FAST FIND : NN928

Circ.Min. Beni e Att. Culturali 30/11/1982, n. 5131

Regime fiscale di beni di rilevante interesse culturale (L.512/82).
Scarica il pdf completo
53046 359665
[Premessa]


La legge 2 agosto 1982, n. 512,R pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 216 de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53046 359666
Art. 1.--Esenzioni da imposte dirette per gli immobili con destinazione ad usi culturali

L' art. 1 della legge prevede agevolazioni fiscali per gli immobili totalmente adibiti a sedi aperte al pubblico di musei, biblioteche, archivi, cineteche, emeroteche statali, di privati, di enti pubblici, di istituzioni e fondazioni. La condizione per ottenere la agevolazione fiscale é che al possessore non derivi alcun reddito dalla utilizzazione dell' immobile.


Questa prima parte della norma non comporta una particolare attività istruttoria da parte degli uffici del Ministero, essendo sia la individuazione e qualificazione del museo, biblioteca, archivio, ecc. che l' accertamento della condizione (mancanza di reddito) di competenza dell' ufficio finanziario. Tutt' al più, qualora lo uf

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53046 359667
Art. 2.--Aggiornamento dei redditi catastali degli immobili vincolati

L' agevolazione prevista dall' art. 2 non comporta difficoltà di interpretazione, riguardando

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53046 359668
Art. 3.--Oneri deducibili dal reddito delle persone fisiche e giuridiche

L' art. 3 al primo comma prevede la deducibilità delle spese sostenute per la manutenzione, protezione o restauro delle cose vincolate ai sensi della legge 1° giugno 1939, n. 1089 e del decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1963, n. 1409. La necessità delle spese, quando non siano obbligatorie per legge, cioé quando non vengano imposte ai sensi dell' art. 16 della richiamata legge di tutela, deve risultare da apposita certificazione rilasciata, per i beni archeologici dalla soprintendenza archeologica, per i beni immobili, edifici, ville, complessi immobiliari dalla Soprintendenza per i beni ambientali e architettonici, per i beni di interesse artistico aventi natura di cose mobili dalla Soprintendenza per i beni artistici e storici, per i beni archivistici dalla soprintendenza archivistica competente per territorio, mentre per i beni librari e biblioteche la competenza é dell' ufficio centrale per i beni librari, che si avvarrà dell' opera degli Istituti centrali e delle biblioteche pubbliche dipendenti.


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53046 359669
Art. 4.--Esclusione dall' attivo ereditario ai fini dell' imposta di successione

L' art. 4 prevede che l' erede debba presentare all' amministrazione per i beni culturali l' inventario dei beni (che la norma elenca al primo comma) che ritenga non debbano essere compresi nell' asse ereditario. L' inventario, che deve contenere la descrizione particolareggiata dei beni con ogni notizia intorno alla loro identificazione, deve essere presentato alla soprintendenza nel cui territorio si é aperta la successione. Può avvenire che nella successione cadano beni che rientrano nella competenza di soprintendenze diverse e poiché l' organo periferico del Ministero dovrà attestare, per ogni singolo bene compreso nell' inventario, la esistenza delle caratteristiche previste dalla legge 1° giugno 1939, n. 1089, e 30 settembre 1963, n. 1409, dovrà essere cura dell' erede presentare l

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53046 359670
Art. 5.--Riduzione dell' aliquota dell' imposta di registro

L' art. 5 prevede la riduzione dell' aliquota dell' imposta di registro.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53046 359671
Articoli 6 e 7--Pagamento dell' imposta di successione e della imposta diretta mediante cessione di beni culturali

Gli articoli 6 e 7 introducono nel nostro sistema tributario il principio del pagamento dell' imposta di successione e dell' imposta diretta mediante cessione di beni culturali.


I beni culturali che possono essere ceduti allo Stato a scomputo totale o parziale delle imposte di successione e ipotecarie, catastali e dirette e relativi interessi, sono tutti quelli indicati negli articoli 1, 2 e 5 della legge 1° giugno 1939, n. 1089, nonché gli archivi e i singoli documenti dichiarati di notevole interesse storico a norma dell' art. 36 del decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1963, n. 1409, nonché le opere di autori viventi o la cui esecuzione risalga ad epoca inferiore al cinquantennio e di cui lo Stato sia interessato all' acquisizione.


I beni indicati negli articoli 1, 2 e 5 della legge n. 1

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Beni culturali e paesaggio
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Il Restauratore dei beni culturali: figura, qualifica, attività riservate

ACQUISIZIONE DELLA QUALIFICA E ATTIVITÀ DEL RESTAURATORE (Le norme iniziali, poi abrogate, della Legge Merloni e dei decreti attuativi; Riconoscimento della qualifica nel Codice dei beni culturali e nei decreti attuativi; Elenco dei restauratori per settori di competenza; La figura del Restauratore di beni culturali nelle norme sui lavori pubblici) - FASE TRANSITORIA DI ACQUISIZIONE DELLA QUALIFICA (Normativa di riferimento sulla fase transitoria; Linee guida applicative e bando definitivo del 22/06/2015).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Edilizia e immobili
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Beni culturali e paesaggio
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Manufatti leggeri, anche prefabbricati, temporanei, contingenti o precari: regime e titolo edilizio per la realizzazione

MANUFATTI LEGGERI E/O PREFABBRICATI (Interventi soggetti alla richiesta di Permesso di costruire; Interventi nell’ambito di strutture ricettive all’aperto; Strutture ricettive all’aperto - Disciplina anteriore al 02/02/2016) - MANUFATTI TEMPORANEI, CONTINGENTI O PRECARI (Distinzione tra manufatti realizzabili liberamente e richiedenti Permesso di costruire; Caratteristiche dalle quali desumere la precarietà e temporaneità del manufatto; Strutture destinate all'esercizio di attività di somministrazione) - TABELLA RIASSUNTIVA - RASSEGNA DI CASI GIURISPRUDENZIALI.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Beni culturali e paesaggio
  • Appalti e contratti pubblici
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare

I lavori pubblici su beni culturali

NORMATIVA DI RIFERIMENTO (Ambito di applicazione e contenuti del D.M. 154/2017; Entrata in vigore del D.M. 154/2017 e abrogazioni, possibile vuoto normativo in tema di progettazione) - REQUISITI DI QUALIFICAZIONE DEI SOGGETTI ESECUTORI (Idoneità tecnica - Certificazione dei lavori eseguiti; Qualificazione per affidamenti di importo inferiore a 150.000 euro; Idoneità tecnica - Idonea direzione tecnica; Mantenimento dei requisiti di qualificazione) - PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI (Progettazione; Direzione lavori e supporto al RUP; Tecnici interni alle stazioni appaltanti; Elaborati progettuali; Verifica dei progetti) - AFFIDAMENTO (Modalità di affidamento, procedure e criteri di scelta del contraente; Somma urgenza) - ESECUZIONE E COLLAUDO DEI LAVORI (Varianti; Collaudo; Consuntivo scientifico al termine dei lavori) - SPONSORIZZAZIONE.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Beni culturali e paesaggio

Lombardia: valorizzazione di beni culturali appartenenti a enti e istituzioni ecclesiastiche

Il bando promuove iniziative di conservazione, valorizzazione e incremento dell’utilizzo pubblico di beni culturali mobili e immobili di proprietà di Enti e istituzioni ecclesiastiche, o per i quali gli stessi soggetti possano documentare la disponibilità. Lo stanziamento previsto ammonta a € 3.250.000,00 e sono previste due Linee di intervento.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Beni culturali e paesaggio
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Le norme per la tutela degli alberi monumentali

Premessa, normativa di riferimento; Le previsioni dell’art. 7 della L. 10/2013 in tema di alberi monumentali; Il decreto attuativo 23/10/2014; Definizione di “albero monumentale” ed ulteriori criteri; Misure di tutela; Istituzione dell’elenco e modalità per la composizione e la tenuta; Approvazione del primo elenco degli alberi monumentali d’Italia e suoi aggiornamenti; Tutela dei boschi vetusti.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Informatica
  • Procedimenti amministrativi
  • Pubblica Amministrazione
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure

Lombardia: fine fase sperimentale app "Aua Point" per comunicazione scarichi ed emissioni

  • Inquinamento atmosferico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Monitoraggio e comunicazione dei dati emissioni veicoli pesanti

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Inquinamento atmosferico

Monitoraggio e comunicazione dei dati emissioni veicoli pesanti