FAST FIND : NN1151

D. Min. Interno 08/03/1985

Direttive sulle misure più urgenti ed essenziali di prevenzione incendi ai fini del rilascio del nullaosta provvisorio di cui alla legge 7 dicembre 1984, n. 818.
Con le modifiche introdotte dal D.M. 14-8-1985 e dalla L. 158/91.
Scarica il pdf completo
53272 373696
[Premessa]


Il Ministro dell'interno

Vista la legge 7 dicembre 1984, n. 818, R pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 338 del 10 dicembre 1984;

Consider

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53272 373697
Art. 1.

1. Ai fini del rilascio del nullaosta provvisorio di cui alla legge 7 dicembre 1984, n. 818, per le attività esistenti alla data di entrata in vigore della legge stessa e soggette ai controlli di prevenzione incendi ai sens

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53272 373698
Art. 2.

1. L'istanza per il rilascio del nullaosta provvisorio di cui all'art. 2 della legge 7 dicembre 1984, n. 818, deve essere redatta esclusivamente su apposito modello a stampa da ritirare a cura degli interessati presso la sede del comando provinciale dei vigili del fuoco competente per territorio.

2. Il modello di cui al precedente comma reca, per ciascuna delle attività previste dal decreto ministeriale 16 febbraio 1982, le prescrizioni più urgenti ed essenziali da osservare per il rilascio del nullaosta provvisorio.

3. All'istanza deve essere allegata la documentazione co

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53272 373699
Art. 3.

Qualora dagli accertamenti eseguiti con le modalità previste dagli articoli 2 e 3 della legge

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53272 373700
Art. 4.

Il rilascio del nullaosta provvisorio non rientra tra i servizi a pagamento previsti all'art. 1 della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53272 373701
Art. 5.

Nel periodo di validità del nullaosta provvisorio i titolari delle attività di cui all'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53272 373702
ALLEGATO A - Direttive sulle misure più urgenti ed essenziali di prevenzione incendi per il rilascio del nulla osta provvisorio
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53272 373703
0. Generalità

Direttive da osservarsi per le attività di cui al D.M. 16 febbraio 1982 R (G.U. n. 98 del 9 aprile 1982):

a) Ai fini delle presenti direttive si fa riferimento ai termini ed alle definizioni generali contenute nel decreto del Ministro dell'Interno 30 novembre 1983 (G.U. n. 339 del 12 dicembre 1983);

b) Restano validi i provvedimenti di deroga già concessi nonché i pareri formulati caso per caso e quanto di fatto già consentito dagli organi competenti;

c) Si applicano le vigenti disposizioni sulla segnaletica di sicurezza D.P.R, 8 giugno 1982, n. 524 (G.U. n. 218 del 10 agosto 1982) espressamente finalizzate alla sicurezza antincendi;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53272 373704
1. Aerazione

1.1. - Indipendentemente dai singoli locali in cui si articola, il complesso ove si svolge l'attività deve essere dotato di aperture di aerazione, anche se munite di serramento comunque realizzato.

1.2. - Nei locali dove si depositano o si impiegan

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53272 373705
2. Divieti e limitazioni

2.1. - Nelle aree dove si depositano o si manipolano sostanze infiammabili o esplosive é vietato l'uso di fiamme libere e di apparecchi ad incandescenza senza protezione, nonché immagazzinarvi sostanze che possano, per la loro vicinanza, reagire tra loro provocando incendi e/o esplosioni.

é vietato effettuare travasi di sostanze infiammabili o esplosive in locali ove avvengano lavorazioni che comportano l'uso di apparecchiature che possono provocare innesco.

I divieti di cui ai commi precedenti non si applicano quando ciò rientri nel processo produttivo per il q

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53272 373706
3. Limitazione del carico d'incendio

3.1. - Per le attività di cui ai punti 85 e 86 del D.M. 16 febbraio 1982 (G.U. n. 98 del 9 aprile 1982), il carico d'incendio non può superare i seguenti valori:

- 30 kg/m² per locali ai piani fuori terra;

- 20 kg/m² per locali al 1° e 2° piano interrato;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53272 373707
4. Distanze di sicurezza esterne, interne e di protezione

Per le attività normate si applicano i valori ed i termini stabiliti dalle norme.

Per le attività non normate si applicano i valori già stabiliti caso per caso dai competenti organi previsti dalle vigenti leggi e decreti.

Nei seguenti casi, per analogia di caratteristiche fisico-chimiche

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53272 373708
5. Sistema di vie di uscita

5.1. - Per i locali di spettacolo e trattenimento di cui al punto 83 del D.M. 16 febbraio 1982 (G.U. n. 98 del 9 aprile 1982), lo sfollamento deve essere realizzato in linea con le disposizioni della circolare del Ministero dell'interno n. 16 del 15 febbraio 1951 e successive modificazioni.

Il conteggio delle uscite può essere effettu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53272 373709
6. - Comportamento al fuoco delle strutture

6.1. - I locali dove si tengono in deposito o si manipolano sostanze capaci di emettere, a temperatura ordinaria, vapori in quantità tali da produrre, se mescolati con l'aria dell'ambiente, miscele esplosive o infiammabili, devono essere realizzati con strutture portanti non combustibili. Sono consentite strutture portanti in legno purché sia certificato che la sezione residua, dopo un tempo pari al valore del carico di incendio, calcolato come da circolare del Ministero dell'Interno n. 91 del 14 settembre 1961, conservi la stabilità R, in relazione ai carichi cui é sottoposta, essendo noto che le dimensioni degli elementi strutturali si riducono sotto l'azione del fuoco secondo i seguenti valori:


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53272 373710
7. - Impianti fissi di estinzione

Gli idranti, correttamente corredati, per numero ed ubicazione, devono essere tali da consentire l'intervento in tutte le aree dell'attivit&

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53272 373711
8. - Illuminazione di sicurezza

Il sistema di illuminazione di sicurezza deve garantire una affidabile segnalazione delle vie di esod

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53272 373712
9. - Servizio di emergenza in caso d'incendio

Le indicazioni sui provvedimenti ed il comportamento che, in caso d'incendio, devono tenere sia il pe

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53272 373713
10. Attività di cui al punto 91 del D.M. 16 febbraio 1982 (G.U. n. 98 del 9 aprile 1982) - impianti produzione di calore per potenzialità fino a 4.000.000 Cal/h

Le vigenti norme di cui alle circolari del Ministero dell'interno n. 68 del 25 novembre 1969, n. 73 del 29 luglio 1971, n. 52 del 20 novembre 1982, punto 5 e successive variazioni ed integrazioni devono essere o

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53272 373714
11. Attività di cui al punto 92 del D.M. 16 febbraio 1982 (G.U. n. 98 del 9 aprile 1982) - autorimesse

L'aerazione naturale deve essere non inferiore ad 1/30 della superficie in pianta del locale.

Ove non sia possibile raggiungere per l'aerazione naturale il rapporto di superfici prescritto, é ammesso il ricorso all'aerazione meccanica con portata di almeno 3 ricambi orari sempreché sia assicurata una superficie di aerazione naturale pari ad almeno il 50% di quella prescritta.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53272 373715
12. Attività di cui al punto 95 del D.M. 16 febbraio 1982 (g.U. n. 98 del 9 aprile 1982)

Il vano ascensore non può comunicare direttamente con autorimesse pubbliche, impianti di produzione di calore (con esclusione di cucine e lavaggio stoviglie) e deve essere, da tale attività,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53272 373716
13. Depositi di sostanze infiammabili a servizio delle attività di cui ai punti 85, 86, 89 del D.M. 16 febbraio 1982 (G.U. n. 98 del 9 aprile 1982)

La presente direttiva si applica ai depositi costituiti da contenitori di capacità geometrica unitaria superiore a litri 2 di infiammabili liquidi, gassosi liquefatti o disciolti.

I

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53272 373717
14. Spazi adibiti a depositi di materiali solidi combustibili, archivi, biblioteche a servizio delle attività di cui ai punti 85, 86, 89 del D.M. 16 febbraio 1982 (G.U. n. 98 del 9 aprile 1982) con carico d'incendio superiore a quanto previsto al punto 3 del presente allegato

I locali oggetto della presente direttiva devono avere una aerazione naturale, realizzata eventualmente anche a mezzo di aperture munite di infissi, non inferiore ad 1/40 della loro superficie in pianta per ambienti sino a 400 m² e di 1/50 per la superficie ecceden

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53272 373718
ALLEGATO B - Elenco delle attività soggette al controllo dei vigili del fuoco e relative misure più urgenti ed essenziali di prevenzione incendi




-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

ATTIVITÀ

MISURE PIÙ URGENTI ED ESSENZIALI DI PREV. INC. (1)

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

1) Stabilimenti ed impianti ove si producono e/o impiegano gas combustibili, gas comburenti (compressi, disciolti, liquefatti) con qualità globali in ciclo o in deposito superiori a 50 Nm³/h

0, 1.2, 2.1, 4, 5.3, 6.1 *(per i soli depositi di gas), 7



2) Impianti di compressione o di decompressione dei gas combustibili e comburenti con potenzialità superiore a 50 Nm³/h

0, 1.2, 2.1, 4, 5.3, 6.1



3) Depositi e rivendite di gas combustibili in bombole:

0, 1.2, 2.1, 4, 5.3, 6.1

a) compressi:


per capacità complessiva da 0,75 a 2 m³


per capacità complessiva superiore a 2 m³


b) disciolti o liquefatti (in bombole o bidoni):


per quantitativi complessivi da 75 a 500 kg


per quantitativi complessivi superiori a 500 kg




4) Depositi di gas combustibili in serbatoi fissi:

0, 1.2, 2.1, 4, 5.3, 6.1, 7*

a) compressi:

(per capacità complessiva

per capacità complessiva da 0,75 a 2 m³

superiore a 5 m³)

per capacità complessiva superiore a 2 m³


b) disciolti o liquefatti:


per capacità complessiva da 0,3 a 2 m³


per capacità complessiva superiore a 2 m³




5) Depositi di gas comburenti in serbatoi fissi:

0, 1.1, 2.1, 4, 5.3

a) compressi per capacità complessiva superiore a 3 m³


b) liquefatti per capacità complessiva superiore a 2 m³




6) Reti di trasporto e distribuzione di gas combustibili, compresi quelli di origine petrolifera o chimica, con esclusione delle reti di distribuzione cittadina e dei relativi impianti con pressione di esercizio non superiore a 5 bar

0, 4



7) Impianti di distribuzione di gas combustibili per autotrazione

Per gas con densità fino a 0,8, 0, 2,5, 4; per gas con densità superiore a 0,8: DD.PP.RR. 12-1-1971, n. 208 - 16-1-1979, n. 79



8) Officine e laboratori con saldatura e taglio dei metalli utilizzati, gas combustibili e/o comburenti, con oltre 5 addetti

0, 1.2, 2.1, 5.3



9) Impianti per il trattamento di prodotti ortofrutticoli e cereali utilizzanti gas combustibili

0, 1.2, 2.1, 5.3, 6.1, 7



10) Impianti per l'idrogenazione di oli e grassi

0, 1.2, 2.1, 4, 5.3, 6.1, 7



11) Aziende per la seconda lavorazione del vetro con l'impiego di oltre 15 becchi a gas

0, 1.2, 2.1, 5.3, 7



12) Stabilimenti e impianti ove si producono e/o impiegano liquidi infiammabili (punto di infiammabilità fino a 65°C) con quantitativi globali in ciclo e/o in deposito superiori a 0,5 m³

0, 1.2, 2.1, 4, 5.3, 6.1, 7



13) Stabilimenti ed impianti ove si producono e/o impiegano combustibili con punto di infiammabilità da 65°C a 125°C, per quantitativi globali in ciclo o in deposito superiori a 0,5 m³

0, 1.2, 2.1, 4, 5.3, 6.1, 7



14) Stabilimenti ed impianti per la preparazione di oli lubrificanti, oli diatermici e simili

0, 1.2, 2.1, 4, 5.3, 7



15) Depositi di liquidi infiammabili e/o combustibili per uso industriale, agricolo artigianale e privato:

0, 1.2, 2.1, 4, 5.3, 7* (per capacità complessiva

a) con capacità geometrica complessiva da 0,5 a 25 m³

superiore a 25 m³)

b)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Certificazioni e procedure
  • Prevenzione Incendi
  • Professioni

Competenze, requisiti e formazione dei professionisti antincendio

PREMESSA; COMPETENZE, SOGGETTI AUTORIZZATI E REQUISITI (Competenze riservate ai professionisti antincendio; Requisiti per l’iscrizione negli elenchi) - CORSI DI FORMAZIONE, PROGRAMMI, ENTI FORMATORI, ESONERI (Corsi di specializzazione ed enti formatori; Articolazione e programmi dei corsi; Esonero dalla frequenza del corso base di specializzazione; Richieste di iscrizione negli elenchi) - AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO E CONSEGUENZE IN CASO DI MANCANZA (Mantenimento dell’iscrizione e corsi di aggiornamento; Soggetti iscritti agli elenchi alla data di entrata in vigore dal D. Min. Interno 05/08/2011; Cancellazione nominativo dagli elenchi - Conseguenze; Periodo di sospensione in caso di mancato aggiornamento; Controlli) - CONFERIMENTO DI INCARICHI A FUNZIONARI TECNICI DELLA P.A. - TABELLA RIEPILOGATIVA E DIFFERENZE CON LA NORMATIVA PRECEDENTE.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Prevenzione Incendi

Prevenzione incendi: adempimenti tecnico-amministrativi, vigilanza, sanzioni

CLASSIFICAZIONE DI EDIFICI E ATTIVITÀ A FINI DI PREVENZIONE INCENDI - ADEMPIMENTI TECNICO-AMMINISTRATIVI DI PREVENZIONE INCENDI (Normativa di riferimento, FAQ; Professionisti abilitati; Adempimenti di prevenzione incendi per ottenere il titolo abilitativo edilizio; Adempimenti di prevenzione incendi per ottenere l’assenso all’esercizio dell’attività; Schema grafico e tabelle adempimenti di prevenzione incendi; Progetti in deroga alle regole tecniche di prevenzione incendi; Modulistica e presentazione delle istanze di prevenzione incendi; Tariffe per i servizi dei Vigili del fuoco) - LA RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI (Casi generali; Attività regolate da specifiche disposizioni antincendi; Modifiche a impianti e costruzioni esistenti; Approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio) - VIGILANZA E SANZIONI (Visite tecniche, verifiche e controlli dei VV.F.; Fascicolo da tenere a disposizione dei VV.F. per eventuali controlli; Provvedimenti in caso di inosservanza della normativa o condizioni di rischio; Sanzioni).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Studio Groenlandia
  • Prevenzione Incendi

Norme di Prevenzione incendi

NORMATIVA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI (Codice di prevenzione incendi (RTO) e successive modifiche; Attività “normate” e “non normate” ai fini della normativa di prevenzione incendi; Cessazione del “doppio binario” e normativa di prevenzione incendi applicabile; Norme tecniche alternative al Codice di prevenzione incendi; Attività cui si applica la RTO e possibili eccezioni) - REGOLE TECNICHE DI PREVENZIONE INCENDI E CHIARIMENTI; (Lavorazione, trasporto e distribuzione di gas infiammabili; Impianti di distribuzione carburanti e ricarica veicoli elettrici; Depositi o rivendite di alcoli; Autodemolizioni; Locali di pubblico spettacolo e impianti sportivi; Alberghi e strutture ricettive; Scuole; Ospedali e strutture sanitarie; Attività commerciali; Uffici; Biblioteche, archivi, musei, gallerie, edifici tutelati in genere; Impianti termici; Autorimesse, parcheggi, locali per ricovero natanti e aeromobili; Edifici di civile abitazione e condomini; Stazioni, aerostazioni, porti e metropolitane; Interporti; Gallerie stradali e ferroviarie; Varie).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Prevenzione Incendi
  • Pubblica Amministrazione
  • Locali di pubblico spettacolo
  • Procedimenti amministrativi

La licenza di agibilità per i pubblici spettacoli ed i trattenimenti

PREMESSA (Quadro normativo; Documentazione aggiuntiva disponibile; Normativa di prevenzione incendi e altre norme di sicurezza applicabili) - COMPOSIZIONE, MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO E ATTRIBUZIONI DELLE COMMISSIONI PER LA VIGILANZA (Compiti delle Commissioni di vigilanza; Quando è competente la Commissione provinciale; Controlli periodici) - ESCLUSIONI PARZIALI E CASI PARTICOLARI (La relazione tecnica sostitutiva di parere, verifiche ed accertamenti; L’intervento del D. Leg.vo 222/2016 e la tabella dei regimi; Eventi entro i 200 partecipanti che si svolgono entro le ore 24; Eventi entro i 1.000 partecipanti che si svolgono tra le 8 e le 23; Allestimenti temporanei che si ripetono nel tempo; Manifestazioni in luoghi e spazi all’aperto senza recinzioni e allestimenti per il pubblico).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Prevenzione Incendi
  • Sicurezza
  • Locali di pubblico spettacolo

Le norme di sicurezza e antincendio per le attività di spettacolo viaggiante

PREMESSA - CAMPO DI APPLICAZIONE E NORMATIVA APPLICABILE (Quali sono le “attività di spettacolo viaggiante”; Esclusioni; Normativa di prevenzione incendi; Altre norme, regole di standard e prassi di riferimento; Attività esistenti e attività nuove) - ADEMPIMENTI PER LE NUOVE ATTIVITÀ (Istanza di registrazione; Parere della commissione comunale o provinciale di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo; Codice identificativo; Cessione, vendita o dismissione dell’attività) - ADEMPIMENTI PER LE ATTIVITÀ ESISTENTI (Istanza di registrazione; Attività esistenti in altri stati; Conservazione ed esibizione della documentazione; Parere della commissione comunale o provinciale di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo) - MONTAGGIO E SMONTAGGIO - VERIFICHE PERIODICHE (Periodicità delle verifiche ed abilitazione alla effettuazione delle stesse; Libretto dell’attività).
A cura di:
  • Alfonso Mancini