FAST FIND : NR39987

Delib. G.R. Lombardia 11/12/2018, n. XI/983

Disciplina delle attività cosiddette "In Deroga" ai sensi dell'art. 272, commi 2 e 3, del d.lgs. n. 152/06 "Norme in materia ambientale" sul territorio regionale e ulteriori disposizioni in materia di emissioni in atmosfera.
Scarica il pdf completo
5159151 5292391
Testo del provvedimento


LA GIUNTA REGIONALE


Visti:

- il D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 "Norme in materia ambientale", ed in particolare la Parte Quinta "Norme in materia di tutela dell'aria e di riduzione delle emissioni in atmosfera", aggiornata dal D.Lgs. 15 novembre 2017, n. 183 "Attuazione della direttiva (UE) 2015/2193 relativa alla limitazione delle emissioni nell'atmosfera di taluni inquinanti originati dagli impianti di combustione medi, nonché per il riordino del quadro normativo degli stabilimenti che producono emissioni nell'atmosfera";

- il D.P.R. 13 marzo 2013, n. 59 "Regolamento recante la disciplina dell'autorizzazione unica ambientale (AUA) e la semplificazione di adempimenti amministrativi in materia ambientale gravanti sulle piccole e medie imprese e sugli impianti non soggetti ad autorizzazione integrata ambientale [...]";

Richiamate:

- la L.R. 11 dicembre 2006, n. 24 e s.m.i., recante "Norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell'ambiente", ed in particolare:

- l'art. 30 comma 6, ai sensi del quale, a partire dal 1° gennaio 2007, la Provincia è l'Autorità Competente al rilascio, al rinnovo e al riesame della autorizzazione alle emissioni in atmosfera;

- l'art. 8, comma 2, che prevede che la Giunta Regionale stabilisce le direttive per l'esercizio uniforme e coordinato delle funzioni conferite, ivi comprese quelle di controllo;

- la Delib.G.R. 30 dicembre 2008 n. 8832 "Linee guida alle Province per l'autorizzazione generale di impianti e attività a ridotto impatto ambientale (art. 272, comi 2 e 3, D.Lgs. 152/06)";

- la Delib.G.R. 18 luglio 2012 n. 3792 "Attività in deroga ai sensi dell'art. 272, commi 2 e 3 del D.Lgs. n. 152/06 e s.m.i. "Norme in materia ambientale" aggiornamento della Delib.G.R. 8832/2008 e approvazione dell'autorizzazione in via generale per le attività zootecniche";

- il d.d.s. 26 gennaio 2009 n. 532 "approvazione degli allegati tecnici relativi alle autorizzazioni in via generale per le attività in deroga ex art. 272 comma 2 del D.Lgs. 152/06" e gli ulteriori decreti integrativi con cui sono stati approvati gli allegati tecnici riportanti le prescrizioni tecniche e gestionali, ivi inclusi i valori limite alle emissioni, per tutte le tipologie di attività cosiddette "in deroga" previste sul territorio regionale;

Richiamate inoltre:

- la Delib.G.R. 11667 del 20 dicembre 2002 "definizione di allegati tecnici relativi ad attività produttive che producono emissioni in atmosfera [...]" e successiva Delib.G.R. 196 del 22 giugno 2005 "integrazione e modificazione della Delib.G.R. 11667 del 20 dicembre 2002 [...]" con la quale Regione Lombardia ha previsto un procedimento semplificato per il rilascio delle autorizzazione alle emissioni in atmosfera in regime ordinario ai sensi dell'art. 269 del D.Lgs. 152/2006 per specifiche tipologie di impianti e attività;

- la Delib.G.R. n. 593 del 6 settembre 2013 e la successiva Delib.G.R. n. 449 del 2 agosto 2018 con cui Regione Lombardia ha approvato ed aggiornato il piano regionale degli interventi per la qualità dell'aria (PRIA) nell'ambito del quale, la Stessa, si è impegnata a stabilire indirizzi di carattere tecnico ed amministrativo per la riduzione delle emissioni in atmosfera da specifici comparti produttivi;

- la L.R. 18 aprile 2012, n. 7 recante "Misure per la crescita, lo sviluppo e l'occupazione", ed in particolare l'art. 33 che prevede che "la Giunta regionale attui le misure di semplificazione dei procedimenti inerenti le autorizzazioni alle emissioni in atmosfera disciplinati dal D.Lgs. 152/2006, parte V, estendendo l'applicazione delle previsioni dell'articolo 272, comma 2 ad ulteriori attività industriali, artigianali, agroalimentari, agricole e di produzione di energia alimentate da fonti energetiche rinnovabili";

Ricordato che ai fini del rilascio dell'autorizzazione alle emissioni in atmosfera ai sensi della Parte Quinta del D.Lgs. 152/2006:

- i commi 2 e 3 dell'art. 272 prevedono l'adozione da parte delle Autorità competenti di autorizzazioni di carattere generale per talune tipologie di attività - cosiddette "in deroga" - al fine di semplificare il procedimento autorizzativo alla luce della standardizzazione dei cicli produttivi e del ridotto inquinamento atmosferico da queste generato;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5159151 5292392
Allegato 1 - Elenco attività di cui all'art. 272 c. 2

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5159151 5292393
Allegato 2 - Criteri e procedure per l'applicazione dell'art. 272, commi 2 e 3, del Dlgs152/06

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5159151 5292394
Allegato 3A - Modello di presentazione della domanda di adesione all'autorizzazione generale

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5159151 5292395
Allegato 3B - Modello di comunicazione di modifica

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5159151 5292396
Allegato 3C - Modello di comunicazione amministrativa

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Tutela ambientale
  • Inquinamento atmosferico
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti

Contributi a enti locali e regioni per la realizzazione di piste ciclabili - 2020

La misura prevede la concessione di contributi a comuni, città metropolitane, province e regioni per l’abbattimento degli interessi sui mutui relativi ad investimenti per la realizzazione di piste ciclabili. La dotazione finanziaria complessiva è pari a 4.053.553,25 euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Inquinamento atmosferico
  • Tutela ambientale
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Trasporti

Contributi ai comuni per incentivare la mobilità urbana sostenibile

Il programma è destinato ai comuni con popolazione residente non inferiore a 50.000 abitanti ed è finalizzato al cofinanziamento di progetti di mobilità urbana sostenibile alternativi all'uso di autovetture private, quali la realizzazione di nuove piste ciclabili, nonché lo sviluppo del trasporto condiviso e del mobility management. La dotazione finanziaria complessiva è pari a 15 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Inquinamento atmosferico
  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Infrastrutture e opere pubbliche

Contributi agli enti locali per la realizzazione di piste ciclabili

La misura prevede la concessione di contributi agli enti locali per l’abbattimento degli interessi sui mutui relativi ad investimenti per la realizzazione di piste ciclabili. La dotazione finanziaria complessiva dello strumento è pari a 6.239.431,80 euro. Ciascun ente locale ammesso potrà godere del totale abbattimento degli interessi, su uno o più mutui, sino all'importo massimo complessivo di 3 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Finanza pubblica
  • Tutela ambientale
  • Provvidenze
  • Imprese
  • Impresa, mercato e concorrenza

Marche: sostegno alle imprese che investono nell’economia circolare

La Regione Marche concede opportunità di finanziamento a fondo perduto per quelle imprese che investono secondo le logiche di miglioramento ambientale ed economia circolare basate cioè sulla re immissione in circolo di materiali, beni, energia per favorire la crescita economica e sociale della collettività attraverso un uso più efficiente e sostenibile delle risorse e il rispetto dell'ambiente.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Inquinamento atmosferico
  • Impiantistica
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Gas fluorurati a effetto serra (F-gas): disciplina, certificazione e attestazione (patentino frigoristi)

PREMESSA, F-GAS E SOGGETTI COINVOLTI (Premessa; Gas fluorurati a effetto serra o F-gas; Soggetti coinvolti, obblighi e divieti) - NORMATIVA DI RIFERIMENTO (Regolamento europeo di riferimento e provvedimenti di esecuzione; Normativa italiana di riferimento) - OBBLIGHI DEGLI OPERATORI (Definizione di operatore; Principali obblighi dell’operatore) - CERTIFICAZIONE E ATTESTAZIONE PER PERSONE E IMPRESE (C.D. “PATENTINO FRIGORISTI”) (Generalità; Obbligo di certificazione per le persone fisiche; Obbligo di certificazione per le imprese; Obbligo di attestazione della formazione per le persone fisiche; Obbligo di iscrizione nel Registro telematico nazionale; Tabella riepilogativa degli obblighi) - SISTEMA DI ACCREDITAMENTO E CERTIFICAZIONE (Autorità nazionali competenti; Organismo di accreditamento; Organismi di certificazione; Organismi di attestazione di formazione e organismi di valutazione della conformità) - BANCA DATI GAS FLUORURATI A EFFETTO SERRA E APPARECCHIATURE CONTENENTI GAS FLUORURATI - SANZIONI.
A cura di:
  • Angela Perazzolo
  • Informatica
  • Procedimenti amministrativi
  • Pubblica Amministrazione
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure

Lombardia: fine fase sperimentale app "Aua Point" per comunicazione scarichi ed emissioni

  • Inquinamento atmosferico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Monitoraggio e comunicazione dei dati emissioni veicoli pesanti

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Inquinamento atmosferico

Monitoraggio e comunicazione dei dati emissioni veicoli pesanti

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale
  • Energia e risparmio energetico
  • Trasporti

Adozione nuovi PUMS secondo le linee guida di cui al D.M. 04/08/2017