FAST FIND : GP8328

Sent.C. Cass. 02/12/2008, n. 28605

51522 51522
1. Appalti - Difetti gravi dell’opera - Responsabilità dell’appaltatore ex art. 1669 Cod. civ. - Sussistenza – Condizioni
1. Nell’appalto per la costruzione di edificio in base a progetto fornito dal committente, la responsabilità dell’appaltatore per gravi difetti, ai sensi dell’art. 1669 Cod. civ., sussiste anche quando l’ingerenza e le istruzioni del committente ne limitino autonomia e discrezionalità, tranne il caso in cui queste abbiano una continuità ed un’analiticità tali da elidere, nell’esecutore, ogni facoltà di vaglio, in modo che il rapporto di appalto si trasformi, «ipso facto«, in un rapporto di lavoro subordinato e l’appaltatore in «nudus minister« del committente.

1. Ved. Cass. 12 giugno 2007 n. 13764; R 29 gennaio 2002 n. 1154 R. Ved. Anche Cass. 29 marzo 2002 n. 4622;R 2 ottobre 2000 n. 13003R 1a. (VIZ 69) - Sui difetti gravi dell’opera ex art. 1669 Cod. civ. negli appalti, ved. Cass. 4 giugno 2008 n. 14812 R [Le violazioni della L. 2 febbraio 1974 n. 64 (ved. Ora D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380) integrano i gravi difetti ex art. 1669 C.c.]; 1 febbraio 2008 n. 2460 R e 23 gennaio 2008 n. 1463 R (Il termine di 1 anno, a pena di decadenza dell’azione di responsabilità contro l’appaltatore, per la denunzia del pericolo di rovina o di gravi difetti di un immobile decorre dal giorno in cui il committente consegue un apprezzabile grado di conoscenza della gravità di tali difetti); 20 novembre 2007 n. 24143 R (L’art. 1669 C.c. è norma di natura extracontrattuale che si applica alle opere per la costruzione di edifici o altri immobili - compresa la soprelevazione di un edificio preesistente - ma non a modifiche o riparazioni di edifici preesistenti); 31 maggio 2007 n. 12790 R (L’azione ex art. 1669 C.c. contro l’appaltatore può essere esercitata anche dagli aventi causa del committente entro 10 anni dall’ultimazione dell’opera); 19 febbraio 2007 n. 3752 R (Difetti gravi dell’opera - Nozione); 15 novembre 2006 n. 24301 R (Sui difetti gravi dell’opera riguardanti solo alcuni appartamenti di un edificio - Azione di risarcimento danni contro il venditore-costruttore ex art. 1669 e 2058 C.c. - Esecuzione lavori necessari per eliminare i difetti - Necessità del consenso degli altri condomini); 12 aprile 2006 n. 8520 R (Responsabilità extracontrattuale ex art. 1669 Cod. civ. - Norma speciale rispetto a quella generale ex art. 2043 Cod. civ. - Conseguenza); 31 marzo 2006 n. 7634 R (Responsabilità extracontrattuale del costruttore ed anche del costruttore-venditore); 16 febbraio 2006 n. 3406 R (Responsabilità extracontrattuale di appaltatore, progettista, direttore dei lavori e dello stesso committente); 4 novembre 2005 n. 21351 R (Nozione di difetti gravi dell’opera); 28 gennaio 2005 n. 1748R (1. Chiamata in causa del costruttore in garanzia per l’azione di responsabilità contro il proprietario - Natura della garanzia; 2. Natura extracontrattuale dell’azione di responsabilità ex art. 1669 Cod. civ. e rapporti con l’azione di responsabilità ex art. 2043 Cod. civ.); 13 gennaio 2005 n. 567 R (1. Ammissibilità dell’azione di responsabilità contro il venditore-costruttore; 2. Decorrenza del termine di un anno per la denuncia dei difetti, dopo un apprezzabile grado di conoscenza della responsabilità dell’appaltatore e della gravità dei difetti); 20 aprile 2004 n. 7537 R (I difetti dell’opera possono essere considerati gravi dal giudice). Ved. Anche «Gravi difetti di un appartamento ex art. 1669 Cod. civ.» 1n. Codice civile - Art. 1669 (Rovina e difetti di cose immobili) - (c.1) Quando si tratta di edifici o di altre cose immobili destinate per loro natura a lunga durata, se, nel corso di dieci anni dal compimento, l’opera, per vizio del suolo o per difetto della costruzione, rovina in tutto o in parte, ovvero presenta evidente pericolo di rovina o gravi difetti, l’appaltatore è responsabile nei confronti del committente e dei suoi aventi causa, purché sia fatta la denunzia entro un anno dalla scoperta. (c.2) Il diritto del committente si prescrive in un anno dalla denunzia.
[Cod. civ. art. 1669 (1n)]

Dalla redazione

  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Impianti sportivi

Finanziamento per impianti sportivi nelle periferie urbane e aree svantaggiate

La misura prevede il finanziamento di interventi per la realizzazione e rigenerazione di impianti sportivi per l’attività agonistica localizzati nelle aree svantaggiate del Paese e nelle periferie urbane; l’obiettivo è di ridurre i fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale anche attraverso la promozione di attività sportiva. La dotazione finanziaria complessiva è pari a 140 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Imprese
  • Mezzogiorno e aree depresse
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica

Agevolazioni alle PMI per investimenti innovativi nelle regioni meno sviluppate

Il nuovo bando Macchinari innovativi sostiene la realizzazione di programmi di investimento finalizzati alla trasformazione tecnologica e digitale dell’impresa nei territori delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. La dotazione finanziaria complessiva dello strumento è pari a 265 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Aree rurali
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Urbanistica

Emilia Romagna: Bando Montagna 2020

Contributi prima casa in montagna e lo scopo è quello di rivitalizzare le aree montane e recuperare il il patrimonio edilizio esistente. Il Bando Montagna 2020 concede contributi fino a 30.000 euro ai nuclei familiari già residenti in montagna o che desiderano trasferirvisi acquistando la prima casa, limitatamente a immobili già esistenti o recuperando il patrimonio edilizio esistente (o un mix delle due modalità).
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Sicurezza

Toscana: Bando per la sicurezza stradale 2020

Azioni Regionali per la Sicurezza Stradale. Approvazione del Bando regionale per la presentazione delle domande da parte di Città Metropolitana, Province e Comuni della Toscana in attuazione del PRIIM. Il bando regionale mette a disposizione 5 milioni di euro per mettere in atto tutte le misure necessarie al fine di contrastare il fenomeno dell'incidentalità stradale.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Informatica
  • Professioni
  • Calamità
  • Imprese

Umbria: Bridge to Digital 2020

Bridge to digital", un ponte per il digitale: tre milioni di euro messi a disposizione dalla Regione Umbria per favorire la trasformazione digitale delle micro e piccole imprese e dei liberi professionisti per renderli più competitivi nei mercati nazionali ed interazionali ed aumentarne la capacità di reazione alla congiuntura negativa dovuta al COVID-19.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta