FAST FIND : GP8074

Sent. C. Stato 12/09/2007, n. 4828

51268 51268
1. Edilizia ed urbanistica - Attività edilizia - Denuncia inizio attività - Natura - Inapplicabile art. 10 bis L. 90/241
1. La D.I.A. non è strumento di liberalizzazione di un’attività edilizia, ma rappresenta una semplificazione procedimentale che consente al privato di conseguire un titolo abilitativo allo svolgimento di tale attività, sub specie dall’autorizzazione implicita di natura provvedimentale che assume carattere favorevole a seguito del decorso del termine di 30 giorni dalla presentazione della D.I.A. Questa costituisce autocertificazione della sussistenza delle condizioni stabilite dalla legge per la realizzazione dell’intervento, sul quale la P.A. svolge un’eventuale attività di controllo che è prodromica e funzionale al formarsi (a seguito del mero decorso del tempo, non dell’effettivo svolgimento dell’attività) del titolo legittimante l’inizio dei lavori: titolo, il cui consolidamento non comporta, però, che l’attività del privato possa andare esente da sanzioni quando sia difforme dal paradigma normativo, con la conseguenza che anche dopo il termine di 30 giorni previsto per la verifica dei presupposti e dei requisiti di legge l’Amministrazione non perde il potere di vigilanza e sanzionatorio attribuitole dall’ordinamento. È dunque inapplicabile alla D.I.A. (di cui al D.P.R. 01/380) l’art. 10 bis, L. 90/241 il quale, in tale contesto, pertanto deve ammettersi, per il principio di economia dei mezzi giuridici, la facoltà dell’Amministrazione di inibire i lavori non iniziati anche dopo l’avvenuto consolidamento del titolo.

1. Ved. C. Stato IV 30 giugno 2005 n. 3498.[R=WCS30G053498]
(L. 7 agosto 1990 n. 241, art. 10 bis; RT.U., D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380, art. 23)R

Dalla redazione

  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Sicurezza

Puglia: sostegno agli interventi per la sicurezza delle strade

La dotazione finanziaria complessiva a disposizione del bando è pari a poco meno di 1,9 milioni di euro a valere sulle risorse del IV Programma di attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale. Beneficiari del contributo regionale, riconosciuto nella misura massima del 50% del costo complessivo del progetto presentato (IVA ed altri oneri inclusi) e comunque fino all'importo massimo di euro 250.000,00 (indipendentemente dal costo del progetto), potranno essere i Comuni e le Province della Regione Puglia nonché la Città Metropolitana di Bari.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Tutela ambientale
  • Finanza pubblica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Imprese

Marche: sostegno alle imprese che investono nell’economia circolare

La Regione Marche concede opportunità di finanziamento a fondo perduto per quelle imprese che investono secondo le logiche di miglioramento ambientale ed economia circolare basate cioè sulla re immissione in circolo di materiali, beni, energia per favorire la crescita economica e sociale della collettività attraverso un uso più efficiente e sostenibile delle risorse e il rispetto dell'ambiente.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia scolastica

Campania: bando “SCUOLA VIVA IN QUARTIERE”

Ammonta a quasi 8 milioni di euro lo stanziamento della Regione Campania per il programma "SCUOLA VIVA IN QUARTIERE". Si tratta di un progetto strategico nelle aree a forte degrado culturale, sociale ed economico con il maggior rischio di dispersione scolastica. Tra gli obiettivi del bando c’è quello di realizzare interventi mirati per edilizia scolastica e videosorveglianza per l’adeguamento e il miglioramento della funzionalizzazione e fruizione degli ambienti scolastici e delle loro pertinenza. Possono partecipare reti di scuole, costituite o da costituire, composte da almeno otto istituti scolastici e per ciascuna area territoriale sarà finanziato un solo progetto.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Imprese
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica
  • Energia e risparmio energetico

Veneto: bando efficientamento energetico PMI 2020

La Regione Veneto ha pubblicato il terzo bando per l'erogazione di contributi relativi ad interventi di efficientamento energetico delle PMI. Il finanziamento complessivo supera i 13 milioni di euro. L’agevolazione, nella forma del contributo a fondo perduto, è pari al 30% della spesa rendicontata ammissibile.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Energia e risparmio energetico
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Imprese

Lombardia: bando diagnosi energetiche PMI

La Regione Lombardia ha stanziato oltre 2 milioni di euro per incentivare nelle piccole e medie imprese la realizzazione di diagnosi energetiche o l'adozione di un sistema di gestione dell'energia conforme alla norma ISO 50001. L'agevolazione si configura come contributo a fondo perduto e viene coperto il 50% delle spese ammissibili, al netto dell’Iva, in ognuna delle sedi operative in cui l'azienda svolge la propria attività, fino a un massimo di dieci sedi, per importi complessivi sostenuti dall'impresa di 8 mila euro per la diagnosi energetica e di 16 mila euro per l'adozione del sistema di gestione ISO 50001.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta