FAST FIND : GP8346

Sent. C. Stato 29/05/2008, n. 2538

51540 51540
1. Edilizia ed urbanistica - Attività edilizia - Vincolo paesaggistico - Nullaosta – Annullamento ministeriale - Termine di 60 gg - Decorrenza - Sospensione – Limiti
1. Il termine assegnato all’Amministrazione statale per l’esercizio del potere di annullamento dell’autorizzazione paesaggistica decorre dal momento in cui la documentazione perviene completa all’organo competente a decidere; tuttavia, pur potendo l’Amministrazione chiedere integrazioni documentali necessarie all’esercizio del potere di controllo, il termine di sessanta giorni non può essere sospeso, interrotto o prorogato arbitrariamente al di fuori di reali esigenze istruttorie, per finalità puramente dilatorie.

1. Conf. C. Stato VI 3 marzo 2007 n. 1019 R; VI 6 luglio 2006 n. 4273; [R=WCS6L064273] VI 21 ottobre 2005 n. 5937. [R=WCS21O055937] 1a. (ATED-VIN.1) - Sul vincolo paesaggistico all’attività edilizia ved. C. Stato VI 11 maggio 2007 n. 2299 R (Sussiste l’obbligo della P.A. di comunicare all’interessato l’avvio del procedimento ministeriale per l’annullamento del nullaosta paesaggistico); VI 3 maggio 2007 n. 1944 R (Non è necessaria la comunicazione di inizio del procedimento per l’annullamento del nullaosta paesaggistico per attività edilizia in zona vincolata); VI 2 maggio 2007 n. 1906 R (Il provvedimento ministeriale che annulla il nullaosta paesaggistico rilasciato per costruzione edilizia in zona vincolata, deve essere preceduto dalla comunicazione di avvio del procedimento, a meno che la conoscenza di tale avvio non derivi in altro modo); VI 5 marzo 2007 n. 1030 R (Il procedimento di annullamento ministeriale del nulla osta paesaggistico si conclude con l’emanazione del decreto di annullamento nel termine stabilito o con l’inutile scadenza dello stesso termine); VI 3 marzo 2007 n. 1019 R (Annullamento ministeriale del nullaosta regionale per attività edilizia in zona soggetta a vincolo paesaggistico - Il termine di 60 giorni decorre dalla ricezione dei documenti utili al controllo - Carenza di documenti utili - Effetto interruttivo del termine sino alla loro ricezione); Cass. Pen. III 15 febbraio 2007 n. 6431 R (Con elencazione esemplificativa si ricorda che l’art. 32, L. 28 febbraio 1985 n. 47 inerisce, oltre ai vincoli paesaggistici ed ambientali, ai vincoli, storici artistici, architettonici ed archeologici; ai vincoli idrogeologici; ai vincoli previsti per i parchi e le aree naturali protette; ai vincoli derivanti dall’esistenza di usi civici; ai vincoli derivanti dalle c.d. «zone di rispetto» del demanio stradale, ferroviario ed aeroportuale, dei cimiteri; ai vincoli derivanti dalle prescrizioni imposte per le costruzioni da eseguirsi in zone sismiche; ovvero ad altre limitazioni poste dal D.M. 1 aprile 1968 n. 1404); C. Stato VI 19 gennaio 2007 n. 92 R [Il termine perentorio di 60 gg. Per l’adozione del provvedimento ministeriale di annullamento del nullaosta paesistico inizia a decorrere solo da quando la documentazione perviene, completa, all’organo competente a decidere (al Ministero, nella specie)]; VI 10 gennaio 2007 n. 28 R (Annullamento ministeriale c.s. - Comunicazione di inizio del procedimento - Necessità); VI 8 marzo 2006 n. 1261 R (Il termine di 60 giorni ex art. 82, c. 9, D.P.R. 77/616 non è applicabile per la comunicazione del provvedimento - Non occorre comunicazione di inizio del procedimento); VI 10 febbraio 2006 n. 528 R (Il termine di 60 giorni si riferisce all’adozione del provvedimento ministeriale e non alla sua comunicazione o notifica ai destinatari); II 18 gennaio 2006 n. 2449 R (Decorrenza del termine di 60 giorni per l’annullamento ministeriale del nullaosta regionale ex art. 151 T.U., D.Lgs. 29 ottobre 1999 n. 490, dalla ricezione della documentazione completa, a meno che il termine suddetto venga interrotto da una richiesta istruttoria ma per una sola volta e per non oltre 30 giorni); Csi 13 giugno 2005 n. 372 R (Nullaosta Soprintendenza - Conseguenza della discordanza fra rappresentazione grafica ed effettivo stato dei luoghi); C. Stato VI 7 giugno 2005 n. 2911 R (Annullamento ministeriale del nullaosta regionale - Il termine di 60 giorni decorre dalla data di ricezione del provvedimento regionale completo ed attiene all’esercizio del potere di annullamento e non alla successiva comunicazione); IV 3 maggio 2005 n. 2079 R (Il vincolo paesaggistico ha valore primario ex art. 9 Cost.); VI 9 marzo 2005 n. 971 R(Annullamento ministeriale del nullaosta regionale - Illegittimità per motivazione generica); VI 9 marzo 2005 n. 968 R (Annullamento ministeriale del nullaosta regionale - Decorrenza del termine di 60 giorni e sua eventuale interruzione); VI 24 febbraio 2005 n. 680 R (1. Collaborazione della Regione con il Ministero dei beni culturali - Necessità; 2. Annullamento ministeriale del nullaosta regionale se illegittimo per eccesso di potere); VI 21 febbraio 2005 n. 599 R (Annullamento ministeriale del nullaosta regionale - Condizioni per l’interruzione o la sospensione del termine di 60 giorni); V 8 febbraio 2005 n. 322 R (Nullaosta regionale - Perdita automatica di efficacia per decorso quinquennio); VI 25 gennaio 2005 n. 160 R (Annullamento ministeriale del nullaosta regionale - Decorrenza del termine di 60 giorni); VI 20 dicembre 2004 n. 8142 R (Annullamento ministeriale del nullaosta regionale - Decorrenza del termine di 60 giorni: dalla ricezione del provvedimento regionale completo); VI 20 dicembre 2004 n. 8140 R (Annullamento ministeriale del nullaosta regionale - Solo per motivi di legittimità e non di merito); VI 29 novembre 2004 n. 7783 R (Annullamento ministeriale del nullaosta regionale - Termine di 60 giorni: natura perentoria); VI 11 novembre 2004 n. 7285 R (Annullamento ministeriale del nullaosta regionale - Decorrenza del termine di 60 giorni: individuazione); VI 19 ottobre 2004 n. 6768 R (Annullamento ministeriale del nullaosta regionale - Occorre previa comunicazione di avvio del procedimento di annullamento); VI 14 ottobre 2004 n. 6660 R (Annullamento ministeriale del nullaosta regionale - Necessità di motivazione e presupposti).

Dalla redazione

  • Fisco e Previdenza

Scadenzario fiscale termini rinviati o sospesi per l’emergenza Coronavirus

TABELLA RIEPILOGATIVA - SOSPENSIONE TERMINI DAL 21/02/2020 NELLE PRIME “ZONE ROSSE” - SOSPENSIONE DAL 02/03/2020 PER LE CATEGORIE DI SOGGETTI PIÙ COLPITE - SOSPENSIONE ADEMPIMENTI PER TUTTI I CONTRIBUENTI DAL 08/03/2020.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Imprese
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze

Abruzzo: sostegno alle mPMI per investimenti in macchinari e impianti

Rilancio della propensione agli investimenti del sistema produttivo abruzzese attraverso un consolidamento delle realtà esistenti e ad un rinnovamento della base produttiva, garantendo aiuti per investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili e per processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale per quasi tutti i codici Ateco. È l'obiettivo dell'Avviso emanato in attuazione dell’Asse Prioritario III "Competitività del sistema produttivo”, al fine di promuovere la competitività delle piccole e medie imprese, Azione 3.1.1 del POR FESR 2014 - 2020 della Regione Abruzzo".
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Calamità/Terremoti
  • Protezione civile

Coronavirus (Covid-19) - Tutti i provvedimenti

Tutti i provvedimenti emanati per fronteggiare l’emergenza sanitaria (Coronavirus Covid-19): STATO DI EMERGENZA - DECRETI LEGGE - DECRETI E DELIBERE DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO - ORDINANZE DI PROTEZIONE CIVILE - ORDINANZE DEL MINISTERO DELLA SALUTE - PROVVEDIMENTI DEL MINISTERO DELL’ECONOMIA E FINANZE - PROVVEDIMENTI DEL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - PROVVEDIMENTI DELL’ANAC.
  • Provvidenze
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Appalti e contratti pubblici
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili
  • Beni culturali e paesaggio

Finanziamento per la valorizzazione di borghi e centri storici nel sud d’Italia

Vengono finanziati interventi per il rafforzamento dell’attrattività dei borghi e dei centri storici di piccola e media dimensione nei comuni delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, attraverso il restauro e recupero di spazi urbani, edifici storici o culturali. La dotazione finanziaria complessiva è di 30 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Prevenzione Incendi
  • Uffici e luoghi di lavoro

Prevenzione incendi nei luoghi di lavoro

OBBLIGHI DI CARATTERE GENERALE - VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO (Revisione della valutazione dei rischi di incendio) - MISURE DI CARATTERE ORGANIZZATIVO E TECNICO (Designazione e formazione degli addetti; Misure di carattere generale; Vie e uscite di emergenza; Misure per la rivelazione e l'allarme in caso di incendio; Mezzi per l’estinzione dell’incendio - Manutenzione e controllo; Controlli e manutenzione sulle misure di protezione antincendio; Informazione e formazione dei lavoratori) - PIANO E MISURE DI EMERGENZA (Contenuti e criteri di redazione del piano di emergenza; Assistenza alle persone disabili in caso di incendio) - RAPPORTO CON LA NORMATIVA ANTINCENDIO - SANZIONI - PREVENZIONE INCENDI PER LA PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE E L’ESERCIZIO DI EDIFICI E/O LOCALI DESTINATI AD UFFICI.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica