FAST FIND : NN1186

Circ.Min. Beni e Att. Culturali 31/08/1985, n. 8

Tutela delle zone di particolare interesse ambientale.Applicazione L.431/85.
Scarica il pdf completo
53311 366731
[Premessa]


Come preavvertito con fonogramma n. 7341 del 27-8-1985, é stata pubblicata, nella G.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53311 366732
PREMESSA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53311 366733
I) É pregiudiziale alla corretta interpretazione della legge in parola il richiamo della normativa vigente in materia, non prescindendo dal costante rinvio alla giurisprudenza, alla dottrina ed alla prassi, in tanti lustri di applicazione formatesi.

É altresì utile, agli stessi fini, tener conto del dibattito parlamentare sul decreto-legge 312 Rin sede di conversione in legge ed in particolare degli ordini del giorno e delle raccomandazioni rivolte al Governo e che il Governo si é impegnato ad osservare.


Giova, infine, riflettere sull' accezione stessa di "bene ambientale", tenendo conto della evoluzione teoretica e pratica, verificatasi dalla prima normativa ad oggi, ossia della odierna concezione di "bene", che non annulla, ma supera, non nega ma integra quello originario di "bellezza naturale".

.

Il rinvio al diritto positivo comporta, pertanto, l' obbligo di una lettura contestuale e comparata almeno delle seguenti fonti:

a) L. n. 1497 del 29 giugno 1939, Rl sulla protezione delle bellezze naturali e panoramiche;

b) L. n. 1089 del 1° giugno 1939, R sulla tutela di cose di interesse

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53311 366734
II) L' applicazione della legge in questione esige, anzitutto, un costante e proficuo rapporto di collaborazione tra questo Ministero, nei suoi organi centrali e periferici, i Ministeri aventi competenza sia pure parziale in materia (Agricoltura e Foreste, Lavori Pubblici, Marina Mercantile, etc.) e le Regioni.

Necessita, pertanto, istituzionalizzare collegamenti organici perché l' azione di tutela dalla programmazion

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53311 366735
III) Oggetto della tutela, di cui alla Legge 431, é il patrimonio paesistico e ambientale della Nazione.

Il fine da perseguire é quello diretto ad evitare alterazioni morfologiche e strutturali del paesaggio vietando interventi che arrechino deturpazione o stravolgimento dei luoghi. La tutela deve essere esercita

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53311 366736
TUTELA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53311 366737
Strumenti di tutela

Gli strumenti di tutela previsti dalla Legge 431/85R sono:


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53311 366738
Oggetto di tutela

Il patrimonio, oggetto della Legge 431 deve distinguersi in due categorie:


A) i beni sottoposti a vincolo paesaggistico, ai sensi della Legge 29 giugno 1939, n. 1497,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53311 366739
III) Vincoli e loro natura
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53311 366740
III-A) Vincoli di cui ai Beni indicati sub lettera A)

Tali vincoli agiscono "ope legis" e, pertanto, non richiedono nessun provvedimento amministrativo di notifica dell' interesse "ipso iure" tutelato e non possono essere modificati a differenza di quelli imposti con provvedimenti amministrativi sia dello Stato che delle Regioni, i quali possono essere annullati o modificati ai sensi delÌ art. 14 del regolamento di attuazione della Legge 1497/39R e con le limitazioni disposte dal III comma dell' art. 82 del D.P.R. 616/77.R Tanto non esime tuttavia dalla loro definizione sul territorio, essendo la elencazione fattane dal legislatore per necessità generica.


Spetta, quindi, all' Amministrazione individuarne quegli elementi di certezza su cui si fonda sempre il diritto.


É necessario, pertanto, che presso ogni Soprintendenza ai Beni Ambientali e Architettonici si istituisca un gruppo di studio, in stretta collaborazione con le Soprintendenze ai Beni Archeologici, Artistici e Storici operanti sullo stesso territorio e con la Regione, ai fini della elaborazione e integrazione di un documento cartografico, in cui siano chiaramente individuate le presenze ambientali da tutelare, nell' ambito di quelle indicate all' art. 1. Se é vero, infatti, che, allo stato attuale, non si esige alcun intervento amministrativo per la sottoposizione a vincolo di tali presenze che, come detto, sono vincolate "ope legis", la determinazione fisica ossia spaziale, delle stesse é, invece, indispensabile per l' esercizio del diritto-dovere di tutela nel tempo, ossia, allorquando l' Amministrazione pubblica (statale e regionale) dovrà porre in essere i provvedimenti di autorizzazione o di diniego degli interventi di cui all' art. 7 della più volte citata Legge 1497/1939. R


Il compito della definizione di tali beni, se non arduo, é certamente non agevole, anche se la vasta dottrina filosofico-giuridica formatasi sul particolare argomento può essere di valido ausilio.


Di qui l' utilità dei gruppi di studio dianzi indicati, i cui esiti dovranno essere verificati in sede nazionale in un incontro dei Soprintendenti,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53311 366741
III-B) Vincoli di cui ai Beni indicati sub lettera B)

Tali vincoli concernono quelle aree nelle quali vige il divieto di intervento di cui si dirà appresso, costituite, si ripete, da quelle individuate ai sensi dell' art. (o punto) 2 del D.M. 21 settembre 1984 nonché da tutte le altri, che le Regioni potranno individuare e, quindi, vincolare entro 120 giorni dalla data di entrata in vigore della medesima Legge (5-1-1986).


Per quanto concerne i beni di cui al punto 2 del D.M. 21 settembre 1984, si ritiene opportuno rammentare che i decreti di vincolo sono stati pubblicati nella Gazzetta Ufficiale relativamente alle Regioni Campania, Basilicata, Molise, Liguria, Lazio e Abruzzo, Marche, Gronda della Laguna di Venezia, Ville Lucchesi, Belmonte, etc.


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53311 366742
PIANIFICAZIONE PAESISTICA

I beni di cui alla presente circolare sono oggetto di pianificazione paesistica o urbanistico-territoriale.


Merita, anzitutto, considerazione che, mentre la Legge 1497 e il rispettivo Regolamento trattano esclusivamente di "piani paesistici" (vedi in particolare l' art. 5), R la legge in esame introduce una innovazione sensibile equiparando, o,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53311 366743
SANZIONI

Le sanzioni previste sono quelle indicate nella Legge n. 1497 del 1939, R cui si aggiungono quelle di cui all' art. 20 della Legge

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Aree urbane
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Tutela ambientale
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica
  • Energia e risparmio energetico
  • Urbanistica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Lazio: 2,8 milioni per la tutela e il recupero dei centri storici

Concessione di contributi in conto capitale ai Comuni del Lazio, ad esclusione di Roma Capitale, per la realizzazione di opere e lavori pubblici finalizzati alla tutela e al recupero dei centri storici. Stanziato un fondo di oltre 2,8 milioni di euro destinato per il 64% ai Comuni sotto i 5.000 abitanti e per il restante 36% ai Comuni con popolazione pari o superiore ai 5.000 abitanti. Verranno stilate due distinte graduatorie e sarà attribuito un punteggio premiante a quei Comuni che presentano progetti con rilevante attenzione al tema della sostenibilità ambientale.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure

L’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA)

COSA È L’ AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (AIA) (Finalità dell’AIA e normativa di riferimento; Autorizzazioni e provvedimenti sostituiti dall’AIA; Rapporti tra AIA e Valutazione di impatto ambientale (VIA); Rapporti tra AIA e altre autorizzazioni non ambientali e/o edilizie) - INTERVENTI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (AIA) (Campo di applicazione dell’AIA; Esclusioni; Competenza al rilascio dell’AIA; Tabella completa impianti soggetti ad Autorizzazione integrata ambientale) - DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (Contenuti della domanda di AIA in sede statale; Modulistica per la domanda di AIA in sede statale; Domanda di AIA in sede regionale o delle Province autonome; La relazione di riferimento per le attività che utilizzano sostanze pericolose; Oneri istruttori e spese per rilievi, accertamenti e sopralluoghi) - PROCEDIMENTO DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (Presentazione della domanda e verifica; Pubblicazione dei dati sulla domanda e osservazioni del pubblico; Istruttoria e acquisizione di atti e prescrizioni; Coordinamento autorizzazioni su parti diverse della stessa installazione; Conclusione del procedimento; Accordi tra gestore ed enti pubblici per impianti di preminente interesse nazionale; Direttiva per la conduzione dei procedimenti di AIA) - PROVVEDIMENTO DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (Condizioni per il rilascio dell’AIA; Contenuto dell’AIA) - RINNOVO O RIESAME DELL’AIA, MODIFICHE AGLI IMPIANTI (Rinnovo o riesame dell’AIA; Modifiche degli impianti sottoposti ad Autorizzazione integrata ambientale) - SANZIONI (Diffida, sospensione attività e chiusura installazione; Sanzioni penali e amministrative.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Studio Groenlandia
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale
  • Energia e risparmio energetico

Emilia Romagna: contributi per la redazione del piano di azione per il clima e l'energia sostenibile

Il bando è rivolto agli Enti locali della Regione Emilia-Romagna, per sostenere l'adesione al patto dei sindaci per l'energia ed il clima e la redazione del piano di azione per l'energia sostenibile e il clima (Paesc), e prevede la concessione di un contributo a fondo perduto, a forfait, secondo le soglie di abitanti. Il contributo raddoppia per i Comuni fusi e le Unioni che partecipano con il 100% dei Comuni.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Programma per l’Ambiente e l’Azione per il clima - Bando LIFE 2019

Sovvenzioni per i progetti dei sottoprogrammi Ambiente e Azione per il clima per il 2019 nei settori, tra gli altri, delle energie rinnovabili, dell'efficienza energetica, dell'agricoltura, dell'uso del suolo, della biodiversità, degli habitat naturali.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Inquinamento atmosferico
  • Tutela ambientale
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Trasporti

Contributi ai comuni per incentivare la mobilità urbana sostenibile

Il programma è destinato ai comuni con popolazione residente non inferiore a 50.000 abitanti ed è finalizzato al cofinanziamento di progetti di mobilità urbana sostenibile alternativi all'uso di autovetture private, quali la realizzazione di nuove piste ciclabili, nonché lo sviluppo del trasporto condiviso e del mobility management. La dotazione finanziaria complessiva è pari a 15 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Tutela ambientale
  • Energia e risparmio energetico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Trasporti

Adozione nuovi PUMS secondo le linee guida di cui al D.M. 04/08/2017

  • Edilizia e immobili
  • Pianificazione del territorio
  • Urbanistica
  • Standards

Veneto, i regolamenti edilizi comunali devono adeguarsi al Regolamento edilizio tipo

  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Pubblica Amministrazione
  • Informatica
  • Procedimenti amministrativi

Lombardia: fine fase sperimentale app "Aua Point" per comunicazione scarichi ed emissioni

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Inquinamento atmosferico

Monitoraggio e comunicazione dei dati emissioni veicoli pesanti