FAST FIND : GP7615

Sent.C. Cass. 29/03/2006, n. 7228

50809 50809
1. Appalti ll.pp. - Gara - Offerte - Su invito rivolto a tre imprese - Mancata scelta dell’offerta più conveniente - Responsabilità della P.A. appaltante - Risarcimento del danno dovuto all’impresa non prescelta.
1. In relazione ad una gara esperita da un Comune, a seguito di un invito, rivolto a tre imprese di costruzioni edili a far pervenire, sotto forma di bozza di convenzione ai sensi dell’art. 35 della legge n. 865 del 1971, e nel rispetto di indicazioni e parametri di massima indicati dall’Amministrazione, offerte per la realizzazione di un intervento immobiliare, da esaminarsi comparativamente da parte dell’Ufficio tecnico comunale sulla base di criteri specificativi di quei parametri, fissati da una commissione comunale, e, quindi, sulla base di una situazione di autolimitazione della discrezionalità dell’amministrazione, correttamente il giudice di merito individua la lesione di un interesse legittimo pretensivo ed il diritto al consequenziale risarcimento del danno a favore di una delle imprese partecipanti, nel fatto della attribuzione della vittoria nella gara ad altra impresa, desumendo detta lesione per il fatto che l’organo tecnico avesse ritenuto più conveniente globalmente l’offerta dell’impresa pretermessa e che la scelta dell’altra impresa era stata immotivata, e, quindi, risultasse espressa in violazione del dovere dell’amministrazione di dar conto alle sue scelte, in ragione dell’autolimitazione impostasi, dovendosi siffatto comportamento considerarsi colpevole per l’inosservanza della regola di buona amministrazione che impone di dar conto della scelta tra diversi aspiranti a contrarre con la P.A. (Principio affermato dalla Suprema Corte, in applicazione della sentenza delle SS.UU. n. 500 del 1999, in relazione a controversia introdotta nel 1992).

1. Ved. Cass. S.U. 20 gennaio 1999 n. 500. [R=WSU20GE99500] Ved. Anche Cass. 23 aprile 2004 n. 7733; [R=W23A047733] III 11 dicembre 2003 n. 18945; [R=W11D0318945] 21 luglio 2003 n. 11322; [R=W21L0311322] 23 luglio 2002 n. 10739; [R=W23L0210739] 3 luglio 1997 n. 5995 R ; S.U. 26 maggio 1997 n. 4673; [R=WSU26MA974673] 6 ottobre 1993 n. 9892 R
(Cod. civ. artt. 1337 e 2043; L. 22 ottobre 1971 n. 865, art. 35) R

Dalla redazione

  • Imprese
  • Mezzogiorno e aree depresse
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica

Agevolazioni alle PMI per investimenti innovativi nelle regioni meno sviluppate

Il nuovo bando Macchinari innovativi sostiene la realizzazione di programmi di investimento finalizzati alla trasformazione tecnologica e digitale dell’impresa nei territori delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. La dotazione finanziaria complessiva dello strumento è pari a 265 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Aree rurali
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Urbanistica

Emilia Romagna: Bando Montagna 2020

Contributi prima casa in montagna e lo scopo è quello di rivitalizzare le aree montane e recuperare il il patrimonio edilizio esistente. Il Bando Montagna 2020 concede contributi fino a 30.000 euro ai nuclei familiari già residenti in montagna o che desiderano trasferirvisi acquistando la prima casa, limitatamente a immobili già esistenti o recuperando il patrimonio edilizio esistente (o un mix delle due modalità).
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Sicurezza

Toscana: Bando per la sicurezza stradale 2020

Azioni Regionali per la Sicurezza Stradale. Approvazione del Bando regionale per la presentazione delle domande da parte di Città Metropolitana, Province e Comuni della Toscana in attuazione del PRIIM. Il bando regionale mette a disposizione 5 milioni di euro per mettere in atto tutte le misure necessarie al fine di contrastare il fenomeno dell'incidentalità stradale.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Informatica
  • Professioni
  • Calamità
  • Imprese

Umbria: Bridge to Digital 2020

Bridge to digital", un ponte per il digitale: tre milioni di euro messi a disposizione dalla Regione Umbria per favorire la trasformazione digitale delle micro e piccole imprese e dei liberi professionisti per renderli più competitivi nei mercati nazionali ed interazionali ed aumentarne la capacità di reazione alla congiuntura negativa dovuta al COVID-19.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Energia e risparmio energetico
  • Provvidenze
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Pubblica Amministrazione
  • Enti locali

Valle D’Aosta: efficientamento energetico del patrimonio edilizio pubblico

Avviso per l'efficientamento energetico del patrimonio edilizio pubblico dei Comuni e delle Unités des Communes valdôtaines. Stanziati complessivamente due milioni di euro a favore degli enti locali valdostani per gli anni dal 2020 al 2022. Previsti contributi finalizzati alla riduzione dei consumi energetici e delle emissioni climalteranti attraverso interventi sul patrimonio edilizio di ottimizzazione energetica e/o utilizzo di fonti energetiche rinnovabili. L'importo massimo finanziabile per ogni singolo intervento è pari a 400 mila euro.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta

  • Norme tecniche
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali

Ecodesign display elettronici