FAST FIND : GP5948

Sent. C. Cass. pen. 15/03/2002, n. 19378

49142 49142
1. Edilizia ed urbanistica - Concessione edilizia - Opere interne - Concessione necessaria - Condizioni. 2. Edilizia ed urbanistica - Concessione edilizia - Opere interne - Disposizioni ex art. 2, c. 60 L. 96/662 - Non abrogano art. 26 L. 1985 n. 47. 3. Edilizia ed urbanistica - Concessione edilizia - Opere interne - Concessione non necessaria - Esclusione - Condizioni.
1. Le opere interne, nell'edilizia, hanno caratteristiche particolari rispetto agli interventi di trasformazione di cui all'art. 31 della L. 5 agosto 1978 n. 457 (manutenzione ordinaria e straordinaria, interventi di restauro e risanamento conservativo e di ristrutturazione); per esse la concessione edilizia è necessaria qualora esse diano origine ad un immobile nuovo, tutto o in parte, o determinino un mutamento di destinazione d'uso. 2. L'art. 2, comma 60, della L. 23 dicembre 1996 n. 662 non comporta l'abrogazione dell'art. 26 della L. 28 febbraio 1985 n. 47 sia perché non contiene una espressa disposizione abrogatrice sia per le differenze fra le disposizioni dei due articoli, il primo dei quali riguarda le singole unità immobiliari in base alla L. n. 662 mentre il secondo si riferisce alle «costruzioni» di cui alla detta L. n. 47. 3. Opere interne che comportino il mutamento della destinazione d'uso di un immobile possono essere eseguite anche senza concessione edilizia purché le modifiche vengano effettuate entro categorie omogenee quanto a parametri urbanistici; infatti il mutamento di destinazione d'uso giuridicamente e penalmente rilevante è quello che avviene fra macrocategorie perché comporta il mutamento degli standards urbanistici e la variazione del carico urbanistico. (Nella specie è stato ritenuto penalmente rilevante - e quindi necessaria per esso la concessione edilizia - il mutamento in bar di un piano terra e un piano seminterrato prima adibiti a laboratorio).

Dalla redazione

  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Impianti sportivi

Finanziamento per impianti sportivi nelle periferie urbane e aree svantaggiate

La misura prevede il finanziamento di interventi per la realizzazione e rigenerazione di impianti sportivi per l’attività agonistica localizzati nelle aree svantaggiate del Paese e nelle periferie urbane; l’obiettivo è di ridurre i fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale anche attraverso la promozione di attività sportiva. La dotazione finanziaria complessiva è pari a 140 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Imprese
  • Mezzogiorno e aree depresse
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica

Agevolazioni alle PMI per investimenti innovativi nelle regioni meno sviluppate

Il nuovo bando Macchinari innovativi sostiene la realizzazione di programmi di investimento finalizzati alla trasformazione tecnologica e digitale dell’impresa nei territori delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. La dotazione finanziaria complessiva dello strumento è pari a 265 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Aree rurali
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Urbanistica

Emilia Romagna: Bando Montagna 2020

Contributi prima casa in montagna e lo scopo è quello di rivitalizzare le aree montane e recuperare il il patrimonio edilizio esistente. Il Bando Montagna 2020 concede contributi fino a 30.000 euro ai nuclei familiari già residenti in montagna o che desiderano trasferirvisi acquistando la prima casa, limitatamente a immobili già esistenti o recuperando il patrimonio edilizio esistente (o un mix delle due modalità).
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Sicurezza

Toscana: Bando per la sicurezza stradale 2020

Azioni Regionali per la Sicurezza Stradale. Approvazione del Bando regionale per la presentazione delle domande da parte di Città Metropolitana, Province e Comuni della Toscana in attuazione del PRIIM. Il bando regionale mette a disposizione 5 milioni di euro per mettere in atto tutte le misure necessarie al fine di contrastare il fenomeno dell'incidentalità stradale.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Informatica
  • Professioni
  • Calamità
  • Imprese

Umbria: Bridge to Digital 2020

Bridge to digital", un ponte per il digitale: tre milioni di euro messi a disposizione dalla Regione Umbria per favorire la trasformazione digitale delle micro e piccole imprese e dei liberi professionisti per renderli più competitivi nei mercati nazionali ed interazionali ed aumentarne la capacità di reazione alla congiuntura negativa dovuta al COVID-19.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta