FAST FIND : GP7892

Sent. C. Cass. pen. 23/01/2007, n. 1893

51086 51086
1. Edilizia ed urbanistica - Attività edilizia - Ristrutturazione - Denuncia inizio attività - Sdoppiamento della categoria delle ristrutturazioni edilizie - Vi sono comprese integrazioni funzionali e strutturali dell’edificio esistente - Limiti. 2. Edilizia ed urbanistica - Attività edilizia - Ristrutturazione - Differenza con «manutenzione straordinaria» e con «restauro e risanamento conservativo» - Definizioni.
1. Ai sensi dell’art. 22, 3° comma, lett. a), del T.U. 2001/380, come modificato dal D.Lgs. 27 dicembre 2002 n. 301, sono sempre realizzabili previa mera denunzia di inizio dell’attività le ristrutturazioni edilizie di portata minore: quelle, cioè, che determinano una semplice modifica dell’ordine in cui sono disposte le diverse parti che compongono la costruzione, in modo che, pur risultando complessivamente innovata, questa conserva la sua iniziale consistenza urbanistica (diverse da quelle descritte nell’art. 10, 1° comma, lett c), T.U. 2001/380 e s.m. che possono incidere sul carico urbanistico). Sicché, il T.U. 2001/380 ha introdotto uno sdoppiamento della categoria delle ristrutturazioni edilizie come disciplinata, in precedenza, dall’art. 31, 10 comma, lett. d), della legge 1978/457, riconducendo ad essa anche interventi che ammettono integrazioni funzionali e strutturali dell’edificio esistente, pure con incrementi limitati di superficie e di volume. Deve ritenersi, però, che le modifiche del «volume», ora previste dall’art. 10 del T.U., possono consistere in diminuzioni o traslazioni dei volumi preesistenti ed in incrementi volumetrici modesti, poiché, qualora si ammettesse la possibilità di un sostanziale ampliamento dell’edificio, verrebbe meno la linea di distinzione tra «ristrutturazione edilizia» e «nuova costruzione». 2. Ai sensi dell’art. 3, 1° comma, lett. d), del T.U. 2001/380, come modificato dal D.Lgs. 2002/301, la ristrutturazione edilizia non è vincolata, al rispetto degli elementi tipologici, formali e strutturali dell’edificio esistente e differisce sia dalla manutenzione straordinaria (che non può comportare aumento della superficie utile o del numero delle unità immobiliari, né modifica della sagoma o mutamento della destinazione d’uso) sia dal restauro e risanamento conservativo (che non può modificare in modo sostanziale l’assetto edilizio preesistente e consente soltanto variazioni d’uso «compatibili» con l’edificio conservato). La stessa attività di ristrutturazione, può attuarsi attraverso una serie di interventi che, singolarmente considerati, ben potrebbero ricondursi agli altri tipi dianzi enunciati. L’elemento caratterizzante, però, e la connessione finalistica delle opere eseguite, che non devono essere riguardate partitamente ma valutate nel loro complesso al fine di individuare se esse siano o meno rivolte al recupero edilizio dello spazio attraverso la realizzazione di un edificio in tutto o in parte nuovo.

1a. e 2a. - Ved. C.Stato V 14 dicembre 2006 n. 7445 R
[T.U., D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380, art. 10, 1° c., lett. c); art. 22, 3° c., lett. a)] R [T.U., D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380, art. 3, 1° c., lett. d)]

Dalla redazione

  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze

Emilia Romagna: contributi per interventi sulle strutture di ricovero per animali

La Regione Emilia Romagna ha approvato un bando da 900 mila euro per la concessione di contributi ai Comuni per la costruzione di nuovi canili e gattili e la sistemazione di quelli già esistenti. Agli interventi ammessi al finanziamento verrà riconosciuto il contributo del 50% del costo complessivo dell’intervento, salvo diversa richiesta del Comune proponente.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Marchi, brevetti e proprietà industriale

Agevolazioni alle imprese per la valorizzazione economica dei brevetti

Il contributo è finalizzato all'acquisto di servizi specialistici da parte delle micro, piccole e medie imprese per sostenere la loro capacità innovativa e competitiva, attraverso la valorizzazione e lo sfruttamento economico dei brevetti sul mercato nazionale e internazionale. Dotazione finanziaria complessiva di 21,8 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica
  • Energia e risparmio energetico
  • Imprese

Lazio: fondo rotativo piccolo credito e contributi per l'efficienza energetica delle imprese

Dalla Regione Lazio un'opportunità per le PMI che vogliono investire per ridurre i consumi energetici e le emissioni di gas climalteranti, compresa l’installazione di impianti di produzione di energia da fonte rinnovabile per la sola finalità dell'autoconsumo. Si tratta della sezione III del Fondo rotativo per il piccolo credito che ha lo scopo dii fornire risposte rapide alle Micro, Piccole e Medie imprese (MPMI) con esigenze finanziarie di minore importo, minimizzando costi e tempi e semplificando le procedure d'istruttoria e di erogazione. L’importo a disposizione della misura ammonta a 9,6 milioni di euro.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Agriturismo
  • Alberghi e strutture ricettive
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili
  • Provvidenze

Emilia Romagna: 7 mln per agriturismi e fattorie didattiche

Contributi in conto capitale per la creazione e lo sviluppo di agriturismi e fattorie didattiche. Le risorse a disposizione dell’Avviso ammontano a 7.144.216,00 euro e possono beneficiarne gli imprenditori agricoli, singoli o associati, che rientrino nella definizione di micro e piccola impresa. La misura sostiene: la ristrutturazione e l’ampliamento di fabbricati rurali, la qualificazione di spazi aperti di aziende agricole esistenti e l’acquisto di attrezzature da destinare all'attività agrituristica e/o di fattoria didattica. La percentuale di contributo varia in relazione alle diverse zone di aree rurali.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Acque
  • Finanza pubblica

Piemonte: contributi per la riqualificazione dei corpi idrici

Riqualificazione dei corpi idrici e soluzioni alle criticità prioritarie del reticolo idrografico piemontese individuate negli strumenti di pianificazione vigenti (Piano di gestione del distretto idrografico del Po, Piano di tutela delle acque). Questi sono gli obiettivi del bando della Regione Piemonte relativo all'anno 2020 della Regione Piemonte che ha una dotazione di 2.700.000 euro ed è indirizzato agli enti locali (Comuni in forma singola o associata, Province e Città metropolitana) e agli Enti gestori delle aree naturali protette e dei siti della Rete Natura 2000.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta

  • Norme tecniche
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali

Ecodesign display elettronici

  • Macchine e prodotti industriali
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Norme tecniche
  • Energia e risparmio energetico

Ecodesign sorgenti luminose e unità di alimentazione separate

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione

  • Norme tecniche
  • Macchine e prodotti industriali
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Obblighi di etichettatura energetica degli apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta