FAST FIND : NN8330

NotaMin. Interno 01/03/2006, n. 900

Attività a rischio di incidente rilevante. Composizione, compiti e funzionamento del Comitato Tecnico Regionale di cui all'art. 20 del D.P.R. 577/82 e all'art. 19 del D.Leg.vo 334/99.
Scarica il pdf completo
60558 535069
[Premessa]


Le novità introdotte dal D.Lgs.238/05 R (cfr. Lettera Circolare Prot. DCPST/A4/RS/3600 del 20 dicembre 2005), nonché il contenuto dei pareri del Consiglio di Stato n.3510/2003 del 26 novembre 2003 (vigilanza e controllo per tutte le attività industriali pericolose) e n.4097/2003 del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
60558 535070
I. COMPOSIZIONE E COMPITI DEL CTR577

1. Il CTR577 ha il compito di esprimere, dal punto di vista della prevenzione incendi, pareri sui progetti di realizzazione, ampliamento o modifica di installazioni o impianti di particolare rilevanza o che presentino alti livelli di rischio soggetti agli artt.6 e 7 del D.Lgs.334/99 o all'art. 5, comma 2, dello stesso decreto legislativo. Quanto sopra anche in considerazione degli aspetti connessi alla pianificazione dell'emergenza esterna, di cui al comma 6-bis dell'art.20 del D.Lgs.334/99, ed all'assetto del territorio ed al controllo dell'urbanizzazione, di cui al comma 5-bis dell'art.14 del D.Lgs.334/99.

2. Si ricorda che, nel caso di stabilimen

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
60558 535071
II. COMPOSIZIONE E COMPITI DEL CTR334

6. Fino all'attuazione dell'art.72 del D.Lgs.112/98 richiamato dal citato art.18 del D.Lgs.334/99, il CTR334 continua a svolgere i compiti relativi alle istruttorie per gli stabilimenti soggetti a presentazione di rapporto di sicurezza.

Le istruttorie comprendono anche i necessari sopralluoghi (cfr.art.12 del D.Lgs.238/05) e, in caso di possibile effetto domino, le azioni finalizzate ad accertare che vengano attuati la cooperazione e gli scambi informativi necessari (cfr.punto g) della Lettera Circolare Prot. DCPST/A4/RS/3600 del 20 dicembre 2005).

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
60558 535072
III. INDICAZIONI PER IL FUNZIONAMENTO DEI COMITATI

10. Al fine di ottimizzare i lavori di ogni singola seduta , si raccomanda la puntuale programmazione degli stessi e l'adozione di tutte le iniziative ritenute necessarie ad agevolare la più ampia partecipazione possibile.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Prevenzione Incendi
  • Scuole

Contributi agli enti locali per l’adeguamento degli edifici scolastici alla normativa antincendio

I contributi sono erogati agli enti locali per l’adeguamento alla normativa antincendio degli edifici pubblici adibiti ad uso scolastico. Stanziati 98 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Alberghi e strutture ricettive
  • Finanza pubblica
  • Prevenzione Incendi
  • Provvedimenti di proroga termini

Antincendio strutture ricettive: classificazione, normativa, adeguamento

CLASSIFICAZIONE STRUTTURE RICETTIVE A FINI DI PREVENZIONE INCENDI - TERMINI DI ADEGUAMENTO STRUTTURE ESISTENTI ALL’11/05/1994 (Ultima proroga disposta dal D.L. 162/2019; Ulteriore proroga per le zone colpite da calamità; Eventuali altre attività presenti nella struttura ricettiva; Piano straordinario biennale di adeguamento; Indirizzi e modulistica per il Piano di adeguamento; Riepilogo termini, casistiche e adempimenti per l’adeguamento) - ADEGUAMENTO RIFUGI ALPINI E STRUTTURE RICETTIVE ALL’APERTO (Adeguamento antincendio rifugi alpini; Adeguamento antincendio strutture ricettive all’aperto).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Certificazioni e procedure
  • Prevenzione Incendi
  • Professioni

Competenze, requisiti e formazione dei professionisti antincendio

PREMESSA; COMPETENZE, SOGGETTI AUTORIZZATI E REQUISITI (Competenze riservate ai professionisti antincendio; Requisiti per l’iscrizione negli elenchi) - CORSI DI FORMAZIONE, PROGRAMMI, ENTI FORMATORI, ESONERI (Corsi di specializzazione ed enti formatori; Articolazione e programmi dei corsi; Esonero dalla frequenza del corso base di specializzazione; Richieste di iscrizione negli elenchi) - AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO E CONSEGUENZE IN CASO DI MANCANZA (Mantenimento dell’iscrizione e corsi di aggiornamento; Soggetti iscritti agli elenchi alla data di entrata in vigore dal D. Min. Interno 05/08/2011; Cancellazione nominativo dagli elenchi - Conseguenze; Periodo di sospensione in caso di mancato aggiornamento; Controlli) - CONFERIMENTO DI INCARICHI A FUNZIONARI TECNICI DELLA P.A. - TABELLA RIEPILOGATIVA E DIFFERENZE CON LA NORMATIVA PRECEDENTE.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Prevenzione Incendi

Norme di Prevenzione incendi

NORMATIVA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI (Codice di prevenzione incendi (RTO); Attività “normate” e “non normate” ai fini della normativa di prevenzione incendi; Cessazione del “doppio binario” e normativa di prevenzione incendi applicabile; Norme tecniche alternative al Codice di prevenzione incendi; Attività cui si applica la RTO e possibili eccezioni) - REGOLE TECNICHE DI PREVENZIONE INCENDI E CHIARIMENTI; (Lavorazione, trasporto e distribuzione di gas infiammabili; Impianti di distribuzione carburanti e ricarica veicoli elettrici; Depositi o rivendite di alcoli; Autodemolizioni; Locali di pubblico spettacolo e impianti sportivi; Alberghi e strutture ricettive; Scuole; Ospedali e strutture sanitarie; Attività commerciali; Uffici; Biblioteche, archivi, musei, gallerie, edifici tutelati in genere; Impianti termici; Autorimesse, parcheggi, locali per ricovero natanti e aeromobili; Edifici di civile abitazione e condomini; Stazioni, aerostazioni, porti e metropolitane; Interporti; Gallerie stradali e ferroviarie; Varie).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Scuole
  • Prevenzione Incendi

Friuli Venezia Giulia: interventi urgenti di adeguamento antincendio di edifici scolastici

La Regione Friuli Venezia Giulia prevede la concessione di contributi in conto capitale in favore delle Amministrazioni comunali a sostegno delle spese di investimento per interventi urgenti di adeguamento alle prescrizioni antincendio degli edifici scolastici. Previsto 1 milione di euro per l'anno 2019 per gli edifici che siano già muniti di parere favorevole rilasciato dal dipartimento dei Vigili del Fuoco competente per territorio e per i quali vi sia l’obbligatorietà della presentazione della SCIA entro il 31/12/2021. Domande dal 28/10/2019 fino all'esaurimento delle risorse disponibili, secondo l'ordine di arrivo.
A cura di:
  • Anna Petricca