FAST FIND : GP5513

Sent.C. Cass. 14/11/2001, n. 14169

48707 48707
1. Geometri - Dipendenti di enti pubblici ex L. 1975 n. 70 - Albo professionale - Iscrizione - Divieto - Limiti.
1. Il divieto di iscrizione all'albo professionale dei geometri che siano impiegati dello Stato o di altre pubbliche amministrazioni, posto dall'art. 7 del R.D. 11 febbraio 1929, n. 274, opera, nei confronti dei dipendenti degli enti pubblici di cui all'art. 1 della legge n. 70 del 1975, solo quando l'ordinamento degli enti medesimi fissi una preclusione assoluta all'esercizio dell'attività professionale, onde tale divieto non riguarda, i dipendenti di enti il cui ordinamento interno espressamente preveda, a causa del loro inquadramento nel ruolo professionale, l'assunzione di incarichi nell'ambito dei compiti istituzionali dell'ente (alla stregua dell'art. 15, 3° comma della predetta legge n. 70 del 1975), o ai quali sia conferita di volta in volta espressa autorizzazione (art. 20 del D.P.R. n. 509 del 1979), senza che possa in contrario argomentarsi dal disposto dall'art. 58 del D.Lgs. n. 80 del 1998, atteso che tale norma, pur sancendo, nel primo comma, per tutti i pubblici dipendenti la regola generale della incompatibilità di cui agli artt. 60 e segg. del D.P.R. n. 3 del 1957 non ha, tuttavia, abrogato il predetto art. 15 della legge n. 70 del 1975; peraltro, essendo, per quanto sopra detto, il conferimento di incarichi professionali dei dipendenti degli enti pubblici di cui si tratta (nella specie, INPDAP) ammissibile solo in presenza di una disposizione regolamentare, il giudice investito della questione relativa al riconoscimento del diritto alla iscrizione nell'albo professionale non può prescindere dall'esame del regolamento organico del personale, che, costituendo un atto di competenza interna dell'ente, deve essere prodotto in giudizio dall'interessato.

Sul divieto di iscrizione all'albo professionale - e quindi di esercizio professionale - dei geometri dello Stato e di enti pubblici non economici (come i Comuni), ai sensi dell'art. 7 del R.D. 11 febbraio 1929 n. 274, ved. Cass. 30 luglio 2001 n. 10397R (L'iscrizione all'albo professionale di un geometra dipendente comunale è vietata anche se autorizzata dalla Giunta comunale); 20 aprile 2001 n. 5903R; 9 febbraio 2000 n. 1439R; 15 dicembre 1998 n. 12561R; S.U. 29 luglio 1998 n. 7417R; S.U. 3 aprile 1998 n. 3467R.
(R.D. 11 febbraio 1929 n. 274, art. 7R; D.P.R. 10 gennaio 1957 n. 3, artt. 60 ss.[R=DPR357,A=60]; L. 20 marzo 1975 n. 70, artt. 1 e 15[R=L7075]; D.P.R. 16 ottobre 1979 n. 509, art. 20[R=DPR50979,A=20]; D.Lgs. 31 marzo 1998 n. 80, art. 58)[R=DLG8098,A=58]

Dalla redazione

  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Impianti sportivi

Finanziamento per impianti sportivi nelle periferie urbane e aree svantaggiate

La misura prevede il finanziamento di interventi per la realizzazione e rigenerazione di impianti sportivi per l’attività agonistica localizzati nelle aree svantaggiate del Paese e nelle periferie urbane; l’obiettivo è di ridurre i fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale anche attraverso la promozione di attività sportiva. La dotazione finanziaria complessiva è pari a 140 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Imprese
  • Mezzogiorno e aree depresse
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica

Agevolazioni alle PMI per investimenti innovativi nelle regioni meno sviluppate

Il nuovo bando Macchinari innovativi sostiene la realizzazione di programmi di investimento finalizzati alla trasformazione tecnologica e digitale dell’impresa nei territori delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. La dotazione finanziaria complessiva dello strumento è pari a 265 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Aree rurali
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Urbanistica

Emilia Romagna: Bando Montagna 2020

Contributi prima casa in montagna e lo scopo è quello di rivitalizzare le aree montane e recuperare il il patrimonio edilizio esistente. Il Bando Montagna 2020 concede contributi fino a 30.000 euro ai nuclei familiari già residenti in montagna o che desiderano trasferirvisi acquistando la prima casa, limitatamente a immobili già esistenti o recuperando il patrimonio edilizio esistente (o un mix delle due modalità).
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Sicurezza

Toscana: Bando per la sicurezza stradale 2020

Azioni Regionali per la Sicurezza Stradale. Approvazione del Bando regionale per la presentazione delle domande da parte di Città Metropolitana, Province e Comuni della Toscana in attuazione del PRIIM. Il bando regionale mette a disposizione 5 milioni di euro per mettere in atto tutte le misure necessarie al fine di contrastare il fenomeno dell'incidentalità stradale.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Informatica
  • Professioni
  • Calamità
  • Imprese

Umbria: Bridge to Digital 2020

Bridge to digital", un ponte per il digitale: tre milioni di euro messi a disposizione dalla Regione Umbria per favorire la trasformazione digitale delle micro e piccole imprese e dei liberi professionisti per renderli più competitivi nei mercati nazionali ed interazionali ed aumentarne la capacità di reazione alla congiuntura negativa dovuta al COVID-19.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta