FAST FIND : NN1774

D. Min. LL.PP. 18/02/1992, n. 223

Regolamento recante istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego delle barriere stradali di sicurezza.
Scarica il pdf completo
53919 5597897
Premessa

IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI

Vista la legge 21 aprile 1962, n. 181, art. 1, lettera f);

Visto l'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53919 5597898
Art. 1.

1. Si definiscono barriere stradali di sicurezza i dispositivi aventi lo scopo di rea

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53919 5597899
Art. 2.

N2

1. I progetti esecutivi r

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53919 5597900
Art. 3.

N3

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53919 5597901
Art. 4.

1. Possono essere omologati solo i dispositivi che rispondano alle istruzioni tecniche, di cui al successivo art. 8.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53919 5597902
Art. 5.

1. Il Ministero dei lavori pubblici - Ispettorato circolazione e traffico, sentito il

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53919 5597903
Art. 6.

1. Le barriere omologate sono inserite in un catalogo, suddiviso per soluzioni tipolo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53919 5597904
Art. 7.

1. L'ANAS, le società concessionarie di autostrade, le province ed i comuni con popolazione superiore a 300.000 abitanti invieranno ogni due anni al Ministero dei lavori pubblici –

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53919 5597905
Art. 8.

1. Sono allegate al presente decreto le "Istruzioni tecniche per la progettazione, l'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53919 5597906
Art. 9.

1. In via transitoria, le disposizioni di cui al presente decreto non si applicano pe

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53919 5597907
Allegato 1 - Istruzioni tecniche sulla progettazione, omologazione ed impiego delle barriere di sicurezza stradale

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53919 5597908
Art. 1. - Oggetto delle istruzioni

Classificazione dei dispositivi di ritenuta nelle costruzioni stradali

Le presenti istruzioni tecniche disciplinano la progettazione, l'omo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53919 5597909
Art. 2. - Finalità dei dispositivi di ritenuta nelle costruzioni stradali

Le barriere di sicurezza stradale e gli altri dispositivi di ritenuta sono posti in opera e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53919 5597910
Art. 3. - Individuazione delle zone da proteggere

Le zone da proteggere per le finalità di cui all'art. 2, definite, come previsto dal decreto ministeriale 18 febbraio 1992, n. 223, e successivi aggiornamenti e modifiche, dal progettista della sistemazione dei dispositivi di ritenuta, devono riguardare almeno:

i margini di tutte le opere d'arte all'aperto quali ponti, viadotti, ponticelli, sovrappassi e muri di sostegno della carreggiata, indipendentemente dalla loro estensione longitudinale e dall'altezza dal piano di campagna; la protezione dovrà estendersi o

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53919 5597911
Art. 4. - Indice di severità degli impatti

Ai fini della classificazione della severità degli impatti verranno utilizzati

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53919 5597912
Art. 5. - Conformità dei dispositivi di ritenuta nelle costruzioni stradali e loro installazione

Tutti i componenti di un dispositivo di ritenuta devono avere adeguata durabilità mantenendo i loro requisiti prestazionali nel tempo sotto l'influenza di tutte le azioni prevedibili.

Per la produzione di serie delle barriere di sicurezza e degli altri dispositivi di ritenuta, i materiali ed i componenti dovranno avere le caratteristiche costruttive descritte nel progetto del prototipo allegato ai certificati di omologazione, nei limiti delle tolleranze previst

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53919 5597913
Art. 6. - Criteri di scelta dei dispositivi di sicurezza stradale

Ai fini della individuazione delle modalità di esecuzione delle prove d'urto e della classificazione delle barriere di sicurezza stradale e degli altri dispositivi di ritenuta, sarà fatto esclusivo riferimento alle norme UNI EN 1317, parti 1, 2, 3 e 4.

La scelta dei dispositivi di sicurezza avverrà tenendo conto della loro destinazione ed ubicazione del tipo e delle caratteristiche della strada nonché di quelle del traffico cui la stessa sarà interessata, salvo per le barriere di cui al punto c) dell'art. 1 delle presenti istruzioni, per le quali dovranno essere sempre usate protezioni delle classi H2, H3, H4 e comunque in conformità della vigente normativa sulla progettazione, costruzione e collaudo dei ponti stradali. Sarà in particolare controllata la compatibilità dei carichi trasmessi dalle barriere alle opere con le relative resistenze di progetto.

Per la composizione del traffico, in mancanza di indicazioni fornite dal committente, il progettista provvederà a determinarne la composizione sulla base dei dati disponibili o rilevabili sulla strada interessata (traffico giornaliero medio), ovvero di studio previsionale.

Ai fini applicativi il traffico sarà classificato in ragione dei volumi di traffico e della prevalenza dei mezzi che lo compongono, distinto nei seguenti livelli:


Tipo di traffico

TGM

% Veicoli con massa > 3,5 t

I

1000

Qualsiasi

I

> 1000

5

II

> 1000

5 < n 15

III

> 1000

> 15


Per il TGM si intende il Traffico Giornaliero Medio annuale nei due sensi.

Ai fini applicativi le seguenti tabelle A, B, C riportano - in funzione del tipo di strada, del tipo di traffico e della destinazione della barriera - le classi minime di dispositivi da applicare.


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53919 5597914
Art. 7. - Omologazione delle barriere e dei dispositivi

L'omologazione di qualsiasi tipo di barriera o altro dispositivo deve essere richiesta al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, con apposita domanda che deve essere corredata dai seguenti documenti in duplice copia.

a) progetto, firmato da un ingegnere iscritto all'Albo professionale, comprendente una relazione tecnica sui criteri di dimensionamento e funzionamento strutturale e sulle caratteristiche funzionali e geometriche del manufatto con sintesi delle risultanze delle prove sperimentali sostenute secondo quanto disposto nelle presenti istruzioni e in funzione delle installazioni su strada.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53919 5597915
Art. 8. - Modalità di prova dei dispositivi di ritenuta e criteri di giudizio ai fini dell'omologazione

L'idoneità dei dispositivi di ritenuta, ai fini indicati all'art. 7, è subordinata al superamento di prove su prototipi in scala reale, eseguite presso campi prove attrezzati dotati di certificazione secondo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53919 5597916
Allegato 1A - Prescrizioni tecniche per le prove delle barriere e dispositivi di sicurezza stradale ai fini dell’omologazione

N4

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Urbanistica
  • Norme tecniche
  • Pianificazione del territorio
  • Strade
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti

L’installazione di impianti pubblicitari stradali

Pianificazione delle attività, dimensioni, caratteristiche, ubicazione e distanze da rispettare dentro e fuori dai centri abitati, autorizzazioni (enti competenti, documentazione da produrre, tempistica per il rilascio o il diniego, durata, rinnovo e decadenza, sanzioni, obblighi del titolare, rapporto con le autorizzazioni edilizie), sanzioni.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Norme tecniche
  • Costruzioni in zone sismiche

La classificazione sismica di tutti i comuni italiani dal 1927 a oggi

Riepilogo della classificazione sismica (zone sismiche) dei Comuni italiani, con tutti i provvedimenti di classificazione storici a partire dal 1927 e la situazione aggiornata sulla base dei provvedimenti delle Regioni, cui è stata demandata la competenza all’individuazione delle zone sismiche a partire dal 1998. Distinzione tra la classificazione sismica ai fini degli adempimenti tecnico-amministrativi e per la vigilanza, e quella da adottarsi dal 2009 per la definizione delle azioni sismiche ai fini progettuali.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Norme armonizzate
  • Norme tecniche

Indice delle Norme UNI e CEI per l’Edilizia - Parte 1/7 - Sistema edilizio e tecnologico

1. Requisiti generali: 1 - Classificazione e requisiti del sistema; 2 - Sostenibilità delle costruzioni; 3 - Unità di misura; 4 - Misurazioni; 5 - Manutenzione e gestione, aspetti generali; 6 - Manutenzione e gestione di patrimoni immobiliari; 7 - Urbanistica; 8 - Gestione del valore; 9 - Norme generali di progettazione edilizia; 10 - Appalto e realizzazione dei lavori. 2. Rappresentazione grafica: 1 - Coordinazione modulare; 2 - Tolleranze dimensionali; 3 - Disegno, normativa generale; 4 - Disegno edile; 5 - Informazione tecnica e di prodotto. 3. Controllo e assicurazione della qualità: 1 - Normativa generale; 2 - Laboratori di prova; 3 - Metodi di calcolo statistici; 4 - Sistema aziendale per la qualità; 5 - Certificazione della qualità.
A cura di:
  • Gaetano Miti
  • Norme tecniche
  • Norme armonizzate

Indice delle Norme UNI e CEI per l’Edilizia - Parte 2/7 - Applicazioni di Fisica tecnica

4. Acustica: 1 - Potenza sonora delle sorgenti; 2 - Misurazioni; 3 - Clima acustico; 4 - Acustica in edilizia; 5 - Sistemi di attenuazione del rumore in ambienti; 6 - Rumore emesso da macchine e apparecchiature; 7 - Rumorosità degli impianti in edilizia; 8 - Silenziatori per gli impianti; 9 - Misure dell’isolamento acustico in opera di edifici e di loro parti; 10 - Misure dell’isolamento acustico di edifici in laboratorio; 11 - Acustica delle infrastrutture di trasporto; 12 - Sistemi di attenuazione del rumore stradale e ferroviario; 13 - Proprietà vibro-acustiche di elementi resilienti; 14 - Fibre di vetro per isolamento acustico; 15 - Altri materiali per isolamento acustico. 5. Isolamento termico e risparmio energetico: 1 - Norme generali; 2 - Dati climatici; 3 - Gestione dell’energia; 4 - Prestazioni termoigrometriche dei componenti edilizi; 5 - Prestazioni energetiche degli edifici; 6 - Prestazioni dei componenti edilizi opachi; 7 - Prove di laboratorio; 8 - Isolanti termici per gli impianti; 9 - Prodotti per l’isolamento termici degli impianti; 10 - Prove sugli isolanti termici per impianti; 11 - Sistema isolante a cappotto; 12 - Isolanti termici per edilizia a base di fibre minerali; 13 - Isolanti termici per edilizia a base di materie plastiche cellulari; 14 - Isolanti termici per edilizia a base di poliuretano; 15 - Isolanti termici per edilizia a base di materiali polimerici; 16 - Isolanti termici per edilizia a base di polistirene; 17 - Isolanti termici per edilizia a base di resine fenoliche; 18 - Isolanti termici per edilizia a base di fibre di vetro; 19 - Isolanti termici per edilizia a base di vetro cellulare; 20 - Isolanti termici per edilizia a base di legno; 21 - Isolanti termici per edilizia a base di argilla e di silicati di calcio; 22 - Isolanti termici per edilizia a base di cellulosa; 23 - Prove sui materiali isolanti termici per l’edilizia. 6. Varie: 1 - Colorimetria; 2 - Vibrazioni e urti.
A cura di:
  • Gaetano Miti
  • Norme armonizzate
  • Norme tecniche

Indice delle Norme UNI e CEI per l’Edilizia - Parte 3/7 - Protezione e sicurezza

7. Sicurezza e igiene del lavoro: 1 - Normativa generale; 2 - Ambienti di lavoro; 3 - Misure nell'ambiente di lavoro; 4 - Ambienti confinati; 5 - Ergonomia; 6 - Esposizione al rumore negli ambienti di lavoro; 7 - Segnaletica di sicurezza; 8 - Mezzi di protezione personali, vie respiratorie; 9 - Mezzi di protezione personali, occhi; 10 - Mezzi di protezione personali, udito; 11 - Mezzi di protezione personali, cadute dall’alto; 12 - Mezzi di protezione personali, elmetti; 13 - Mezzi di protezione personali, guanti ed indumenti; 14 - Mezzi di protezione personali, calzature; 15 - Altri mezzi di protezione; 16 - Sicurezza del macchinario; 17 - Attrezzature provvisionali fisse di cantiere; 18 - Piccola attrezzatura di cantiere; 19 - Ponteggi e scale; 20 - Macchine movimento terra; 21 - Mezzi di sollevamento; 22 – Gru; 23 - Catene e funi; 24 - Mezzi di sollevamento di cantiere per persone; 25 - Macchine per costruzioni stradali; 26 - Sistemi di trasporto continuo; 27 - Macchine per estrazione; 28 - Macchine per la produzione di calcestruzzo; 29 - Altri macchinari per costruzioni; 30 - Esplosivi per uso civile. 8. Protezione antincendio: 1 - Normativa generale; 2 - Classificazione dei prodotti per costruzioni; 3 - Metodologie di prove al fuoco; 4 - Prove al fuoco su materiali da costruzione; 5 - Prove al fuoco su materiali tessili; 6 - Prove al fuoco su prodotti vernicianti; 7 - Prove al fuoco su elementi non portanti; 8 - Prove al fuoco su infissi e vetri; 9 - Prove al fuoco su materie plastiche; 10 - Prove al fuoco su materie isolanti; 11 - Prove al fuoco su pavimenti e rivestimenti; 12 - Prove al fuoco su membrane per impermeabilizzazione; 13 - Prove su materiali e manufatti strutturali; 14 - Prove su materiali e manufatti impiantistici; 15 - Segni grafici di sicurezza; 16 - Tubazioni ed accessori per impianti antincendio; 17 - Protezione con agenti estinguenti liquidi; 18 - Protezione con agenti estinguenti gassosi; 19 - Protezione con liquidi schiumogeni; - 20 - Altri sistemi di protezione; 21 - Apparecchi e materiali di estinzione mobili; 22 - Sistemi di rivelazione e segnalazione incendi. 9. Protezione ambientale: 1 - Impatto ambientale; 2 - Materiali per l’edilizia; 3 - Compatibilità elettromagnetica.
A cura di:
  • Gaetano Miti
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Strade
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Norme tecniche

Gestione della sicurezza delle infrastrutture stradali nazionali

  • Norme tecniche
  • Impianti di sollevamento e a fune
  • Impianti di sollevamento e a fune
  • Impiantistica

Adeguamento a disposizioni tecniche impianti a fune per il trasporto di persone (D.M. 11/05/2017)

  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Calamità/Terremoti
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Norme tecniche
  • Protezione civile

Contributi per la ripresa delle attività economiche e produttive nei territori colpiti dal sisma a far data dal 24/08/2016

  • Macchine e prodotti industriali
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Inquinamento atmosferico
  • Norme tecniche

Motori macchine mobili non stradali: omologazione UE e immissione sul mercato