FAST FIND : NN215

Circ.Min. Interno 14/09/1961, n. 91

Norme di sicurezza per la protezione contro il fuoco dei fabbricati in acciaio destinati ad uso civile.
Dalla data di entrata in vigore (25.9.2007) del D.M.Interno del 09/03/2007 la presente circolare è abrogata.
Scarica il pdf completo
52329 485254
[Premessa]

Con l'aumento della produzione dei materiali ferrosi, che negli ultimi anni ha assunto un ritmo rapidamente crescente, si é reso possibile, anche dal punto di vista economico, l'utilizzazione dei profilati d'acciaio per la costituzione delle strutture portanti anche nelle costruzioni adibite a fini civili.

Tale impiego, che se effettuato indiscriminatamente, potrebbe determinare gravi pericoli per la stabilit&

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52329 485255
PREMESSE


Le presenti Norme hanno lo scopo di fornire ai progettisti ed ai costruttori di fabbricati civili con struttura di acciaio i criteri per il proporzionamento della protezione contro il fuoco da disporre a difesa delle strutture metalliche, in modo che l'incendio delle materie combustibili nel fabbricato si esaurisca prima che le strutture stesse raggiungano temperature tali da compromettere la stabilità. Le Norme non si applicano ai fabbricati militari ed industriali.

Sono valide tutte le norme di carattere distributivo, costruttive ed in genere di sicurezza previste dalle vigenti disposizioni che disciplinano la distribuzione ed il funzionamento dei locali adibiti ad usi speciali.

Per durata di resistenza al fuoco in forno si intende

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52329 485256
NORME


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52329 485257
Art. 1. - Casi di obbligatorietà delle protezioni


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52329 485258
Art. 2. - Carico di incendio


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52329 485259
Art. 3. - Classi di edifici


Per i fabbricati civili con struttura di acciaio vengono distinte le seguenti classi:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52329 485260
Art. 4. - Determinazione delle classi


La classe del piano del locale considerato si determina pertanto in base alla formula:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52329 485261
Art. 5. - Calcolo del coefficiente di riduzione del carico di incendio


Il valore del coefficiente K compreso tra 0,2 e 1,0 viene determinato secondo le modalità che seguono, in base alle caratteristiche dell'edificio, alla natura del materiale combustibile presente, alla destinazione, alla distanza da altri edifici ed alle esistenti misure di segnalazione e prevenzione degli incendi.

Per il calcolo del coefficiente di riduzione, i singoli fattori di influenza vengono valutati mediante indici numerici che possono essere negativi o positivi, in quanto si intendono riferiti alle condizioni di un caso reale medio di incendio.

Gli indici di valutazione degli edifici nel loro complesso, e dei singoli piani e locali sono indicati nella Tabella 1. Il valore della somma algebrica degli indici di valutazione, riportato in ascisse nel diagramma di fig. 1, fornisce direttamente il coefficiente di riduzione, per cui va moltiplicato il carico di incendio per la determinazione della classe del piano e del locale nell'ambito dell'edificio considerato.

Qualora il numero indicativo della classe risultante dal carico fosse diverso dal numero distintivo delle classi previste dalle presenti Norme, si assegnerà l'edificio o la parte di esso considerata alla classe immediatamente superiore.



Nel caso in cui i numeri indicativi di classe risultassero dal calcolo superiori alla classe 180, l'edificio o la parte di esso considerata saranno assegnati alla classe 180.


2. Superficie interna, delimitata da muri tagliafuoco, pareti esterne o pareti antincendiosuppletive (schermi, ripari di acqua, ecc.)

- fino a 200 m²

0

- oltre 200 fino a 500 m²

+ 2

- oltre 500 fino a 1000 m²

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52329 485262
Art. 6. - Sommabilità dei carichi di incendio


Ai fini della protezione delle varie parti strutturali di un edificio, si con

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52329 485263
Art. 7. - Prescrizioni speciali per edifici di altezza superiore a 30 m


Per tenere conto delle difficoltà d'accesso agli edi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52329 485264
Art. 8. - Spessore delle protezioni


Il dimensionamento degli spessori e delle protezioni da adottare per le varie classi di strutture e nei vari casi delle pareti, dei solai, degli elementi strutturali in acciaio sollecitati a flessione e trazione, e degli elementi compressi (colonne) é indicato nelle Tabelle 2, 3, 4 e 5.

Qualora il rivestimento protettivo non sia completamente aderente alla struttura metallica, intorno alla quale perciò si forma una canna, si dovrà provvedere ad interrompere la continuità della canna stessa in corrispondenza dei solai interponendovi un idoneo diaframma.

8.1. Pareti divisorie interne - Spessori minimi ai fini della loro designazione come pareti tagliafuoco, secondo il punto 2 della Tabella 1.


Tipo di parete


15

30

45

60

90

120

180









Laterizi pieni con intonaco normale

6

13

13

13

26

26

26

Laterizi pieni con intonaco isolante (*)

6

6

6

13

13

26

26

Laterizi forati con intonaco normale

6

10

14

20

30

30

30

Laterizi forati con intonaco isolante

6

6

6

10

10

14

20

Calcestruzzo normale

8

8

10

10

10

12

16

Calcestruzzo leggero (con isolante tipo pomice, perlite, scorie o simili)

8

8

8

8

8

10

10


8.2. Solai esclusi quelli combustibili - Valori minimi ammissibili degli spessori dei solai resistenti al fuoco.



15

30

45

60

90

120

180

Soletta in c.a.








- con intonaco normale (1,5 cm)

10

10

12

14

16

20

20

- idem con intonaco isolante (1,5 cm)

10

10

12

14

14

16

16

- idem con soffitto sospeso

8

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52329 485265
Art. 9. - Dichiarazione dei carichi di incendio previsti


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52329 485266
Art. 10. - Prove di spegnimento


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52329 485267
Art. 11. - Gabbie delle scale e degli ascensori


Le gabbie delle scale, degli

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52329 485268
Art. 12. - Piani interrati


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52329 485269
Appendice


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52329 485270
Art. 1. - Poteri calorifici superiori di alcuni combustibili


A scopo indicativo, ai fini del calcolo dei carichi di incendio nei singoli piani e locali di un edificio, si riportano nella presente Tabella i calori specifici superiori delle sostanze combustibili più comunemente presenti negli edifici civili.


Tabella 8 - Calori specifici

Materiale

Potere calorifico


superiore in Cal/kg

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52329 485271
Art. 2. - Modalità delle prove in forno per l'omologazione dei materiali protettivi


2.1. Generalità. - Le prove in forno o in apposite camere di incendio su elementi strutturali protetti e su vari tipi di rivestimenti, devono essere eseguite presso il centro Studi esperienze delle Scuole di VV.F.

2.2. Curva di temperatura. - La temperatura della camera di incendio e del forno deve svilupparsi secondo la curva unificata riportata nella fig. 2.



IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52329 485272
Art. 3. - Elementi determinanti la resistenza al fuoco


Gli elementi che determinano la durata di resistenza al fuoco durante le prove in forno, eseguite secondo le modalità indicate nell'art. 2 dell'Appendice, sono i seguenti:

3.1. - per le parti della costruzione costituenti divisori e scherm

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Prevenzione Incendi

Norme di Prevenzione incendi

NORMATIVA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI (Codice di prevenzione incendi (RTO) e successive modifiche; Attività “normate” e “non normate” ai fini della normativa di prevenzione incendi; Cessazione del “doppio binario” e normativa di prevenzione incendi applicabile; Norme tecniche alternative al Codice di prevenzione incendi; Attività cui si applica la RTO e possibili eccezioni) - REGOLE TECNICHE DI PREVENZIONE INCENDI E CHIARIMENTI; (Lavorazione, trasporto e distribuzione di gas infiammabili; Impianti di distribuzione carburanti e ricarica veicoli elettrici; Depositi o rivendite di alcoli; Autodemolizioni; Locali di pubblico spettacolo e impianti sportivi; Alberghi e strutture ricettive; Scuole; Ospedali e strutture sanitarie; Attività commerciali; Uffici; Biblioteche, archivi, musei, gallerie, edifici tutelati in genere; Impianti termici; Autorimesse, parcheggi, locali per ricovero natanti e aeromobili; Edifici di civile abitazione e condomini; Stazioni, aerostazioni, porti e metropolitane; Interporti; Gallerie stradali e ferroviarie; Varie).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Prevenzione Incendi

Prevenzione incendi: adempimenti tecnico-amministrativi, vigilanza, sanzioni

CLASSIFICAZIONE DI EDIFICI E ATTIVITÀ A FINI DI PREVENZIONE INCENDI - ADEMPIMENTI TECNICO-AMMINISTRATIVI DI PREVENZIONE INCENDI (Normativa di riferimento, FAQ; Professionisti abilitati; Adempimenti di prevenzione incendi per ottenere il titolo abilitativo edilizio; Adempimenti di prevenzione incendi per ottenere l’assenso all’esercizio dell’attività; Schema grafico e tabelle adempimenti di prevenzione incendi; Progetti in deroga alle regole tecniche di prevenzione incendi; Modulistica e presentazione delle istanze di prevenzione incendi; Tariffe per i servizi dei Vigili del fuoco) - LA RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI (Casi generali; Attività regolate da specifiche disposizioni antincendi; Modifiche a impianti e costruzioni esistenti; Approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio) - VIGILANZA E SANZIONI (Visite tecniche, verifiche e controlli dei VV.F.; Fascicolo da tenere a disposizione dei VV.F. per eventuali controlli; Provvedimenti in caso di inosservanza della normativa o condizioni di rischio; Sanzioni).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Studio Groenlandia
  • Prevenzione Incendi
  • Pubblica Amministrazione
  • Locali di pubblico spettacolo
  • Procedimenti amministrativi

La licenza di agibilità per i pubblici spettacoli ed i trattenimenti

PREMESSA (Quadro normativo; Documentazione aggiuntiva disponibile; Normativa di prevenzione incendi e altre norme di sicurezza applicabili) - COMPOSIZIONE, MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO E ATTRIBUZIONI DELLE COMMISSIONI PER LA VIGILANZA (Compiti delle Commissioni di vigilanza; Quando è competente la Commissione provinciale; Controlli periodici) - ESCLUSIONI PARZIALI E CASI PARTICOLARI (La relazione tecnica sostitutiva di parere, verifiche ed accertamenti; L’intervento del D. Leg.vo 222/2016 e la tabella dei regimi; Eventi entro i 200 partecipanti che si svolgono entro le ore 24; Eventi entro i 1.000 partecipanti che si svolgono tra le 8 e le 23; Allestimenti temporanei che si ripetono nel tempo; Manifestazioni in luoghi e spazi all’aperto senza recinzioni e allestimenti per il pubblico).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Prevenzione Incendi
  • Sicurezza
  • Locali di pubblico spettacolo

Le norme di sicurezza e antincendio per le attività di spettacolo viaggiante

PREMESSA - CAMPO DI APPLICAZIONE E NORMATIVA APPLICABILE (Quali sono le “attività di spettacolo viaggiante”; Esclusioni; Normativa di prevenzione incendi; Altre norme, regole di standard e prassi di riferimento; Attività esistenti e attività nuove) - ADEMPIMENTI PER LE NUOVE ATTIVITÀ (Istanza di registrazione; Parere della commissione comunale o provinciale di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo; Codice identificativo; Cessione, vendita o dismissione dell’attività) - ADEMPIMENTI PER LE ATTIVITÀ ESISTENTI (Istanza di registrazione; Attività esistenti in altri stati; Conservazione ed esibizione della documentazione; Parere della commissione comunale o provinciale di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo) - MONTAGGIO E SMONTAGGIO - VERIFICHE PERIODICHE (Periodicità delle verifiche ed abilitazione alla effettuazione delle stesse; Libretto dell’attività).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Prevenzione Incendi
  • Impiantistica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Inquinamento atmosferico
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento

Impianti termici civili: requisiti tecnici, limiti di emissione, abilitazione alla conduzione, soggetti coinvolti, obblighi e sanzioni

PREMESSA, DEFINIZIONI E NORMATIVA APPLICABILE - REQUISITI TECNICI E COSTRUTTIVI DEGLI IMPIANTI TERMICI CIVILI (Requisiti generali; Deroga per gli impianti rientranti nella uni 11528; Disposizioni relative agli apparecchi misuratori delle pressioni, applicabili agli impianti rientranti nella UNI 11528; Adeguamento degli impianti preesistenti al 25/06/2014) - ABILITAZIONE ALLA CONDUZIONE DEGLI IMPIANTI (Requisiti generali; Rilascio del patentino e gradi di abilitazione; Revoca del patentino) - VALORI LIMITE DI EMISSIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI CIVILI E CONTROLLI (Valori limite; Valori limite per gli impianti termici civili entrati in esercizio prima del 20/12/2018; Frequenza dei controlli sul rispetto dei valori limite; Attestazione del rispetto dei valori limite; Altri documenti da allegare al libretto di centrale per i medi impianti termici; Controlli per gli impianti termici civili entrati in esercizio prima del 20/12/2018; Comunicazioni o ripristino di conformità per i medi impianti termici) - OBBLIGHI DEL PRODUTTORE, DEL FABBRICANTE E DELL’INSTALLATORE (Attestazione di conformità del produttore; Obblighi dell’installatore; Obblighi del responsabile dell’esercizio e della manutenzione - Impianti preesistenti; Obblighi del responsabile dell’esercizio e della manutenzione - Iscrizione nel registro autorizzativo per i medi impianti) - SANZIONI.
A cura di:
  • Alfonso Mancini