FAST FIND : GP7902

Sent. C. Stato 14/03/2007, n. 1249

51096 51096
1. Edilizia ed urbanistica - Attività edilizia - Abusi - Sanatoria - Prova della data ultimazione lavori.
1. Chi richiede il condono dell’opera abusiva può provare la data di ultimazione lavori - in alternativa alla dichiarazione sostitutiva dell’atto notorio sulla data di ultimazione dei lavori - ai sensi della Circ. Min. ll.pp. 30 luglio 1985 n. 3357/25 mediante la presentazione di una documentazione consistente in fatture per la fornitura di materiali acquistati per l’impiego nella costruzione del manufatto abusivo prima della presunta ultimazione dei lavori.

1a. - Sulla sanatoria di abusi nell’attività edilizia ved. Cass. Pen. III 6 dicembre 2006 n. 40183 R (Individuazione dei limiti stabiliti dall’art. 39, L. 23 dicembre 1994 n. 724 per la concedibilità della sanatoria - Criterio: ogni edificio va inteso quale complesso unitario, senza considerazione delle sue singole parti); C. Stato V 18 novembre 2004 n. 7547 [R=WCS18N047547] (Sanatoria per opere ultimate - Nozione di «opera ultimata»); C.Stato V 1 ottobre 2003 n. 5652 R (Al fine della concessione in sanatoria per un edificio costruito su un suolo diverso da quello autorizzato, l’oblazione si calcola come da punto 1 della tabella allegata a L. 28 febbraio 1985 n. 47); VI 11 settembre 2003 n. 5097 R (L’autorizzazione paesaggistica in sanatoria di opere edilizie abusive può essere subordinata a determinati correttivi); VI 21 luglio 2003 n. 4192 R (Documentazione che l’interessato deve produrre e procedimento che l’amministrazione deve seguire ai fini dell’autorizzazione paesaggistica in sanatoria per opera edilizia abusiva); VI 11 febbraio 2003 n. 706 R (Il silenzio della P.A. ad una domanda di sanatoria di abuso edilizio equivale a diniego); Csi 24 dicembre 2002 n. 675 R (Richiesta di sanatoria per abusi edilizi e criterio di valutazione della P.A. della compatibilità del manufatto con l’ambiente); C. Stato V 2 ottobre 2002 n. 5175 Re 1 ottobre 2002 n. 5117 R (Inammissibilità di ulteriori interventi abusivi allo stesso edificio il quale è stato già oggetto di sanatoria per abusi edilizi); Cass. Pen. III 13 febbraio 2002 n. 5776 [R=WP13F025776] (Oblazione dovuta per condono edilizio di opere abusive - Determinazione del relativo importo ed effetti); Cass. Pen. IV 11 ottobre 2001 n. 36794 [R=WP11O0136794] (Per la sanatoria di abusi in attività edilizia può essere applicabile la L. 1985 n. 47); Csi 23 aprile 2001 n. 183 R (Il diniego di sanatoria deve essere motivato: il silenzio-rifiuto formatosi per inerzia del Sindaco è illegittimo); Cass. 17 aprile 2001 n. 5611 R (Anche dopo la sanatoria restano salvi i diritti dei terzi); C. Cost., Ord.za 6 marzo 2001 n. 45 R (Infondatezza della questione di costituzionalità dell’art. 30, c. 1, L. 23 dicembre 1994 n. 724); Cass. Pen. III 1 dicembre 2000 n. 3530 [R=WP1D003530] (Condizioni per la prosecuzione dell’attività edilizia in immobile dissequestrato e restituito dopo il condono); C. Stato V 30 ottobre 2000 n. 5806 R (La sanatoria per opera realizzata in zona soggetta a vincolo paesaggistico è subordinata al parere favorevole della Autorità preposta alla tutela del vincolo); V 2 ottobre 2000 n. 5211 R (Ai fini della sanatoria, per immobile completo «al rustico» si intende l’edificio privo di rifiniture ma completo delle tamponature esterne così da consentirne l’esatto calcolo dei volumi); V 23 agosto 2000 n. 4565 R (Ricorso, nel termine ex art. 22 L. 1985 n. 47, contro il diniego di sanatoria); V 23 maggio 2000 n. 2973 R (La sanatoria non è impedita dall’acquisizione dell’immobile al patrimonio del Comune né dalla trascrizione della sanzione per l’immobile abusivo né dalla presa di possesso dell’immobile da parte del Comune; diventa invece impossibile se l’immobile acquisito dal Comune sia stato demolito o utilizzato ai fini pubblici); Cass. Pen. III 27 aprile 2000 n. 5031 [R=WP27A005031] (In tema di condono edilizio compete al giudice penale il potere di accertamento di tutti gli elementi della fattispecie estintiva); C. Stato V 20 marzo 2000 n. 1511 R (La P.A., per il calcolo dell’oblazione dovuta per il rilascio della concessione in sanatoria, deve riferirsi all’ampliamento dell’immobile con riduzione dell’area per parcheggio, in cui è consistito l’abuso edilizio); VI 10 febbraio 2000 n. 748 R e V 12 ottobre 1999 n. 1440 R (Su sanatoria di abuso edilizio per manufatto esistente prima dell’1.10.1983); V 12 gennaio 2000 n. 177 R (Il parere della Commissione edilizia riguardo ad opera abusiva costruita in zona vincolata è superfluo se il parere dell’Amministrazione competente per la tutela del vincolo paesistico è sfavorevole); C. Stato VI 10 gennaio 2000 n. 100 R e Cass. Pen. III 15 novembre 1999 n. 13701 [R=WP15N9913701] e III 18 giugno 1999 n. 7880 [R=WP18G997880] (Il richiedente la sanatoria deve provare che l’opera abusiva è stata ultimata entro il termine stabilito dalla legge per la sua sanabilità); V 15 novembre 1999 n. 1914 [R=WP15N991914] (Quando è legittimo il diniego di sanatoria di abusi edilizi realizzati entro la fascia costiera di 300 metri); VI 18 ottobre 1999 n. 1437 [R=WP18O991437] (Sulla autorizzazione paesaggistica intesa alla sanatoria di opere edilizie abusive); Cass. Pen. III 15 ottobre 1999 n. 11808 [R=WP15O9911808] (La missiva con cui la P.A. comunica al proprietario gli oneri relativi alla concessione in sanatoria invitandolo semplicemente a recarsi negli uffici competenti non è atto equipollente al rilascio della stessa concessione); Csi 14 ottobre 1999 n. 541 R (È illegittimo il diniego del condono edilizio per un’opera costruita su area dichiarata inedificabile con norma emanata però dopo l’edificazione); VI 21 settembre 1999 n. 1243 R (Sulla acquisizione del parere dell’Amministrazione preposta alla tutela del vincolo che condiziona l’esito della domanda di sanatoria edilizia); Cass. Pen. III 7 luglio 1999 n. 8584 [R=WP7L998584] (In materia di condono edilizio, ogni edificio deve intendersi come un complesso unitario che fa capo ad un unico soggetto legittimo); III 18 giugno 1999 n. 7896 [R=WCS18G997896]; III 16 giugno 1999 n. 7764 [R=WCS16G997764] (La sanatoria edilizia è esclusa per le costruzioni eseguite in zone sismiche); III 25 maggio 1999 n. 6548 [R=WCS25MA996548] (Ai fini del condono edilizio si considerano ultimati gli edifici nei quali sia stato eseguito il rustico e completata la copertura); C. Cost. ord. 30 aprile 1999 n. 149 R [La norma dell’art. 22, comma 3, della L. 28 febbraio 1985 n. 47 - che esclude la possibilità di sanatoria per reati relativi ad abusi in edilizia in materia di cemento armato e in zone sismiche - non è incostituzionale; ved., sulla norma suddetta, Cass. Pen. III 27 maggio 1993 n. 5362 [R=WP27MA935362]; III 18 gennaio 1999 n. 8318 [R=WCS18GE998318] (Necessaria sospensione del procedimento per l’ordine di demolizione emesso ex art. 7 L. 1985 n. 47, in seguito alla domanda di sanatoria e versamento oblazione]; III 29 aprile 1999 n. 5452 [R=WCS29A995452] (Sul diritto dell’imputato alla sospensione del processo, in tema di condono edilizio); C. Cost. ord.za 30 aprile 1999 n. 149 [R=WCO30A99149] (La norma dell’art. 22, comma 3, della L. 28 febbraio 1985 n. 47 - che esclude la possibilità di sanatoria per reati relativi ad abusi in edilizia in materia di cemento armato e zone sismiche - non è incostituzionale) e, sulla norma suddetta, Cass. Pen. III 27 maggio 1993 n. 5362 [R=WP27MA935362]; III 18 gennaio 1999 n. 83183 [R=WP18GE9983183] (Necessaria sospensione del procedimento per l’ordine di demolizione emesso ex art. 7 L. 1985 n. 47, in seguito alla domanda di sanatoria e versamento oblazione); C. Stato VI 16 ottobre 1998 n. 1306 R (1. Sul limite della cubatura edilizia condonabile ai sensi dell’art. 39 L. 23 dicembre 1994 n. 274, ai fini della sanatoria; 2. Interpretazione dell’art. 39 L. 1994 n. 274 che consente il superamento del limite di 750 m3 condonabili in caso di concessione edilizia annullata; 3. Anche in caso di sanatoria permangono i diritti dei terzi per violazione di distanze; 4. Per la sanatoria non è necessario il parere della Commissione edilizia); VI 14 ottobre 1998 n. 1395 R (È illegittimo il provvedimento del Sindaco che concede, senza l’acquisizione del parere dell’Autorità competente, la sanatoria per opera eseguita in zona vincolata); Cass. Pen. III 19 maggio 1998 n. 5882 [R=WP19MA985882] (Sull’aggiunta dei giorni di sospensione - in materia di prescrizione per la sanatoria - ex art. 29 della L. 1994 n. 724, art. 38 della L. 28 febbraio 1985 n. 47 e art. 2, comma 4°, della L. 23 dicembre 1996 n. 662); Cass. 29 aprile 1998 n. 4355 R (La sanatoria ex L. 1985/47 non incide sui diritti dei terzi); C. Stato IV 16 marzo 1988 n. 434 [R=WCS16M88434] (È legittimo il diniego della sanatoria chiesta per abusi su aree demaniali); Cass. Pen. III 5 marzo 1998 n. 2853 [R=WP5M982853] (Presupposti per la sospensione del procedimento di cui all’art. 38 della L. 1985/47); III 18 febbraio 1998 n. 1936 [R=WP18F981936] (Diversità della sanatoria ex artt. 13 e 22 L. 1985/47 dalla definizione agevolata ex L. 1994 n. 724); C. Stato V 9 dicembre 1997 n. 1487 R (Con la sanatoria non possono essere violati i diritti dei confinanti); IV 31 ottobre 1997 n. 1246 R (Sui tempi di rimborso delle maggiori somme versate per sanatoria, ex art. 35 L. 1985 n. 47); Csi 20 dicembre 1996 n. 477 R (Per la sanatoria di abusi in zone sottoposte a vincolo paesaggistico è necessario il parere delle soprintendenze); C. Stato V 13 febbraio 1997 n. 158 R (Per la sanatoria di abusi ex art. 32 della L. 1985 n. 47 in zone vincolate è necessario il previo parere dell’Autorità preposta); V 22 novembre 1996 n. 1388 R (1. L’oblazione per la sanatoria può essere determinata dopo che questa viene concessa. 2. Sulla determinazione dell’oblazione per la sanatoria e sulla nozione di opera abusiva); V 24 ottobre 1996 n. 1277 R (Ai fini della sanatoria ex L. 1985 n. 47 relativa alla trasformazione di sottotetto in mansarda è necessaria l’individuazione della data di realizzazione); V 7 maggio 1996 n. 527 R (Non osta alla concessione della sanatoria il giudicato sulla decisione di annullamento di quella concessione edilizia); Cass. 2 dicembre 1995 n. 12459 R (Sugli effetti della sanatoria ex L. 1985 n. 47); Cass. Pen. III 11 novembre 1995 n. 11203 [R=WP11N9511203] (Condizioni per l’inapplicabilità della riduzione in pristino ai fini della sanatoria); C. Stato V 3 ottobre 1995 n. 1372 R (1. La sanatoria è preclusa per concessioni illegittime. 2. Legittimità del diniego della sanatoria per opere realizzare con concessione «a titolo precario»); VI 30 settembre 1995 n. 1030 R (In tema di sanatoria, è inapplicabile l’art. 32, 1° comma, L. 1985 n. 47 per opere su area vincolata eseguite prima dell’imposizione del vincolo); V 25 settembre 1995 n. 1346 R (I vincoli di cui all’art. 4, ultimo comma, della L. 28 gennaio 1977 n. 10 escludono la possibilità di sanatoria); V 14 luglio 1995 n. 1071 R e VI 6 maggio 1995 n. 718 R (Presupposto per la sanatoria ex art. 31, 2°c., L. 1985 n. 47, relativa all’abusivo mutamento della destinazione d’uso di un immobile è il «completamento funzionale» dei lavori); V 16 dicembre 1994 n. 1514 R e V 20 ottobre 1994 n. 1200, R e V 15 gennaio 1993 n. 71, R e V 31 ottobre 1992 n. 1144 R (Presupposti per la sanatoria ex art. 31 L. 1985 n. 47, che devono sussistere al momento del rilascio e opere non sanabili); V 6 dicembre 1994 n. 1455 R [Sull’oblazione per sanatoria riguardante attività abusiva di acquacoltura (natura agricola)]; V 4 novembre 1994 n. 1247 R (Criterio di calcolo dell’oblazione per la sanatoria ex L. 1985 n. 47); V 20 ottobre 1994 n. 1198 R (Significato del «completamento funzionale» dell’immobile al 1 ottobre 1993 - secondo la norma dell’art. 31 L. 1985 n. 47, che non è in contrasto con l’art. 3 Cost. - quale presupposto per la sanatoria); IV 4 ottobre 1994 n. 1100 R (Presupposti dell’effetto sospensivo della domanda di sanatoria, ex art. 44 L. 1985 n. 47); V 16 settembre 1994 n. 998 R (Sulla prova - che può essere onere del privato o della P.A. - della data in cui è stato realizzato l’abuso per il quale si chiede la sanatoria); Cass. Pen. II 26 agosto 1994 n. 9229 [R=WP26AG949229] (In tema di sanatoria di abusi edilizi, negli effetti estintivi di oblazione non rientra il reato ex art. 1 sexies L. 8 agosto 1985 n. 431); Cass. Pen. III 2 luglio 1994 n. 7543[R=WP2L947543] e III 15 marzo 1994 n. 3113 [R=WP15M943113W] (L’istanza di sanatoria può sospendere il procedimento penale); Cass. Pen. III 2 luglio 1994 n. 7541 [R=WP2L947541]; III 7 ottobre 1993 n. 1406 [R=WP7O931406], III 11 giugno 1992 n. 6900 [R=WP11G926900] (La concessione edilizia in sanatoria può, in certi casi, estinguere il reato) e, contra, Cass. Pen. III 14 settembre 1993 n. 8537 [R=WP14S938537], Cass. Pen. III 23 giugno 1994 n. 7275 [R=WP23G947275] (La concessione edilizia in sanatoria non estingue i reati ex art. 1 sexies L. 1985 n. 47 in materia ambientale); C. Stato V 16 settembre 1993 n. 898 R (Domanda di sanatoria differita in caso di immobile soggetto a procedura esecutiva, ex art. 40, 5° e 6° comma, L. 1985 n. 47); V 24 luglio 1993 n. 794 [R=WCS24L93724] (Sulle opere non suscettibili di sanatoria ex art. 33 L. 1985 n. 47); C. Cost. 13 maggio 1993 n. 231 [R=WCC13MA93231] (Riguardo alla sanatoria di abusi è escluso che la disciplina regionale possa essere più favorevole di quella ex art. 13 L. 1985 n. 47); C. Stato V 4 gennaio 1993 n. 21 R (Momento conclusivo del procedimento per la sanatoria, ex L. 1985 n. 47); V 1 dicembre 1992 n. 1399 R (La sanatoria - ai sensi dell’art. 12 bis L. 13 marzo 1988 n. 68 e dell’art. 43 L. 1985 n. 47 - è applicabile in presenza di provvedimento sanzionatorio non eseguito); V 6 luglio 1992 n. 627 R (Sul potere di vigilanza del Sindaco e sulla sua possibilità di intervento nel caso di completamento di opere abusive in pendenza del procedimento di sanatoria); V 15 aprile 1992 n. 303 R (Effetti della domanda di sanatoria).
(Circ. Min. ll.pp. 30 luglio 1985 n. 3357/25)

Dalla redazione

  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Imprese
  • Finanza pubblica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Provvidenze
  • Tutela ambientale

Marche: sostegno alle imprese che investono nell’economia circolare

La Regione Marche concede opportunità di finanziamento a fondo perduto per quelle imprese che investono secondo le logiche di miglioramento ambientale ed economia circolare basate cioè sulla re immissione in circolo di materiali, beni, energia per favorire la crescita economica e sociale della collettività attraverso un uso più efficiente e sostenibile delle risorse e il rispetto dell'ambiente.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia scolastica

Campania: bando “SCUOLA VIVA IN QUARTIERE”

Ammonta a quasi 8 milioni di euro lo stanziamento della Regione Campania per il programma "SCUOLA VIVA IN QUARTIERE". Si tratta di un progetto strategico nelle aree a forte degrado culturale, sociale ed economico con il maggior rischio di dispersione scolastica. Tra gli obiettivi del bando c’è quello di realizzare interventi mirati per edilizia scolastica e videosorveglianza per l’adeguamento e il miglioramento della funzionalizzazione e fruizione degli ambienti scolastici e delle loro pertinenza. Possono partecipare reti di scuole, costituite o da costituire, composte da almeno otto istituti scolastici e per ciascuna area territoriale sarà finanziato un solo progetto.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Imprese
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica
  • Energia e risparmio energetico

Veneto: bando efficientamento energetico PMI 2020

La Regione Veneto ha pubblicato il terzo bando per l'erogazione di contributi relativi ad interventi di efficientamento energetico delle PMI. Il finanziamento complessivo supera i 13 milioni di euro. L’agevolazione, nella forma del contributo a fondo perduto, è pari al 30% della spesa rendicontata ammissibile.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Energia e risparmio energetico
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Imprese

Lombardia: bando diagnosi energetiche PMI

La Regione Lombardia ha stanziato oltre 2 milioni di euro per incentivare nelle piccole e medie imprese la realizzazione di diagnosi energetiche o l'adozione di un sistema di gestione dell'energia conforme alla norma ISO 50001. L'agevolazione si configura come contributo a fondo perduto e viene coperto il 50% delle spese ammissibili, al netto dell’Iva, in ognuna delle sedi operative in cui l'azienda svolge la propria attività, fino a un massimo di dieci sedi, per importi complessivi sostenuti dall'impresa di 8 mila euro per la diagnosi energetica e di 16 mila euro per l'adozione del sistema di gestione ISO 50001.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Informatica
  • Finanza pubblica
  • Imprese
  • Professioni
  • Provvidenze

Lazio: 5 milioni per l’innovazione digitale delle imprese

La Regione Lazio ha destinato 5 milioni di euro alle micro, piccole e medie imprese o ai liberi professionisti che introducono tecnologie digitali e soluzioni ICT a sostegno dell’innovazione di processo e di prodotto. Chi partecipa al bando dovrà proporre l’adozione di una o più soluzioni tecnologiche o sistemi digitali, che introducano innovazioni nei processi produttivi, logistici, organizzativi e commerciali. L’agevolazione è un contributo a fondo perduto, con un massimo concedibile di 200 mila euro, nella misura del 40% dell’importo complessivo del progetto ammesso.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta

  • Norme tecniche
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali

Ecodesign display elettronici

  • Macchine e prodotti industriali
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Norme tecniche
  • Energia e risparmio energetico

Ecodesign sorgenti luminose e unità di alimentazione separate