FAST FIND : GP6253

Sent. C. Stato 13/05/2003, n. 2524

49447 49447
1. Edilizia ed urbanistica - Attività edilizia - Vincolo archeologico - Materiali di interesse ancora interrati - Irrilevanza - Condizioni.
1. Ai fini dell'assoggettamento di una zona al vincolo di interesse archeologico non ha rilevanza che i materiali da tutelare siano stati già portati alla luce o siano ancora interrati ma è sufficiente che il complesso sia ben definito e che il vincolo sia adeguato alle richieste finalità di pubblico interesse.

1a. - Sul vincolo archeologico all'attività edilizia ved. C. Stato VI 12 dicembre 2002 n. 6791 R e 4 novembre 2002 n. 5997 R e 9 maggio 2002 n. 2525, R (Presupposto per l'imposizione del vincolo archeologico è l'effettiva esistenza delle cose da tutelare); C. Stato VI 4 novembre 2002 n. 5997 (Condizioni per l'imposizione del vincolo archeologico su intere zone contenenti ruderi); C. Stato VI 4 settembre 2002 n. 4429 R [Condizioni per l'ammissibilità del vincolo archeologico su vasta zona in cui sono disseminati reperti (ruderi)]; Cass. pen. III 6 agosto 2002 n. 29099 [R=WP6AG0229099] (Ammissibilità del vincolo archeologico sui «tratturi»); C. Stato VI 3 luglio 2002 n. 3633 R (Tutela, con vincolo archeologico, del territorio in cui si trovano beni di particolare interesse ex L. 39/1089); VI 7 maggio 2001 n. 2522 R (1. Il vincolo archeologico può essere imposto anche se i ruderi non sono stati materialmente trovati ma l'Amministrazione ritiene che esistano - 2. Il vincolo archeologico è ammissibile anche su una vasta zona in cui sono disseminati ruderi); Csi 21 novembre 2000 n. 449 R (È necessario un apposito provvedimento amministrativo per definire una zona di interesse archeologico) e Cass. pen. III 20 ottobre 1999 n. 11965 [R=WP20O9911965] [Su violazione del vincolo (artistico, storico, archeologico) e concessione in sanatoria].

Dalla redazione

  • Imprese
  • Mezzogiorno e aree depresse
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica

Agevolazioni alle PMI per investimenti innovativi nelle regioni meno sviluppate

Il nuovo bando Macchinari innovativi sostiene la realizzazione di programmi di investimento finalizzati alla trasformazione tecnologica e digitale dell’impresa nei territori delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. La dotazione finanziaria complessiva dello strumento è pari a 265 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Aree rurali
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Urbanistica

Emilia Romagna: Bando Montagna 2020

Contributi prima casa in montagna e lo scopo è quello di rivitalizzare le aree montane e recuperare il il patrimonio edilizio esistente. Il Bando Montagna 2020 concede contributi fino a 30.000 euro ai nuclei familiari già residenti in montagna o che desiderano trasferirvisi acquistando la prima casa, limitatamente a immobili già esistenti o recuperando il patrimonio edilizio esistente (o un mix delle due modalità).
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Sicurezza

Toscana: Bando per la sicurezza stradale 2020

Azioni Regionali per la Sicurezza Stradale. Approvazione del Bando regionale per la presentazione delle domande da parte di Città Metropolitana, Province e Comuni della Toscana in attuazione del PRIIM. Il bando regionale mette a disposizione 5 milioni di euro per mettere in atto tutte le misure necessarie al fine di contrastare il fenomeno dell'incidentalità stradale.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Informatica
  • Professioni
  • Calamità
  • Imprese

Umbria: Bridge to Digital 2020

Bridge to digital", un ponte per il digitale: tre milioni di euro messi a disposizione dalla Regione Umbria per favorire la trasformazione digitale delle micro e piccole imprese e dei liberi professionisti per renderli più competitivi nei mercati nazionali ed interazionali ed aumentarne la capacità di reazione alla congiuntura negativa dovuta al COVID-19.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Energia e risparmio energetico
  • Provvidenze
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Pubblica Amministrazione
  • Enti locali

Valle D’Aosta: efficientamento energetico del patrimonio edilizio pubblico

Avviso per l'efficientamento energetico del patrimonio edilizio pubblico dei Comuni e delle Unités des Communes valdôtaines. Stanziati complessivamente due milioni di euro a favore degli enti locali valdostani per gli anni dal 2020 al 2022. Previsti contributi finalizzati alla riduzione dei consumi energetici e delle emissioni climalteranti attraverso interventi sul patrimonio edilizio di ottimizzazione energetica e/o utilizzo di fonti energetiche rinnovabili. L'importo massimo finanziabile per ogni singolo intervento è pari a 400 mila euro.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta

  • Norme tecniche
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali

Ecodesign display elettronici