FAST FIND : NN231

Circ.Min. LL.PP. 15/07/1962, n. 2611

Istruzioni per l'applicazione della L.167/62 recante disposizioni per favorire l'acquisizione di aree fabbricabili per l'edilizia economica e popolare.
Scarica il pdf completo
52345 453553
I- Premessa

Con legge 18 aprile 1962 n. 167,R sono state emanate disposizioni per favorire l' acquisizione di aree fabbricabili per l' edilizia economica e popolare.


Scopo principale della legge é quello di creare

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52345 453554
II - Comuni obbligati alla formazione dei piani

La formazione dei piani di zona é obbligatoria per i comuni con popolazione superiore a 50 mila abitanti o per quelli che siano capoluoghi di provincia, mentre per gli altri &eacut

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52345 453555
III - Contenuto dei piani.

L' art. 4 della legge indica gli elementi costitutivi del piano, che corrispondono sostanzialmente a quelli previsti dall' art. 13 della legge urbanistica: il che conferma il valore di piano particolareggiato attribuito espressamente al piano di zona dall' art. 3 della legge.


L' elencazione contenuta nell' articolo, mentre ha carattere obbligatorio in quanto determina il contenuto essenziale del piano, non esclude che il piano stesso possa, ove ritenuto necessario, comprendere altri elementi di piano particolareggiato o di piano regolatore generale.


L' opportunità, per i piani di zona, di contenere previsioni di piano regolatore ge

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52345 453556
IV - Elementi di progetto

L' art. 5 elenca gli elaborati che debbono costituire il progetto del piano.


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52345 453557
V - Termine per la presentazione dei piani

Entro 180 giorni dalla data di entrata in vigore della legge, e quindi entro il 15 novembre 1962, i c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52345 453558
VI - Procedura per l' approvazione dei piani

Al fine di consentire che l' approvazione dei piani avvenga entro il più breve periodo di tempo, il legislatore ha stabilito termini molto ristretti per l' iter da seguire, il che consente ai comuni - nello spazio di due mesi e mezzo dalla data della delibera del Consiglio comunale - di pubblicare gli atti, di decidere sulle osservazioni ed opposizioni dei privati, nonché sulle osservazioni delle amministrazioni statali e di presentare il piano al Provveditore OO.PP..


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52345 453559
VII - Misure di salvaguardia

I piani di zona hanno, come si é detto, valore di piani particolareggiati di esecuzione ai sensi della legge urbanistica 1

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52345 453560
VIII - Durata ed effetti dei piani di zona

Il piano di zona ha valore per 10 anni salvo proroghe che possono essere concesse, con decreto del Ministro LL.PP., per non oltre due anni.


I piani approvati in base all' art. 8 della legge in esame hanno - come si é detto - valore di piano particolareggiato ai sens

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52345 453561
IX - Inquadramento urbanistico dei piani di zona

La prima esigenza da affermare nella formazione dei piani di zona é quella riguardante il loro organico inserimento nella pianificazione urbanistica generale dei Comuni.


Proprio a tal fine, ad evitare cioé che la programmazione dell' edilizia economica e popolare, attraverso i piani di zona, assuma il carattere di una pianificazione settoriale, avulsa dalla pianificazione dell' intero organismo urbano, il legislatore si é preoccupato di garantire l' unità dell' organismo urbano stesso prescrivendo che, di regola, le aree debbono essere scelte nelle zone destinate all' edilizia residenziale dai piani regolatori vigenti; e, qualora ciò non sia possibile, che la scelta delle nuove aree debba avvenire egualmente attraverso un coordinamento coi piani esistenti, variando le relative previsioni o, laddove il piano non esista, mediante un programma di fabbricazione che, in sostanza, é un istituto sostitutivo del piano regolatore generale.


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52345 453562
X - Scelta ed estensione delle aree

Le aree da includere nei piani di zona debbono essere scelte tenendo presenti, essenzialmente, i seguenti criteri:


1) Esse debbono costituire dei comprensori, tali da poter formare delle unità organiche di carattere residenziale e di dimensioni che consentano un economico impianto dei servizi ed attrezzature di carattere pubblico e sociale.


É ovvio che un piano può comprendere piu comprensori anche separati e distanziati tra loro.


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52345 453563
XI - Patrimonio comunale delle aree

La legge, all' art. 10, da facoltà ai comuni ed ai Consorzi di comuni di crearsi un patrimonio di aree, attraverso il quale i comuni stessi possono indirizzare l' attività costruttiva delle zone ritenute più idonee, mettendo a disposizione di enti e di privati aree edificatorie ad un prezzo relativamente basso e fornito dei servizi indispensabili per la vita di quartiere. Le aree costituenti tale patrimonio possono essere acquisite dal Comune, o mediante acquisto in via bonaria, o mediante esproprio, e non possono in nessun caso superare il 50% di tutte le aree incluse nel piano, ivi comprese quelle riguardanti i servizi e le altre opere complementari.


Le aree costituenti detto patrimonio dovranno essere dai Comuni urbanizzate, e cioé fornite di strade, fognature, rete idrica, rete di distribuzione dell' energia elettrica, pubblica illuminazione. Nelle opere di urbanizzazione debbono essere comprese, ove occorra, anche le opere di urbanizzazione generale, come acquedotti e grandi strade di comunicazione.


É evidente che le opere di urbanizzazione dovranno essere effettuate gradualmente in relazione alle esigenze che man mano si verranno manifestando.


Le aree, una volta urbanizzate, vengono cedute dal Comune agli enti od ai privati che si impegnino a costruire case economiche o popolari in conformità alle previsioni del piano.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52345 453564
XII - Elenco annuale delle aree

Gli enti di cui al 3° comma dell' art. 10, entro il mese di novembre di ogni anno, debbono presentare al Sindaco o al Presidente del Consorzio un programma delle costruzioni che essi intendono effettuare.


Entro il febbraio dell' anno successivo una apposita Commissione presieduta dal Sindaco o dal Presidente del Consorzio, a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52345 453565
XIII - Determinazione indennità di esproprio

La legge agli artt. 12, 13 14 e 15 contiene delle norme speciali in materia di procedura per le espropriazioni delle aree incluse nei piani di zona, norme intese soprattutto ad accelerare la procedura stessa.


In particolare, la legge stabilisce che qualsiasi contestazione riguardante l

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52345 453566
XIV- Utilizzazione delle aree da parte dei proprietari

La legge prevede la possibilità che i proprietari di aree incluse nei piani possano chiedere di costruire direttamente sulle aree stesse edifici di abitazione di tipo economico o popolare.


Presupposto indispensabile é che le aree di cui trattasi siano destinate a residenza nei piani vigenti o in altri strumenti urbanistici (ad es., programma di fabbricazione), e che tale destinazione sia stata, ovviamente, confermata nei piani di zona.


Le richieste debbono essere presentate entro il mese di novembre di ogni anno al Sindaco, il quale le esamina in relazione alle richieste degli enti indicati nell' art. 10, per accertare se non vi siano esigenze prevalen

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52345 453567
XV. - Agevolazioni fiscali

Speciali agevolazioni tributarie vengono stabilite dall' art. 21 della legge per gli atti di acquisto

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52345 453568
XVI - Applicazione della legge nelle Regioni a statuto speciale

Le norme della legge in esame trovano applicazione anche nelle Regioni a statuto speciale, fino a qua

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Edilizia residenziale
  • Edilizia e immobili

Convenzioni urbanistiche, tipologie e contenuti

A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Compravendita e locazione
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Edilizia residenziale

Lombardia: interventi volti alla realizzazione di nuova edilizia residenziale sociale

A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia residenziale
  • Provvidenze
  • Agevolazioni

Abruzzo: 8 milioni per programmi integrati di edilizia residenziale sociale

A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Edilizia residenziale
  • Energia e risparmio energetico
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Efficienza e risparmio energetico

Lombardia: 15 mln di euro per l’efficientamento energetico delle case popolari

A cura di:
  • Anna Petricca
  • Agevolazioni
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Edilizia residenziale
  • Provvidenze

Finanziamenti per la rigenerazione urbana e la qualità dell'abitare

Con Decreto del Ministero delle infrastrutture e trasporti vengono stabiliti termini, contenuti e modalità di presentazione delle proposte per accedere ai finanziamenti finalizzati a riqualificare e incrementare il patrimonio destinato all'edilizia residenziale sociale, a rigenerare il tessuto socio-economico, a incrementare l'accessibilità, la sicurezza dei luoghi e la rifunzionalizzazione di spazi e immobili pubblici. Le risorse stanziate ammontano a 853,81 milioni di euro (dal 2020 al 2033).
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Imprese
  • Compravendita e locazione
  • Provvidenze
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Calamità/Terremoti
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Protezione civile
  • Calamità

Sisma centro Italia 2016: termine sospensione versamenti mutui e canoni di locazione finanziaria (attività economiche e privati con prima casa distrutta o inagibile)

  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Calamità/Terremoti
  • Protezione civile
  • Norme tecniche
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Costruzioni in zone sismiche

Contributi per la ripresa delle attività economiche e produttive nei territori colpiti dal sisma a far data dal 24/08/2016