FAST FIND : GP6534

Sent. C. Stato 07/11/2003, n. 7101

49728 49728
1. Edilizia ed urbanistica - Concessione edilizia - Annullamento regionale - Termine ex art. 27 L. 42/1150 - Decorrenza - Deposito relazione tecnica.
1. Il termine per l’esercizio del potere di annullamento di una concessione edilizia da parte della Regione, previsto dall’art. 27 della L. 17 agosto 1942 n. 1150, decorre dal deposito della relazione tecnica del competente funzionario, che è il giorno a partire dal quale la P.A. può esercitare il potere anzidetto.

1a. (CED.6) - Sull’annullamento d’ufficio della concessione edilizia ved. C. Stato IV 12 luglio 2001 n. 3900 R[La Regione può annullare d’ufficio una concessione edilizia, ai sensi dell’art. 27 della L. 17 agosto 1942 n. 1150, R in presenza di una delle due seguenti condizioni: 1) la non conformità delle opere autorizzate con le prescrizioni del piano regolatore, del programma di fabbricazione, o del regolamento edilizio; o comunque la violazione in qualsiasi modo delle dette prescrizioni; 2) la sussistenza di un interesse pubblico, attuale e concreto, all’annullamento; di questo, in tal caso, deve darsi congrua motivazione]; IV 9 ottobre 2000 n. 5357 R e V 9 maggio 2000 n. 2648 R (Necessità di motivazione per l’annullamento d’ufficio della concessione edilizia); Csi 3 giugno 1999 n. 235 R (Necessità del parere della commissione edilizia per l’annullamento d’ufficio della concessione edilizia); C. Stato V 15 aprile 1999 n. 431 R (Una concessione edilizia può essere successivamente annullata quando la domanda avanzata per ottenere il rilascio contenga una inesatta rappresentanza dello stato dei luoghi); V 13 aprile 1999 n. 410 R. Il Comune può annullare una concessione edilizia già rilasciata, per la non conformità del progetto ad una prescrizione del piano regolatore generale - 2. Qualora il progetto edilizio presentato dal privato contrasta con gli indici volumetrici previsti per la zona in cui dovrebbe realizzarsi l’opera, l’Amministrazione non è tenuta a indicare i limiti volumetrici entro i quali dovrebbe essere modificato il progetto al fine della sua approvazione ma non è legittimata ad un annullamento d’ufficio limitato alla parte del progetto eccedente quei limiti); IV 19 marzo 1999 n. 280 R (L’annullamento d’ufficio della concessione edilizia comporta anche la nullità della domanda di concessione in variante il cui progetto era ancora redatto con la stessa violazione delle norme urbanistiche la quale aveva imposto l’annullamento d’ufficio della concessione); V 10 marzo 1999 n. 229 R (L’annullamento d’ufficio della concessione edilizia può essere disposto senza alcuna motivazione qualora il privato abbia dolosamente alterato la rappresentazione dello stato di fatto precedente al rilascio della concessione); V 17 febbraio 1999 n. 167 [R=WCS17G99167] (L’annullamento d’ufficio di una concessione edilizia basato sul richiamo alle disposizioni del nuovo piano regolatore generale è illegittimo se il piano non è stato ancora approvato ma solo adottato - 2. Il potere di revoca del Comune non è ammissibile nella materia riguardante la concessione edilizia); Cass. 25 settembre 1998 n. 9588 R (Il Sindaco può essere responsabile del danno causato all’interessato dalla revoca illegittima della concessione edilizia); C. Stato V 23 aprile 1998 n. 474 R (Qualora la concessione edilizia venga annullata d’ufficio, l’Amministrazione ha l’obbligo di restituire i contributi per essa versati; pertanto la domanda del privato di restituzione di detti contributi non implica rinunzia a richiedere ancora la concessione); IV 20 febbraio 1998 n. 315 R (Il potere di annullamento d’ufficio delle concessioni edilizie illegittime è conferito dalla legge al Sindaco o alla Regione rispettivamente sotto due diversi profili); V 13 febbraio 1998 n. 158 R (Illegittimità dell’annullamento di una concessione edilizia con motivazione insufficiente); Csi 27 ottobre 1997 n. 485 R (L’annullamento d’ufficio della concessione edilizia per una costruzione già completata deve essere specificamente motivato in ordine al pubblico interesse); Csi 8 maggio 1997 n. 98 R (Annullamento d’ufficio, possibile anche in caso di erronea esposizione dei fatti da parte del richiedente); C. Stato IV 7 marzo 1997 n. 211 R (Motivazione sul pubblico interesse non necessaria); V 24 ottobre 1996 n. 1275 R 6 giugno 1996 n. 679R (Motivazione per interesse pubblico); 3 giugno 1996 n. 621R (Necessità di motivazione per interesse pubblico); 18 aprile 1996 n. 446 R (Presupposti); 14 novembre 1995 n. 1567 R, 2 febbraio 1995 n. 187 R (Espressa motivazione non necessaria); Csi 1° marzo 1993 n. 101 [R=WCS1M93101] (Dopo molto tempo, necessità di congrua motivazione), Cass. 17 novembre 1992 n. 12303 R (Per vizi originari), C. Stato V 10 novembre 1992 n. 1225 R (Diffida a demolire); V 29 ottobre 1992 n. 1082 R (Annullamento da parte della Giunta regionale); V 8 ottobre 1992 n. 977 R (Necessario parere della Commissione edilizia - Annullamento per mancanza di atto prescritto); Cass. S.U. 11 marzo 1992 n. 2957 R; C. Stato V 28 gennaio 1992 n. 78 R(Per osservanza di piano particolareggiato);
(L. 17 agosto 1942 n. 1150, art. 27) R

Dalla redazione

  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Edilizia residenziale
  • Provvidenze
  • Compravendita e locazione

Lombardia: interventi volti alla realizzazione di nuova edilizia residenziale sociale

La Regione Lombardia sostiene gli interventi volti a soddisfare il fabbisogno abitativo pubblico, tramite il recupero del patrimonio immobiliare sfitto a rischio di degrado, e a rendere disponibili nuovi alloggi a canoni sostenibili per i cittadini che non possono sostenere i costi di locazione del libero mercato. Il bando è rivolto a soggetti privati (persone giuridiche) e soggetti pubblici (ad eccezione di Comuni e Aler) proprietari o che abbiano la piena disponibilità di immobili da recuperare e da destinare a servizi abitativi sociali (SAS).
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Edilizia scolastica
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili

Friuli Venezia Giulia: contributi a sostegno di interventi edilizi per i servizi di prima infanzia

Contributi per interventi edilizi di costruzione, ampliamento, ristrutturazione edilizia, manutenzione straordinaria, restauro, risanamento conservativo di immobili destinati a nidi d'infanzia, centri per bambini e genitori, spazi gioco. Il contributo copre il 100% della spesa ammissibile che non può essere inferiore a 25.000,00 euro né superiore a 200.000,00.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Soglie normativa comunitaria
  • Esecuzione dei lavori pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Partenariato pubblico privato
  • Appalti e contratti pubblici
  • Avvisi e bandi di gara

Impatto del Decreto Semplificazioni (D.L. 76/2020) sul Codice dei contratti pubblici

Analisi delle disposizioni in materia di appalti pubblici previste dal D.L. 76/2020 (c.d. Decreto Semplificazioni) dopo la sua conversione in legge, avvenuta con L. 11/09/2020, n. 120. Testo a fronte delle parti modificate del Codice appalti (modifiche in giallo).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Emanuela Greco
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Avvisi e bandi di gara
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Appalti e contratti pubblici
  • Esecuzione dei lavori pubblici
  • Edilizia e immobili
  • Pubblica Amministrazione
  • Tutela ambientale

D.L. 76/2020: semplificazioni e altre misure in materia edilizia

Analisi puntuale delle disposizioni in materia di edilizia introdotte dal D.L. 76/2020 (c.d. Decreto Semplificazioni) dopo la sua conversione in legge, avvenuta con L. 11/09/2020, n. 120. Testo a fronte delle parti modificate del Testo unico edilizia (modifiche in giallo).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Fisco e Previdenza
  • Imposte sul reddito

Detrazioni fiscali per interventi di recupero delle facciate di edifici (c.d. “Bonus facciate”)

NORMATIVA E PRASSI DI RIFERIMENTO SUL BONUS FACCIATE - INTERVENTI AMMESSI (Categorie di interventi ammessi al Bonus facciate e indicazioni generali; Interventi influenti dal punti di vista termico; Interventi su balconi, ornamenti e fregi; Spese accessorie; Individuazione delle zone urbanistiche ammesse al Bonus facciate; Cumulabilità) - SOGGETTI BENEFICIARI, ADEMPIMENTI E PROCEDURE (Soggetti beneficiari; Importo della detrazione e periodo di fruizione; Modalità pratiche e procedure).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta