FAST FIND : NN1495

L. 18/05/1989, n. 183

Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo.

Con le modifiche introdotte da:
- Sentenza C. Cost. 26/02/1990, n. 85
- L. 07/08/1990, n. 253
- D.L. 05/10/1993, n. 398 (L. 04/12/1993, n. 493)
- D.L. 04/12/1993, n. 496 (L. 21/01/1994,n. 61)
- D.L. 08/08/1994, n. 507 (L. 21/10/1994, n. 584)
- D. Leg.vo 30/07/1999, n. 300
- L. 31/07/2002, n. 179

Scarica il pdf completo
53636 3617884
TITOLO I- LE ATTIVITÀ, I SOGGETTI, I SERVIZI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617885
CAPO I- LE ATTIVITÀ
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617886
Art. 1- Finalità della legge

1. La presente legge ha per scopo di assicurare la difesa del suolo, il risanamento delle acque, la fruizione e la gestione del patrimonio idrico per gli usi di razionale sviluppo economico e sociale, la tutela degli aspetti ambientali ad essi connessi.

2. Per il conseguimento delle finalità perseguite dalla presente legge, la pubblica amministrazione svolge ogni opportuna azione di carattere conoscitivo, di programmazione e pianificazione degli i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617887
Art. 2- Attività conoscitiva

1. Nell’attività conoscitiva, svolta per le finalità della presente legge e riferita all’intero territorio nazionale, si intendono comprese le azioni di raccolta, elaborazione, archiviazione e diffusione dei dati; accertamento, sperimentazione, ricerca e studio degli elementi dell’am

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617888
Art. 3 - Le attività di pianificazione, di programmazione e di attuazione

1. Le attività di programmazione, di pianificazione e di attuazione degli interventi destinati a realizzare le finalità indicate all’articolo 1 curano in particolare:

a) la sistemazione, la conservazione ed il recupero del suolo nei bacini idrografici, con interventi idrogeologici, idraulici, idraulico-forestali, idraulico-agrari, silvo-pastorali, di forestazione e di bonifica, anche attraverso processi di recupero naturalistico, botanico e faunistico;

b) la difesa, la sistemazione e la regolazione dei corsi d' acqua, dei rami terminali dei fiumi e delle loro foci nel mare, nonché delle zone umide;

c) la moderazione delle piene, anche mediante serbatoi di invaso, vasche di laminazione, casse di espansione, scaricatori, scolmatori, diversivi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617889
CAPO II- I SOGGETTI CENTRALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617890
Art. 4 - Il Presidente delConsiglio dei ministri ed il Comitato dei ministri per i servizitecnici nazionali e gli interventi nel settore della difesa del suolo

1. Il Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dei lavori pubblici ovvero del Comitato dei ministri di cui al comma 2 nel caso in cui alla lettera d), e previa deliberazione del Consiglio dei ministri, approva con proprio decreto:

a) le deliberazioni concernenti i metodi ed i criteri, anche tecnici, per lo svolgimento delle attività di cui agli articoli 2 e 3, nonché per la verifica ed il controllo dei piani di bacino, dei programmi di intervento e di quelli di gestione;

b) gli atti relativi alla delimitazione dei bacini di rilievo nazionale e interregionale;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617891
Art. 5- Competenze del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio

N3

1. Le attribuzioni statali previste dalla presente legge sono svolte sotto la responsabilità "del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio" N5 e del Ministro dell’ambiente, secondo le rispettive competenze.

2. "Il Ministro dell'ambien

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617892
Art. 6- Comitato nazionale per la difesa del suolo: istituzione e compiti

1. È istituito presso il Ministero dei lavori pubblici il Comitato nazionale per la difesa del suolo.

2. Detto Comitato, presieduto dal Ministro dei lavori pubblici, e composto da esperti nel settore della difesa del suolo, designati, su richiesta del Ministro dei lavori pubblici, in ragione di:

a) due rappresentanti di ciascuno dei Ministeri dei lavori pubblici, dell’ambiente e dell’agricoltura e delle foreste;

N8 b) un rappresentante di ciascuno dei seguenti Ministeri: per i beni culturali e ambientali; del bilancio e della programmazione economica; dei trasporti; della sanità; della marina mercantile; dell’industria, del commercio e dell’artigianato; delle finanze; del tesoro; dell’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617893
Art. 7- Direzione generale della difesa del suolo

1. La direzione generale delle acque e degli impianti elettrici del Ministero dei lavori pubblici assume la denominazione di direzione generale della difesa del suolo ed esplet

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617894
Art. 8- Collaborazione interministeriale

1. Il Presidente del Consiglio dei ministri ed i Ministri membri del Comitato di cui

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617895
Art. 9 - I servizi tecnici nazionali

1. N9

2. N9

3. N9

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617896
CAPO III- LE REGIONI, GLI ENTI LOCALI E LE AUTORITÀ DI BACINO DI RILIEVO NAZIONALE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617897
Art. 10- Le regioni

1. Le regioni, ove occorra d' intesa tra loro, esercitano le funzioni ad esse trasferite e delegate ai sensi della presente legge, ed in particolare quelle di gestione delle risorse d' acqua e di terra e, tra l’altro:

a) delimitano i bacini idrografici di propria competenza;

b) collaborano nel rilevamento e nell’elaborazione del progetto di piano dei bacini di rilievo nazionale secondo le direttive dei relativi comitati istituzionali, ed adottano gli atti di competenza;

c) formulano proposte per la formazione dei programmi e per la redazione di studi e di progetti relativi ai bacini di rilievo nazionale;

d) provvedono alla elaborazione, adozione, approvazione ed attuazione dei piani dei bacini idrografici di rilievo regionale nonché alla approvazione di quelli di rilievo interregionale;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617898
Art. 11- Enti locali ed altri soggetti

1. I comuni, le province, i loro consorzi o associazioni, le comunità montane,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617899
Art. 12- Autorità di bacino di rilievo nazionale

N18

1. Nei bacini idrografici di rilievo nazionale è istituita l’Autorità di bacino, che opera in conformità agli obiettivi della presente legge considerando i bacini medesimi come ecosistemi unitari.

2. Sono organi dell’Autorità di bacino:

a) il comitato istituzionale;

b) il comitato tecnico;

c) il segretario generale e la segreteria tecnico-operativa.

N5 3. Fermo restando quanto disposto dall'articolo 2, comma 1, quinto periodo, del decreto-legge 11 giugno 1998, n. 180, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 1998, n. 267, il comitato istituzionale è presieduto dal Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio, o da un sottosegretario da lui delegato, ed è composto: dal predetto Ministro; dai Ministri delle infrastrutture e dei trasporti, delle politiche agricole e forestali e per i beni e le attività culturali, ovvero dai sottosegretari delegati; dai presidenti delle giunte

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617900
TITOLO II- GLI AMBITI, GLI STRUMENTI, GLI INTERVENTI, LE RISORSE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617901
CAPO I- GLI AMBITI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617902
Art. 13- Classificazione dei bacini idrografici e loro delimitazione

1. L’intero territorio nazionale, ivi comprese le isole minori, è ripartito in bacini idrograf

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617903
Art. 14- Bacini di rilievo nazionale

1. Fatti salvi gli accordi internazionali che riguardano bacini interessanti anche territori al di fuori dei confini nazionali, sono bacini di rilievo nazionale:

a) per il versante adriatico:

1) Isonzo (Friuli-Venezia Giulia);

2) Tagliamento (Veneto, Friuli-Venezia Giulia);

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617904
Art. 15- Bacini di rilievo interregionale

1. Bacini di rilievo interregionale sono:

a) per il versante adriatico:

1) Lemene (Veneto, Friuli-Venezia Giulia);

2) Fissaro-Tartaro-Canal Bianco (Lombardia, Veneto);

3) Reno (Toscana, Emilia-Romagna);

4) Marecchia (Toscana, Emilia-Romagna, Marche);

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617905
Art. 16- Bacini di rilievo regionale

1. Bacini di rilievo regionale sono tutti quelli non ricompresi nelle disposizioni degli

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617906
CAPO II - GLI STRUMENTI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617907
Art. 17- Valore, finalità e contenuti del piano di bacino

1. Il piano di bacino ha valore di piano territoriale di settore ed è lo strumento conoscitivo, normativo e tecnico-operativo mediante il quale sono pianificate e programmate le azioni e le norme d' uso finalizzate alla conservazione, alla difesa e alla valorizzazione del suolo e la corretta utilizzazione delle acque, sulla base delle caratteristiche fisiche ed ambientali del territorio interessato.

2. Il piano di bacino è redatto, ai sensi dell’articolo 81, primo comma, lettera a) del decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1977, n. 616, in base agli indirizzi, metodi e criteri fissati dal Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dei lavori pubblici previa deliberazione del Comitato nazionale per la difesa del suolo. Studi ed interventi sono condotti con particolare riferimento ai bacini montani, ai torrenti di alta valle ed ai corsi d' acqua di fondovalle.

3. Il piano di bacino persegue le finalità indicate all’articolo 3 ed, in particolare, contiene:

a) in conformità a quanto previsto dall’articolo 2, il quadro conoscitivo organizzato ed aggiornato del sistema fisico, delle utilizzazioni del territorio previste dagli strumenti urbanistici comunali ed intercomunali, nonché dei vincoli, relativi al bacino, di cui al regio decreto-legge 30 dicembre 1923, n. 3267, ed alle leggi 1° giugno 1939, n. 1089, e 29 giugno 1939, n. 1497, e loro successive modificazioni ed integrazioni;

b) la individuazione e la quantificazione delle situazioni, in atto e potenziali, di degrado del sistema fisico, nonché delle relative cause;

c) le direttive alle qua

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617908
Art. 18- I piani di bacino di rilievo nazionale

1. I progetti di piano di bacino di rilievo nazionale sono elaborati dai comitati tecnici e quindi adottati dai comitati istituzionali che, con propria deliberazione, contestualmente stabiliscono:

a) i termini per l’adozione da parte delle regioni dei provvedimenti di cui al presente articolo;

b) quali componenti del progetto costituiscono interesse esclusivo delle singole regioni e quali costituiscono interessi comuni a due o più regioni.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617909
Art. 19- I piani di bacino di rilievo interregionale

1. Per la elaborazione ed adozione dei piani di bacino di rilievo interregionale si applicano le disposizi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617910
Art. 20- I piani di bacino di rilievo regionale

N14 1. Con propri atti le regioni disciplinano e provvedono ad elaborare ed approvare i piani di bacino di rilievo regionale contestualmente coordinando i piani di cui alla legge 10 maggio 1976, n.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617911
CAPO III- GLI INTERVENTI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617912
Art. 21- I programmi di intervento

1. I piani di bacino sono attuati attraverso programmi triennali di intervento, redatti tenendo conto degli indirizzi e delle finalità dei piani medesimi.

2. I programmi triennali debbono destinare una quota non inferiore al "10"

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617913
Art. 22- Adozione dei programmi

1. I programmi di intervento nei bacini di rilievo nazionale sono adottati dai competenti comitati istituzionali.

2. I programmi triennali di intervento relativi ai bacini di rilievo interregionale sono adottati d' intesa dalle regioni; in mancanza di intesa si applica il comma 4 dell’articolo 20.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617914
Art. 23- Attuazione degli interventi

1. Le funzioni di studio e di progettazione e tecnico-organizzative attribuite alle Autorità di bacino possono essere esercitate anche mediante affidamento di incarichi, deliberati dai rispettivi comitati istituzionali, ad istituzioni universitarie, liberi professionisti e organizzazioni tecnico-professionali specializzate.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617915
CAPO IV- LE RISORSE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617916
Art. 24- Personale

1. In relazione alle esigenze determinate dalla applicazione della presente legge, co

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617917
Art. 25- Finanziamento

1. Gli interventi previsti dalla presente legge sono a totale carico dello Stato e si attuano mediante i programmi triennali di cui all’articolo 21.

N12 2. A decorrere dall'anno 1994, per le finalità di cui al comma 1, si provvede ai sensi dell'articolo 11, comma 3, lettera d), della legge 5 agosto 1978, n. 468, come modificata dalla legge 23 agosto 1988, n. 362.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617918
TITOLO III- DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617919
Art. 26 (Costituzione del Comitato nazionale per la difesa del suolo)

1. Entro quarantacinque giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617920
Art. 27 (Soppressione dell’ufficio speciale per il Reno)

N17

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617921
Art. 28- Personale regionale

1. Possono essere distaccati presso i servizi per la segreteria del Comitato nazional

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617922
Art. 29- Rapporti al Parlamento

1. Alla relazione sullo stato dell’ambiente di cui all’articolo 1, comma 6, della legge 8 luglio 1986, n. 3

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617923
Art. 30- Bacino regionale pilota

1. Entro quarantacinque giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge il Ministro dei lavori pubblici, d' intesa con il Ministro dell’ambiente, individua il bacino regionale in cui, per le particolari condizioni di dissesto idrogeologico, di rischio sismico e di inquinamento delle acque, procedere alla predisposizione del piano di bacino, come previsto dalla presente legge, già con riferimento agli interventi da e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617924
Art. 31- Schemi previsionali e programmatici

1. Entro quarantacinque giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, sono costituite le Autorità dei bacini di rilievo nazionale, che elaborano e adottano uno schema previsionale e programmatico ai fini della definizione delle linee fondamentali dell’assetto del territorio con riferimento alla difesa del suolo e della predisposizione dei piani di bacino, sulla base dei necessari atti di indirizzo e coordinamento.

2. Gli schemi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617925
Art. 32- Competenze delle province autonome di Trento e di Bolzano

1. Per le acque appartenenti al demanio idrico delle province autonome di Trento e di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617926
Art. 33- Copertura finanziaria

1. All’onere derivante dall’attuazione dell’articolo 24, valutato in lire 10 miliardi per il 1989, in lire 15 miliardi per il 1990 ed in lire 25 miliardi per il 1991, si fa fronte mediante riduzione dello stanziamento iscritto al capitolo 6856 dello stato di previsione del Ministero del tesoro per il 1989, all’uopo parzialmente utilizzando l’accantonamento " Ristrutturazio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617927
Art. 34- Consorzi idraulici

1. Sono soppressi i consorzi idraulici di terza categoria ed abrogate le disposizioni di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53636 3617928
Art. 35- Organizzazione dei servizi idrici pubblici

1. Nei piani di bacino, in relazione a quanto previsto all’articolo 17, comma 3, lettera e), e compatibilmente con gli altri interventi programmati dal Ministero dei lavori pubblici con il piano nazionale degli acquedotti, possono essere individuati ambiti territoriali ottimali per la gestione mediante consorzio obbligatorio dei servizi pubblici di acquedotto, fognatura, collettamento e depurazione delle acque usate.


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Costruzioni
  • Dighe
  • Norme tecniche
  • Infrastrutture e opere pubbliche

Norme tecniche e amministrative per le dighe e gli sbarramenti di ritenuta

RIPARTO DI COMPETENZE IN TEMA DI DIGHE E SBARRAMENTI DI RITENUTA (Dighe e altre opere di competenza dello Stato ; Altre competenze delle strutture dello Stato; Dighe e altre opere di competenza delle Regioni e Province autonome; Competenza su altre opere idrauliche varie) - FUNZIONI TECNICO AMMINISTRATIVE DI VIGILANZA E CONTROLLO (Strutture tecnico amministrative statali di riferimento; Compiti e funzioni della DG dighe e infrastrutture idriche ed elettriche del MIT; Contributo per il funzionamento della DGD e diritti di istruttoria sui progetti) - PERMESSI E AUTORIZZAZIONI PER I PROGETTI (Approvazione tecnica dei progetti di grandi dighe; Valutazione di impatto ambientale) - NORMATIVA VIGENTE E STORICA IN MATERIA DI DIGHE E TRAVERSE (Normativa tecnica vigente; Norme generali per il progetto, la costruzione e l’esercizio; Altre disposizioni varie e di protezione civile; Normativa regionale vigente; Normativa tecnica sulle dighe non più vigente) - VERIFICHE SISMICHE E ALTRI ADEMPIMENTI SULLE DIGHE ESISTENTI (Verifiche sismiche e idrauliche conseguenti alla nuova classificazione sismica dei Comuni; Adempimenti vari per la sicurezza delle grandi dighe esistenti).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Difesa suolo
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Titoli abilitativi
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Edilizia e immobili

Interventi edilizi in aree soggette a vincolo idrogeologico

Individuazione delle aree soggette a vincolo idrogeologico; Interventi soggetti a c.d. nullaosta idrogeologico; Procedura per il c.d. nullaosta idrogeologico; Abusi idrogeologici - Sanzioni; Ordine di riduzione in pristino - Autorizzazione idrogeologica in sanatoria; Pianificazione di bacino - Interventi in aree a rischio idrogeologico.
A cura di:
  • Studio Groenlandia
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure

L’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA)

COSA È L’ AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (AIA) (Finalità dell’AIA e normativa di riferimento; Autorizzazioni e provvedimenti sostituiti dall’AIA; Rapporti tra AIA e Valutazione di impatto ambientale (VIA); Rapporti tra AIA e altre autorizzazioni non ambientali e/o edilizie) - INTERVENTI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (AIA) (Campo di applicazione dell’AIA; Esclusioni; Competenza al rilascio dell’AIA; Tabella completa impianti soggetti ad Autorizzazione integrata ambientale) - DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (Contenuti della domanda di AIA in sede statale; Modulistica per la domanda di AIA in sede statale; Domanda di AIA in sede regionale o delle Province autonome; La relazione di riferimento per le attività che utilizzano sostanze pericolose; Oneri istruttori e spese per rilievi, accertamenti e sopralluoghi) - PROCEDIMENTO DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (Presentazione della domanda e verifica; Pubblicazione dei dati sulla domanda e osservazioni del pubblico; Istruttoria e acquisizione di atti e prescrizioni; Coordinamento autorizzazioni su parti diverse della stessa installazione; Conclusione del procedimento; Accordi tra gestore ed enti pubblici per impianti di preminente interesse nazionale; Direttiva per la conduzione dei procedimenti di AIA) - PROVVEDIMENTO DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (Condizioni per il rilascio dell’AIA; Contenuto dell’AIA) - RINNOVO O RIESAME DELL’AIA, MODIFICHE AGLI IMPIANTI (Rinnovo o riesame dell’AIA; Modifiche degli impianti sottoposti ad Autorizzazione integrata ambientale) - SANZIONI (Diffida, sospensione attività e chiusura installazione; Sanzioni penali e amministrative.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Studio Groenlandia
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti

Rifiuti, non rifiuti e sottoprodotti: definizione, classificazione, normativa di riferimento

RIFIUTI, NON RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI (Rifiuti; Non rifiuti (esclusioni dal campo di applicazione della parte IV del D. Leg.vo 152/2006); Sottoprodotti) - CESSAZIONE DELLA QUALITÀ DI RIFIUTO, RECUPERO (Condizioni per la cessazione della qualità di rifiuto; Normativa di riferimento per il recupero di rifiuti) - LE CONDIZIONI PER LA QUALIFICAZIONE COME SOTTOPRODOTTO (Condizioni per la qualifica di sottoprodotto; Dimostrazione dei requisiti per la qualifica dei residui di produzione come sottoprodotti) - CRITERI PER LA QUALIFICAZIONE COME SOTTOPRODOTTO DI SPECIFICHE TIPOLOGIE DI SOSTANZE.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Albo nazionale dei gestori ambientali

Albo gestori ambientali, normativa, categorie, iscrizione, responsabile tecnico, modulistica

L’ALBO GESTORI AMBIENTALI (Scopo e articolazione; Normativa di riferimento; Categorie di iscrizione all’Albo gestori ambientali) - OBBLIGO, ESONERI, REQUISITI, GARANZIE, DURATA, RINNOVO (Obbligo iscrizione all’Albo nazionale gestori ambientali; Esoneri; Requisiti di iscrizione; Garanzie finanziarie; Durata e rinnovo dell’iscrizione; Modulistica) - RESPONSABILE TECNICO IMPRESE ISCRITTE ALL’ALBO GESTORI AMBIENTALI (Figura del responsabile tecnico; Requisiti del responsabile tecnico; Regime transitorio soggetti iscritti al 16/10/2017.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Acque
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Scarichi ed acque reflue

Toscana, scarichi: conclusione degli interventi di realizzazione o adeguamento

  • Demanio idrico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Acque
  • Demanio
  • Pubblica Amministrazione

Scadenza concessioni demaniali per finalità turistico-ricreative e varie

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Inquinamento atmosferico

Monitoraggio e comunicazione dei dati emissioni veicoli pesanti

  • Inquinamento atmosferico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Monitoraggio e comunicazione dei dati emissioni veicoli pesanti

  • Tutela ambientale
  • Energia e risparmio energetico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Trasporti

Adozione nuovi PUMS secondo le linee guida di cui al D.M. 04/08/2017