FAST FIND : GP7374

Sent.C. Conti 26/05/2005, n. 184

50568 50568
1. Direttore dei lavori - Responsabilità - Per lavori in variante non autorizzati e lavori contrattuali non eseguiti - Responsabile anche il Sindaco
1. È colpevole, in quanto esorbita dai compiti d'ufficio e viola le disposizioni di legge in materia, il direttore dei lavori - e con lui anche il Sindaco - che consente la mancata esecuzione di lavori compresi nel progetto delle opere appaltate e autorizza invece l'esecuzione di lavori non previsti in progetto.

1a. - Sulla responsabilità del direttore dei lavori negli appalti di opere pubbliche ved. C. Conti, Centr. II 17 marzo 2004 n. 86 (Responsabilità del D.L. che commette colpa di rilevante gravità rilasciando attestazione non veritiera sulla avvenuta esecuzione di lavori e sull'impiego di materiali diversi da quelli previsti in progetto); Sardegna 2 febbraio 2004 n. 50 (La responsabilità del D.L. può anche essere concorrente con quella dell'appaltatore); Centr. II 26 gennaio 2004 n. 27 (Responsabilità del D.L. per la falsificazione della contabilità dei lavori e per i conseguenti danni subiti dalla P.A.); Sicilia App. 20 gennaio 2004 n. 4 (Responsabilità del D.L. che, con dolo, viola i suoi doveri per avere tenuto una contabilità dei lavori fraudolenta, falsificata nella quantità e qualità dei lavori stessi); Centr. II 9 gennaio 2004 n. 2 (Responsabilità del D.L. per la mancata verifica della realizzabilità del progetto e la conseguente sospensione dei lavori); Centr. II 9 gennaio 2004 n. 1 (Responsabilità del D.L. per l'esecuzione di una variante in corso d'opera, non approvata); Cass. 22 ottobre 2003 n. 15789 R (Natura extracontrattuale della responsabilità del D.L. per danni causati a terzi dalla esecuzione dei lavori); C. Conti, Sicilia 16 ottobre 2003 n. 1884 (Giurisdizione della Corte dei conti nei confronti del D.L. per infortunio sul lavoro in un cantiere comunale); Campania 16 luglio 2003 n. 987 (Responsabilità del D.L: per sospensione dei lavori disposta di sua iniziativa); Sicilia App. 23 giugno 2003 n. 104 (Responsabilità amministrativa-contabile del D.L. - Giurisdizione della Corte dei conti e decorrenza del termine di prescrizione per la relativa azione contro il D.L.); Sardegna 10 aprile 2003 n. 335 (Il termine per la prescrizione dell'azione di responsabilità contro il D.L. decorre dal collaudo); Centr. II 31 marzo 2003 n. 139 (Responsabilità e colpa grave del D.L. per omessa chiusura della contabilità dei lavori e ritardati pagamenti all'appaltatore con conseguente condanna della P.A. al risarcimento danni); Lombardia 26 marzo 2003 n. 374 (Responsabilità del D.L. per omessa tenuta del libretto di misure e falsa contabilizzazione dei lavori appaltati); Cass.pen. III 3 marzo 2003 n. 9538 [R=WP3M039538] (Il D.L. è responsabile per l'inosservanza della legge urbanistica); Cass.pen. III 4 febbraio 2003 n. 5149 [R=WP4F035149] [Il D.L. è responsabile per inosservanza delle prescrizioni contenute nella concessione edilizia o nel regolamento edilizio locale (nella specie non era stato esposto in cantiere il cartello con le prescritte indicazioni: estremi della concessione edilizia ecc.)]; Cass. S.U. 13 gennaio 2003 n. 340 R e C. Conti, Campania 28 novembre 2002 n. 142 e Sicilia 7 agosto 2002 n. 1543 (Il D.L. - responsabile per danni a terzi causati nell'esecuzione dell'incarico ricevuto - è soggetto alla giurisdizione della Corte dei conti); C. Conti 26 settembre 2002 n. 2576 (Non sussiste responsabilità del D.L. per danni conseguenti ad una sua istruzione impartita all'appaltatore con ordine di servizio anziché con l'adozione di una perizia di variante); Cass. 30 gennaio 2003 n. 1513 R (Diritto di rivalsa del committente verso il progettista direttore dei lavori per violazione di distanze legali conseguente ad errore di progetto); 29 gennaio 2003 n. 1294 R (Obbligazione di risultato e di mezzi, rispettivamente per il progettista ed il direttore dei lavori - Termini di decadenza e prescrizione ex art. 2226 Cod. civ. applicabili solo all'incarico di progetto); C. Conti, Centr. II 21 gennaio 2003 n. 13 (Colpa grave del D.L. per i danni derivati alla P.A. dalla esecuzione e contabilizzazione di opere difformi dal progetto); Sicilia 7 agosto 2002 n. 1543 (Decorrenza per la prescrizione dell'azione contro il D.L. relativa ai danni derivanti da inutilizzabilità di opera pubblica).

Dalla redazione

  • Urbanistica
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Aree urbane

Lombardia: interventi finalizzati all’avvio di processi di rigenerazione urbana

A cura di:
  • Anna Petricca
  • Leggi e manovre finanziarie
  • Finanza pubblica

La Legge di bilancio 2021 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella Legge di bilancio 2021 (L. 30 dicembre 2020, n. 178), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Finanza pubblica
  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Provvidenze
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Lombardia: contributi per la rimozione di coperture e altri manufatti in cemento-amianto da edifici privati - ed. 2020

I manufatti contenenti amianto (coperture ed altri manufatti, sia di amianto in matrice compatta che friabile) sono ancora molto diffusi sul territorio regionale anche presso gli edifici di proprietà privata. Per tale motivo, come previsto dall'art. 1-ter della L.R. Lombardia 17/2003, si prevede un nuovo incentivo dedicato alla rimozione ed allo smaltimento in sicurezza di tali materiali da parte dei privati cittadini. La dotazione finanziaria del bando ammonta a 1 milione di euro.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Marchi, brevetti e proprietà industriale

Promozione all'estero di marchi collettivi e di certificazione

L’agevolazione è diretta a sostenere la promozione all’estero di marchi collettivi o di certificazione volontari italiani. Le risorse stanziate ammontano a 1 milione di euro l’anno a partire dal 2019.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Agevolazioni
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Edilizia residenziale
  • Provvidenze

Finanziamenti per la rigenerazione urbana e la qualità dell'abitare

Con Decreto del Ministero delle infrastrutture e trasporti vengono stabiliti termini, contenuti e modalità di presentazione delle proposte per accedere ai finanziamenti finalizzati a riqualificare e incrementare il patrimonio destinato all'edilizia residenziale sociale, a rigenerare il tessuto socio-economico, a incrementare l'accessibilità, la sicurezza dei luoghi e la rifunzionalizzazione di spazi e immobili pubblici. Le risorse stanziate ammontano a 853,81 milioni di euro (dal 2020 al 2033).
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Inquinamento atmosferico

Dichiarazioni per l'immissione in commercio di idrofluorocarburi per il 2022

  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Accesso al Fondo per l'aggregazione degli acquisti di beni e servizi per l'anno 2020

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale

Bando Horizon 2020 sul Green deal europeo

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo