FAST FIND : NR39472

Deliberaz. G.R. Molise 30/06/2018, n. 313

Misure attuative del Piano Energetico Regionale Ambientale - Punto 8.7. - Monitoraggio degli effetti ambientali del Piano. - Provvedimenti.
Scarica il pdf completo
4818340 7204864
Testo del documento


LA GIUNTA REGIONALE


VISTA la proposta di deliberazione n. 333 inoltrata dal SERVIZIO PROGRAMMAZIONE POLITICHE ENERGETICHE;

PRESO ATTO del documento istruttorio ad essa allegato, concernente l’argomento in oggetto, che costituisce parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;

PRESO ATTO, ai sensi dell’art. 7, comma 4, del Regolamento interno di questa Giunta:

lett. a): del parere, in ordine alla legittimità e alla regolarità tecnico-amministrativa del documento istruttorio, espresso dal Direttore del SERVIZIO P

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4818340 7204865
DOCUMENTO ISTRUTTORIO

Oggetto: Misure attuative del Piano Energetico Regionale Ambientale – Punto 8.7. – Monitoraggio degli effetti ambientali del Piano. - Provvedimenti.

Premesso che:

- i temi della energia (efficientamento, produzioni da fonti rinnovabili), di una economia a basso tenore di carbonio, della protezione dell’ambiente e del clima costituiscono fattori determinanti all’interno delle politiche pubbliche per il progresso tecnologico, la competitività e la crescita economica e sociale degli stessi;

- all’interno degli strumenti di programmazione politica e finanziaria coerenti con le strategie comunitarie e nazionali in materia di ambiente e sviluppo sostenibile, la Regione Molise dedica particolare attenzione ai temi della sostenibilità e competitività energetica ed ambientale;

- gli obiettivi quantitativi enunciati nella strategia di Europa 2020 per una crescita sostenibile prevedono: una riduzione delle emissioni di gas serra di almeno il 20% rispetto ai livelli del 1990; portare al 20% la quota di energie rinnovabili nei consumi finali di energia; migliorare del 20% l’efficienza energetica;

- ai sensi del Capo V della Legge regionale n. 34/1999, la Regione esercita funzioni di coordinamento e indirizzo in materia di energia, approva il piano energetico regionale con cui sono determinati gli obiettivi regionali in materia energetica ed ambientale, nonché indirizza e coordina le funzioni conferite agli enti locali dall’art. 31 del d.lgs. n. 112/1998;

- con deliberazione della Giunta regionale n. 55 del 21.02.2017 è stato adottato il Piano Energetico Ambientale Regionale, redatto in esito alla consultazione pubblica e a seguito del procedimento di VAS, composto dai seguenti elaborati:

v Piano Energetico Ambientale Regionale;

v Allegato n. 1 al Piano Energetico Ambientale Regionale;

v Allegato n. 2 al Piano Energetico Ambientale Regionale;

v Allegato n. 3 al Piano Energetico Ambientale Regionale;

v Allegato n. 4a al Piano Energetico Ambientale Regionale;

v Allegato n. 4b al Piano Energetico Ambientale Regionale;

v Allegato n. 5a al Piano Energetico Ambientale Regionale;

v Allegato n. 5b al Piano Energetico Ambientale Regionale;

v Rapporto ambientale;

v Allegato n. 1 al rapporto ambientale;

v Allegato n. 2 al rapporto ambientale;

v Sintesi non tecnica;

v Parere motivato ambientale sul Piano Ene

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Fonti alternative
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Titoli abilitativi
  • Impiantistica
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Efficienza e risparmio energetico

Fonti rinnovabili negli edifici nuovi e ristrutturati: obblighi e decorrenze

A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Impiantistica
  • Fonti alternative
  • Certificazione energetica

Requisiti minimi di prestazione energetica e vincoli per la progettazione di edifici e impianti

A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Finanza pubblica
  • Impiantistica
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Fonti alternative
  • Imprese
  • Provvidenze
  • Energia e risparmio energetico

Campania: contributi alle imprese per i piani di investimento nell’efficienza energetica

La Regione Campania concede contributi in conto capitale a fondo perduto a favore delle imprese per la realizzazione di investimenti finalizzati all'efficienza energetica e all'utilizzo delle fonti rinnovabili di energia. In particolare, saranno ammissibili al contributo attività finalizzate all'aumento dell'efficienza energetica nei processi produttivi, l'installazione di impianti di cogenerazione ad alto rendimento, attività finalizzate all'aumento dell'efficienza energetica degli edifici dove si svolge il ciclo produttivo e attività di installazione di impianti a fonti rinnovabili. Lo stanziamento previsto ammonta a 20 milioni di euro e per la partecipazione è prevista la propedeudicità della diagnosi energetica.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Imprese
  • Fonti alternative
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impiantistica
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze

Umbria: sostegno alle imprese per l’efficienza energetica e utilizzo di fonti rinnovabili

Con l'Avviso la Regione Umbria sostiene gli investimenti delle imprese extra agricole per l'efficienza energetica e l'utilizzo delle fonti di energia rinnovabile. In particolare, l’Avviso prevede una dotazione finanziaria di 3 milioni di euro ed è volto a erogare incentivi finalizzati alla riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di gas climalteranti delle imprese. Le agevolazioni vanno dal 30 al 50% dei costi ammissibili, in relazione alla dimensione delle imprese.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Energia e risparmio energetico
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Fonti alternative
  • Provvidenze
  • Impiantistica
  • Finanza pubblica

Piemonte: contributi per la costituzione di comunità energetiche

I comuni piemontesi che vogliono aggregarsi tra di loro per costituire le cosiddette "comunità energetiche" possono contare sul sostegno della Regione che ha pubblicato un bando che mette a disposizione 50.000 euro ripartiti sulla base del numero delle manifestazioni di interesse valutate positivamente: a ciascun richiedente sarà destinata una somma non inferiore a 5.000 euro e non superiore a 10.000 fino ad esaurimento della dotazione.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Impiantistica
  • Professioni
  • Energia e risparmio energetico
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Fonti alternative

Toscana, formazione installatori impianti alimentati da FER: avvio e proroga termine

  • Energia e risparmio energetico
  • Norme tecniche
  • Macchine e prodotti industriali
  • Efficienza e risparmio energetico

Ecodesign apparecchi di refrigerazione

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Norme tecniche
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali

Ecodesign apparecchiature di saldatura