettata, costruita e collaudata secondo le prescrizioni stabilite per la rete esterna, salvo quanto sotto riportato.

Il tracciato della condotta deve essere scelto in modo da evitare la vicinanza di opere, manufatti, cumuli di materiale, ecc., che possano danneggiare la condotta oppure creare pericoli derivanti da eventuali fughe di gas.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023517
7.3 IMPIANTI DI RIDUZIONE E MISURA DELLA PRESSIONE ALL’INTERNO DELLE UTENZE INDUSTRIALI

L’ubicazione dell’impianto di riduzione della pressione va prevista come segue:

— se la pressione massima prevista è maggiore di 24 bar,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61420 1023518
7.4 RETE DI ADDUZIONE

La rete di adduzione deve essere progettata, costruita e collaudata attenendosi per quanto possibile

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Prevenzione Incendi

Norme di Prevenzione incendi

NORMATIVA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI (Codice di prevenzione incendi (RTO); Attività “normate” e “non normate” ai fini della normativa di prevenzione incendi; Cessazione del “doppio binario” e normativa di prevenzione incendi applicabile; Norme tecniche alternative al Codice di prevenzione incendi; Attività cui si applica la RTO e possibili eccezioni) - REGOLE TECNICHE DI PREVENZIONE INCENDI E CHIARIMENTI; (Lavorazione, trasporto e distribuzione di gas infiammabili; Impianti di distribuzione carburanti e ricarica veicoli elettrici; Depositi o rivendite di alcoli; Autodemolizioni; Locali di pubblico spettacolo e impianti sportivi; Alberghi e strutture ricettive; Scuole; Ospedali e strutture sanitarie; Attività commerciali; Uffici; Biblioteche, archivi, musei, gallerie, edifici tutelati in genere; Impianti termici; Autorimesse, parcheggi, locali per ricovero natanti e aeromobili; Edifici di civile abitazione e condomini; Stazioni, aerostazioni, porti e metropolitane; Interporti; Gallerie stradali e ferroviarie; Varie).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Certificazioni e procedure
  • Prevenzione Incendi
  • Professioni

Competenze, requisiti e formazione dei professionisti antincendio

PREMESSA; COMPETENZE, SOGGETTI AUTORIZZATI E REQUISITI (Competenze riservate ai professionisti antincendio; Requisiti per l’iscrizione negli elenchi) - CORSI DI FORMAZIONE, PROGRAMMI, ENTI FORMATORI, ESONERI (Corsi di specializzazione ed enti formatori; Articolazione e programmi dei corsi; Esonero dalla frequenza del corso base di specializzazione; Richieste di iscrizione negli elenchi) - AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO E CONSEGUENZE IN CASO DI MANCANZA (Mantenimento dell’iscrizione e corsi di aggiornamento; Soggetti iscritti agli elenchi alla data di entrata in vigore dal D. Min. Interno 05/08/2011; Cancellazione nominativo dagli elenchi - Conseguenze; Periodo di sospensione in caso di mancato aggiornamento; Controlli) - CONFERIMENTO DI INCARICHI A FUNZIONARI TECNICI DELLA P.A. - TABELLA RIEPILOGATIVA E DIFFERENZE CON LA NORMATIVA PRECEDENTE.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Scuole
  • Prevenzione Incendi

Friuli Venezia Giulia: interventi urgenti di adeguamento antincendio di edifici scolastici

La Regione Friuli Venezia Giulia prevede la concessione di contributi in conto capitale in favore delle Amministrazioni comunali a sostegno delle spese di investimento per interventi urgenti di adeguamento alle prescrizioni antincendio degli edifici scolastici. Previsto 1 milione di euro per l'anno 2019 per gli edifici che siano già muniti di parere favorevole rilasciato dal dipartimento dei Vigili del Fuoco competente per territorio e per i quali vi sia l’obbligatorietà della presentazione della SCIA entro il 31/12/2021. Domande dal 28/10/2019 fino all'esaurimento delle risorse disponibili, secondo l'ordine di arrivo.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Prevenzione Incendi
  • Sicurezza
  • Locali di pubblico spettacolo

Le norme di sicurezza e antincendio per le attività di spettacolo viaggiante

PREMESSA - CAMPO DI APPLICAZIONE E NORMATIVA APPLICABILE (; Quali sono le “attività di spettacolo viaggiante”; Esclusioni; Normativa di prevenzione incendi; Altre norme, regole di standard e prassi di riferimento; Attività esistenti e attività nuove) - ADEMPIMENTI PER LE NUOVE ATTIVITÀ (Istanza di registrazione; Parere della commissione comunale o provinciale di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo; Codice identificativo; Cessione, vendita o dismissione dell’attività) - ADEMPIMENTI PER LE ATTIVITÀ ESISTENTI (Istanza di registrazione; Attività esistenti in altri stati; Conservazione ed esibizione della documentazione; Parere della commissione comunale o provinciale di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo) - MONTAGGIO E SMONTAGGIO - VERIFICHE PERIODICHE (Periodicità delle verifiche ed abilitazione alla effettuazione delle stesse; Libretto dell’attività).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Edilizia scolastica
  • Prevenzione Incendi
  • Edilizia e immobili
  • Scuole

Adeguamento antincendio di scuole e asili nido: normativa, adempimenti e scadenze

Le norme antincendio per le scuole (le norme tecniche prescrittive di cui al D.M. 26/08/1992, la Regola Tecnica Verticale (RTV) di cui al D.M. 07/08/2017); Adeguamento strutture esistenti: proroghe varie e scadenze (ultima proroga al 31/12/2021, definizione di priorità ai sensi del D.M. 21/03/2018); Classificazione delle scuole e requisiti per quelle di minori dimensioni; Adempimenti burocratici; Asili nido (normativa di riferimento, adeguamento degli asili nido).
A cura di:
  • Alfonso Mancini