FAST FIND : NN1153

Circ.Min. Finanze 18/03/1985, n. 5

Adempimenti uffici L.47/85 relativi al Catasto Terreni e al Catasto Edilizio Urbano.
Scarica il pdf completo
53274 394573
[Premessa]



Alcuni articoli della legge in oggetto investono direttamente l

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53274 394574
Art. 18. L. n. 47/1985

N1Le domande di volture, redatte sulla base degli atti stipulati successivamente alÌ entrata in vigore della legge ed elencati nel secondo comma, non dovranno essere registrate in Catasto se non é resa dichiarazione che gli atti stessi contengono quanto previsto dal 2° comma o sono stati stipulati in conformità del 4° comma, ovvero che si tratta di atti previsti dall' ultimo comma dell' articolo in argomento. Coloro cui é fatto obbligo della presentazione della domanda di voltura dovranno apporre tale dichiarazione nel frontespizio del Mod. 13.


L' attestazione, a firma del Sindaco o di un suo delegato, che "il tipo é stato notificato

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53274 394575
Art. 52. L. n. 47/1985

Questo articolo si compone di due parti logicamente distinte costituite una dal 1° comma e l' altra dal 2° e 3° comma. La prima parte ha effetti a regime, si riferisce cioé alla normale presentazione delle richieste di accatastamento in condizioni ordinarie; la seconda ha carattere straordinario e tende a sollecitare il recupero degli elementi dell' inventario catastale a tutt' oggi non denunciati.


N2Per quanto riguarda la prima parte, al fine di evitare dubbi interpretativi sul significato di "copia della dichiarazione per la iscrizione in Catasto", si chiarisce che tale copia deve essere intesa come comprensiva, oltre che del frontespizio del consueto Mod. 1 e relativa planimetria, anche, a seconda dei casi, del Mod. 3 SPC con tipo mappale ed elaborato planimetrico ovvero del Mod. 44. Pertanto per tutti gli accatastamenti ai quali debba seguire la richiesta di abitabilità o agibilità, il professionista dovrà presentare copie degli elaborati di cui sopra sulle quali l' Ufficio apporrà, preferibilmente a timbro, datata e sottoscritta la seguente dichiarazione: "Copia rilasciata ai sensi dell' art. 52 della legge 28 febbraio 1985, n. 47". R


Poiché la nuova legge dispone che alla domanda di abitabilità ed agibilità preceda la iscrizione in Catasto del fabbricato, nel Mod. 3 SPC non dovranno più essere richieste le indicazioni relative a tali dati.


Con riferimento invece agli obiettivi dell' altra parte dell' articolo, allo scopo di rendere più agevoli le operazioni di accettazione degli accatastamenti e delle variazioni, si consente, qualora l' Ufficio ritenga di non poter assolvere nei tempi dovuti alle proprie incombenze, che

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Edilizia e immobili
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria
  • Professioni
  • Attività in cantiere (direzione lavori, collaudo, coordinamento sicurezza, ecc.)

Responsabilità del direttore dei lavori negli appalti privati

PREMESSA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO Le disposizioni del Codice civile; Il Testo unico edilizia - D.P.R. 380/2001 - RESPONSABILITÀ CIVILE DEL DIRETTORE DEI LAVORI Obbligo di controllare la regolarità dell’esecuzione dell’opera; Il DL non è obbligato a vigilare sulle attività di semplice esecuzione; Responsabilità solidale del DL e dell’impresa per vizi dell'immobile; Responsabilità di DL e progettista; Responsabilità extracontrattuale del DL ex art. 1669 c.c. - RESPONSABILITÀ PENALE DEL DIRETTORE DEI LAVORI Responsabilità per mancata osservanza a permesso di costruire e leggi urbanistiche; Presupposti per l’esonero della responsabilità del DL; Responsabilità del DL per omessa vigilanza anche in caso di assenza dal cantiere; Responsabilità del DL anche per opere non rientranti nell'incarico.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Appalti di lavori privati
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Il reato di abuso d'ufficio in materia edilizia

Contesto normativo - Elementi costitutivi del reato: la condotta dell’agente (violazione di specifiche regole di condotta, omissione di astensione in caso di conflitto di interessi), l’evento del reato (procurare un ingiusto vantaggio patrimoniale, arrecare un ingiusto danno) e la configurazione del dolo (dolo intenzionale come volontà di cagionare l’evento in via primaria, gli elementi sintomatici del dolo) - Concorso del privato nel reato.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Edilizia e immobili
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria

La sanatoria degli abusi edilizi

ABUSO EDILIZIO SOSTANZIALE E FORMALE - PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA, ACCERTAMENTO DI CONFORMITÀ (Prima condizione - Tempestività della richiesta di sanatoria; Seconda condizione - Conformità alla normativa; Terza condizione - Pagamento della somma per oblazione; Schema grafico su presupposti ed effetti della sanatoria; Interventi realizzati in assenza di SCIA alternativa al permesso di costruire ed ex super DIA; Interventi realizzati a seguito di SCIA che invece necessitavano un permesso di costruire; Sanatoria parziale; Sanatoria condizionata) - CONTENUTO ED EFFETTI DELL’ISTANZA DI SANATORIA (Necessità di istanza dell’interessato; Legittimazione a presentare l’istanza di sanatoria; Contenuti dell’istanza di sanatoria; Effetti della presentazione dell’istanza di sanatoria; Inerzia dell’amministrazione nella risposta alla domanda di sanatoria - Silenzio-rigetto; Provvedimento di sanatoria con prescrizioni) - EFFETTI DELLA SANATORIA (Effetti sulle violazioni previste dalle norme edilizie; Effetti sulle violazioni previste da altre normative) - EFFETTI TRIBUTARI DELLA SANATORIA E RECUPERO DELLE AGEVOLAZIONI - SCIA TARDIVA E SCIA IN SANATORIA (Inapplicabilità agli interventi realizzati tramite SCIA alternativa al permesso di costruire) - TOLLERANZE COSTRUTTIVE E TOLLERANZE ESECUTIVE (Tolleranze costruttive; Tolleranze esecutive o “di cantiere”; Tolleranze, stato legittimo e circolazione degli immobili) - SANATORIA DI OPERE REALIZZATE IN BASE AL TITOLO EDILIZIO ANNULLATO (Orientamenti giurisprudenziali; Rimessione all’Adunanza Plenaria).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Studio Groenlandia
  • Edilizia e immobili
  • Fisco e Previdenza
  • Agevolazioni per interventi di ristrutturazione e antisismici
  • Catasto e registri immobiliari
  • Fiscalità immobiliare locale (IMU-TARI-TASI)
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Imposte sul reddito
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico

Fabbricati “collabenti” (ruderi): disciplina catastale, edilizia e fiscale

DISCIPLINA CATASTALE SUI FABBRICATI COLLABENTI (Riferimenti normativi; Presupposti per l’iscrizione in catasto; Modalità per l’accatastamento; Compravendita e dichiarazioni catastali) - INTERVENTI EDILIZI SUI FABBRICATI COLLABENTI (Nuova costruzione o ristrutturazione; Prove della consistenza preesistente del rudere; Demolizione di rudere) - ASPETTI FISCALI SUI FABBRICATI COLLABENTI (Agevolazioni per ristrutturazioni e risparmio energetico; Imposta municipale propria (IMU); Agevolazioni prima casa).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Catasto e registri immobiliari
  • Edilizia e immobili

Le categorie catastali, definizione e attribuzione

LE CATEGORIE CATASTALI PER L’ATTRIBUZIONE DELLA RENDITA (Categorie catastali, classi e tariffe; Tabella delle categorie catastali) - ELEMENTI E CRITERI PER PER ATTRIBUIRE CATEGORIA E CLASSE CATASTALE (GRUPPO A - Abitazioni, uffici, studi privati; GRUPPO B - Uso collettivo; GRUPPO C - Attività commerciali/artigiane, pertinenze; GRUPPO D - Immobili a destinazione speciale; GRUPPO E - Immobili a destinazione particolare; GRUPPO F - Entità urbane; Ulteriori elementi e criteri integrativi; Classe (immobili appartenenti alle categorie A, B, C)) - RAPPORTO TRA CATEGORIE CATASTALI E CATEGORIE URBANISTICHE.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Studio Groenlandia
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Calamità/Terremoti
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Protezione civile
  • Norme tecniche

Contributi per la ripresa delle attività economiche e produttive nei territori colpiti dal sisma a far data dal 24/08/2016