FAST FIND : GP4491

Sent. C. Cass. pen. 12/07/1999, n. 11808

47685 47685
1. Edilizia ed urbanistica - Attività edilizia - Abusi - Sanatoria - Non lo è la lettera di comunicazione degli oneri accessori. 2. Edilizia ed urbanistica - Attività edilizia - Abusi - Reato - Natura permanente - Quando cessa la permanenza.
1. In tema di abusiva edificazione, non può essere ritenuto atto equipollente al rilascio della concessione in sanatoria, ai sensi degli artt. 13 e 22 L. 28 febbraio 1985 n. 47, la missiva con la quale si comunicano gli oneri concessori, se con essa il destinatario è stato semplicemente invitato a recarsi negli uffici competenti, allo scopo di espletare la procedura per il rilascio della suddetta concessione; invero, perché l'attività o il comportamento della Pubblica amministrazione possano essere ritenuti equipollenti ad un formale provvedimento abilitativo, occorre che sia manifestato in maniera univoca la volontà di rilasciare l'atto. (Nella fattispecie, la Corte, nell'enunciare il principio sopra riportato, ha rilevato che era carente la comunicazione dell'assenso dell'autorità comunale all'inizio dei lavori e che, pertanto, la richiesta di pagamento degli oneri di urbanizzazione non poteva qualificarsi come provvedimento implicito). 2. Il reato di costruzione abusiva ha natura permanente e la permanenza cessa con la ultimazione dell'opera, ivi comprese le rifiniture, d'altronde, la particolare nozione di "ultimazione", contenuta nell'art. 31 L. 28 febbraio 1985 n. 47, è funzionale ed applicabile solo in materia di condono edilizio e non anche per stabilire in via generale il momento consumativo del reato.

Sulla sanatoria di abusi nell'attività edilizia ved. C. Stato VI 10 febbraio 2000 n. 748R (Su sanatoria di abuso edilizio per manufatto esistente prima dell'1.10.1983); C. Stato V 12 gennaio 2000 n. 177R (Il parere della Commissione edilizia riguardo ad opera abusiva costruita in zona vincolata è superfluo se il parere dell'Amministrazione competente per la tutela del vincolo paesistico è sfavorevole); C. Stato VI 10 gennaio 2000 n. 100R e Cass. pen. III 15 novembre 1999 n. 13701 (Il richiedente la sanatoria deve provare che l'opera abusiva è stata ultimata entro il termine stabilito dalla legge per la sua sanabilità); C. Stato V 15 novembre 1999 n. 1914R (Quando è legittimo il diniego di sanatoria di abusi edilizi realizzati entro la fascia costiera di 300 metri); C. Stato VI 18 ottobre 1999 n. 1437R (Sulla autorizzazione paesaggistica intesa alla sanatoria di opere edilizie abusive); Csi 14 ottobre 1999 n. 541R (È illegittimo il diniego del condono edilizio per un'opera costruita su area dichiarata inedificabile con norma emanata però dopo l'edificazione); C. Stato V 12 ottobre 1999 n. 1440R (Come C. Stato VI 2000 n. 748); C. Stato VI 21 settembre 1999 n. 1243R (Sulla acquisizione del parere dell'Amministrazione preposta alla tutela del vincolo che condiziona l'esito della domanda di sanatoria edilizia); Cass. pen. III 7 luglio 1999 n. 8584 (In materia di condono edilizio, ogni edificio deve intendersi come un complesso unitario che fa capo ad un unico soggetto legittimo); Cass. pen. III 18 giugno 1999 n. 7896; Cass. pen. III 18 giugno 1999 n. 7880 (Come C. Stato VI 2000 n. 100); Cass. pen. III 16 giugno 1999 n. 7764 (La sanatoria edilizia è esclusa per le costruzioni eseguite in zone sismiche); Cass. pen. III 25 maggio 1999 n. 6548 (Ai fini del condono edilizio si considerano ultimati gli edifici nei quali sia stato eseguito il rustico e completata la copertura); Cass. pen. III 29 aprile 1999 n. 54520 (Sul diritto dell'imputato alla sospensione del processo, in tema di condono edilizio). Ved. Cass. pen. III 9 ottobre 1999 n. 2294.
(L. 28 febbraio 1985 n. 47, artt. 13 e 22)R (L. 28 febbraio 1985 n. 47, art. 31)

Dalla redazione

  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Edilizia residenziale
  • Provvidenze
  • Compravendita e locazione

Lombardia: interventi volti alla realizzazione di nuova edilizia residenziale sociale

La Regione Lombardia sostiene gli interventi volti a soddisfare il fabbisogno abitativo pubblico, tramite il recupero del patrimonio immobiliare sfitto a rischio di degrado, e a rendere disponibili nuovi alloggi a canoni sostenibili per i cittadini che non possono sostenere i costi di locazione del libero mercato. Il bando è rivolto a soggetti privati (persone giuridiche) e soggetti pubblici (ad eccezione di Comuni e Aler) proprietari o che abbiano la piena disponibilità di immobili da recuperare e da destinare a servizi abitativi sociali (SAS).
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Edilizia scolastica
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili

Friuli Venezia Giulia: contributi a sostegno di interventi edilizi per i servizi di prima infanzia

Contributi per interventi edilizi di costruzione, ampliamento, ristrutturazione edilizia, manutenzione straordinaria, restauro, risanamento conservativo di immobili destinati a nidi d'infanzia, centri per bambini e genitori, spazi gioco. Il contributo copre il 100% della spesa ammissibile che non può essere inferiore a 25.000,00 euro né superiore a 200.000,00.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Soglie normativa comunitaria
  • Esecuzione dei lavori pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Partenariato pubblico privato
  • Appalti e contratti pubblici
  • Avvisi e bandi di gara

Impatto del Decreto Semplificazioni (D.L. 76/2020) sul Codice dei contratti pubblici

Analisi delle disposizioni in materia di appalti pubblici previste dal D.L. 76/2020 (c.d. Decreto Semplificazioni) dopo la sua conversione in legge, avvenuta con L. 11/09/2020, n. 120. Testo a fronte delle parti modificate del Codice appalti (modifiche in giallo).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Emanuela Greco
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Avvisi e bandi di gara
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Appalti e contratti pubblici
  • Esecuzione dei lavori pubblici
  • Edilizia e immobili
  • Pubblica Amministrazione
  • Tutela ambientale

D.L. 76/2020: semplificazioni e altre misure in materia edilizia

Analisi puntuale delle disposizioni in materia di edilizia introdotte dal D.L. 76/2020 (c.d. Decreto Semplificazioni) dopo la sua conversione in legge, avvenuta con L. 11/09/2020, n. 120. Testo a fronte delle parti modificate del Testo unico edilizia (modifiche in giallo).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Fisco e Previdenza
  • Imposte sul reddito

Detrazioni fiscali per interventi di recupero delle facciate di edifici (c.d. “Bonus facciate”)

NORMATIVA E PRASSI DI RIFERIMENTO SUL BONUS FACCIATE - INTERVENTI AMMESSI (Categorie di interventi ammessi al Bonus facciate e indicazioni generali; Interventi influenti dal punti di vista termico; Interventi su balconi, ornamenti e fregi; Spese accessorie; Individuazione delle zone urbanistiche ammesse al Bonus facciate; Cumulabilità) - SOGGETTI BENEFICIARI, ADEMPIMENTI E PROCEDURE (Soggetti beneficiari; Importo della detrazione e periodo di fruizione; Modalità pratiche e procedure).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta

28/09/2020